Approfondimenti

Il violento bombardamento russo in Ucraina, le preoccupazioni europee di Giorgia Meloni e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 8 luglio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Più di 30 persone sono morte e oltre 130 sono rimaste ferite in uno dei più intensi bombardamenti russi sull’Ucraina fino ad ora. Gli obiettivi colpiti includono un ospedale pediatrico a Kiev. Al Parlamento europeo è nato il nuovo gruppo “Patrioti europei”, voluto da Orban. All’indomani delle elezioni francesi tutti si chiedono se mai le nostre opposizioni saranno capaci di unirsi per battere Meloni. È scontro tra direttore e Cdr di RaiNews dopo la protesta dei giornalisti per la scarsa copertura delle elezioni francesi di domenica sera.

La pioggia di missili russi su diverse città ucraine

Oltre 30 morti e più di 130 feriti. È il bilancio, ancora provvisorio, di uno dei più pesanti bombardamenti russi sull’Ucraina dall’inizio della guerra. Sono state colpite diverse città.
A Kiev un missile è caduto sul principale ospedale pediatrico del paese, e i frammenti di un altro missile hanno fatto diverse vittime in un altro centro medico per bambini. Le squadre di soccorso sono ancora al lavoro. Mosca, come d’abitudine, ha negato di aver preso di mira obiettivi civili.

Gioele Scavuzzo lavora in Ucraina per la Ong Sole Terre, che fornisce assistenza proprio ai bambini malati di tumore…

 

(di Emanuele Valenti)
Queste 24/48 ore – quelle che vanno dal massiccio bombardamento russo di questa mattina all’apertura del vertice annuale della NATO domani a Washington – forniscono un quadro perfetto della crisi ucraina in questo momento. Durante una visita a Varsavia, in Polonia, Zelensky ha detto che si aspetta dagli alleati occidentali dei passi concreti per la sicurezza ucraina. Sicurezza che non c’è. Ce lo raccontano le immagini che arrivano oggi da Kyiv, con decine di persone che scavano sulle macerie di un ospedale per bambini. Zelensky ha ribadito la necessità di nuovi sistemi aerei di difesa. Oggi sarebbe stato intercettato il 70/75% dei droni e dei missili. E in ogni caso spesso sono anche i detriti dei missili intercettati a fare morti e feriti.

Il presidente ucraino sta per partire per Washington, dove da domani a givoedì ci sarà il summit dell’Alleanza Atlantica, il summit del suo 75esimo anniversario. Otterrà quello che chiede? Probabilmente no. I leader occidentali dovrebbero confermare, anche per l’anno prossimo, 2025, aiuti militari per circa 40 miliardi di euro. Nessun passo in avanti, invece, sulla spinosa questione dell’ingresso di Kiev nell’Alleanza Atlantica. Non dimentichiamoci poi del momento difficile, con il vento che cambia, in alcuni paesi, a partire proprio dagli Stati Uniti. E del rischio Trump alla Casa Bianca che bloccherebbe l’invio di armi all’Ucraina. Oggi Biden ha ribadito che non si ritirerà. Chi vuole – ha detto il presidente americano – mi può sfidare alla convention democratica.

Giorgia Meloni e il dilemma del voto di conferma per Ursula von der Leyen

(di Michele Migone)
Cosa farà Giorgia Meloni quando Ursula Von Der Layen si presenterà davanti all’Europarlamento per il voto di conferma come presidente della Commissione? Dirà ai suoi di votare a favore o contro? Apparentemente, la decisione non è stata ancora presa. Indebolita dalle sue stesse, contraddittorie mosse, Meloni ora deve capire quale è la strada migliore da seguire. Al Consiglio Europeo, come si ricorderà, si era astenuta, isolandosi così, insieme a Orban. Aveva seguito più una logica da leader politica, i conservatori, che da capo di governo. L’Astensione aveva reso più debole lei, ma anche l’Italia. Nonostante ciò, le trattative con Von Der Layen sono andate avanti. Sul piatto un portafoglio comunque importante per Roma, anche se non tanto quanto Giorgia Meloni volesse. Sperava in una sconfitta pesante per Macron per soffiare alla Francia la poltrona del mercato interno, ma non se ne farà nulla. Nelle trattative, le sua situazione è peggiorata quando il gruppo dei conservatori ha iniziato a perdere pezzi. La sua forza contrattuale è diminuita. Una prospettiva, ora per Giorgia Meloni è di diventare la ruota di scorta dei Popolari, votando per Von Der Layen. Antonio Tajani le ha consigliato di seguire questa strada, ma è difficile che lo faccia. Anche perché dall’altra parte, l’estrema Destra Europea si è organizzata nel gruppo dei Patrioti, diventato oggi la terza forza politica dell’Europarlamento, grazie all’adesione della Lega e del Rassemblement National. E’ di fatto il partito di Putin a Bruxelles. Darà battaglia per impedire la conferma di Von Der Layen. Aspetta la possibile vittoria di Trump per vedere cambiati gli equilibri in Europa e nella guerra in Ucraina. Un’operazione che già ora, ma anche e soprattutto in prospettiva, indebolisce ulteriormente Giorgia Meloni.

L’Italia non è un paese antifascista, ma dobbiamo provarci anche noi

(di Lorenza Ghidini)
Agosto 1944, alla testa della liberazione di Parigi, con la Resistenza e le armate americane, ci sono i carri armati dell’esercito francese guidati dal generale Leclerc. E’ Charles De Gaulle ad averlo preteso: dev’essere lo Stato a riscattarsi, e a chiudere la vergognosa esperienza di Vichy. De Gaulle sarebbe stato alla guida della Francia, in varie vesti, fino alla soglia degli anni 70.
In Italia, al momento dell’armistizio, al governo c’è Badoglio, con un esercito allo sbando e un Re che è scappato da Roma prima ancora di comunicare ai cittadini che il Paese ha cambiato fronte. Saranno i Partigiani, con l’intervento degli americani, a liberare il paese dal nazifascismo e a restituire dignità alla Patria.
E’ difficile definire l’Italia un paese antifascista, è piuttosto un paese afascista. [CONTINUA A LEGGERE]

Lo scontro tra il direttore e il Cdr di RaiNews24

(di Claudio Jampaglia)
Pomezia meglio di Parigi. Domenica sera mentre tutte le tv all news d’Europa erano in diretta dalla Francia, il telegiornale di RaiNews delle 22 apriva l’edizione con 8 minuti dedicato al Festival città identitarie di Pomezia. Il comitato di redazione insorge: “RaiNews24 non aveva mai toccato il fondo in questo modo”. Ma il direttore Petrecca non ci sta. Parla di falsità, attacchi personali e indecenti, scarica la scelta sul vicedirettore perché lui non era in sede, indovinate, dov’era? A Pomezia, al festival, che come dice il suo curatore “difende l’italianità”. Di fronte all’attacco del cdr, il direttore minaccia addirittura inedite querele. E lo scontro è approdato anche in Parlamento politica, con le opposizioni che chiedono le dimissioni del direttore e il governo a difenderlo con Lupi, Gasparri e Fratelli d‘Italia che parlano di ossessione per la sinistra su RaiNews e Petrecca. In effetti sono molti i casi sollevati: il servizio epurato sull’accusa di stupro al figlio minore di La Russa, il video di 27 minuti pre-montato e senza contraddittorio per Giorgia Meloni , Elly Schlein tagliata per mandare in onda Elon Musk alla festa di Atreju, e così via fino all’inchiesta di FanPage sui giovani fascistelli e antisemiti di Gioventù nazionale dimenticata per 4 giorni e poi data come se fosse stato il partito ad aver sollevato il caso. Ma come fa notare Usigrai, Petrecca non è solo: “anche gli altri tg Rai di prima serata ieri hanno lasciato pressoché invariata la scaletta tra un servizio sul caldo e uno di cronaca nera, per poi trasmettere vecchi programmi, musica e persino una replica di Report”. Qualsiasi cosa pur di non parlare di Francia.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 21/07 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 21/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 21/07/2024

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro beat, latin, r&b, ma anche, perchè no?, un po’ di sano rock’n’roll. L’obiettivo di Soulshine è ispirarvi ad ascoltare nuova musica, di qualsiasi decennio: scrivetemi i vostri suggerimenti e le vostre scoperte all’indirizzo e-mail cecilia.paesante@gmail.com oppure su Instagram (cecilia_paesante) o Facebook (Cecilia Paesante).

    Soulshine - 21-07-2024

  • PlayStop

    Supertele di domenica 21/07/2024

    I momenti più dorati nei nostri ricordi sono spesso legati ai caldi mesi di giugno, luglio e agosto. Supertele sa di malinconia, di nostalgia ma anche di divertimento, di spensieratezza. Supertele sa di estate. Musica e racconti di Elisa Graci. La Domenica alle 15.35 su Radio Popolare.

    Supertele - 21-07-2024

  • PlayStop

    Fatty Furba La Radio di domenica 21/07/2024

    Fatty Furba La Radio è la versione radiofonica e tutta dedicata al mondo della musica, senza filtry, genery ed età, del Podcast, che potete trovare su tutte le piattaforme di streaming. Margherita Devalle (Fatty Furba), attraverso interviste con artiste, addette ai lavori e tanta musica fresh vi porterà alla scoperta del dietro le quinte della musica contemporanea. Ah dimenticavo, Fatty Furba con la Y Aiuto redazione: Chiara Narciso Video: Margherita Mazzera Sigla: Francesco Sacco

    Fatty Furba La Radio - 21-07-2024

  • PlayStop

    Dieci città di domenica 21/07/2024

    "Dieci Città - 10 voci x 10 storie" è una trasmissione che esplora il fascino e l'influenza di dieci città attraverso gli occhi di dieci diversi conduttori di RP. Ogni episodio offre un viaggio unico, rivelando come l'atmosfera, la cultura e l'energia di ogni città plasmano la vita e le esperienze di chi le abita o le visita. Un racconto coinvolgente che intreccia storie personali e scoperte urbane.

    Dieci Città - 21-07-2024

  • PlayStop

    Camera a sud di domenica 21/07/2024

    Un'ora di radio per anime volatili

    Camera a sud - 21-07-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 21/07/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 21-07-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 21/07/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 21-07-2024

  • PlayStop

    Microfono aperto di domenica 21/07/2024

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento alla vita di tutti i giorni: si parla di tutto e c’è spazio per tutti. Basta telefonare e argomentare. Il Microfono Aperto è nato insieme a Radio Popolare e ne resta un cardine. Negli anni ha cambiato conduttori, forma, orari, durata, non la sostanza: la voce alle ascoltatrici e agli ascoltatori, la loro opinione, il loro punto di vista sulle cose.

    Microfono aperto del sabato - 21-07-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 21/07/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 21-07-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

Adesso in diretta