Approfondimenti

Il fronte anti-Le Pen, la parziale immunità per Donald Trump e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 1 luglio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A Parigi, a Place de la Republique è iniziata la battaglia per fermare l’estrema destra. Per la Corte Suprema degli Stati Uniti un presidente non può essere processato per le azioni intraprese nei suoi poteri, ma solo per quelle private. Le regioni del centrosinistra si mobilitano contro la legge Calderoli. In Israele è scoppiata una grossa polemica dopo la liberazione di 50 detenuti palestinesi. Nelle scorse settimana in Rai c’è stata un’infornata di nuovi contratti. La Corte Suprema spagnola ha rifiutato l’amnistia al leader pro-indipendenza Carles Puigdemont.

A Parigi è iniziata la battaglia per fermare l’estrema destra

(di Chawki Senouci)
Ieri sera a Place de la Republique è iniziata la battaglia per fermare l’estrema destra. La mappa colorata dei collegi ci dice che Jordan Bardella è alle porte di Matignon e che ci vuole una partecipazione almeno uguale al primo turno per impedire al RN di conquistare la maggioranza assoluta all’Assemblea Nazionale. Ma non basta, tutto dipenderà dalla solidità e dalla qualità del Fronte Repubblicano. Le sinistre e l’area macronista dovranno trovare entro domani sera un accordo sulla desistenza nei triangolari. A questo proposito il Presidente Macron e il suo Primo Ministro Attal dovrebbero prendere atto che, visti i risultati di ieri, il Fronte Popolare ( NFP) è l’ ultimo bastione contro RN. Ed è grazie a NFP che Parigi rimane una roccaforte imprendibile per i lepenisti. É vero che Marine le Pen ha tentato in questi anni di cancellare l’eredità del padre, Jean Marie le Pen, antisemita, negazionatista nonché capo dei torturatori durante la battaglia di Algeri. Ma nel bagaglio culturale e politico di RN ci sono tutte i germi del regime di Vichy: l’odio del diverso, il suprematismo, la ricerca sempre e comunque di un capro espiatorio. Nel 1940 la Francia era governata dal Presidente collaborazionista Pétain. Nel 2024 non è il fascismo che rischia di tornare a Matignon “ ma uno dei suoi discendenti: la democrazia illiberale legittimata dal voto “ come ha scritto oggi su Libération l’editorialista Thomas Legrand. Il segnale che ha mandato ieri Place de la République è molto chiaro: bisogna fermare a tutti i costi questa onda nera. Con il voto il 7 di luglio, altrimenti il giorno dopo con una mobilitazione permanente.

La Corte Suprema riconosce parziale immunità a Donald Trump

Stati Uniti. Dopo mesi di ricorsi e dibattito, la Corte Suprema ha stabilito che Donald Trump potrà godere di una immunità parziale in quanto ex presidente.
Il verdetto era molto atteso per capire il destino del tycoon nel processo per l’assalto a Capitol Hill. Alla fine, i giudici americani hanno deciso che l’immunità di un ex presidente è parziale nel senso che vale solo per gli atti ufficiali, cioè per le azioni da lui intraprese nei suoi poteri costituzionali. La Corte tuttavia ha specificato che non tutti gli atti sono tali e che, dunque, l’immunità non varrà per quelli non ufficiali. “Una grande vittoria per la nostra costituzione e la democrazia”, ha esultato Trump. Per lui è, comunque, una buona notizia perché spetterà ora alle corti di livello inferiore il compito di definire caso per caso quali atti siano ufficiali e quali no.
Una circostanza che, con ogni probabilità, causerà un ulteriore rinvio del processo che non si chiuderà prima delle prossime elezioni.
Mario Del Pero, americanista dell’università Sciences Po di Parigi.

 

Le regioni di centrosinistra al lavoro per fermare la legge Calderoli

(di Anna Bredice)
Dopo la manifestazione in Piazza Santi apostoli, l’opposizione si ritroverà questa sera a Bologna. L’Anpi ha allungato di un giorno la sua festa per consentire questo incontro dal titolo già significativo: Noi siamo Costituzione. Un fronte che intende difendere la Carta costituzionale e respingere insieme le due riforme, a cominciare da quella sull’Autonomia differenziata. Con le elezioni in Francia e l’unione delle opposizioni in vista del secondo turno, qualcuno anche in Italia evoca una compattezza delle opposizioni perlomeno per contrastare in Parlamento la riforma del premierato e organizzare insieme il referendum sull’altra legge targata Salvini, quella sull’Autonomia differenziata approvata definitivamente due settimane fa. Sul palco ci saranno Schlein, Conte, Bonelli, Fratoianni, Magi e Acerbo. Invito mandato anche a Renzi e Calenda, che non hanno però risposto. Se l’unità delle opposizioni reggerà, non è escluso che sia l’inizio di future alleanze per le prossime regionali, quest’autunno si voterà in Umbria e in Emilia Romagna. Ed è proprio l’Emilia Romagna che starebbe schiacciando l’acceleratore per la richiesta di un referendum abrogativo sull’Autonomia che deve essere condiviso da cinque regioni. Tra una decina di giorni il presidente Bonaccini dovrà lasciare la guida della regione e questi sono gli ultimi giorni utili perché il consiglio regionale voti la richiesta di referendum. Insieme all’Emilia Romagna ci sono altre regioni del Sud pronte a fare richiesta, Campania, Puglia, Toscana e Sardegna e la speranza è che non siano solo giunte di centrosinistra, ma che il malcontento a destra possa concretizzarsi nel referendum, ad esempio in Calabria. Insieme alle regioni si muove il coordinamento per la raccolta di firme, ce ne vogliono 500 mila. Mercoledì nel tardo pomeriggio si riuniranno molte associazioni che da tempo contestano l’Autonomia differenziata, sarà un primo momento di confronto dopo l’approvazione della legge e venerdì verrà presentato il quesito referendario in Cassazione. Due strade parallele per arrivare allo stesso obiettivo, un referendum nel 2025.

Le condizioni inumane dei detenuti palestinesi in Israele

“Abbiamo quasi eliminato le capacità militari di Hamas, la fase più intensa della guerra a Gaza sta per finire, andremo avanti fino alla fine”.
Le parole sono di Benjamin Netanyahu, in una giornata nella quale in realtà bombardamenti e combattimenti sono stati ancora molto intensi.
Nel pomeriggio l’esercito israeliano ha ordinato nuovamente l’evacuazione di una zona di Khan Yunis, nel sud della Striscia.
I vertici militari si preparano a ogni possibile scenario. Il ministro della difesa, Gallant, ha detto che c’è bisogno immediato di almeno altri 10mila soldati.
Da parte loro i gruppi armati palestinesi sono ancora in grado di colpire Israele. Nelle scorse ore sono partiti da Gaza circa 20 razzi, caduti non lontano dal confine con la Striscia senza fare vittime.

In Israele intanto è scoppiata una grossa polemica per la liberazione di 50 detenuti palestinesi, tra cui il direttore dell’ospedale Al-Shifa, che ha denunciato ripetute violazioni dei diritti umani ai danni dei detenuti.
Sara Milanese…

 

Rai, infornata di programmisti tra amici di dirigenti e parenti di politici

Contratti da programmisti per amici dei dirigenti, parenti di politici, addirittura un dj già candidato con Casapound a Ostia messo a capo della direzione intrattenimento diurno dell’Azienda. Nelle scorse settimana in Rai c’è stata un’infornata di nuovi contratti: tra i neo imbarcati figurano il figlio dell’amico di una vita dell’amministratore Roberto Sergio, Giovanni Tarquini. O ancora Ferdinando Colloca, il dj di Casapound che ha già due fratelli in strutture Rai e che sarebbe legato per motivi di affari al clan Spada. Al netto delle scelte sui nomi, i sindacati della Rai contestano che non si sia fatto ricorso alle liste dei precari ma la dirigenza dell’azienda abbia preferito affidarsi ad Adecco per la selezione.

La Corte Suprema spagnola ha negato l’amnistia a Puigdemont

La Corte Suprema spagnola, il più alto organo giudiziario del Paese, ha rifiutato di concedere l’amnistia al leader pro-indipendenza Carles Puigdemont, in esilio dal fallito tentativo di secessione della Catalogna nel 2017, e ha mantenuto il mandato di arresto nei suoi confronti.
La decisione riguarda anche due ex assessori del suo governo regionale. Secondo il giudice, l’accusa di appropriazione indebita, cioè l’ aver utilizzato fondi pubblici per organizzare il referendum secessionista, è da inquadrare come un’eccezione rispetto alle condotte condonabili, perché si può considerare che tale uso di fondi pubblici abbia comportato per i tre politici indipendentisti un “beneficio personale”.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/07 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 20/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 20/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 20-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 20/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 20-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 20/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 20-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 20/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 20-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 20/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 20-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 20/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 20-07-2024

  • PlayStop

    Un bacio a te proprio d’amore - Seconda parte

    La storia di Giacomo Matteotti non è solo la storia del più efferato omicidio politico avvenuto in Italia. È anche una storia d’amore. Una storia di lettere d’amore. Le lettere che Matteotti e Velia Titta si sono scambiati per più di dieci anni. Perché, come diceva Antonio Gramsci, non ci si può dire socialisti se non si è stati innamorati almeno una volta.

    Un bacio a te proprio d’amore - 20-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 20/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 20-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 20/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 20-07-2024

Adesso in diretta