Approfondimenti

L’arresto di Matteo Messina Denaro e gli interrogativi da chiarire, il governo italiano snobba Davos e le altre notizie della giornata

Meloni Matteo Messina Denaro ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 16 gennaio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. È finita oggi, dopo 30 anni, la latitanza di Matteo Messina Denaro: l’arresto è scattato alla clinica privata La Maddalena, nel cuore di Palermo, dove il boss mafioso stava seguendo cure post operatorie. La guerra in Ucraina è destinata a durare ancora a lungo e oggi lo confermano almeno due notizie, dalle pressioni sulla Germania affinché dia il via libera all’invio dei suoi carri armati a Kyiv alle esercitazioni dell’aviazione bielorussa insieme a quelle di Mosca. Al via Forum Economico di Davos, ma l’Italia manda il ministro dell’Istruzione Valditara e, con lui, un chiaro segnale.

È finita dopo 30 anni la latitanza di Matteo Messina Denaro

(di Alessandro Principe)

Trent’anni di latitanza. L’inafferrabile, il fantasma con il volto di una vecchia foto sbiadita, era lì, a Palermo. Alla clinica privata La Maddalena, nel centro della città, lo conoscevano da tempo: lui ci andava sotto falso nome: Andrea Bonafede. Così era registrato nei documenti e le cartelle cliniche. Lì era stato operato di tumore al fegato nel 2021. Poi ricoverato in day hospital per sei volte in due anni. E lì stava seguendo le cure post operatorie, i cicli di chemioterapia. Il boss era all’ingresso. La clinica intanto era stata circondata dai carabinieri col volto coperto dal passamontagna davanti a decine di pazienti. Mentre stava per salire in auto per allontanarsi, un militare si è avvicinato e gli ha chiesto come si chiamasse. “Mi chiamo Matteo Messina Denaro”, ha risposto il boss. Ed è scattato l’arresto. Non sappiamo nulla – al momento – del suo covo. Se fosse lì, a Palermo, o altrove. E non è un dettaglio, data l’importanza simbolica ma anche per le indagini sulla sua latitanza, le coperture, la rete del boss. Ora si trova in una località segreta dove è stato portato subito dopo la cattura. Dovrà scontare l’ergastolo a cui è stato condannato per decine di omicidi, tra i quali quello del piccolo Giuseppe Di Matteo, per le stragi del 1992, costate la vita ai giudici Falcone e Borsellino, e per gli attentati del 93 a Milano, Firenze e Roma.

Matteo Messina Denaro, classe 1962. Aveva trent’anni quando partecipò al gruppo strategico creato da Totò Riina per uccidere Giovanni Falcone. Il suo ruolo in quella stagione fu centrale e le cose che conosce cruciali per la ricostruzione completa di quella stagione mafiosa. Ai nostri microfoni Piero Grasso, già procuratore capo di Palermo e Procuratore Nazionale Antimafia:


 

Quanto dovremo aspettare perché si chiariscano i contorni dell’arresto del boss?

(di Raffaele Liguori)

Qualche giorno fa, un autorevole cronista con 40 anni di esperienza in fatti di mafia, scriveva che dell’arresto di Totò Riina il 15 gennaio del 1993 (30 anni fa) oggi sappiamo ancora molto poco. Quanto dovremo aspettare perché si chiariscano i contorni dell’arresto di Messina Denaro avvenuto soltanto una manciata di ore fa? Restano una serie di interrogativi. Perché 30 anni di latitanza prima di arrivare all’arresto? È successo così anche per Riina, mentre per Provenzano gli anni in fuga furono addirittura 43.
In realtà più che in fuga i boss di cosa nostra arrestati sono rimasti sempre nei loro domini, nel territorio siciliano, compreso l’arresto di Messina Denaro.
E allora, di quali protezioni ha goduto il boss di Castelvetrano? 
E perché la rete ad un certo punto ha ceduto? 30 anni fa Riina fu venduto da Balduccio di Maggio, l’ex autista. E oggi quali sostegni può aver ricevuto Messina Denaro? 
E ancora: Messina Denaro è stato un capo dei capi di cosa nostra, come Riina? La studiosa di mafia Alessandra Dino preferisce definirlo solo un leader e non “capo dei capi”.
Semplice leader o capo dei capi che fosse, che cos’è la cosa nostra di oggi? È ancora la potentissima organizzazione mafiosa stragista voluta da Riina? Messina ne avrebbe modificato in parte il profilo criminale: da mafia violenta a mafia più interessata alle dimensioni imprenditoriali, minacciate dall’accresciuto peso criminale della ndrangheta
Infine, ultimo interrogativo: gli arresti dei boss di cosa nostra degli ultimi decenni sono avvenuti sempre in concomitanza con svolte nella politica. Esiste una qualche forma di relazione tra il passaggio dalla prima alla seconda repubblica nel ‘93. E poi il ritorno del centrodestra berlusconiano al governo nel 2006 (con gli arresti di Provenzano) e oggi con il primo governo a guida dei post-fascisti di Giorgia Meloni.

Il governo italiano snobba Davos, e fa sognare i complottisti di tutto il mondo

(di Luigi Ambrosio)

Ci sono capi di Stato e di Governo, ci sono delegazioni di grandi Paesi composte dai più importanti ministri, e ci sono ovviamente le personalità apicali del mondo economico e finanziario. Non bisogna stupirsi di questo: il Forum Economico di Davos è forse il principale appuntamento annuale dell’economia internazionale.
Ci si dovrebbe invece stupire della povertà sconcertante della presenza italiana. Il governo Meloni a Davos ha inviato il ministro dell’Istruzione Valditara. Cosa c’entri Valditara con i temi che si discutono in Engadina è un mistero.
Verrebbe da pensare che Valditara è esponente di quella cultura reazionaria che vede in Davos uno dei simboli del mondo da combattere, il mondo dell’economia e della finanza globali, della società aperta, del liberalismo. E che quindi la sua presenza a Davos sia il segnale di una ostilità ideologica. Speriamo di no.
Immaginiamo che il governo italiano non si sia ridotto a inseguire il delirio dei complottisti secondo cui Davos è appena un gradino sotto Soros e la finanza ebraica nella scala del male. E allora la scelta di inviare una delegazione così debole è solo incapacità di comprendere l’importanza dell’appuntamento. E a ben vedere è il rischio che stiamo correndo non solo a Davos. Il rischio che l’Italia precipiti ai margini della politica internazionale.

La guerra in Ucraina è destinata a durare ancora a lungo

(di Emanuele Valenti)

La guerra in Ucraina è destinata a durare ancora a lungo. Anche oggi lo confermano almeno due notizie.
La prima. È aumentata ancora la pressione sulla Germania, affinché dia il via libera all’invio dei suoi carri armati a Kyiv. Compresi quelli in dotazione ad altri paesi europei. In queste ore lo hanno chiesto nuovamente la Polonia – che ha dei carri armati tedeschi – e la Gran Bretagna – che invece ha già autorizzato l’invio dei suoi mezzi e si è spinta a dire che questo cambierà il corso della guerra. Ma perché questo possa succedere sul serio è necessario, come minimo, che altri – Berlino in testa – facciano lo stesso.
Venerdì si riuniranno proprio in Germania i paesi che stanno supportando militarmente l’Ucraina e solo questa mattina il cancelliere Scholz ha perso la Ministra della Difesa, Lambrecht. Per una serie di questioni interne ma probabilmente anche per una differenza di vedute sull’Ucraina.
La seconda notizia. L’aviazione bielorussa ha cominciato due settimane di esercitazioni congiunte con quella russa. Minsk, come ha sempre fatto, ha detto che le sue azioni hanno unicamente scopo difensivo, ma i vertici militari hanno anche commentato che la situazione sul confine con l’Ucraina non è tranquilla e che Kiev ha messo in campo una serie di provocazioni.
Gli ucraini non escludono una nuova invasione russa anche da nord, quindi anche dal confine bielorusso. Sul campo intensi combattimenti nella parte alta del Donbas, anche Bakhmut. E secondo i russi 10 droni ucraini abbattuti sopra la Crimea. Dopo aver parlato con Putin Erdogan si è riproposto come mediatore. Ma questo non sembra proprio il momento della diplomazia.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 25/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/05/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 25-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-05-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 25/05/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/05/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 25-05-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 25/05/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 25-05-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/05/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 25-05-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/05/2024

    Il Festival del Ciclo Mestruale; Bicipace compie quaranta anni continuando a promuovere la pace e il disarmo; Lella Costa sulla nostra Poltrona, il suo consiglio di lettura e Le Parole del Pane Festival; il festival Prog and Frogs all’insegna del grande rock progressivo; Barbara Sorrentini da Cannes, e poi l’arte e il teatro, e la nostra rubrica GialloCrovi.

    Good Times - 25-05-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 25/05/2024

    1- l'Irlanda e LA Palestina. Intervista a Carlos o’ connel chitarrista dei Fontaines DC sulla situazione a Gaza. ( Matteo Villaci) 2- Intervista di Luisa Nannipieri all’artista franco-tunisina Nawel Ben Kraiem che canta Jawaz al safar, Passaporto, del poeta palestinese Mahmoud Darwish. 3-Brasile. Joao Pedro Stedile, il fondatore del movimento dei “sem terra”, parla della riforma agraria, della maggior tutela dell’ambiente e dei giovani dei campus americani per Gaza. ( Sara Milanese) 4- La demolizione l’anno prossimo del Goodison Park , lo stadio dell’Everton costruito nel 1892 , segnerà la fine de luoghi mitici e sacri del calcio. Ne abbiamo parlato con Luca Manes giornalista e saggista , autore di numerosi libri dedicati al calcio inglese e ai tifosi della working class.

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 25/05/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 25-05-2024

Adesso in diretta