Approfondimenti

I risultati parziali delle elezioni, i giorni decisivi della battaglia per Severodonetsk e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 13 giugno 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il grande sconfitto di questa tornata elettorale è senza dubbio Matteo Salvini: Fratelli d’Italia si sta mangiando la Lega, non solo al sud e al centro ma da stasera anche al nord. Vediamo nel dettagli i risultati parziali diffusi, tra conferme, ballottaggi e difficoltà ai seggi. Oggi le borse europee sono andate male, come era successo nella seduta precedente, quella di venerdì. Tra le peggiori Milano, dove il valore dei titoli è sceso del 2,8%. In Ucraina, intanto, la battaglia per Severodonetsk sembra entrata nei giorni decisivi e i consiglieri di Zelensky hanno chiesto nuovamente armi all’Occidente per colmare il grosso divario per quanto riguarda l’artiglieria. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

I risultati parziali del voto tra ballottaggi e scrutini troppo lenti

I capoluoghi di Regione al voto erano quattro: Genova, Palermo, L’Aquila e Catanzaro. I primi due sono già vinti al primo turno dal centrodestra, L’Aquila è in bilico ma pende da quella parte, a Catanzaro lo stesso centrodestra è in vantaggio ma ci sarà ballottaggio.
A Genova l’uscente di centrodestra Bucci è dato al 55%, contro il 37% del candidato di centrosinistra Arie Dello Strologo.
Anche a Palermo il centrodestra vincerebbe al primo turno. Perché il condizionale? Perché a Palermo ci sono state le note difficoltà nel reperimento degli scrutatori, per usare un eufemismo, e quindi i dati non arrivano: ufficialmente le sezioni scrutinate sono 0 e quindi la percentuale assegnata al candidato del centrodestra Lagalla, il 48%, è basata sostanzialmente ancora sugli exit polls. Vincerebbe al primo turno col 48% perchè la legge regionale siciliana fissa nel 40% (e non al 50%) la percentuale di voti necessari per centrare l’obiettivo.
Vittoria al primo turno in bilico per il centrodestra anche all’Aquila, anche qui lo spoglio è lento, o perlomeno la comunicazione dei dati al Ministero: gli exit polls davano il candidato di centrodestra vincente al primo turno col 51%, ma i dati reali delle poche sezioni scrutinate fissano invece l’asticella sotto il 50%, al 48%. La sfidante di centrosinistra, Stefania Pezzopane, è data al 23%.
A Catanzaro infine ci sarà ballottaggio: qui il candidato in vantaggio è quello di Forza Italia Donato Valerio, al 47%, Fratelli d’italia si è presentata da sola e ha ottenuto una percentuale tra il 7% e il 9%. Il candidato di Pd e Cinque Stelle Nicola Fiorito è fermo al 31%.

Vediamo brevemente qualche altra città, tra gli altri 22 capoluoghi al voto (le amministrative riguardavano oltre 1500 comuni). Innanzitutto Verona, con la sorpresa Damiano Tommasi, ex calciatore candidato per il centrosinistra in vantaggio con il 40% dei voti sui suoi due sfidanti, la destra qui si è presentata divisa. Tra Flavio Tosi e Federico Sboarina l’ha spuntata quest’ultimo col 32%: sarà dunque il sindaco uscente a sfidare Tommasi al ballottaggio.
A Parma il centrosinistra è in vantaggio. Ci sarà ballottaggio, ma il candidato di centrosinistra Michele Guerra ha quasi il doppio dei voti del suo sfidante di centrodestra Pietro Vignali. Il Cinque Stelle qui non era neppure sulle schede.

Matteo Salvini, il grande sconfitto dopo il voto di domenica

(di Luigi Ambrosio)

Il grande sconfitto è senza dubbio Matteo Salvini. Fratelli d’Italia si sta mangiando la Lega, non solo al sud e al centro ma da stasera anche al nord. A Genova, a Verona, a Padova, a Como, a Monza spesso Fratelli d’Italia è il primo partito e in ogni caso la Lega è sempre dietro, nella maggior parte dietro anche alle liste civiche.
Salvini perde voti a favore di Meloni e perfino a favore di Forza Italia.
Lui ha messo subito le mani avanti: “Siamo il collante della coalizione – ha detto – e il leader del centrodestra si deciderà alle elezioni politiche”.
La prima affermazione, dati i risultati, è falsa. La seconda è un desiderio che si scontra con la realtà. È Giorgia Meloni che si può candidare a essere la leader della coalizione e perfino Forza Italia può avere qualcosa da dire.
Salvini invece adesso deve guardarsi dai suoi. Una cosa è il declino del progetto di “Lega nazionale”. Un’altra cosa è perdere il potere al nord. Questo, nessuno nella Lega è disposto a perdonarglielo.
Aggiungiamo il fallimento dei referendum. Cinque quesiti sulla giustizia, promossi da Salvini insieme ai radicali, che non solo sono stati boicottati da avversari e alleati ma che rappresentavano una contraddizione politica.
Salvini è sempre stato un giustizialista e ora si è proposto come paladino del garantismo. Logico che un elettore non comprenda. In via Bellerio ora si chiedono perché si sia imbarcato in un’avventura simile. E si chiedono quanti danni abbia fatto la troppa vicinanza con Putin, di cui storia del biglietto aereo per Mosca che l’ambasciata russa era pronta a pagargli è solo il culmine comunicativo. Guardano tutto questo e sopportano perché alternative non ne hanno. A Roma, Meloni invece festeggia. E si prepara a diventare la numero uno della coalizione che punta a vincere le elezioni politiche.

I giorni decisivi della battaglia per Severodonetsk

La guerra in Ucraina. La battaglia per Severodonetsk sembra entrata nei giorni decisivi.
Il destino della città è segnato – i russi continuano ad avanzare – ma le modalità della sua caduta saranno importanti per il futuro del conflitto nel Donbass e probabilmente in tutto il paese.

(di Emanuele Valenti)

Qui ci sono questioni pratiche, ma anche alcuni elementi simbolici, visto che la caduta di Severodonetsk sta lasciando agli ucraini un solo ultimo centro urbano nella regione di Luhansk, Lysychansk, a ovest di Severodonetsk, dall’altra parte del fiume Seversky Donetsk.
La notizia di questa sera è proprio che tutti i ponti che collegano le due città sono stati distrutti. Gli ucraini non possono più far arrivare rinforzi ai militari rimasti, così come non possono più evacuare i civili. Lo ha detto poco fa il governatore regionale di Luhansk, Haidai. Quindi Severodonetsk è isolata.
I russi stanno assediando le ultime truppe di Kyiv asserragliate nel distretto industriale. In un grosso impianto chimico, Azot, ci sono anche centinaia di civili. Con tutte le differenze del caso quello che abbiamo già visto a Mariupol.
I russi stanno bombardando anche Lysychansk – che sorge su una collina, quindi in una zona più facile da difendere, almeno via terra – e altre città del Donbass.
Il prossimo obiettivo dovrebbe essere Sloviansk, regione di Donetsk.

Con la difesa disperata di Severodonetsk gli ucraini hanno cercato di prendere tempo: far arrivare le ultime armi occidentali, fare in modo che siano utilizzabili con l’addestramento dei soldati, prepararsi ad altre battaglie nel Donbass. A questo punto Lysychansk e poi Slaviansk e Kramatorsk.
Da come l’esercito russo uscirà dalla conquista di tutta la regione di Luhansk dipenderà la sua forza nel prossimo passo, l’attacco per prendere anche la regione di Donetsk e quindi tutto il Donbass.

I consiglieri di Zelensky hanno chiesto nuovamente armi all’Occidente per colmare il grosso divario per quanto riguarda l’artiglieria, che sta decidendo la guerra.
Mercoledì si riuniranno a Bruxelles i ministri della difesa dei paesi che stanno supportando militarmente Kyiv, tra i quali ci sono differenze. Il giorno dopo dovrebbero far visita a Zelensky Macron, Draghi e Scholz.

A ricordarci la complessità del quadro uno studio del Centro di Ricerca per l’Energia e l’Aria Pulita. Un istituto indipendente finlandese. Nonostante le sanzioni, e grazie all’aumento dei prezzi dell’energia, Mosca ha incassato dall’inizio della guerra, con le esportazioni di gas e petrolio, 93 miliardi di dollari. Oltre il 60% dell’export è andato all’Europa. In cima alla lista Germania e Italia.

Borse in calo, all’OMC a Ginevra si discute anche dei brevetti sui vaccini

Oggi le borse europee sono andate male, come era successo nella seduta precedente, quella di venerdì. Tra le peggiori Milano, dove il valore dei titoli è sceso del 2,8%. Lo spread, la differenza di rendimento tra obbligazioni italiane e tedesche, ha chiuso la giornata a 238 punti, 10 in più di stamattina. Il rendimento dei Btp decennali ha toccato il massimo dal 2013. Negativo anche il mercato statunitense di Wall Street. Dopodomani la Banca Centrale di Washington potrebbe allentare il suo sostegno all’economia, come ha fatto giovedì la BCE, in un contesto segnato dalla forte inflazione e da timori legati alle conseguenze della guerra in Ucraina.
Di queste conseguenze si sta parlando a Ginevra in una riunione dell’OMC, l’organizzazione mondiale del commercio, in cui tra i temi in discussione – almeno in teoria – c’è anche quello dei brevetti sui vaccini anti-COVID, come spiega il nostro collaboratore Vittorio Agnoletto:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 04/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/04/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 04/07/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/04/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 05/07/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 07/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 04/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/04/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di lunedì 04/07/2022

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 07/04/2022

  • PlayStop

    La Portiera di lunedì 04/07/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 07/04/2022

  • PlayStop

    La Portiera di lunedì 04/07/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 07/04/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lunedì 04/07/2022

    Frenesia alimentare, quando gli animali si abbuffano. Desc con Zeina Ayache e Andrea Bellati

    Di tutto un boh - 07/04/2022

  • PlayStop

    Midnight Ramblers di lunedì 04/07/2022

    60 anni fa. La nostra storia inizia dalla data che ha ispirato questo documentario: 12 luglio 1962, quando i Rolling…

    Midnight Ramblers - 07/04/2022

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di lunedì 04/07/2022

    quando affrontiamo l'inizio della stagione estiva, elargiamo alcuni consigli sulle vacanze sostenibili e poi ci imbarchiamo in un volo (pindarico,…

    Poveri ma belli - 07/04/2022

  • PlayStop

    Odara Caetano Veloso #80 di lunedì 04/07/2022

    Odara in yoruba vuol dire bello, positivo, luminoso. Odara è una canzone di Caetano Veloso dell’album Bicho, del 1977. Caetano…

    Odara – Caetano Veloso #80 - 04/07/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 04/07/2022

    Oggi inizia Cult Estate, il quotidiano culturale estivo di Radio Popolare in onda dalle 10.00 alle 11.30! Fra gli argomenti:…

    Cult - 07/04/2022

  • PlayStop

    Odara Caetano Veloso #80 di lunedì 04/07/2022

    Odara in yoruba vuol dire bello, positivo, luminoso. Odara è una canzone di Caetano Veloso dell’album Bicho, del 1977. Caetano…

    Odara – Caetano Veloso #80 - 07/04/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di lunedì 04/07/2022

    La Radiosveglia di oggi: rassegna stampa dei principali quotidiani, con le riflessioni sulla strage della Marmolada, l'apertura della fitta settimana…

    Radiosveglia - 07/04/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 04/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/04/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 03/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/03/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 03/07/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 07/03/2022

Adesso in diretta