Approfondimenti

La popolazione di Gaza ridotta allo stremo, l’attacco del governo al diritto di sciopero e le altre notizie della giornata

Landini ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 13 novembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Le strutture sanitarie di Gaza City sono in questi giorni al centro degli scontri tra Hamas ed esercito israeliano e la situazione è sempre più disperata, con decine di persone decedute a causa della mancanza di elettricità. Il governo Meloni vuole rivedere tutta la normativa in materia ambientale e per questo ha messo in piedi una commissione i cui membri stanno sollevando qualche dubbio tra le opposizioni. E in queste stesse ore il governo ha sferrato un altro attacco al diritto allo sciopero sancito dalla Costituzione. Per la strage di Piazza della Loggia è stato rinviato a giudizio Roberto Zorzi, accusato di essere uno degli esecutori materiali dell’attentato a Brescia.

La popolazione di Gaza sempre più abbandonata a sé stessa

“L’ospedale Al-Shifa, il principale ospedale nella Striscia di Gaza, sta diventando un cimitero”.
Le parole sono dell’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, e danno tutto il senso del dramma senza fine che sta vivendo la popolazione civile di Gaza. Le strutture sanitarie di Gaza City sono in questi giorni al centro degli scontri tra Hamas ed esercito israeliano, convinto che il gruppo palestinese abbia i suoi centri di comando proprio sotto alcuni ospedali, a partire da quello di Al-Shifa. Questa sera le autorità locali palestinesi hanno anche dato l’ultimo bilancio delle vittime: 11.240, di cui 6.630 bambini.

(di Emanuele Valenti)

La situazione dell’ospedale Al-Shifa – per quello che possiamo capire e per le notizie che ci arrivano – ci fa capire il grado di sofferenza della popolazione civile di Gaza. Negli ultimi tre giorni sarebbero morti, per la mancanza di corrente, 32 pazienti, compresi 3 neonati prematuri. Altri 36 neonati non possono stare più nelle incubatrici. “Non avrei mai pensato di trovarmi in una situazione del genere, con tutti questi piccoli davanti a me in pericolo di vita”, ha raccontato al telefono, all’agenzia Reuters, il direttore del reparto di pediatria.
L’ospedale non funziona, ma dentro ci sono centinaia di persone. I militari israeliani – dicono i medici all’interno – sarebbero praticamente all’ingresso. All’interno e in cortile decine e decine di cadaveri a terra. La Mezzaluna Rossa Palestinese ha provato oggi a raggiungere un altro ospedale ormai inattivo, Al Quds, sempre a Gaza City, per evacuarlo. Gli scambi a fuoco e i bombardamenti hanno bloccato il suo convoglio.
Anche le Nazioni Unite hanno detto che tra 48 ore, per la mancanza di carburante, non potranno più assistere la popolazione di Gaza. L’UNRWA, Agenzia ONU per i Rifugiati Palestinesi, ha perso più di 100 dipendenti in questa guerra. E nelle sue strutture ci sono 780mila persone.
I militari israeliani hanno detto di aver offerto carburante per i neonati degli ospedali. I palestinesi hanno risposto che non possono nemmeno uscire per recuperarlo.

Situazione drammatica in tutti gli ospedali della Striscia. Sentiamo il racconto del Dottor Hamad, direttore dell’ospedale Al-Awda di Jabalia, proprio sotto il confine con Israele:

 

Sale ancora la tensione tra Israele ed Hezbollah

(di Emanuele Valenti)

Pochi minuti fa sono suonate nuovamente le sirene a Tel Aviv e in altre zone di Israele. Intenso scambio a fuoco anche al confine nord, tra esercito israeliano ed Hezbollah libanesi. Gli ultimi sviluppi non sembrano indicare una fine rapida del conflitto.
Poco fa Netanyahu ha mandato un messaggio ai soldati israeliani: questa è una guerra fino alla fine, fino alla fine di Hamas, altrimenti tornerà. Il suo ministro degli esteri, Cohen, commentando le pressioni internazionali per una tregua, ha forse dato un orizzonte temporale: abbiamo ancora 2/3 settimane.
In realtà le pressioni internazionali sono soprattutto quelle delle agenzie umanitarie. Oggi i ministri degli esteri dell’Unione Europea hanno chiesto pause umanitarie, non un cessate il fuoco. E hanno anche condannato Hamas per l’uso degli ospedali come scudi umani. In linea con gli Stati Uniti.
Anche l’aumento degli scambi a fuoco al nord, tra esercito israeliano ed Hezbollah libanesi, conferma come le cose non si stiano assolutamente calmando. Hezbollah ha già perso 70 miliziani. Oggi c’è stata anche una nuova vittima israeliana. Netanyahu ha detto che Israele risponderà con tutta la sua forza a ogni attacco, ma ha precisato come al momento la priorità sia la distruzione di Hamas. La notte scorsa gli Stati Uniti avevano colpito postazioni di milizie pro-iraniane in Siria. Sul fronte umanitario, invece, la Turchia sta per allestire un ospedale da campo al valico di Rafah, sul lato egiziano.

L’attacco senza precedenti al diritto di sciopero sancito dalla Costituzione

(di Anna Bredice)

Devono fare molta paura al governo cinque giornate di sciopero, manifestazioni e presidi in 58 piazze contro una manovra che disattende tutte le promesse elettorali e imbavaglia anche la maggioranza in Parlamento. Il rischio è di mostrare il Re nudo. I pochi risultati dal punto di vista sociale e una piazza che può unire un sindacato forte e un’opposizione, che contro la legge di bilancio della destra sta ritrovando il dialogo, hanno portato ad un attacco senza precedenti al diritto di sciopero sancito dalla Costituzione. Cgil e Uil hanno confermato la loro protesta ma arriveranno allo sciopero di venerdì con un atto di delegittimazione portato avanti soprattutto da Matteo Salvini, con una commissione di garanzia che, nominata per statuto dai presidenti di Camera e Senato, quindi dalla maggioranza, si è posta in maniera evidente per tempi e modi come ripetitore delle proteste di un ministro. Salvini ha usato come pretesto il settore dei trasporti di cui è responsabile per sferrare l’attacco alla Cgil, usando quel repertorio populista e demagogico che vede gli scioperi il venerdì come l’allungamento del weekend dei lavoratori e non come una rinuncia ad un giorno di stipendio per una battaglia sindacale. Salvini attacca il sindacato, che è riuscito nei mesi scorsi a portare in piazza San Giovanni migliaia di persone, per coprire i fallimenti suoi, quelli di una manovra che ha disatteso le sue promesse a cominciare proprio dalle pensioni, un punto importante nelle battaglie dei sindacati confederali, a cominciare dalla Cgil. Giorgia Meloni non ha detto nemmeno una parola a difesa del diritto di sciopero – all’opposizione lo avrebbe fatto – ma anche per la Presidente del Consiglio la Cgil di Landini rappresenta una minaccia perché amplifica il dissenso sociale che lei sta tentando di coprire con la riforma del premier forte. L’obiettivo è indebolire la Cigl, quella Cgil che dopo 27 anni aveva invitato al suo congresso un presidente del Consiglio, per la prima volta un governo di destra.

Le mani del governo sull’ambiente con una commissione che solleva qualche dubbio

(di Cecilia Di Lieto)

Una commissione di 32 membri che dovrà mettere mano alle norme su rifiuti, mare, natura, aree protette, caccia, foreste, territorio, idrogeologia, inquinamento, bacini, valutazioni d’impatto ecc. ecc. La bozza di legge delega, dopo l’approvazione del Parlamento dovrebbe portare ai decreti delegati sulle varie materie. Il tutto in forma coerente con l’articolo 9 della Costituzione dell’11 febbraio 2022, quello che parla di ambiente, biodiversità e tutela degli animali, e con i principi eurounitari e internazionali. Si tratta di mettere mano a 40 anni di conquiste ambientali del paese.
Zanella e Bonelli dell’opposizione sollevano forti dubbi sulla composizione della Commissione fatta di docenti universitari, ingegneri, avvocati a volte coinvolti in interessi di aziende costruttrici e petroliere, ma anche di politici di Lega e Forza Italia non eletti. Un ultimo particolare: l’articolo 8 del decreto prevede che la bozza di legge sia pronta entro il 31 gennaio 2024, un vero tour de force oppure la bozza, magari, è già pronta?

Roberto Zorzi rinviato a giudizio per la strage di Piazza della Loggia

Per la strage di Piazza della Loggia è stato rinviato a giudizio Roberto Zorzi: l’accusa è di essere uno degli esecutori materiali, cioè coloro che misero la bomba nella piazza del centro di Brescia durante una manifestazione sindacale il 28 maggio 1974. Con lui, Marco Toffaloni, allora 16enne. La bomba – piazzata in un cestino dei rifiuti – uccise 11 persone e più di cento rimasero ferite.
Zorzi oggi ha 70 anni, è cittadino americano, vive negli Stati Uniti ed è titolare di un allevamento di dobermann chiamato ‘Il littorio’.
Zorzi e Toffaloni negli anni 70 gravitavano nell’orbita di Ordine nuovo, movimento neofascista , ed erano secondo gli inquirenti agli ordini del leader veneto Carlo Maria Maggi, condannato in via definitiva all’ergastolo per la strage insieme all’informatore dei servizi segreti Maurizio Tramonte. Il processo a Zorzi comincerà a febbraio 2024, l’anno del 50esimo anniversario della strage.

Record di incassi al cinema per il film di Paola Cortellesi

(di Barbara Sorrentini)

Dal 26 ottobre al 12 novembre più di undici milioni di incasso. Tutti ne parlano, tutti ne scrivono e ancora molta gente non è riuscita ad entrare al cinema. È il film di Paola Cortellesi “C’è ancora domani”, che con questo titolo, per dirlo con una battuta, sembra avere accelerato la corsa al cinema. Certo c’è ancora domani, ma anche dopodomani e probabilmente ancora per molte settimane. Come ci si spiega che in diciotto giorni questo film in bianco e nero, ambientato nel 1946, abbia ottenuto un risultato cosi sorprendente? Primo posto al box office dal giorno dell’uscita, più alto incasso per un film italiano di tutto il 2023 e dall’inizio della pandemia. Se continua così supererà anche “Barbie”, tuttora al primo posto assoluto per il 2023. Tra l’altro sono due film girati da due registe donne e che mettono al centro della storia l’empowerment femminile. Probabilmente è proprio qui la risposta a tanto successo, il tema della violenza in casa, di un bisogno di emancipazione che è ancora molto attuale. Con uno sguardo leggero si alternano situazioni drammatiche, discriminatorie, di prepotenza e di dominio dell’uomo sulla donna. È facile identificarsi, ritrovare o conoscere le battaglie fatte dalle nostre nonne e poi conquistate dalle nostre madri. “C’è ancora domani” è un film per le nuove generazioni di ragazze, sicuramente più emancipate di quelle di allora, ma ancora con tanta strada da fare. Perché nulla è più dato per scontato.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 26/05 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 26/05/2024

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle sue trasmissioni, musicali e non. La nostra scelta racconterà molte novità discografiche, ma non soltanto. E ogni domenica, con mezz’ora di speciale, concluderemo i sette giorni proponendo un profilo approfondito del nostro Artista della Settimana.

    L’Artista della settimana - 26-05-2024

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 26/05/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 26-05-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 26/05/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 26-05-2024

  • PlayStop

    Mitologia Popular di domenica 26/05/2024

    Mitologia Popular esplora e racconta il folclore e la cultura popolare brasiliana: da miti e leggende come Saci Pererê, Mula sem cabeça, Cuca alla storia di piatti tipici come la feijoada o la moqueca, passando per la letteratura, il carnevale, la storia delle città più famose e la musica, ovviamente. Conduce Loretta da Costa Perrone, brasiliana nata a Santos che, pur vivendo a Milano da anni, è rimasta molto connessa con le sue origini. È autrice del podcast Lendas con il quale ha vinto gli Italian Podcast Award per il secondo anno consecutivo.

    Mitologia Popular - 26-05-2024

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 26/05/2024

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione di genere, né musicale né letterario. Ci muoveremo seguendo i percorsi segreti che legano le opere l’una all’altra, come a unire una serie di puntini immaginari su una mappa del tesoro. Memoir e saggi, fiction e non fiction, poesia (moltissima poesia), musica classica, folk, pop e r’n’r, mescolati insieme per provare a rimettere a fuoco la centralità dell’esperienza umana e del racconto che siamo in grado di farne.

    Giocare col fuoco - 26-05-2024

  • PlayStop

    Pop Music di domenica 26/05/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 26-05-2024

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 26/05/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 26-05-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/05/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 26-05-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/05/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 26-05-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/05/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 26-05-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/05/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 26-05-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 26/05/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 26-05-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

Adesso in diretta