Approfondimenti

La catastrofe annunciata a Gaza, i dubbi sulla manovra blindata dal governo e le altre notizie della giornata

Valico di Rafah

Il racconto della giornata di lunedì 16 ottobre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il punto della situazione in Medio Oriente a dieci giorni dall’inizio del conflitto. Il governo ha presentato la nuova manovra finanziaria e i dubbi che lascia sono più delle risposte date, e l’invito alla maggioranza a non presentare gli emendamenti mette a rischio la centralità del Parlamento. A Roma si è tenuta la cerimonia in occasione dell’80esimo anniversario del rastrellamento degli Ebrei di Roma, una marcia lenta e silenziosa dal Campidoglio al Portico d’Ottavia.

Gaza ancora senza aiuti umanitari

“Sarà una guerra lunga”, ha detto oggi il governo israeliano attraverso il suo ministro della Difesa. Netanyahu non ha ancora ordinato l’inizio dell’operazione di terra a Gaza. Nella Striscia la situazione della popolazione civile continua a peggiorare. La comunità internazionale non ha ancora trovato un accordo per l’invio di aiuti umanitari, anche se nelle ultime ore potrebbe essersi mosso qualcosa al valico di Rafah tra Gaza ed Egitto. Nella regione prosegue la missione del Segretario di Stato americano Blinken, anche per evitare un allargamento della guerra. Nelle ultime 24 ore è aumentato il fuoco anche sul fronte nord, tra Israele e Libano.

(di Emanuele Valenti)

L’ultimo bilancio da Gaza è di oltre 2.800 morti, più di 10.000 feriti, 1.000 i dispersi sotto le macerie. Ricordiamo che in questi dieci giorni ci sono stati anche 58 morti palestinesi in Cisgiordania. I raid israeliani sono andati avanti anche oggi, così come sono proseguiti i lanci di razzi dalla Striscia verso Israele. Nel pomeriggio sono entrate in azione le sirene a Tel Aviv e a Gerusalemme.
Questa mattina l’agenzia Reuters aveva scritto di un accordo per un cessate il fuoco nel sud di Gaza, dove si sono spostati molti profughi interni e dove c’è il valico di Rafah verso l’Egitto. La notizia è stata poi smentita. L’invio di aiuti umanitari non è ancora stato concordato, anche se secondo la CNN – non ci sono altre conferme – nella Striscia sarebbero entrate cinque autocisterne con del carburante carburante, fondamentale per i generatori e per le pompe di acqua. Domani in Medio Oriente arriverà anche il responsabile ONU per gli aiuti umanitari, Martin Griffiths: l’OMS ha detto che senza aiuti importanti nelle prossime 24 ore la situazione a Gaza sarà catastrofica per quanto, aggiungiamo noi, non lo sia già.
Infine, rimane attivo il fronte nord tra Israele e Libano. Gli israeliani hanno evacuato diversi villaggi sul confine. Hezbollah ha detto di avere colpito almeno cinque obiettivi. Un paese occidentale, il Canada, ha chiesto ai suoi cittadini di lasciare il Libano. Da tenere sotto controllo l’Iran, che supporta Hamas e muove Hezbollah. Il tempo per una soluzione politica, ha detto Teheran, sta per terminare.
Al valico di Rafah si sono ammassate oggi migliaia di persone. Meri Calvelli della ONG Cooperazione e Solidarietà, ha vissuto per tanti anni a Gaza ed è in contatto con gli operatori sul posto:


 

2mila militari dagli USA per assistere gli israeliani via terra?

Gli ostaggi in mano ad Hamas a Gaza, secondo gli israeliani, sarebbero 199. L’amministrazione Biden prosegue la sua azione diplomatica, ma non è ancora chiaro con quali risultati. Il segretario di Stato Blinken non è tornato a Washington come previsto, ma sta andando invece ad Amman, in Giordania. Secondo i media americani, gli Stati Uniti manderanno 2.000 militari per assistere gli israeliani durante l’operazione di terra. E non è escluso, però, un viaggio in Israele a breve dello stesso Biden. Roberto Festa:


 

Una manovra che lascia più domande che risposte

(di Massimo Alberti)

La prima novità rilevante riguarda il Fisco: l’accorpamento delle prime due aliquote, necessario per non vanificare gli effetti del taglio del cuneo fiscale, sarà finanziato solo un anno. È un dato importante perché conferma l’impostazione tutta elettorale della manovra, volta a scavallare le elezioni europee. Di fatto i due provvedimenti principali, il primo passo della delega appunto e il taglio del cuneo contributivo, sono a tempo. E non genereranno crescita, come messo nero su bianco nella Nadef. L’altra novità in questo campo è la franchigia di 260euro sopra 50mila di reddito, necessaria per evitare che della riforma fiscale si avvantaggino anche i redditi più alti. Poi c’è la clamorosa sconfessione di una delle promesse elettorali del governo: via Quota 103 e Ape sociale. Andare in pensione prima, per chi per anni ha fatto lavori duri, sarà più costoso e difficile. Lavorerete meno, diceva la destra in campagna elettorale per conquistare il voto operaio, lavorerete di più, è la realtà. I 3 miliardi sulla sanità, uno in meno di quanto chiesto dal ministro Schillaci, andranno per le liste di attesa, dice Meloni, stringendo ancora più i rapporti col privato. Il pacchetto famiglia, ridotto ad un miliardo rispetto alle aspettative, si salva col colpo a sorpresa dei nidi gratuiti dal secondo figlio. Quello che non è chiaro, sono le coperture extra deficit. In conferenza stampa il Ministro dell’Economia è stato molto fumoso, parlando di 9 miliardi di tagli di spesa. Non è chiaro come né dove, e non è detto che le sorprese, qui, siano molto negative. La manovra lascia più domande che risposte, a partire da cosa accadrà il prossimo anno, quando il nuovo patto di stabilità, la crescita sotto le stime, daranno un quadro reale molto diverso. Ma intanto le elezioni saranno passate. Ora però è tempo dei giudizi: quello di Bruxelles, e venerdì il primo delle agenzie di rating.

Il no del governo agli emendamenti della maggioranza

(di Anna Bredice)

Una manovra blindata che, prima di essere respinta dalle opposizioni, rischia di trovare parecchi malumori anche nella maggioranza, visto che il Ministro dell’Economia Giorgetti chiede, tradotto ordina, ai gruppi di maggioranza di non presentare emendamenti. Visti i numeri così sbilanciati in Parlamento a favore della destra e la bocciatura scontata degli emendamenti dell’opposizione, è una manovra che in sostanza si direbbe già chiusa. Imposta, senza possibilità di modifiche, con buona pace della centralità del Parlamento. Ma la volontà di Giorgetti trova già qualche dubbio dentro Fratelli d’Italia e Forza Italia che non vogliono avere le mani legate, considerando che si tratta della manovra di bilancio che porta direttamente alle elezioni europee dell’anno prossimo: unica occasione per realizzare qualche promessa in più, ma a quanto pare promesse che restano nel cassetto, a favore di grandi annunci su asili nido gratis e cuneo fiscale. Il primo però che vede le sue bandiere svanire è Matteo Salvini, che non porta a casa nulla su pensioni e flat tax. Il ministro Giorgetti è stato chiaro nel dire che i pensionamenti anticipati vedranno una stretta. Si accontenta del sempre presente Ponte sullo Stretto e della riduzione del canone Rai, venti euro in un anno. Giorgia Meloni dopo mezz’ora di conferenza stampa scappa, ormai è un’abitudine. Per le risposte ai giornalisti restano gli altri, lei come altre volte giustifica il “non si può” con il deficit prodotto dal superbonus del passato. Si vedrà quindi se quella presentata oggi sarà la manovra che arriverà in Parlamento, dove solo l’opposizione potrà tentare di cambiarla. L’opposizione che oggi definisce la legge di bilancio “senza visione strategica”, dice Elly Schlein, “insignificante e dannosa”, per Giuseppe Conte.

La marcia silenziosa per l’80esimo anniversario del rastrellamento degli ebrei di Roma

(di Alessandro Gilioli)

È stata una marcia lenta, silenziosa e bagnata da un filo di pioggia quella che oggi, al tramonto, ha coperto i 500 metri dal Campidoglio al Portico d’Ottavia, dove ottant’anni fa più di 1200 ebrei romani di cui 200 bambini furono rastrellati dai nazisti tedeschi e dai fascisti italiani per essere deportati ad Auschwitz.
Ne tornarono vivi in sedici, su 1200. “Siamo i figli e i nipoti della Shoah”, dicevano oggi gli ebrei romani, e in effetti molti dei presenti alla marcia avevano un papà, un nonno o qualche altro parente fra le vittime di quel rastrellamento. La marcia, a cui ha partecipato un migliaio di persone, ha assunto ovviamente un significato particolare per quello che sta succedendo in questi giorni in medio oriente. E tra gli ebrei romani ho colto stati d’animo diversi su quello che ha fatto seguito alla strage del 7 ottobre e non mancava chi esprimeva dolore anche per i bambini palestinesi che sono morti e stanno morendo a Gaza.
In testa alla marcia c’era il sindaco di Roma Gualtieri, insieme ai vertici della comunità ebraica. Al Portico d’Ottavia poi è arrivato anche il presidente Mattarella che ha deposto una corona di fiori.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

Adesso in diretta