Approfondimenti

I risultati delle regionali in Lombardia e Lazio, il tribunale di Catania contro il decreto Piantedosi e le altre notizie della giornata

Fontana Elezioni ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 13 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La destra ha vinto le elezioni regionali meno votate di sempre. Lo spoglio è ancora in corso, ma il risultato è ormai certo. Con grande margine, Attilio Fontana e Francesco Rocca sono stati eletti presidenti di Lombardia e Lazio. I risultati delle elezioni in Lombardia condannano il Partito Democratico ad altri cinque anni di opposizione, ma stavolta il primo partito è Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni. Lo stacco con la Lega, al momento, non sembra aumentato troppo rispetto ai risultati delle politiche del 25 settembre e Matteo Salvini gioisce. “Il Decreto Piantedosi è illegittimo poiché limita l’obbligo di salvataggio in mare alle sole persone in precarie condizioni di salute, in contrasto col diritto internazionale”: lo scrivono i giudici di Catania nella sentenza sul ricorso presentato dalla nave umanitaria Humanity 1 contro gli sbarchi selettivi. È passata una settimana dal terremoto in Siria e Turchia e oggi il capo degli aiuti delle Nazioni Unite Martin Griffiths, in visita ad Aleppo, ha detto che la fase di soccorso dopo il terremoto sta “volgendo al termine” e che ora parte un’altra fase, quella umanitaria, più lunga e complicata.

La destra vince le elezioni regionali meno votate di sempre

La destra ha vinto le elezioni regionali meno votate di sempre. Lo spoglio è ancora in corso, ma il risultato è ormai certo. Con grande margine, Attilio Fontana e Francesco Rocca sono stati eletti presidenti di Lombardia e Lazio. Le proiezioni confermano di fatto il quadro delle politiche del 25 settembre, con poche variazioni. A destra la coalizione guidata da Meloni si rafforza di 2 punti percentuali con la Lega che, a sorpresa, non crolla come ci si aspettava. A sinistra, invece, tiene il PD che supera il 20% in entrambe le regioni, ma fallisce la formula delle alleanze, sia quella con il M5S in Lombardia, sia quella con il Terzo Polo nel Lazio.
Il dato più forte, però, è quello che arriva dall’astensione: mai così pochi elettori hanno partecipato a un voto regionale.

(di Anna Bredice)

“Il risultato è un’onda lunga delle elezioni politiche”: questo è il commento più diffuso sui dati che arrivano dalle due regioni, Lombardia e Lazio. Una conferma del risultato di settembre, che vede entrambe le coalizioni di destra andare anche meglio delle politiche. Anzi, in Lombardia con il passare delle ore si consolida questo dato. Lo stesso accade per il centrosinistra: i voti fotografano più o meno il risultato delle politiche, anche se sono state portate al voto alleanze variabili e diverse. Le due coalizioni dimostrano che da cinque mesi a questa parte l’opinione degli elettori che sono andati a votare non è cambiata di molto. È cambiata invece la distribuzione interna dei voti e il risultati degli altri partiti. In particolare dei Cinque Stelle, che perdono di molto rispetto a settembre, la sfida di Conte di poter prendere più voti del Pd è fallita e impietoso è il confronto rispetto alle regionali di cinque anni fa sia in Lombardia che nel Lazio. Lo stesso accade per il terzo polo in Lombardia. All’interno del centro destra si consolida il risultato di Fratelli di Italia, ma pur essendo quasi al 30% in Lombardia e oltre il 30% nel Lazio, il partito non vola rispetto alla Lega e a Forza Italia . Questo probabilmente è una buona notizia per Giorgia Meloni, perché il successo del suo partito non avrà conseguenze negative, almeno non troppe, nell’equilibrio generale del governo. Se il confronto con settembre dà una certa continuità, quello con le regionali di cinque anni fa racconta di un’altra realtà sia a destra che a sinistra. Da un lato c’era Berlusconi che aveva ancora un grande potere, dall’altro i Cinque Stelle con il vento ancora a favore, pronti a prendersi tutto.

La resa dei conti nella Lega è rimandata

In Lombardia Attilio Fontana è stato riconfermato presidente con più del 50% dei voti. Il tracollo della Lega, previsto dai sondaggi, non c’è stato.
(di Alessandro Braga)

A Matteo Salvini meglio di così non poteva andare. Attilio Fontana riconfermato con percentuali che ricalcano, al netto del crollo dell’affluenza, quelle di cinque anni fa. E questo era tutto sommato prevedibile. La vera sorpresa positiva per il leader leghista è il risultato del Carroccio. Anche qui, andranno guardati i numeri assoluti ma, politicamente, quello che conta sono le percentuali. E al momento quelle dicono che la Lega non solo conferma il risultato (non buonissimo a dire il vero) delle politiche del 25 settembre ma recupera addirittura qualche punto. Certo, Fratelli d’Italia si conferma primo partito della coalizione ma la Lega non molla. La distanza tra il partito di Giorgia Meloni e quello di Matteo Salvini (i dati sono ovviamente ancora parziali) si attesterebbe intorno ai dieci punti percentuali. Insomma, nessun doppiaggio, o peggio, di FdI sulla Lega. Se si sommano al risultato leghista quello, buono, della lista Fontana, il distacco è minimo (3-4%). Salvini, sorridente, rivendica il risultato. E se lo giocherà, c’è da scommetterci, su più piani. A livello di governo centrale con Giorgia Meloni sicuramente. A livello regionale coi vertici lombardi di Fratelli d’Italia. Attilio Fontana ha 15 giorni di tempo per formare la giunta regionale. Le indiscrezioni degli ultimi giorni parlavano di un’offensiva dei meloniani per portare avanti un’Opa su numeri e nomi dell’esecutivo regionale. Ora Salvini e i leghisti potranno avere buon gioco nel tenere il punto, e mantenere le loro posizioni di interesse. E, non ultimo, il leader leghista avrà la forza per stoppare chi, all’interno della Lega, vuole un cambio netto. Almeno per ora, la resa dei conti nella Lega è rimandata.

Altri cinque anni d’opposizione in Lombardia per il PD

Nell’opposizione il candidato di PD e M5S, Pierfrancesco Majorino, ha ottenuto circa il 32%, secondo le ultime proieizioni. Ancora più dietro il Terzo Polo di Letizia Moratti, al 10,4%. Ultima Mara Ghidorzi di Unione Popolare all’1,9%. L’alleanza voluta da Majorino tra PD e Movimento 5 Stelle non ha impensierito la destra.

(di Claudio Jampaglia)

Altri cinque anni d’opposizione in Lombardia significa oltrepassare un trentennio di governo della destra, stavolta pure con Fratelli d’Italia primo partito (dal 3,4 al 26%), ed è quindi una magra consolazione per il PD piazzarsi come secondo partito, in crescita, quando tutto attorno crolla: prima di tutto la partecipazione di un elettorato che piuttosto di votare il cambiamento proposto diserta le urne; e poi gli alleati, i 5Stelle inseguiti e desiderati che portano uno scarso 4,5%, lontanissimi dal 18% di cinque anni fa (ma anche Verdi e sinistra Italiana che non si schiodano dal 3%). Ci si consola con la maggioranza del voto giovanile per Majorino e soprattutto con la debacle di Moratti o meglio di Calenda e Renzi che vedono la mossa di candidare Letizia Moratti trascinarli a uno scarso 4%, meno della metà delle ultime politiche. Tradotto in politichese, quindi, per il Pd non sarebbe nemmeno andata tanto male: se l’obiettivo di soli sei mesi fa era distruggerlo, sono ancora qua, sempre senza segretario, ma ancora secondo partito e sopra il simbolico 20%. Poca roba però rispetto alla politica. Nessuno nel centrosinistra avrebbe immaginato con vantaggio aumentato per Fontana, non dopo tutto quello che è successo, non lo pensava sicuramente Majorino che in consiglio regionale ci andrà dimettendosi da europarlamentare (mentre Moratti non ci sarà). Un campagna elettorale cortissima, un candidato scelto tardi, alleanze complicate e proposte concrete ancora più tardive hanno sicuramente contribuito alla sconfitta. Ma la botta è talmente forte che merita un’analisi e un cambiamento di prospettiva. Prossima tappa le primarie.

Il tribunale di Catania definisce illegittimo il decreto Piantedosi

“Il Decreto Piantedosi è illegittimo poiché limita l’obbligo di salvataggio in mare alle sole persone in precarie condizioni di salute, in contrasto col diritto internazionale”. Lo scrivono i giudici di Catania nella sentenza sul ricorso presentato dalla nave umanitaria Humanity 1 contro gli sbarchi selettivi, una pratica inaugurata dal governo lo scorso novembre. Il ricorso era stato presentato dopo che, in seguito a un’ispezione delle autorità italiane a bordo della nave in porto a Catania, a 35 migranti non era stato consentito di sbarcare. I migranti, definiti “carico residuale” dallo stesso Piantedosi, erano stati poi fatti scendere in considerazione delle loro sofferenze psicologiche e comunque prima dell’esito del ricorso: “Se non fosse cessata la materia del contendere, per l’avvenuto sbarco, il ricorso sarebbe stato accolto con conseguente condanna dei ministeri”, hanno scritto i giudici di Catania nelle motivazioni della sentenza.
Di questo pomeriggio è notizia anche di un nuovo intervento di salvataggio della nave Geo Barents, che ha salvato in acque internazionali 48 profughi, tra cui nove minori.

Inizia la lunga e complicata fase umanitaria dopo il terremoto in Siria e Turchia

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha annunciato che questa sera, alle 21 italiane, si riunirà a porte chiuse per discutere della situazione umanitaria in Siria dopo il terremoto. Da giorni, infatti, aumentano le richieste di apertura di nuovi valichi di frontiera, fondamentali per fornire aiuti nel nord-ovest del paese. Il numero dei morti tra Turchia e Siria ha superato le 40mila unità e anche se in queste ore i soccorritori stanno continuando a scavare tra le macerie, le speranze di trovare sopravvissuti sono sempre di meno.
È passata una settimana dal terremoto e oggi il capo degli aiuti delle Nazioni Unite Martin Griffiths, in visita ad Aleppo, ha detto che la fase di soccorso dopo il terremoto sta “volgendo al termine” e che ora parte un’altra fase, quella umanitaria, più lunga e complicata.

(di Martina Stefanoni)

Una settimana fa la proiezione fatta dall’OMS sul numero dei morti sembrava incredibile. Poche ore dopo il terremoto, l’Organizzazione Mondiale della Sanità parlava di 20mila vittime. Oggi, sette giorni dopo, quel numero non solo è stato raggiunto, ma doppiato. Tra Turchia e Siria si parla di quasi 41mila morti ma, soprattutto in Siria, il numero sembra destinato a crescere considerando che alcune zone non sono state raggiunte dai soccorsi.
A 7 giorni dal sisma, però, Siria e Turchia devono fare i conti anche con centinaia di migliaia di feriti e milioni di persone rimaste senza casa, vivono nelle tende, nelle loro macchine, o in rifugi improvvisati. E poi ci sono il freddo, la fame, la difficoltà di trovare rifugio per tutti, la necessità di assistenza economica e psicologica. La fase di ricostruzione, non solo concretamente delle città, ma anche delle due popolazioni che pian piano dovranno raccogliere i pezzi delle loro vite, sarà lunga e dolorosa.
In questa settimana, però, la risposta internazionale è stata rapida ed efficiente. Circa 95 paesi hanno subito offerto aiuti, dagli Stati Uniti alla Cina, dalla Russia all’Ucraina, dall’Iran a Israele. Tutti si sono mobilitati immediatamente. Ma dopo 7 giorni, si fa più forte anche la richiesta di giustizia: in Turchia, dove 100 costruttori sono stati arrestati nelle province colpite dal terremoto sospettati di avere violato le normative edilizie del Paese. E in Siria, dove sono ancora pochissimi gli aiuti internazionali arrivati e dove, ancora, manca l’iniziativa per sospendere le sanzioni e aprire nuovi valichi di frontiera tra Turchia e Siria, fondamentali per l’arrivo di aiuti umanitari in un paese in cui la situazione era già gravissima e ora rischia di sprofondare ancora di più.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 28/02/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 28-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 28/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 28-02-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Draghi, candidato regista dell’Europa che verrà. L’ex presidente della Bce – che da Francoforte ha contribuito a dare forma all’Europa di oggi – appare sempre intenzionato a disegnare il profilo dell’Europa del futuro, da posizioni di primissimo piano nell’UE. Si moltiplicano i suoi interventi, l’ultimo ieri durante l’incontro con i presidenti delle commissioni del parlamento di Strasburgo. “Per favore, fate qualcosa. Non si può dire sempre di no”, ha detto Draghi. Secondo l’ex capo del governo italiano il modello di sviluppo dell’Europa degli ultimi decenni (costruito sui prezzi stracciati del gas russo , sulle esportazioni cinesi e sotto l’ombrello militare americano) è andato in crisi. Se l’Europa non vuole perdere la partita della competitività con Stati Uniti e Cina deve prepararsi ad un massiccio piano di investimenti, pubblici e privati. E includere la spesa militare e la difesa comune tra le priorità. Per Draghi l’Europa deve trasformarsi sempre di più in uno stato oppure non avrà futuro. Pubblica oggi ha ospitato l’economista Andrea Roventini, della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e Lucia Tajoli, economista del Politecnico di Milano e collaboratrice dell’Ispi.

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

Adesso in diretta