Approfondimenti

L’inizio del Ramadan a Gaza, la vittoria della destra in Abruzzo e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 11  marzo 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il mese sacro del Ramadan è scattato senza che sia iniziata una tregua. I contatti tra le due parti proseguono, con la mediazione di Egitto e Qatar, ma con aspettative molto basse. Il governatore uscente di Fratelli d’Italia è stato riconfermato alla guida dell’Abruzzo. L’Italia ha disposto il fermo amministrativo della nave umanitaria Sea Eye 4 che ha fatto sbarcare ieri a Reggio Calabria 144 migranti soccorsi nel Mediterraneo. I rider avranno finalmente una normativa valida in tutta l’Unione europea per migliorare le loro condizioni di lavoro.

Fame e paura, a Gaza il Ramadan è iniziato sotto le bombe

A Gaza sono proseguiti anche in queste ultime ore bombardamenti e combattimenti. L’inizio del Ramadan, proprio oggi, non ha fermato la guerra. Hamas e Israele non hanno raggiunto un accordo per una tregua. I contatti tra le due parti proseguono, con la mediazione di Egitto e Qatar, ma con aspettative molto basse.

Gli Stati Uniti, insieme ad altri paesi, hanno lanciato anche oggi aiuti umanitari dal cielo. Ennesimo segnale della frustrazione dell’amministrazione Biden, che non è riuscita a farsi ascoltare da Netanyahu. La Casa Bianca ha detto che un attacco di terra a Rafah, nel sud della Striscia, è una linea rossa. Ma in questi mesi parole e azioni del governo americano non sono mai andate nella stessa direzione.


L’esercito israeliano ha fatto anche diversi raid in Cisgiordania. Almeno 30 gli arresti. Preoccupa la tensione intorno alla Moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme Est. Un Ramadan quindi molto diverso dal solito. Il racconto che ci ha mandato da Rafah, nel sud di Gaza, Mohammad, un cittadino palestinese…

La riconferma di Marsilio in Abruzzo

(di Michele Migone)
Tra gli sconfitti, la delusione c’è, ma non è così forte. Almeno per Elly Schlein. Di più per Giuseppe Conte, visto i risultati del Movimento Cinque Stelle, ma senza fare drammi. Vincere in Abruzzo era ritenuto possibile, ma non certo probabile. Dalla sconfitta è comunque emerso qualche segnale positivo. Saranno le Europee a dirci il reale stato di salute dei partiti, ma questa serie di test regionali sta dando una maggiore forma all’intesa rosso – verde. Che ora inizia a sentirsi competitiva nei confronti della Destra. Ed è forse questo il fattore più importante. La vittoria in Sardegna e la discreta prestazione abruzzese segnano la fine dello shock subito dall’opposizione progressista dopo la schiacciante vittoria della Destra nelle elezioni politiche del 2022. Se fino a qualche settimana fa, il ciclo di Giorgia Meloni a Palazzo Chigi era dato per sicuro – per alcuni – ben oltre l’attuale legislatura, ora quell’orizzonte non appare così certo. In politica, anche solo qualche mese è un’eternità, ma è evidente che allo stato attuale, per la prima volta, l’opposizione crede nella mobilitazione. Come appare farlo ora anche una buona parte dell’opinione pubblica italiana, che, a sua volta, sembra dare segnali di maggiore reazione rispetto a solo qualche mese fa. Questo governo, dopo aver dimostrato di non avere risposte concrete per il Paese – vedi l’ultima finanziaria e i ritardi del Pnrr – ha speso gli ultimi due mesi ad attaccare il Quirinale, la libertà di Stampa, l’indipendenza della Magistratura, l’Europa, a giustificare le manganellate agli studenti minorenni, dando così prova – Giorgia Meloni per prima – di non avere una visione per il Paese, ma solo di governare sulla base di una logica di potere, condita con riflessi autoritari. Se lo shock post sconfitta nelle politiche è passato, la coperta con cui voleva coprire il paese, questa Destra non riuscirà a stenderla.

Campo largo sì, campo largo no

(di Anna Bredice)
Giorgia Meloni tira un respira di sollievo, il suo consenso non subisce colpi. Certo, non ci sono stati i venti punti di differenza che immaginava un mese fa, ma ha vinto. Nel pomeriggio ha incontrato Tajani, Salvini e Lupi prima del consiglio dei ministri, l’aria non era di preoccupazione come dopo il voto in Sardegna, ma da adesso alle europee dovrà considerare le reazioni di Matteo Salvini, che perde, anche se Zaia e Fedriga per ora decidono di stare in silenzio, forse attendono i prossimi voti, più che la Basilicata ci sarà il Piemonte. E in quella regione sarà più rischioso subire nuovamente il raddoppio dei voti di Forza Italia, come è accaduto ieri. Ma se c’è una urgenza di agire e cambiare qualcosa in corso subito è nell’altra coalizione, oggi quasi contemporaneamente Elly Schlein e Giuseppe Conte hanno commentato il voto: la segretaria del Pd è apparsa soddisfatta del venti per cento ottenuto, il Pd ha guadagnato voti invece di perderli ed è convinta che la coalizione sia l’unica alternativa per sconfiggere la destra, faremo di tutto per tenere il fronte unito dicono dal partito. Conte invece non ha fatto neanche un cenno al campo largo, tantomeno alla necessità di andare avanti insieme. Nel definire “modesto” il risultato, ha sottolineato invece che con una sua candidata in Sardegna si è vinto e questo esprime il possibile disegno e nello stesso tempo la difficoltà di Conte, quando il candidato è dei Cinque stelle, gli elettori vanno a votare, in Abruzzo sono rimasti a casa. Il risultato negativo dei Cinque stelle preoccupa molto anche il Pd perché rischia di aumentare le incertezze sul campo largo, che Conte non accetta, lo chiama campo giusto perché vorrebbe dare lui le carte, anche se il primo passo dovrebbe essere di accettare che il partito principale della coalizione per i risultati ottenuti è il partito democratico. L’urgenza è data dalla scelta da fare nell’immediato per il candidato in Basilicata, Angelo Chiorazzo si sente il candidato del Pd, perché indicato dal partito locale, ma quello nazionale e i Cinque stelle non hanno ancora sciolto la riserva. Ed è da fare subito, il 21 aprile si vota di nuovo.

L’Italia ferma le navi delle Ong che non collaborano con la Libia

Non collaborate con la Libia? Allora vi blocchiamo la nave. Con questa motivazione l’Italia ha disposto il fermo amministrativo della nave umanitaria Sea Eye 4 che ha fatto sbarcare ieri a Reggio Calabria 144 migranti soccorsi nel Mediterraneo. Sulla base del decreto Piantedosi, le autorità italiane contestano proprio il fatto che la ong abbia operato il salvataggio nonostante la cosiddetta guardia costiera libica avesse manifestato l’intenzione di riportare i migranti nel paese nordafricano, definito dal diritto internazionale un porto non sicuro.
Non è questa l’unica nave umanitaria bloccata per la stessa ragione. È successo la stessa cosa alla Sea Watch 5, che venerdì scorso ha fatto scendere a Pozzallo circa 50 migranti, tra cui il corpo di un ragazzo di 17 anni morto nel naufragio.
Giorgia Linardi è la portavoce di Sea Watch.

La normativa europea che migliorerà le condizioni di lavoro dei rider

(di Alessandro Principe)
Latif Rana Zahid, pachistano, 45 anni, è morto ieri sera a Torrimpietra, vicino a Roma: stava facendo consegne di kebab a domicilio. Era uno delle migliaia di lavoratori dipendenti delle piattaforme digitali. In questo caso di consegna del cibo, ma non ci sono solo loro. Tutti quanti hanno una caratteristica: vengono trattati da lavoratori autonomi anche se nei fatti sono dipendenti. Devono rispettare orari, regole, volumi di produzione. Ma non hanno dei dipendenti le tutele e le protezioni sociali riconosciute in ogni paese europeo. E’ il cuore della nuova direttiva. Il rapporto di lavoro su una piattaforma si presuppone giuridicamente come un rapporto di lavoro subordinato quando ci sono fatti concreti che rivelano la direzione e il controllo da parte del datore di lavoro. In linguaggio giuridico si definisce “presunzione”: è così a meno di prova contraria. E la prova – dice la direttiva – è l’azienda che la deve dare. Non è il lavoratore a dover dimostrare di essere di fatto un dipendente, ma l’azienda a provare il contrario. L’accordo è stato osteggiato dalle grandi aziende della gig-economy, che sono una potenza, e di conseguenza anche da alcuni governi: l’ultima volta si erano opposti Francia e Germania. Per farlo passare c’è voluta una modifica, non da poco. La presunzione di “lavoro dipendente” potrà essere adattata nei singoli paesi, fino al punto di poter restare nella definizione di lavoro autonomo a patto che siano riconosciute le stesse tutele. Un compromesso dunque che sarà da valutare nella sua applicazione. Ma sicuramente un passo avanti.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 8:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 23/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 23/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-05-2024

Adesso in diretta