Approfondimenti

I disastri naturali in Nord Africa, Kim Jong-Un in viaggio verso la Russia e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 11 settembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. In queste ore, Marocco e Libia si trovano a fare i conti con gli effetti di due calamità diverse, ma ugualmente distruttive. Da un lato, il Marocco, dove il terremoto che ha colpito il paese nella notte tra venerdì e sabato ha già provocato più di 2600 vittime, dall’altro la Libia, che in queste ore è stata investita dall’uragano Daniel. La situazione economica Europea sta peggiorando tanto che la Commissione ha rivisto al ribasso le stime di crescita per quest’anno e il prossimo. Il commissario Gentiloni ha risposto alle accuse del governo. Tra martedì e mercoledì Putin dovrebbe ricevere Kim Jong-un a Vladivostok. Il ministero dell’interno ha disposto un aumento immediato di carabinieri e polizia a Caivano. Il calciatore della Juventus, Paul Pogba, è stato trovato positivo al testosterone dopo la sua prima partita di campionato contro l’Udinese.

Il Nord Africa devastato dai disastri naturali

In Marocco si aggrava continuamente il bilancio del terremoto di due giorni fa, sono almeno 2600 vittime. Il numero aumenta perché si iniziano a raggiungere i villaggi fino ad ora isolati, quelli sulle montagne dell’Alto Atlante, più vicini all’epicentro. Anche i feriti per ora sono più di 2600. Sono mobilitate tutte le forze di soccorso marocchine e anche la società civile. Si stanno attivando gli aiuti internazionali, anche se per ora il Marocco ha accettato i soccorsi solo di quattro paesi: Spagna, Regno Unito, Emirati Arabi Uniti e Qatar. Si muovono comunque le Ong e le organizzazioni del terzo settore. Noi abbiamo raggiunto Giovan Battista Cicchetti della Protezione civile che si trova ad Adassil, uno dei villaggi più vicini all’epicentro dove l’emergenza ora è anche sanitaria.

 

L’altra emergenza è in Libia: la città di Derna, nella regione della Cirenaica, sul mare, è stata sommersa dall’acqua per l’uragano Daniel con violente piogge e inondazioni. Si teme che 2mila persone siano morte. Questa cifra è stata riferita dal primo ministro della regione. La mezzaluna rossa ha per ora confermato 150 vittime ma ha dichiarato che appunto il bilancio potrebbe salire molto. La situazione è diventata così grave perché sono crollate due dighe che si trovavano sulle montagne attorno alla città. L’acqua quindi si è riversata all’improvviso per le strade, ha raggiunto un livello di tre metri. Le prime immagini mostrano quartieri distrutti e persone sui tetti delle loro case e delle loro auto. Danni e vittime anche nella città di Bayda e Bengasi, non è ancora chiaro il loro numero. Nella regione sono stati dichiarati tre giorni di lutto. Le reali dimensioni del disastro ambientale si potranno capire solo nelle prossime ore.

La campagna elettorale antieuropeista della destra italiana

(di Luigi Ambrosio)
A Pontida stanno allestendo il palco più grande che sia mai stato allestito sul sacro prato dei leghisti: 50 metri, più due maxi schermi. Roba da concerto a San Siro. E in effetti arriva la superstar della destra estrema europea: Marine Le Pen.
Sarà il via alla campagna elettorale leghista per le europee. E Marine Le Pen è la campionessa del nazionalismo anti europeo. Oltre che essere con Salvini l’architrave del putinismo nel continente.
Poi c’è Giorgia Meloni che ha iniziato a sua volta a martellare contro Paolo Gentiloni, il commissario europeo all’economia. E c’è Crosetto, il consigliere di Meloni nonché ministro della Difesa, che se l’è presa con la Germania e i presunti privilegi che godrebbe dalle autorità europee rispetto all’Italia. Fratelli d’Italia e Lega. Le due colonne del governo italiano, faranno una campagna elettorale contro l’Europa. E al tempo stesso saranno rivali. Salvini con la destra lepenista, filorussa. Meloni con le destre polacche e spagnole soprattutto, filo Nato. Ma tutti, anti unione europea. E chi se ne frega delle conseguenze. La cosa importante per Meloni e Salvini è prendere i voti dei populisti e dei nazionalisti. E soprattutto la cosa importante è buttare la palla in tribuna, ora che la finanziaria si svela per quello che sarà: una manovra al ribasso, che non affronterà i problemi del Paese e che non manterrà le promesse elettorali. Meglio, dare tutta la colpa all’Europa, ai burocrati, ai traditori, agli anti italiani, e via di questo passo. Nel più classico stile della ditta.

Guerra, inflazione e incertezza complicano la manovra economica

L’Europa non sta bene. La situazione economica del Continente sta peggiorando, tanto che la Commissione ha rivisto al ribasso le stime di crescita per quest’anno e anche per l’anno prossimo. La guerra in Ucraina che alimenta l’incertezza, l’inflazione che deprime i consumi, un clima di sfiducia che frena gli investimenti. E persino gli eventi meteo estremi che richiedono ingenti investimenti di ricostruzione.

Tutto questo sta creando le condizioni di una nuova recessione continentale, a cui quella della Germania contribuisce non poco.

L’Italia non fa eccezione. Lo confermano le stime pubblicate oggi da Bruxelles ma anche i dati sulla produzione industriale….

(di Alessandro Principe)
Quest’anno l’economia italiana crescerà solo dello 0,9%, con una sforbiciata dello 0,3 rispetto a quanto previsto solo qualche mese fa. L’anno prossimo l’economia sarà ancora più esangue, la crescita prevista è dello 0,8, mentre per gli altri principali paesi è prevista una leggera risalita. Il dato sulla produzione industriale di luglio dice che la manifattura italiana soffre: -0,7% che porta il dato annuale oltre il -2. Così come soffrono i consumi, depressi da alta inflazione e bassi salari. In questa situazione, la manovra economica per Meloni e Giorgetti è sempre più complicata. Le risorse sono poche, e ottenere una riforma del patto di stabilità a noi favorevole è sempre più una necessità: con un Pil così basso rispettare un vincolo rigido sarebbe impossibile. Per questo attaccare Gentiloni non sembra una buona idea. Noi abbiamo bisogno di un rapporto collaborativo con Bruxelles ora più che mai. Tanto più che ci sono almeno altre due partite aperte. Il Pnrr non è una grana archiviata, il percorso di verifica degli impegni presi è appena cominciato. E poi c’è il Mes: tutti lo hanno ratificato perché tutti vogliono lo scudo per il sistema bancario se dovesse servire. Noi no, perché la Destra ne ha fatto sempre una bandiera sovranista. All’Ecofin di venerdì Giorgetti dovrà inventarsi qualcosa. Ma ormai non c’è più spazio per i rinvii.

L’incontro fra Putin e Kim Jong-un

(di Emanuele Valenti)
Tra martedì e mercoledì Putin dovrebbe ricevere Kim Jong-un a Vladivostok. Sul tavolo uno scambio: munizioni di artiglieria di produzione nord-coreana da usare in Ucraina, per aiuti umanitari e tecnologia russa funzionale ai programmi militari di Pyongyang.

La guerra in Ucraina ha provocato una spaccatura importante all’interno della comunità internazionale, ha allargato la distanza tra Stati Uniti e Cina, ha parzialmente isolato Mosca. A tal punto che il Cremlino avrebbe chiesto armi ai nord-coreani, uno dei paesi più chiusi e più poveri al mondo. Paese che a fasi alterne è riuscito a tenere rapporti proprio con i russi – prima erano i sovietici – e i cinesi.

L’isolamento e le difficoltà di Putin sono evidenti. Il programma nucleare nord-coreano, per esempio, è stato per esempio per lungo tempo oggetto di sanzioni ONU votate in consiglio di sicurezza anche dalla Russia. Ma ora la necessità di resistere in Ucraina gustificano anche questo passo.
Ma dietro all’incontro dei prossimi giorni tra Putin e Kim ci sono anche altri attori della comunità internazionale. A partire dai cinesi. Quasi tutti gli attori della comunità internazionale sembrano desiderare la fine della guerra in Ucraina ma il come e il quando sono troppo complicati. La spaccatura geopolitica tra i due blocchi rimane.

Il Cremlino si prepara a una guerra di lunga durata

(di Alessandro Gilioli)
L’incontro fra Putin e Kim Jong ci conferma quello che tutti temevamo, cioè che la guerra sarà ancora molto lunga.
Il presidente russo infatti va a Vladivostok per comprare dai nordcoreani munizioni di artiglieria da aggiungere alla produzione nazionale: un segnale che il Cremlino si prepara a scontri di trincea non solo per il prossimo mese, prima che arrivi il freddo, ma anche per la primavera e l’estate del 2024.

Sul fronte opposto, il governo di Kiev non sembra frustrato dal fallimento della controffensiva degli ultimi mesi: e se a febbraio prometteva di riprendersi tutti i territori entro quest’autunno, adesso parla del prossimo anno come quello decisivo.

Insomma, i due Paesi in guerra guardano già al 2024 come a un altro anno di guerra, ciascuno contando di avere più armi, e queste ormai sono le uniche a parlare, nel silenzio della diplomazia. In media, secondo i calcoli più prudenti, dall’inizio della guerra muoiono dalle 2 alle 300 persone al giorno. Una mattanza quotidiana, che andrà avanti ancora a lungo.

Le nuove misure di sicurezza a Caivano

Il ministero dell’interno ha disposto un aumento immediato di carabinieri e polizia a Caivano, dopo che ieri sera 19 colpi d’arma da fuoco sono stati sparati per strada in quella che viene definita una “stesa”. Verranno aggiunti 200 uomini. Anche il ministro dell’istruzione Valditara ha detto che il 18 ottobre tornerà a Caivano e annuncerà nuove misure. La gente del parco verde però ha paura e teme di essere abbandonata nel momento in cui il quartiere sparirà nuovamente dai giornali.
Riccardo Bessone ha intervistato Bruno Mazza fondatore dell’associazione un’Infanzia da vivere di Caivano

 

Pogba è risultato positivo al testosterone

La Juventus sarebbe in vendita per 1,5 miliardi di euro secondo un’indiscrezione del quotidiano Il Giornale, smentita nettamente da Exor. La holding della famiglia Agnelli proprietaria della maggioranza della società, ha comunicato che le ipotesi “sono destituite di fondamento”. Il calciatore bianconero Paul Pogba è inoltre risultato positivo al testosterone dopo la prima partita di campionato con l’Udinese e rischia una squalifica di 4 anni. Notizie che arrivano in un momento delicato per la Juventus, tra debiti e guai giudiziari. Sull’ipotesi di vendita abbiamo sentito Marco Bellinazzo, giornalista del Sole24Ore.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 26/05 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 26/05/2024

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music e sicuramente contribuisce non poco alla diffusione della musica e della cultura reggae nel nostro paese. Ogni domenica dalle 23.45 fino alle 5.30 del lunedì mattina, conduce Vito War.

    Reggae Radio Station - 26-05-2024

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 26/05/2024

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non pensando al genere come concetto limitativo, Prospettive musicali vuole suggerire percorsi di ascolto eterogenei. Prospettive musicali potrà accostare musiche medioevali e avanguardie elettroniche, free jazz e musiche per ambiente, danze etniche e partiture contemporanee, improvvisazione e composizione, avant rock e canzone, silenzio e rumore, invitando il proprio pubblico a condividere esperienze di ascolto coraggiose e «di confine». Alessandro Achilli collabora con Radio Popolare dal 17 marzo 1991 con i cicli Sciabadà (1991), Est (1992), Le vacanze di monsieur Hulot (1991, con Giovanni Venosta, e 1992), L’Orchestra (1996), Concerti da Babele (2001, 2002, 2003), Township Beat, musiche dal Sudafrica (2010) e corrispondenze dai festival Mimi (Provenza), Ring Ring (Belgrado), London Jazz Festival; ha inoltre curato la regia e l’adattamento di un ciclo condotto da Robert Wyatt, interviste in diretta a Shelley Hirsch, Arto Lindsay, Peter Blegvad e Robert Wyatt, e puntate monografiche di Cantaloop, In genere, Zona disco, Replicanti, Yuppi do, Il giardino degli dei, 5 giri, Jazz Anthology, Happy Together e Notturnover estate. Clicca qui per notizie sulle sue attività con Musica Jazz, Musiche, Radio3 Rai e come fotografo non professionista e traduttore. Fabio Barbieri collabora con Radio Popolare dal 1997. È stato ideatore e conduttore di Tropici e meridiani e ha realizzato collegamenti e interviste per Notturnover,Candid, Sidecar, Zoe, Alaska e per il gr in network. Ha collaborato con la redazione musicale del quotidiano Il Manifesto. Suoi articoli e recensioni sono apparsi su Rockerilla, Lost Trails e nel volume Bassa fedeltà (Bollati Boringhieri). Nella stagione 2003-2004 ha curato per Patchanka una serie di corrispondenze settimanali da Londra, intitolata London Calling. Da quell’esperienza è nato un blog: http://www.fabiocalling.blogspot.co.uk/ Gigi Longo collabora con Radio Popolare dal 1987. Ha condotto Jazz Anthology, Music Mag, Onda su onda e Cibo per psiconauti. In veste di inviato, ha recensito decine di concerti jazz, rock e world music per Notturnover. Ha realizzato trasmissioni speciali su Charles Mingus, Gil Evans, Duke Ellington e Miles Davis. È stato collaboratore dell’Associazione Jazz Capolinea, del mensile Il Buscadero e dela rivista Alp Grandi Montagne.

    Prospettive Musicali - 26-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di domenica 26/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26-05-2024

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 26/05/2024

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi e dai popoli del mondo, prodotto e condotto in studio dal vostro bacicin…” Comincia così, praticamente da quando esiste Radio Popolare, la trasmissione di Giancarlo Nostrini. Ascoltare per credere. Ogni domenica dalle 21.30 alle 22.30.

    La sacca del diavolo - 26-05-2024

  • PlayStop

    Agitanti di domenica 26/05/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni domenica alle 21 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 26-05-2024

  • PlayStop

    Bohmenica In di domenica 26/05/2024

    A cura di Gianpiero Kesten In co-conduzione: Zeina Ayache, Gaia Grassi, Astrid Serughetti, Clarice Trombella Ospite fisso: Andrea Bellati La famiglia allargata di Di tutto un boh colonizza la domenica di Radio Popolare! Tra domande scientifiche e curiosità esistenziali (a cui dare risposte, naturalmente) tutti i membri della squadra porteranno ogni settimana il proprio contributo, un po’ come i pasticcini o, ancora meglio, gli avanzi da spartire la domenica, tra buoni amici. La missione divulgativa e di infotainment di Di tutto un boh vivrà e lotterà insieme a noi. Ma la domenica, si sa, è anche il giorno delle somme da tirare, dei buoni propositi e della condivisione. Anche tra le famiglie atipiche e allargatissime, come quella della squadra di Di tutto boh e del pubblico di Radio Popolare. Bohmenica In va in onda ogni domenica dalle 19 alle 21.

    Bohmenica In! - 26-05-2024

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 26/05/2024

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle sue trasmissioni, musicali e non. La nostra scelta racconterà molte novità discografiche, ma non soltanto. E ogni domenica, con mezz’ora di speciale, concluderemo i sette giorni proponendo un profilo approfondito del nostro Artista della Settimana.

    L’Artista della settimana - 26-05-2024

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 26/05/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 26-05-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 26/05/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 26-05-2024

  • PlayStop

    Mitologia Popular di domenica 26/05/2024

    Mitologia Popular esplora e racconta il folclore e la cultura popolare brasiliana: da miti e leggende come Saci Pererê, Mula sem cabeça, Cuca alla storia di piatti tipici come la feijoada o la moqueca, passando per la letteratura, il carnevale, la storia delle città più famose e la musica, ovviamente. Conduce Loretta da Costa Perrone, brasiliana nata a Santos che, pur vivendo a Milano da anni, è rimasta molto connessa con le sue origini. È autrice del podcast Lendas con il quale ha vinto gli Italian Podcast Award per il secondo anno consecutivo.

    Mitologia Popular - 26-05-2024

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 26/05/2024

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione di genere, né musicale né letterario. Ci muoveremo seguendo i percorsi segreti che legano le opere l’una all’altra, come a unire una serie di puntini immaginari su una mappa del tesoro. Memoir e saggi, fiction e non fiction, poesia (moltissima poesia), musica classica, folk, pop e r’n’r, mescolati insieme per provare a rimettere a fuoco la centralità dell’esperienza umana e del racconto che siamo in grado di farne.

    Giocare col fuoco - 26-05-2024

  • PlayStop

    Pop Music di domenica 26/05/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 26-05-2024

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 26/05/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 26-05-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/05/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 26-05-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/05/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 26-05-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/05/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 26-05-2024

Adesso in diretta