Approfondimenti

La nuova fase della guerra in Ucraina, la settimana dell’insediamento della nuova legislatura e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 10 ottobre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La risposta della Russia all’attacco al ponte di Crimea è arrivata alle prime ore di oggi con bombardamenti su diverse città dell’Ucraina lontane dalla linea del fronte: la guerra è entrata in una nuova fase. Negli anni di pandemia il reddito di cittadinanza che Meloni vorrebbe cancellare, ha salvato dalla povertà più di un milione e 300mila famiglie: lo rivelano gli ultimi dati diffusi dall’Istat. Intanto è iniziata la settimana dell’insediamento della nuova legislatura e Giorgia Meloni assicura che entro mercoledì sarà tutto pronto.

La Russia torna a colpire le zone lontane dalle linee del fronte

Secondo le autorità ucraine sono almeno 11 le persone morte nei bombardamenti russi che stamattina hanno coinvolto diverse zone del paese lontane dalle linee del fronte, quindi fuori dalla parte orientale e da quella centro-meridionale. Tra gli obiettivi attaccati ci sono infrastrutture energetiche: in diverse regioni è mancata la luce ed è stato annunciato un blocco delle forniture elettriche che dall’Ucraina andavano ad altri stati europei. Tra le città colpite ci sono Leopoli, Odessa, Dnipro e, per la prima volta dal 26 giugno, anche Kiev. Dalla capitale ucraina la testimonianza di Gioele Scavuzzo, che fa parte della ong Soleterre:

Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha parlato di “escalation inaccettabile” a proposito dei bombardamenti russi di oggi. Il capo della Nato Jens Stoltenberg e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden hanno sottolineato che il sostegno occidentale alle forze di Zelensky continuerà.
Dalla Francia Emmanuel Macron ha detto che i fatti delle ultime ore segnano un “cambiamento profondo nella natura di questa guerra”, dalla Germania è stato annunciato che domani si riunirà il G7 per discutere gli ultimi fatti legati al conflitto.
A Mosca Putin ha riunito il consiglio nazionale di sicurezza e ha detto che le bombe sono una risposta all’esplosione che sabato ha devastato il ponte di Crimea, per cui ieri lo stesso presidente russo aveva accusato i servizi segreti ucraini. “Se continueranno i tentativi di attacchi terroristici sul nostro territorio la risposta sarà dura”, ha detto Putin stamattina, mentre il vicepresidente del consiglio di sicurezza Medvedev ha definito gli attacchi di oggi un “primo episodio”, annunciando che ce ne saranno altri.

La guerra in Ucraina entra in una nuova fase

(di Emanuele Valenti)

I raid di oggi aprono una nuova fase della guerra. Lo sviluppo diciamo così naturale di quello che è successo nelle ultime settimane e negli ultimi giorni.
 Il successo della contro-offensiva ucraina nell’est e nel sud, la mobilitazione dei riservisti russi, le annessioni da parte di Mosca, la minaccia di Putin di un attacco nucleare. E da ultimo l’attacco contro il ponte in Crimea.
Il Cremlino non poteva non rispondere. Lo ha detto lo stesso Putin. E lo diceva il tenore delle critiche da parte del fronte più radicale dell’establishment russo. Con i bombardamenti il presidente ha lanciato un doppio messaggio. Agli ucraini – vi possiamo colpire sempre e ovunque – e agli occidentali – basta inviare armi. In sostanza: fermatevi fino a quando siete in tempo. I falchi hanno esultato. Lo ha fatto il ceceno Kadyrov ma lo hanno fatto anche molti politici, analisti, giornalisti che avevano messo in discussione la condotta della guerra. Alcuni hanno però chiesto che questo sia solo l’inizio. E il punto è proprio questo: il martellamento su infrastrutture e obiettivi civili continuerà? Oltretutto rispetto al passato i media di stato non stanno più parlando di obiettivi militari. Il Cremlino vuole che i russi sappiano che sta rispondendo a dovere. Sta cambiando anche la narrazione ufficiale. È tutto molto più duro, pesante, totalizzante. Questa nuova fase sarà ancora peggio delle precedenti. Gli ucraini andranno avanti con l’offensiva di terra? Probabilmente sì. E gli occidentali continueranno a mandare armi, ma qualcuno, forse, cercherà di riaprire canali di dialogo con Mosca. Nel frattempo, a prescindere dai movimenti sul campo, tutto il territorio ucraino sarà sempre più vulnerabile. Oggi i sistemi di difesa di Kyiv avrebbe intercettato quasi la metà dei missili russi. Non sappiamo cosa riuscirà a fare nelle prossime settimane.

Al via la settimana dell’insediamento della nuova legislatura

(di Anna Bredice)

La foto di Mario Draghi con i ministri sullo scalone di Palazzo Chigi e il comunicato di commiato che finisce con una frase dal tono un po’ triste: “I governi passano, l’Italia resta”. Rita dalla Chiesa che sbaglia giorno per iscriversi e chiede inseguita dai giornalisti da che parte può uscire per evitare le telecamere. Due immagini di una giornata importante soprattutto per alcuni momenti significativi che danno il via alla settimana dell’insediamento della diciannovesima legislatura, la prima con il taglio dei parlamentari, 400 alla Camera dei deputati e 200 al Senato. Rispetto alle altre volte, il salone del Transatlantico risulterà anche troppo ampio per il momento solenne. Oggi sono iniziate le procedure per registrarsi, fotografie, consegna della Costituzione e del regolamento delle Camera. I primi ad arrivare a Palazzo Madama sono stati due senatori di Fratelli d’Italia, forse ansiosi di cominciare una legislatura di maggioranza e di governo. C’erano deputati di prima nomina emozionati e accompagnati dai commessi a fare le foto di rito, c’era il più giovane parlamentare al Senato che sarà nel gruppo di presidenza che affiancherà Liliana Segre giovedì quando dovrà sedere alla presidenza: lei la senatrice più anziana, dovrà guidare i lavori. In quello scranno dovrebbe poi andarci forse Ignazio La Russa, nel toto nomi delle presidenze quello più sicuro. Tutto può cambiare in un attimo, visto che le due cariche, seconda e terza dello Stato, andranno alla maggioranza e quindi continuano ad essere intrecciate ai posti di governo, che nonostante la sicurezza con la quale Giorgia Meloni insiste nel dire che entro mercoledì sarà tutto pronto, presenta ancora tante incertezze.
Giorgia Meloni oggi ha visto il suo gruppo parlamentare, al quale ha regalato foulard alle donne e cravatte agli uomini, una gentilezza che ricorda Berlusconi ai tempi del partito delle Libertà. Ha invitato tutti alla sobrietà nell’abbigliamento e nei modi e poi ha mandato un messaggio: “il governo partirà dalle competenze, non c’è spazio per le questioni secondarie”. Un riferimento forse a Licia Ronzulli, considerata probabilmente questione secondaria, ma che Berlusconi insiste nel volerla in prima posizione. Giovedì si comincia, venerdì forse alla quarta votazione, quando sarà necessaria solo la maggioranza assoluta, ci saranno i presidenti di Camera e Senato, poi bisognerà decidere i capigruppo e solo nella settimana successiva le consultazioni al Quirinale.

Il ruolo chiave del reddito di cittadinanza nel tenere a galla l’Italia

(di Massimo Alberti)

Negli anni di pandemia il reddito di cittadinanza che Meloni vorrebbe cancellare, ha salvato dalla povertà più di un milione e 300mila famiglie. “Un ruolo chiave nella tenuta sociale” scrive Istat, che conferma che l’Italia arriva a questa nuova crisi con un tessuto molto fragile, con oltre 14 milioni di persone a rischio esclusione sociale.
Il rapporto Istat sui redditi conferma un sistema enormemente fragile,che ha assorbito la botta di 2 anni di pandemia grazie a ammortizzatori, bonus, e soprattutto reddito di cittadinanza, e si ritrova oggi nella stessa situazione ad affrontare la crisi che si sta già facendo sentire.
Un quinto della popolazione, circa 12 milioni, ha un reddito annuo di 10.500 euro, più basso del 60% rispetto a quello mediano. Se si aggiungono altri due parametri, l’intensità di lavoro e la deprivazione materiale, in totale oltre 14 milioni di persone rientrano nel rischio di esclusione sociale, in un paese mai ripreso dalla crisi del 2008. Nel complesso il rischio aumenta con l’aumentare del numero di figli. La situazione migliora al centro-sud, e peggiore invece al nord. Le misure di stato sociale, le varie una tantum, le integrazioni salariali, il blocco dei licenziamenti, continua Istat, hanno permesso al paese di restare a galla durante la pandemia. Ma il ruolo chiave, Istat usa proprio queste parole, l’ha avuto il reddito di cittadinanza che ha salvato dalla povertà oltre un milione e 300mila famiglie. Ne ha beneficiato una famiglia su 20 a livello nazionale, nel quinto più povero della popolazione una su 6. Poco già di 5mila euro l’assegno medio per nucleo.
Numeri che il governo entrante farebbe bene a leggere, prima di fare idiozie in questa fase di nuova, e forse più pesante crisi, dove Coldiretti stima in crescita a oltre 2 milioni e mezzo il numero di chi, per mangiare, necessitano di aiuti. Ah, a proposito di fake news e luoghi comuni sul reddito di cittadinanza: nell’ultimo rapporto della guardia di finanza, le truffe legate al sussidio sono di 288milioni. Lo 0,008% dei 34miliardi totali di frodi allo stato scoperte. Se si vuol trovare gli imbroglioni, forse si deve guardare altrove.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 12/07 10:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 12-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 11/07/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 11-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di venerdì 12/07/2024

    Oggi a Cult Estate: Giovanni Chiodi sulla stagione lirica estiva in diretta da Canterbury; Claudio Ricordi sulla serata dedicata a Giacomo Puccini a Venegono Superiore; a Milano apre un nuovo e antico spazio: il Casello di S. Cristoforo; Mario Brunello dirige il programma dello Stresa Festival 2024; a Base Milano la Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli propone la rassegna "Marionette d'Estate"; Stefano Annoni al Teatro Franco Parenti con la sua versione di "Il sentiero dei nidi di ragno" di Italo Calvino; Tiziana Ricci parla con il neo-direttore di Brera della probabile futura apertura di Palazzo Citterio...

    Cult - 12-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 12/07/2024

    a cura di Roberto Maggioni e Massimo Alberti Joe Biden non molla. “Sono il candidato giusto per battere Biden” dice il presidente Usa in chiusura del vertice Nato a Washington. Ne parliamo con Fabrizio Tonello professore di Scienza politica presso l'Università di Padova. Il decreto sicurezza del governo: cosa c’è e cosa sta uscendo. Devis Dori, capogruppo AVS in commissione giustizia La Spagna, Lamine Yamal e il quartiere di Barcellona dove è cresciuto e che il partito spagnolo di estrema destra Vox definisce “letamaio multiculturale”. Con Nicola Tanno, ricercatore in scienze politiche, autore per Jacobin, vive e lavora a Barcellona Gaza, la scorta mediatica. Con l’autore del libro Raffaele Oriani. Ex collaboratore del Venerdì di Repubblica, autore del libro “Gaza, la scorta mediatica. Come la grande stampa ha accompagnato il massacro. E perché me ne sono chiamato fuori”

    Giorni Migliori – Intro - 12-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di venerdì 12/07/2024

    In conduzione Francesco Tragni. Abbiamo raccontato dove sono finiti i soldi dell'8 per mille del 2024, dell'impresa di Jasmine Paolini a Wimbledon e ascoltato quali pazzie hanno fatto i nostri ascoltatori in nome delle loro grandi passioni.

    Apertura musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 12/07/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 11-07-2024

  • PlayStop

    IconZ di giovedì 11/07/2024

    La cultura pop dell'ultima generazione ad aver passato la maggiore età, dall'ascolto al racconto. Un'atmosfera leggera e autoironica per scoprire, dalle voci di due che nel nuovo millennio ci sono nati, cosa ci sia di generazionale e cosa invece sta diventando storia. Una trasmissione che per i “centennials” sarà un'opportunità per ritrovarsi, mentre per tutti gli altri sarà una porta d'accesso. Il giovedì dalle 23 a mezzanotte, a cura di Luca Santoro e Alessandro Simonetta.

    IconZ - 11-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 11/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 11-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 11/07/2024

    L'ultimo giorno del vertice della Nato e l'attesa per la conferenza stampa di Biden, con Roberto Festa. Il dibattito italiano sulla giustizia, con l'ex procuratore di Milano Edmondo Bruti Liberati. Il rapporto Ecomafia con Sara Dell'Acqua e Enrico Fontana di Legambiente. L'ospedale pediatrico bombardato a Kiev con Joshua Evangelista di Gariwo. Il 29esimo anniversario del genocidio di Srebrenica con Andrea Rizza Goldstein, coordinatore del partenariato tra Arci e il Memorial Center Srebrenica. Le prove Invalsi 2024 con Alex Corlazzoli, maestro e giornalista. I 45 anni dall'omicidio di Giorgio Ambrosoli, con il figlio Umberto.

    Popsera - 11-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di giovedì 11/07/2024

    Quando si vola in Germania con würstel e sandali con calzini bianchi per questa fresca giovane puntata tra battute di tennis, luoghi comuni e scoperte sulla materia oscura. Entriamo poi nel vivo dei concerti con l'esclusiva rubrica "Cegna, Cegna edition".

    Poveri ma belli - 11-07-2024

Adesso in diretta