Approfondimenti

Le pressioni sul governo israeliano, la destra all’attacco del diritto all’aborto e le altre notizie della giornata

Meloni ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 15 aprile 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Israele sostiene di dover rispondere all’attacco dell’Iran e le preoccupazione della comunità internazionale è altissima mentre i bombardamenti su Gaza proseguono senza sosta. La destra italiana all’attacco del diritto all’aborto con un emendamento al decreto sul Pnrr che permetterà alle associazioni pro life di entrare nei consultori. Ad un anno dall’inizio del conflitto in Sudan, nel paese africano si sta consumando “la più grande crisi alimentare di sempre”. È iniziato oggi a New York il processo a Donald Trump, accusato di aver pagato, ai tempi delle presidenziali 2016, 130mila dollari a una porno star, Stormy Daniels, per comprare il suo silenzio sulla loro relazione. Dopo Fabio Fazio e Corrado Augias, Amadeus si aggiunge alla lista di volti storici persi dalla tv pubblica, guidata dalla destra.

Gli appelli affinché si eviti un’escalation del conflitto in Medio Oriente

Israele non ha scelta: deve rispondere all’attacco dell’Iran. La posizione che Tel Aviv ha espresso agli Stati Uniti è netta: il massiccio bombardamento che il regime iraniano ha scatenato contro Israele è un atto senza precedenti, e ora il governo di Benjamin Netanyahu deve agire di conseguenza; a dirlo è stato il ministro israeliano della Difesa Gallant al capo del Pentagono Austin. Gli Stati Uniti però spingono per scongiurare un’escalation regionale del conflitto, e stavolta Israele sembra propensa a seguire le indicazioni dell’alleato americano: il gabinetto di guerra che si è riunito oggi a Tel Aviv avrebbe discusso diverse opzioni per rispondere a Teheran, ma resta intenzionato a scegliere un’opzione che eviti “una guerra regionale”.
A fare pressione sul governo israeliano non sono però è solo Washington, sono anche altri paesi, dalla Turchia agli Emirati Arabi.

Sulla risposta israeliana all’attacco dell’Iran si concentra la preoccupazione dell’intera comunità internazionale: di questo hanno discusso questa mattina i membri del G7 e per domani pomeriggio è stata convocata una riunione dei ministri degli esteri dell’Unione europea per discutere della posizione di Bruxelles. 
A Roma nel pomeriggio si è riunito il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica convocata dal ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi.
La situazione è in continua evoluzione anche a Tel Aviv, dove l’opposizione torna a chiedere le dimissioni di Netanyahu, e dove è stata annunciata una nuova riunione del gabinetto di guerra già domani, sarà la terza in 3 giorni.

Le conseguenze dell’attacco iraniano sulla strategia di Israele a Gaza

L’attacco iraniano ha avuto conseguenze anche sulla strategia militare israeliana a Gaza: l’invasione su Rafah è stata posticipata

(di Sara Milanese)

Israele pianificava di muovere i primi passi verso un’offensiva di terra a Rafah questa settimana, ma ha deciso di posticipare i piani dopo l’attacco iraniano e le riflessioni su come rispondere a Teheran. Lo riporta la Cnn citando due fonti israeliane. I piani originari prevedevano che oggi l’aeronautica israeliana iniziasse a lanciare volantini in alcune parti della città per preparare le operazioni di evacuazione, hanno detto le fonti. Ma l’attacco iraniano ha fatto rinviare il piano anche se Israele rimane determinato a portare avanti un’offensiva di terra nella città meridionale della Striscia, dove si stanno rifugiando un milione e mezzo di civili.
Sull’evacuazione dei civili e sulle tempistiche di questa offensiva di terra non ci sono indicazioni chiare. Quel che è certo è che i raid aerei sulla striscia continuano, e anche se Israele afferma di averli diminuiti nella speranza di un accordo per la liberazione degli ostaggi, nelle ultime 24 ore almeno 68 civili sono morti per i bombardamenti, molti dei quali hanno colpito il centro dell’enclave, dove da giorni l’esercito conduce un’operazione militare molto aggressiva. 
Dall’alba di oggi sarebbero in corso combattimenti anche nella parte settentrionale della Striscia, a Jabalia. 
Sono ancora molti gli sfollati che cercano di tornare a nord, dopo il ritiro dei militari israeliani da Khan Yunis. Tel Aviv però anche oggi ha intimato la popolazione a restare a Rafah. Ieri 5 civili sono stati uccisi dai militari proprio mentre cercavano di tornare a Gaza City.

La destra all’attacco del diritto all’aborto

La destra all’attacco del diritto all’aborto. Nel decreto sul PNRR, su cui il governo ha chiesto oggi la fiducia, un emendamento consentirà alle Regioni di avvalersi nelle organizzazione dei consultori, senza nuovi o maggiori oneri, anche di soggetti del terzo settore che abbiano esperienza nel sostegno alla maternità. Questo quanto scritto nel provvedimento, a firma di Fratelli d’Italia. Tradotto: le associazioni pro life potranno entrare nei consultori. Protesta delle opposizioni: “È vergognoso. Questo governo continua nella sua battaglia contro le donne e contro i loro diritti”.

La più grande crisi alimentare di sempre in Sudan

Ad un anno dall’inizio del conflitto in Sudan, nel paese africano si sta consumando “la più grande crisi alimentare di sempre”: lo denuncia il Pam, il programma alimentare mondiale, dalla conferenza umanitaria internazionale che la Francia ha organizzato a Parigi proprio nel giorno dell’anniversario della guerra. Da 12 mesi le truppe dell’esercito sudanese del generale Al Burhan si confrontano con i paramilitari del generale Dagalo; il conflitto ha causato 23mila morti e tra i 9 e i 10 milioni di sfollati interni e rifugiati. Dapprima concentrato a Khartoum, la guerra si è presto estesa a tutto il paese, con violenti combattimenti nella regione occidentale del Darfur.

Al via a Manhattan il processo a Donald Trump

(di Roberto Festa)

Un attacco all’America. Non lesina i termini, come sua abitudine, Donald Trump, per definire il processo iniziato oggi contro di lui in un’aula di Manhattan. L’intenzione di fare del processo un grande show a beneficio della sua campagna elettorale è evidente. L’accusa nei suoi confronti è quella di aver pagato ai tempi delle presidenziali 2016 130 mila dollari a una porno star, Stormy Daniels, per comprare il suo silenzio sulla loro relazione. Quei soldi sarebbero stati pagati alla Daniels dall’allora avvocato di Trump, Michael Cohen, poi restituiti da Trump a Cohen, facendoli passare come spese legali per la campagna elettorale, falsando dunque la loro reale destinazione. Il processo è iniziato oggi con la selezione dei 12 giurati, che potrebbe durare anche 2 settimane, e con due decisioni, una favorevole, l’altra no, a Trump. Il giudice Juan Merchan ha infatt escluso dalle prove le registrazioni di Access Hollywood, con le frasi imbarazzanti di Trump sulla come trattare le donne. Ma, sempre il giudice, si è rifiutato di ricusare se stesso dal processo, come aveva chiesto Trump, che lo accusa di avere un pregiudizio negativo contro di lui. Quanto succederà nei prossimi giorni in quest’aula di New York rischia di essere comumnque un problema per la campagna di Trump. Potrebbe infatti alzare un velo sulla sua vita sentimentale e sessuale, creando più di un imbarazzo nell’elettorato religioso e conservatore dei repubblicani.

Anche Amadeus dice addio alla tv pubblica guidata dalla destra

Amadeus lascia la Rai. “Non è stata una scelta facile, è tempo di nuovi sogni”, ha detto il conduttore tv in un video. La decisione è stata ufficializzata oggi dopo un incontro con il direttore generale di Viale Mazzini, Giampaolo Rossi. Amadeus non rinnoverà il suo contratto in scadenza ad agosto. La Rai dice di aver fatto di tutto per trattenerlo, ma nei giorni scorsi si è parlato di pressioni subite dal conduttore per far lavorare personaggi dello spettacolo vicini al governo. Per l’ex direttore artistico di Sanremo ora sembra probabile il passaggio sul canale Nove del gruppo Warner Bros. Dopo Fabio Fazio e Corrado Augias, Amadeus si aggiunge alla lista di volti storici persi dalla tv pubblica, guidata dalla destra.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 9:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 24/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 24-05-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

Adesso in diretta