Approfondimenti

La rielezione di Vladimir Putin, la carestia imminente nel nord della Striscia di Gaza e le altre notizie della giornata

elezioni Putin

Il racconto della giornata di lunedì 18 marzo 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Salvini è il solo politico europeo di rilievo ad avere omaggiato Putin per il risultato delle elezioni farsa di ieri che gli hanno assegnato una percentuale a cui nessuno dà rilievo. Questo pomeriggio c’è stata una telefonata Biden-Netanyahu, la prima da oltre un mese. Hanno discusso di Rafah e della situazione umanitaria. Dalla Corte Costituzionale oggi è arrivato un richiamo netto sul tema quello dei diritti.

Russia, Putin ha vinto le elezioni con un consenso dell’87%

Oggi il Cremlino ha diffuso i dati definitivi relativi al voto dei giorni scorsi: Putin è riconfermato presidente con oltre l’87% dei voti, il dato più alto mai registrato nella storia russa. Al netto di possibili brogli, e alla luce delle proteste che hanno accompagnato il voto, come ha potuto Putin ottenere un simile risultato? Giovanni Savino, docente ed esperto di Russia.

Gli omaggi di Salvini a Putin dopo la sua rielezione

(di Luigi Ambrosio)
Salvini è il solo politico europeo di rilievo ad avere omaggiato Putin per il risultato delle elezioni farsa di ieri che gli hanno assegnato una percentuale a cui nessuno dà rilievo.
“Quando un popolo vota ha sempre ragione, le elezioni fanno sempre bene” ha detto Salvini, facendosi beffe dei morti, degli incarcerati, delle persone ridotte al silenzio con la violenza e l’intimidazione. Tra le opposizioni hanno condannato Salvini il Pd, i centristi, i radicali. Silenzio da parte del Movimento 5 Stelle.
Ma il silenzio che pesa di più è quello di Giorgia Meloni. Mentre il Consiglio d’Europa invita a non riconoscere il voto in Russia, la nostra presidente del Consiglio non dice una parola. E così il governo italiano esprime solo ambiguità.
E in Europa che il caso è esploso. Forse Salvini si sarà sorpreso che la questione abbia travalicato gli angusti confini nazionali e abbia suscitato una serie di reazioni di condanna ferma, dai vertici del Partito Socialista Europeo a quelli del Ppe. O forse no, sapendo benissimo che non si tratta solo della sua opinione personale ma si tratta della credibilità del governo italiano. Il ministro degli Esteri Tajani ha provato a metterci una pezza, parlando di elezioni segnate dalla violenza. Ma Tajani non compensa e soprattutto non annulla Salvini. Roma rischia di allontanarsi dal resto d’Europa.

L’Onu avverte: “Imminente carestia nel nord della Striscia di Gaza”

Questo pomeriggio c’è stata una telefonata Biden-Netanyahu, la prima da oltre un mese. Hanno discusso di Rafah e della situazione umanitaria.
Più tardi la Casa Bianca darà altri particolari.
Il governo americano ha criticato più volte la gestione della guerra da parte di Israele.
Proprio sulla questione umanitaria l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite dice che a breve nella Striscia ci sarà la carestia.

Il servizio di Emanuele Valenti:

Dalla Basilicata al Piemonte, il centrosinistra si sfascia

(di Anna Bredice)
Manca un mese alle elezioni in Basilicata e il candidato della sinistra, Piero Marrese, ormai definitivo, senza timore di essere messo da parte, ha cominciato la sua campagna elettorale, ricordando e ispirandosi al poeta lucano Rocco Scotellaro, e rivendicando di essere l’unico candidato a vivere stabilmente in Basilicata, a differenza di Vito Bardi. Ma Bardi e il centrodestra oggi sorridono sentendosi più forti per avere dalla loro parte il Terzo polo, sia Renzi che Calenda vanno a destra in Basilicata, si contenderanno i voti centristi e quelli di Marcello Pittella, che oggi è riuscito a far arrabbiare anche i suoi usando un’iperbole indecente, paragonando come sarebbe stato trattato il suo partito agli ebrei mandati a morire nelle camere e gas. Ha chiesto scusa, ma tutto questo conferma che il toto candidato in Basilicata lascia scorie di polemiche e tensioni, come quelle di Giuseppe Conte che accusa la famiglia dei Pittella in Basilicata di avere pacchetti di voti senza interessarsi ai programmi. Botta e risposta ancora una volta tra Conte e Calenda fino a pochi minuti fa, il primo che accusa il secondo di volere gli inceneritori in Basilicata, l’altro di aver buttato via i soldi del superbonus e di essere filoputiniano. In Piemonte non va molto meglio, nel senso che non sono riusciti a costruire nemmeno il campo ristretto a sinistra, perché il capo dei Cinque selle ha appena confermato che avranno un proprio candidato, più che alleati Pd e Cinque stelle saranno competitori, dividendo voti che potevano invece unire contro la destra. Ma in Piemonte sembra prevalere già un clima da campagna elettorale delle europee, infatti si voterà lo stesso giorno di giugno, dove ogni partito misurerà le proprie forze, senza campi larghi e nemmeno corti.

La Corte Costituzionale richiama il Parlamento su fine-vita e Omogenitorialità

Dalla Corte Costituzionale oggi è arrivato un richiamo netto, quasi brusco, al Parlamento. L’occasione è stata la relazione annuale del presidente della Consulta, il giurista Augusto Barbera. Il tema è quello dei diritti: fine-vita e riconoscimento dei figli delle coppie omosessuali. Su entrambi la Corte Costituzionale con diverse sentenze ha aperto la strada: ricordiamo ad esempio la sentenza Cappato-DjFabo. E su entrambi ha però chiesto al Parlamento di fare il suo dovere: fare una legge chiara. Invece siamo nel vuoto legislativo: che vuol dire, interventi delle regioni, dei sindaci, dei tribunali. E quindi anni di incertezza per malati, famiglie, genitori, figli di due mamme o due papà. Questioni che si trascinano da anni e che, ancora di più con questa maggioranza, hanno ben poca speranza di arrivare in Parlamento.

Ecco il richiamo del presidente della Consulta Barbera

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 30/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 30-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 30/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 30-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 30/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 30-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 30/05/2024

    1-” Aiutateci a sconfiggere di nuovo Donald Trump”. Appello di Joe Biden e Kamala Harris all’elettorato nero ma questa volta il sostegno delle minoranze è rischio a causa del contributo della casa bianca alla tragedia di Gaza 2-Israele. Benny Gantz ha presentato una proposta di legge per sciogliere il Parlamento e indire elezioni anticipate entro il mese di ottobre. Il suo partito 'Unità nazionale' non ha i numeri per fare cadere Netanyahu ma la sua mossa conferma la grande spaccatura nella coalizione. 3- Hong Kong. Condannati per sovversione 14 attivisti pro democrazia. Rischiano Gli imputati fanno parte del gruppo 47 oppositori al regime cinese accusati di aver tenuto primarie non ufficiali. 4-Spagna. Approvata in via definitiva l’amnistia per gli indipendentisti. la legge, voluta dal premier Pedro Sanchez, apre la strada al ritorno in patria dell'ex presidente della Catalogna Puigdemont, riparato all'estero nell'ottobre 2017. 5-World Music. Da Toronto l’album denuncia della cantante indiana Kiran contro la deriva autoritaria del premier Modi

    Esteri - 30-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 30/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 30-05-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 30/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 30-05-2024

  • PlayStop

    Tremila tamburi rossi – le Italie di Giacinto Facchetti

    Un podcast realizzato da Claudio Agostoni e Paolo Maggioni. Un lavoro dove gli autori hanno voluto parlare dell'evoluzione della nostra società e del calcio narrando la storia di una persona che è rimasta sempre se stessa.

    Clip - 30-05-2024

  • PlayStop

    Sapore Indie di giovedì 30/05/2024

    1. No One - Liz Lawrence 2. Wise Up - Common, Pete Rock 3. 3am - Anthony Green, Prentiss 4. Terra Promessa - Fiori di Cadillac 5. Contact High - Metronomy, Faux Real, Miki 6. More Shallow - Mewn 7. Government Cheese - Vince Staples 8. Church of Nashville - Rui Gabriel 9. Lisbona - Giovanni Pedersini 10. You’ll Be There For Me - A Place To Bury Strangers

    Sapore Indie - 30-05-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 30/05/2024

    Nella prima parte ci colleghiamo con Barcellona per farci raccontare da Niccolò Vecchia l'anteprima del Primavera Sound 2024. Nella seconda parte ospitiamo Paola Zukar e Claudio Cabona che ci presentano il Vol.1 di Testi Espliciti - Nuovi Stili di Censura

    Jack - 30-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 30/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che ha affrontato l'ultimo punto della piattaforma #voteforanimals #anche gli animali votano sul randagismo e il traffico di animali nella UE in vista delle elezioni europee con Sara Turetta di @Save the Dogs and other Animals, ma anche il GR Animali con Bianca Nogara Notarianni

    Considera l’armadillo - 30-05-2024

  • PlayStop

    Top level nella selezione professionale

    quando, dopo esserci garantiti la collaborazione gratuita di un pezzo da 90 come Maximilian Schwarzwald, ci occupiamo di commissioni sugli investimenti con Gilberto Dindini della Cedola e voliamo oltre oceano, prima a Memphis con Marco e poi a Vancouver con l'altro Marco e la piccola Livia

    Poveri ma belli - 30-05-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 30/05/2024

    Oggi a Cult: Cinzia Spanò in "Esagerate!" per la rassegna Nuove Storie all'Elfo Puccini; Valentina Merlotti presenta la 25° edizione del Premio Kihlgren; Davide Verrazzani sull'edizione 2024 di FringeMI, diffusa nei quartieri di Milano; la graphic novel "Uniti nella stessa lotta" di Stefano e Tommaso Catone (People ed.); Luigi Vergallo cura la nuova edizione del festival "Che storia!", alla Fondazione Feltrinelli; la rubrica di lirica a cura di Giovanni Chiodi...

    Cult - 30-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 30/05/2024

    Lessico bellicista. Da alcuni giorni assistiamo ad un progressivo slittamento verso toni guerreschi. Dalle parole usate nelle dichiarazioni ufficiali dei leader, ai titoli dei commenti e delle notizie sui giornali. Chi parla un linguaggio militaresco ci prepara alla guerra con le armi? Oppure è solo una tappa del sistema collaudato della propaganda? A Pubblica Daniela Padoan, presidente di Libertà e Giustizia, scrittrice e saggista; e Adriano Prosperi, storico, professore emerito di storia moderna alla Scuola Normale Superiore di Pisa.

    Pubblica - 30-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 30/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 30-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di giovedì 30/05/2024

    Emanuele Valenti analizza "l'escalation graduale" annunciata dalla Nato nei confronti della Russia, Giorgio Beretta ci racconta in cosa consiste il riarmo italiano ed europeo e come abbiamo rinunciato già prima dell'invasione russa dell'Ucraina a un ruolo di risoluzione dei conflitti. Antonella Inverno, Responsabile ricerca e analisi dei dati di Save the Children, presenta la ricerca sulla percezione della povertà degli adolescenti in Italia e il loro desiderio di altrove. Mirco Rota ci presenta la piattaforma che i metalmeccanici presentano oggi agli industriali per il rinnovo del contratto nazionale: più di 200 euro di aumento e riduzione dell'orario di lavoro (a parità di salario). Con il Prof. Piero Graglia ricordiamo Eugenio Colorni e il manifesto i Ventotene, con il deputato Devis Dori ricordiamo Matteotti nel centenario del suo ultimo discorso alla Camera.

    Giorni Migliori – Intro - 30-05-2024

Adesso in diretta