Approfondimenti

L’attacco al ponte di Crimea, la frenata dell’inflazione e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 17 luglio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La Russia ha annunciato che non rinnoverà l’accordo sul grano che da un anno garantiva un passaggio sicuro per le navi cariche di cereali nel Mar Nero. Continua la missione di pace del Vaticano. I servizi di sicurezza ucraini hanno rivendicato l’attacco al ponte di Crimea. L’ISTAT ha riscontrato una “netta decelerazione” dell’inflazione in Italia, ma il quadro economico in Europa resta ricco di incognite. Marina Berlusconi è scesa in campo contro i magistrati che indagano sulle stragi mafiose del ’93. I commenti razzisti e sessisti dei telecronisti di Rai Sport ai Mondiali di Nuoto.

I servizi di sicurezza ucraini hanno rivendicato l’attacco al ponte di Crimea

Questa mattina due droni hanno causato il crollo di una campata e la morte di due persone. Il ponte ha un valore fortemente strategico e simbolico: lo volle Putin nel 2014, dopo aver annesso la Crimea, e collega direttamente la penisola alla Russia. Già a ottobre le truppe di Kiev avevano attaccato l’infrastruttura.

Che effetti avrà l’attacco di oggi? Lo abbiamo chiesto al nostro collaboratore Sabato Angieri.


Su piano diplomatico, la Russia ha annunciato che non rinnoverà l’accordo sul grano, che fino a oggi ha garantito un corridoio sicuro nel mar Nero alle navi cariche di cereali. A rischio è l’economia di Kiev, ma anche la sicurezza alimentare di quei paesi che dipendono direttamente dalle esportazioni ucraine. Secondo il segretario dell’Onu Antonio Guterres, “milioni di persone nel mondo pagheranno il prezzo della decisione di Mosca”.

Rimane invece ottimista il presidente turco Erdogan. Si è dichiarato “convinto” che il Putin deciderà di tornare all’accordo. Su questo abbiamo sentito Gianpaolo Scarante, ambasciatore e professore all’Università di Padova.

 

La visita del cardinale Zuppi a Washington

(di Chawki Senouci)
Con la missione negli Stati Uniti Il Cardinale Zuppi chiude il cerchio. Il 5 giugno è stato a Kiev, il 28 a Mosca e da oggi è a Washington.
Il Papa in persona sa che un eventuale dialogo tra Russia e Ucraina dovrà passa necessariamente dagli Stati Uniti.
La mediazione è solida per tre motivi:
– Primo perché storicamente quando gli emissari del Vaticano sono scesi in campo hanno sempre fatto bene.
Adottano la cosiddetta strategia dei piccoli passi cercando di ottenere dei risultati anche minimi per facilitare una tregua e poi un accordo di pace
Ad esempio in questo momento sono concentrati sulle questioni umanitarie per alleviare le sofferenze delle persone più colpite e più fragili, in modo particolare i bambini ucraini che si trovano in Russia.
– Secondo, questa mediazione ha il sostegno del cosiddetto sud globale guidato dal Presidente brasiliano Lula da Silva e dal premier indiano Modi.
La maggior parte dei paesi dell’ America Latina, Africa e Asia sono stati danneggiati dalla guerra.
Terzo: questa guerra non può essere vinta sul campo, con le armi. Lo ammette lo stesso Pentagono commentando la lentezza della controffensiva ucraina.
Tutto ciò non significa che il cardinale Zuppi tornerà dagli USA con dei risultati positivi perché la strada è ancora lunga.
Ma il fatto che l’inviato del Papa sarà ricevuto domani da Joe Biden e che la visita durerà ben tre giorni, ecco tutto questo fa capire che anche in America, a un anno dalle elezioni, si stia cercando una via di uscita da questa guerra.

In Italia l’inflazione rallenta

Oggi l’Istat ha pubblicato i dati relativi a giugno che fotografano prezzi sostanzialmente fermi rispetto a maggio e più alti del 6,4 percento rispetto a giugno 2022. Un dato comunque in calo sul mese precedente, quando l’aumento su base annua era stato del 7,6%.
L’istituto nazionale di statistica parla di una “netta decelerazione”, ma il quadro economico più ampio in Europa resta ricco di incognite.

Il nostro collaboratore Andrea Di Stefano

 

Marina Berlusconi: “Mio padre è perseguitato anche da morto”

(di Michele Migone)
“La lotta all’evasione fiscale non è volontà di perseguitare”. Sono parole del direttore dell’Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini. Suonano come una risposta indiretta alla proposta di una nuova sanatoria, avanzata da Matteo Salvini. Oggi il ministro delle Infrastrutture è tornato a insistere: “La pace fiscale per chi ha fatto le dichiarazioni ma non è riuscito a versarle tutte è un vantaggio per lo Stato, libererebbe milioni di cittadini”.
A rincarare la dose è arrivato anche il ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin “Il condono va valutato, si può fare” ha detto. “Il governo di destra continua a insultare i cittadini che pagano fino all’ultimo euro di tasse” è stata la replica dalle opposizioni.

E tra i temi che agitano la maggioranza in questo periodo c’è la riforma della giustizia. Ieri lo stop di Giorgia Meloni all’ipotesi di modificare il reato di concorso esterno in associazione mafiosa, in risposta al ministro Carlo Nordio. Oggi l’uscita pubblica di Marina Berlusconi su Il Giornale, alla vigilia dell’interrogatorio in procura a Firenze di Marcello Dell’Utri sugli attentati di mafia del ‘93.

I Commenti sessisti e razzisti dei telecronisti di Rai Sport ai mondiali di nuoto

La Rai ha avviato una procedura di contestazione disciplinare verso i telecronisti dei Mondiali di tuffi, autori di commenti razzisti e sessisti andati in onda stamattina.
Il giornalista sportivo Lorenzo Leonarduzzi e il collaboratore tecnico Massimiliano Mazzucchi da domani saranno sostituiti.
Una decisione presa da viale Mazzini dopo le numerose segnalazioni arrivate anche da telespettatori.

Carmine è stato uno dei primi a denunciare l’accaduto sul suo profilo Twitter.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 22/05 6:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 21/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 21/05/2024 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    PoPolaroid di mercoledì 22/05/2024

    Ho amato tanto la Polaroid. Vedere stampare sotto i miei occhi la foto è sempre stata una sorpresa divertente ed emozionante. Ho amato anche la bellezza dello spazio bianco intorno all’immagine, che mi permetteva di scrivere la data e dare un titolo alla foto; spesso era ispirato da una canzone. Se ci pensate bene le canzoni, come le fotografie, sono la nostra memoria nel tempo, sono il clic che fa catturare ricordi meravigliosi. A PoPolaroid accompagno la musica con istantanee sonore; sono scatti personali, sociali e soprattutto sentimentali. Con PoPolaroid ascolta e vedrai. Basil Baz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 21-05-2024

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 21/05/2024

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest e anche quella prodotta in giro per il mondo: il Brasile musicale di ieri, di oggi e qualche volta di domani... Ogni martedì dalle 23.00 alle 24.00, a cura di Monica Paes Potrete anche, come sempre, scaricare i podcast e sentirla quando e quante volte volete... https://www.facebook.com/groups/avenidabrasil.radio/ https://www.facebook.com/avenidabrasil.radio/

    Avenida Brasil - 21-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 21/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21-05-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 21/05/2024

    Dal 19 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantatreesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare torna in onda con le voci dei protagonisti della movimento omotransgender. Conduzione e regia di Eleonora Dall’Ovo Musiche scelte da Lucy Van Pelt Si partirà con la rassegna stampa nostrana ed estera, per poi intervistare i\le protagonisti\e del movimento lgbt+ e concludere con gli eventi culturali che ruotano intorno alla realtà arcobaleno da non perdere.

    L’Altro Martedì - 21-05-2024

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 21/05/2024

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle nuove tecnologie. Ogni settimana approfondiamo le notizie più importanti, le curiosità e i retroscena di tutto ciò che succede sul Web e non solo. A cura di Marco Schiaffino.

    Doppio Click - 21-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 21/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 21-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di martedì 21/05/2024

    1- Spagna – Argentina ai ferri corti. Il premier Pedro Sanchez ritira definitivamente l’ambasciatore da Buenos Aires dopo i nuovi insulti di Milei. 2-Taipei, il giorno dopo l’insediamento dl Lai Ching-te. Pechino lo accusa esplicitamente il presidente taiwanese di separatismo. 3- Diario americano. Tra una settimana il verdetto del processo Trump. 4-Francia. Macron in missione Nuova Caledonia ma senza un piano politico per uscire dalla gravissima crisi. 5- Fondi Ue destinati alla deportazioni di migranti nel deserto nord africano. La denuncia pubblicata da Lighthouse Reports in collaborazione con le principali testate europee 7-Rubrica sportiva. La lezione di Jurgen Klopp al mondo del calcio.

    Esteri - 21-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 21/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 21-05-2024

  • PlayStop

    Playground di martedì 21/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 21-05-2024

  • PlayStop

    Express - Ep. 30 - 21/05/2024

    Partenza dal Mediterraneo con i Nu Genea, poi in Svizzera con Ele A, a Milano con Mace e Venerus, in Basilicata con Chiello, in Sicilia con Colapesce, Dimartino e Joan Thiele, in Sardegna con Daniela Pes, da Abbiategrasso al Nepal con Marta Del Grandi e infine a Manchester con gli Smiths.

    Express - 21-05-2024

  • PlayStop

    Jack di martedì 21/05/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 21-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 21/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi per la serie #ancheglianimalivotano ha ospitato Francesca Flati di @Animal Equality Italia e Simone Montuschi di @Essere Animali per parlare dei 3 punti sul Benessere Animale della piattaforma, ma anche del Film Festival La Ninna del @centro Recupero Ricci La Ninna

    Considera l’armadillo - 21-05-2024

  • PlayStop

    Cercasi McGyver

    quando testiamo l'abilità degli ascoltatori nel fai da te, eseguiamo una regalia di biglietti dell'Operazione Primavera attraverso un nuovo fiammante rebus sonoro e infine arriva la prima parte di una nuova puntata di Voeia de Laurà, dedicata all'oreficeria

    Poveri ma belli - 21-05-2024

Adesso in diretta