Approfondimenti

Un gruppo di civili ha lasciato Mariupol, le nuove misure del governo contro i rincari e le altre notizie della giornata

Quartieri residenziali di Mariupol devastati dai bombardamenti russi, 9 marzo 2022. ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 14 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Oggi c’è stato il quarto round della trattativa in videoconferenza, i colloqui riprenderanno domani, la delegazione ucraina parla di piccoli progressi possibili. Circa 35mila profughi ucraini hanno raggiunto l’Italia. La metà sono donne e 13mila i bambini. Le prime misure per affrontare i rincari soprattutto su energia e carburanti dovrebbero arrivare già questa settimana, con l’approvazione di un decreto legge. Oggi dal tribunale di Milano sono uscite due sentenze che riguardano dei dirigenti della Lega. William Hurt, attore, nato a Washington nel 1950 è morto a Portland nel 2022, per cause naturali. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Per la prima volta un gruppo di civili ha lasciato Mariupol

Oggi c’è stato il quarto round della trattativa in videoconferenza, i colloqui riprenderanno domani, la delegazione ucraina parla di piccoli progressi possibili.

I russi si dicono pronti ad attaccare le più grandi città del Paese e sostengono che la loro avanzata è stata rallentata apposta per permettere alla popolazione civile di andarsene – fonti occidentali invece dicono invece che gli invasori hanno difficoltà sul campo e sono stati finora fermati dalla resistenza di Kiev. Attorno alla capitale oggi è arrivata anche la milizia cecena, in vista dell’assalto finale.

Per la prima volta gruppi di civili sono riusciti a lasciare la città assediata di Mariupol, altre migliaia restano intrappolate senza cibo e farmaci. Oggi ci sono stati nuovi colpi di artiglieria su Kiev e altri centri urbani, il sindaco di Kharkiv dice che la sua città è “costantemente sotto il fuoco”. Oggi il numero più alto di vittime civili si è avuto a Donetsk, nel Donbass controllato dai russi, dove secondo fonti locali un missile avrebbe causato venti morti e decine di feriti. I separatisti dicono che il razzo è stato sparato dagli Ucraini, Kiev nega ogni responsabilità.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres parla di una guerra che può raggiungere proporzioni terrificanti e accusa Mosca di aver colpito 24 strutture mediche. Centinaia migliaia di persone sono senza acqua ed elettricità, sempre secondo l’Onu che oggi ha anche aggiornato la sua stima delle vittime civili: sono tra i 636 e i 1125, di cui i bambini tra i 46 e i 62.

Trentacinquemila profughi hanno raggiunto l’Italia

Sono oltre 2,8 milioni i profughi in fuga dalla guerra. Circa 35mila quelli che hanno raggiunto l’Italia. La metà sono donne e 13mila i bambini. Continuano ad arrivare nel nostro Paese a seguito di catene di solidarietà e accoglienza della comunità ucraina in Italia. Il presidente del Friuli Venezia Giulia, il leghista Massimiliano Fedriga, ha detto che per organizzare gli arrivi ci sarà bisogno dell’esercito.
In realtà al valico di Fernetti, vicino a Trieste, al momento c’è un supporto leggero delle organizzazioni umanitarie, con un punto di ristoro e distribuzione di beni di prima necessità. Si tratta di un punto di passaggio, ma in prossimo futuro le cose potrebbero cambiare, ci ha detto Gianfranco Schiavone, presidente del Consorzio italiano di solidarietà, in prima linea nell’accoglienza

 

In arrivo nuove misure contro il rincaro di energia e carburante

(di Anna Bredice)

Le prime misure per affrontare i rincari soprattutto su energia e carburanti dovrebbero arrivare già questa settimana, con l’approvazione di un decreto legge. Lo hanno fatto sapere alcuni fonti di Palazzo Chigi. Si sta pensando di utilizzare l’extra gettito Iva sui carburanti di questi mesi, oltre a questo intervenire anche sugli extraprofitti delle imprese di alcuni settori interessati a questi rincari, preservando in questo modo, fanno sapere queste fonti, la stabilità della finanza pubblica. L’obiettivo quindi è quello di utilizzare queste due forme di risparmio, extragettito ed extraprofitti, prendere da queste due voci le risorse finanziarie per ridurre i costi delle bollette, evitando così un nuovo scostamento di bilancio. Oltre a questo si penserebbe anche a una ulteriore forma di rateizzazione per il pagamento delle bollette. Un pacchetto di misure come risposta all’aumento dei costi dell’energia e dei carburanti, anche se su questo ultimo punto hanno avuto un peso i giudizi del ministro Cingolani che vede in questo aumento, soprattutto della benzina, una forma di speculazione, non ha specificato altro, ma la Procura di Roma ha aperto una inchiesta per fare luce su questo aspetto e in Parlamento invece alcuni gruppi politici hanno chiesto al ministro per la transizione ecologica di andare a riferire alle Camere circa questi aumenti non giustificati. Oggi anche alcune sigle della grande distribuzione, insieme a Confcommercio hanno chiesto al governo di intervenire sui costi dei principali beni di consumo tagliando eventualmente l’Iva, così come chiedono di intervenire sui costi della benzina riducendo le accise.

Lega, Centemero condannato a 8 mesi per finanziamento illecito

Oggi dal tribunale di Milano sono uscite due sentenze che riguardano dei dirigenti della Lega. Il tesoriere e deputato Giulio Centemero è stato condannato in primo grado a 8 mesi per un finanziamento da 40mila euro partito da Esselunga e arrivato all’associazione “Più voci”, di cui Centemero era rappresentante. Quei soldi poi sarebbero stati girati illecitamente alla Lega. L’altra sentenza è di secondo grado: il ministro del turismo Massimo Garavaglia è stato assolto dall’accusa di turbativa d’asta su una gara bandita nel 2014, quando era assessore in Lombardia. Assolto anche l’ex vicepresidente della regione Mario Mantovani, allora in Forza Italia e oggi in Fratelli d’Italia, che in primo grado era stato condannato per turbativa d’asta, corruzione e concussione. Garavaglia invece era stato giudicato innocente anche nel primo processo.

L’addio a William Hurt

(di Barbara Sorrentini)

Avrebbe compiuto settantadue anni il 20 marzo, quasi a primavera. William Hurt, attore, nato a Washington nel 1950 è morto a Portland nel 2022, per cause naturali ha dichiarato il figlio Will, mentre il figlio Alexander ha parlato di lunga malattia, probabilmente un cancro alla proposta, come riportato dal New York Times. La sua carriera cinematografica è ricchissima di personaggi diversi e sfaccettati, anche a teatro, a partire dal suo debutto nel 1980 con “Stati di Allucinazione” di Ken Russell e l’anno successivo con “Brivido Caldo” di Lawrence Kasdan: riesce a passare da uno scienziato allucinato a un amante perduto in una storia impossibile e omicida con Kathleen Turner, remake di “La fiamma del peccato” di Billy Wilder.

Ma il successo vero arriva con “Il grande freddo”, film corale, specchio di una generazione e presa di coscienza di un passaggio della vita a volte traumatico. Diretto ancora una volta da Lawrence Kasdan e con una colonna sonora impossibile da dimenticare. Con “Il bacio della donna ragno” nel 1985 arriva l’Oscar. Nel film di Hector Babenco, tratto dal romanzo di Manuel Puig, Hurt è un omosessuale, incarcerato, durante la dittatura militare in Argentina, per aver avuto un rapporto sessuale con un minore. Palma d’oro anche a Cannes come miglior attore. E qui siamo solo agli inizi, a cui seguiranno grandi e celebri interpretazioni: “Figli di un Dio minore” di Randa Haines, “Turista per caso” di Kasdan, “Alice” di Woody Allen, “Fino alla fine del mondo” di Wim Wenders, “La peste” di Luis Puenzo. E la lista è ancora lunghissima, con film diretti da Steven Spielberg, David Cronenberg, Ridley Scott, Sean Penn, Robert De Niro. Negli ultimi anni William Hurt non era scomparso, ma lo abbiamo ritrovato in film amati dalle nuove generazioni: la saga degli “Avengers” e l’ultimo “Black Widow” nel 2021.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

In Italia la sottovariante omicron fa risalire i contagi. Oggi sono il 32% in più di una settimana fa. Tornano a crescere i pazienti ricoverati negli ospedali. Ma il governo pensa di allentare le restrizioni. Mentre in Cina una intera provincia torna in lockdown

(di Chiara Ronzani)

La Cina torna a mobilitarsi contro il Covid e lo fa in grande. L’intera provincia di Jilin, 24 milioni di abitanti, è in lockdown, dopo che i contagi registrati sono stati 900 in un giorno. La zona confina con la corea del nord. Le autorità hanno disposto nuovi test di massa e predisposto ospedali d’emergenza. I residenti non possono uscire dalla provincia se non con autorizzazioni, mentre per rientrare è necessaria la quarantena. Soltanto ieri erano state decise misure restrittive nelle città di Shenzhen e Shanghai. Nel distretto tecnologico della zona è stato bloccato il lavoro alla Foxconn, l’azienda fornitrice della Apple, e in altre aziende. Anche qui test di massa per 17 milioni di residenti.
In Italia a causa della sottovariante di omicron BA2 i contagi risalgono. 28900 i nuovi positivi e 129 i morti nelle ultime 24 ore con un tasso di positività al 14,1%. La curva si è invertita ormai da 4 giorni. Risalgono anche i ricoveri in terapia intensiva e nei reparti covid. Il governo varerà in settimana un decreto che prevede un ulteriore allentamento delle misure di prevenzione, tra cui l’utilizzo del green pass. L’ha confermato il sottosegretario alla salute Costa, che ammette il peggioramento del quadro e per limitare la pressione sugli ospedali punta sul completamento del ciclo vaccinale

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 04/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 04-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 04/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 04-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 04/03/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 04-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 05/03/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 04-03-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 04/03/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 04-03-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 04/03/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 04-03-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 04/03/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 04-03-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 04/03/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 04-03-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 04/03/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 04-03-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 04/03/2024

    1) “La vittoria non poteva essere che collettiva”. In Francia la libertà delle donne di abortire è protetta dalla costituzione. Oggi riuniti a Versailles, deputati e senatori hanno messo ufficialmente il timbro ad una decisione storica. 2) A Gaza, nessuna tregua all’orizzonte. Tutte le strade per arrivare ad un cessate il fuoco prima dell’inizio del ramadan sembrano bloccate e il conflitto rischia di entrare in una nuova fase, ancora più dura. Gli stati uniti cercano di evitarlo. Oggi Benny Gantz sarà alla Casa Bianca. (Emanuele Valenti, Ilaria Masieri - Terres des Hommes) 3) Trump rimane in gara. La corte suprema degli Stati Uniti ha stabilito che l’ex presidente è eleggibile in Colorado, che ne aveva chiesto l’esclusione per il suo ruolo nell’assalto di Capitol Hill. La decisione è stata unanime e sarà un precedente anche per gli altri stati. (Roberto Festa) 4) Al via il Lianghui, la doppia sessione dei parlamenti cinesi. L’appuntamento annuale che detta la linea politica di Pechino per l’anno in corso. (Gabriele Battaglia) 5) Serie TV. Su Sky Atlantic “The Regime”, la nuova serie con Kate Winslet, a cavallo tra la commedia grottesca e la satira politica. (Alice Cucchetti)

    Esteri - 04-03-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 04/03/2024

    (109 - 491) Dove non parliamo della notizia del giorno ma ne accenniamo solamente grazie a Simona Ventura. Poi, per la rubrica di Parigi 2024, ospitiamo la capitana della nazionale femminile di pallanuoto Valeria Palmieri. In conclusione sondaggione sulle cose strane che mangiavamo da bambini (dalla coccoina al trifoglio...).

    Muoviti muoviti - 04-03-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 04/03/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 04-03-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 04/03/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 04-03-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 04/03/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 04-03-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 04/03/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle 14.00 che oggi ha ospitato Paola Peresin, biologa della conservazione, per parlarci del suo libro Bestiario, Piccolo dizionario di grandi bioequivoci (Kellermann Editore), ma anche di @assemblea Antispecista e di presidio per gli orsi e scopriamo che Paola voleva essere quella che è una Sapiens

    Considera l’armadillo - 04-03-2024

  • PlayStop

    Podcast enlargement

    quando in una puntata xxl iniziamo con un Bello Notizie particolarmente Bello, ospitiamo Pierfelice degli Uberti nella seconda puntata della rubrica Fun with Flags e infine ascoltiamo un altro giro di interviste di Gianstage ai giovani

    Poveri ma belli - 04-03-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 04/03/2024

    Oggi a Cult: Claudia Durastanti per il suo nuovo libro "Missitalia" (La Nave di Teseo)); a Palazzo Reale di Milano la mostra fotografica "Contemporary Museum Watching"; a I Boreali 2024 la scrittrice svedese Ia Genberg con il suo "I dettagli" (Iperborea); la rubrica di musica classica a cura di Giuseppe Califano...

    Cult - 04-03-2024

Adesso in diretta