Approfondimenti

Il vertice dei ministri degli Esteri a Bruxelles, il faccia a faccia tra Joe Biden e Xi Jinping e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 14 novembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A fine giornata, da Bruxelles, il ministro degli Esteri Tajani ha fatto il punto sul dossier che in questo momento sta mettendo in difficoltà il governo, quello sui migranti. E intanto il governo punta ad aggiornare il codice di condotta delle Ong che effettuano salvataggi in mare. Nel momento di massima tensione da decenni a questa parte tra Stati Uniti e Cina, Joe Biden e Xi Jinping hanno trovato il canale per parlarsi, per tentare di riportare le relazioni a un livello meno conflittuale. Amazon si aggiunge alle aziende del cosiddetto BigTech che tagliano posti di lavoro, 10mila secondo il New York Times.

Tajani prova a mediare a Bruxelles sull’accoglienza dei naufraghi in Europa

(di Anna Bredice)

“I toni oggi non erano di frattura, c’è la volontà di tutti di cercare una soluzione europea”. A fine giornata, da Bruxelles il ministro degli Esteri Tajani fa il punto sul dossier che in questo momento sta mettendo in difficoltà il governo. È quello sui migranti, sul quale per la seconda volta nel giro di pochi giorni è toccato a Mattarella cercare di metterci una pezza, nel tentativo di non peggiorare le cose alla riunione dei ministri degli Esteri e isolare ancora di più l’Italia. I tempi per un possibile incontro tra Meloni e Macron al G20 non sono ancora maturi, ma era necessario poter partecipare al G20 con una linea europea non di rottura.
Alla riunione dei ministri degli Esteri, Tajani ha chiesto una soluzione condivisa e un vertice allargato anche ai ministri degli Interni, quel ministro che in Italia intanto sta studiando come restringere ancora di più le operazioni di salvataggio delle navi delle Ong. Tajani su come agirà il governo si è limitato a dire che ogni nave è un caso a sé, che andrà analizzato e poi si deciderà. Non poteva dire diversamente, non può esserci una retromarcia da parte del governo di destra, ma nello stesso tempo l’iniziativa presa da Mattarella di chiamare il presidente francese Macron, avvertendo Meloni quasi a cose fatte, senza che lei potessi dire sì o no, costringe il governo a ritornare sui binari. Non si sa fino a quando, soprattutto se questo meccanismo di strappo della destra e poi ricucitura del Quirinale potrà durare per sempre. Anche perché, così come dentro Forza Italia si chiede a Salvini e Meloni di abbassare il livello di scontro, c’è anche chi insiste nella linea dura, ad esempio La Russa, seconda carica dello Stato, contento perché “l’Italia, dice, ha tenuto la barra dritta”.

L’Italia vuole aggiornare il codice di condotta delle Ong

Tra le altre cose che Tajani ha detto c’è anche la conferma della volontà di aggiornare il codice di condotta delle Ong. Secondo alcune anticipazioni, il governo vorrebbe far loro firmare l’impegno ad avvisare le autorità quando effettuano dei salvataggi, a non segnalare la propria posizione ai barchini in partenza dalle coste libiche, a intervenire solo nei casi di emergenza. La prima condizione è già soddisfatta, perchè le ong fanno richiesta di porto sicuro quando salvano qualcuno, la seconda è impraticabile, pochè la posizione delle navi, umanitarie e non, è un dato pubblico, consultabile da chiunque. La terza è pleonastica: tutte le barche che partono dal sud del mediterraneo sono in condizioni di pericolo, come spiega Riccardo Gatti, responsabile soccorso di MSF sulla Geo Barents:


 

Il faccia a faccia tra Joe Biden e Xi Jinping a Bali

(di Michele Migone)

Nel momento di massima tensione da decenni a questa parte tra Stati Uniti e Cina, Joe Biden e Xi Jinping hanno trovato il canale per parlarsi, per tentare di riportare le relazioni a un livello meno conflittuale. I segnali che emergono dal faccia a faccia di Bali sono positivi. I due leader non hanno cambiato posizione sulle questioni più delicate, come Taiwan, ma si sono detti pronti a trovare compromessi su molti dei numerosi dossier che li dividono. Dobbiamo Governare la competizione tra i nostri due paesi, ha detto Biden aprendo il summit.
Nelle tre ore e mezza di faccia a faccia, con un confronto schietto, come si dice in diplomazia, sono state poste le prime basi per raggiungere questo obiettivo. Non si può dire se da Bali escano le premesse per un nuovo ordine mondiale imperniato su di una collaborativa competizione tra Cina e Usa, ma è evidente che, al di là della giusta prudenza mostrata, sia a Washington sia soprattutto a Pechino – che finora ha avuto un atteggiamento ambiguo con la Russia – si è riflettuto molto sulle conseguenze globali della guerra in Ucraina. Dall’inflazione al costo dell’energia, dalla crisi alimentare mondiale alla minaccia del nucleare: tutti fattori che preoccupano sia Biden sia Xi Jinping. E che, insieme alle recenti sconfitte della Russia, inducono anche la Cina a guardare con occhi diversi al conflitto, a circostanziare il suo rapporto con Mosca.
Il Presidente Usa è arrivato in Indonesia rafforzato dal buon risultato delle elezioni di Medio Termine, segno che la politica estera della Casa Bianca non cambierà nei prossimi anni. Un fattore di cui Xi Jinping non poteva non tenere presente. Alla fine, nella conferenza stampa, Biden è stato chiaro a fissare quelli che ritiene i punti chiave dell’incontro: la competizione tra i due paesi è forte, ma non sfocerà in una guerra fredda; la politica USA su Taiwn non cambia, ma la Cina non ha l’intenzione imminente di invadere l’isola. Il prossimo invio del segretario di stato Blinken a Pechino è la conferma che il clima tra Washington e Pechino potrebbe cambiare, diventare meno pesante.

Amazon si prepara a tagliare 10mila posti di lavoro

(di Massimo Alberti)

Amazon si aggiunge alle aziende del cosiddetto BigTech che tagliano posti di lavoro. 10mila secondo il New York Times. La decisione segue quella di altri grossi nomi del settore, da Meta, a Twtter, Microsoft. Un lungo elenco che somma circa 100mila posti di lavoro saltati nella cosiddetta Silicon Valley, tra l’1% e il 2% del totale. Fine della bolla, cause contingenti, o un assestamento strutturale del capitalismo? Un mix delle tre cose.
Jeff Bezos oggi ha fatto un annuncio: vuole disfarsi della maggior parte dei 124 miliardi del suo patrimonio per fare beneficenza contro le diseguaglianze. Curioso, da parte dell’inventore di un’azienda che ha fatto scuola nelle politiche antisindacali.
E nello stesso giorno in cui il New York Times ipotizza che intanto l’azienda da lui fondata si disferà di 10.000 lavoratori, l’1% del totale in una società che vive soprattutto di lavoro precario. C’è da dire che il capo finanziario di Amazon, Brian Olavsky, nei giorni scorsi aveva parlato addirittura di 27.000 tagli. Amazon è un caso specifico ma anche simbolico della crisi che investe il cosiddetto BigTech.
Amazon è nota per lavorare sostanzialmente in perdita per uccidere la concorrenza. Questo richiede però un’ampia capitalizzazione, vantaggiosa fino a quando il denaro costava zero, problematica ora che i tassi son saliti e il denaro costa caro. È un pezzo del problema che riguarda anche altre aziende, più o meno grandi, più o meno startup. Tra i grossi nomi hanno tagliato recentemente Meta, Twitter, Microsoft, ma anche Netflix, Snapchat. Chi non ha tagliato ha drasticamente ridotto le previsioni di nuove assunzioni.
Pesa il rimbalzo post pandemia, in cui questi servizi erano cresciuti vertiginosamente. E forse è presto per dire se si tratti di una crisi come per le dot com a inizio 2000. Ma certo è un problema più strutturale del semplice rimbalzo: in futuro elargire finanziamenti senza un immediato ritorno sarà più difficile. Il calo della domanda e l’imminente recessione spingeranno ad un ridimensionamento che non sarà breve e peserà su chi ci lavora, perché uscire dalla produzione di beni immateriali renderà estremamente difficile ricollocarsi, tanto meno alle stesse condizioni, perché anche la manifattura non se la passa per niente bene.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha iniziato la settimana dedicata a #Anche gli animali votano, in vista delle elezioni europee con Gianluca Felicetti, presidente di @LAV Lega Antivivisezione per definire la politica sugli altri animali, ma anche di Giornata mondiale delle api, @oasi Smeraldino, di Ribellione Animale contro il Food&Science Festival e il bambino morto per i morsi del cane, @oipa

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

Adesso in diretta