Approfondimenti

Il raid dell’esercito israeliano a Jenin, la fine dell’idillio tra governo e industriali e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 3 luglio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Israele ha attaccato il campo profughi di Jenin con una brigata composta da circa 2.000 soldati. È la più grande offensiva militare nell’area dai tempi della seconda intifada. Ad Assolombarda Giorgia Meloni ha giurato che i fondi del PNRR non andranno persi. Bianca Berlinguer si è dimessa dalla Rai dopo più di trent’anni di servizio. Kiev ha ammesso che la controffensiva sta procedendo molto lentamente.

Il raid dell’esercito israeliano nel campo profughi di Jenin

Israele ha lanciato una grande offensiva militare nella città di Jenin, in Cisgiordania. A partire dalla scorsa notte, l’esercito ha condotto un massiccio attacco con droni, per poi entrare via terra nella città e nel suo campo profughi con una brigata composta da circa 2.000 soldati, sostenuta da bulldozer blindati e cecchini sui tetti. Si tratta della più imponente operazione militare in quest’area da oltre 20 anni, dalla seconda intifada.
A Gerusalemme abbiamo raggiunto Ugo Tramballi, editorialista del sole24ore.


L’offensiva è ancora in corso e l’esercito israeliano si è finora rifiutato di dire quanto durerà, ma ha specificato che si protrarrà fino a quando sarà necessario.
Hamas ha già detto di essere pronto a intervenire se l’operazione militare a Jenin si protraesse e oltrepassasse i limiti.
Ad ora almeno 8 palestinesi sono stati uccisi e i feriti sono più di 50, ma secondo il ministero della salute palestinese il bilancio è destinato a crescere.
Poco fa dal team di medici senza frontiere a Jenin abbiamo ricevuto questo audio:

 

La comunità internazionale è stata silente per buona parte della giornata. Poco fa il ministero degli esteri turco ha condannato il raid israeliano, mentre la Casa Bianca ha diffuso un comunicato spiegando che sta monitorando da vicino la situazione, ma che “supporta il diritto di Israele di difendersi”.
Il ministro della difesa israeliano, infatti, ha definito l’offensiva come una grande operazione di anti terrorismo, arrivata giorni dopo l’uccisione di 4 coloni israeliani da parte di due palestinesi.
Sentiamo ancora Ugo Tramballi

 

Giorgia Meloni non convince gli industriali

(di Massimo Alberti)
Incassata la cancellazione del reddito di cittadinanza, e l’abbassamento del costo del lavoro col nuovo decreto, da qualche settimana l’idillio tra governo ed industriali sembra essersi raffreddato. Prima i giovani industriali, poi i capi di Confindustria di Puglia e Veneto, poi il monito dal centro studi di viale Astronomia, di fronte alla nuova crisi imminente, tra tassi alti e assenza di politiche industriali, hanno fatto dure le critiche soprattutto sui progetti di tagli fiscali e mancata lotta all’evasione. La platea tiepida e divisa di Assolombarda ne è stata ennesima conferma. Poco conta che Meloni si rivendichi dati di crescita occupazionale, l’Italia ha a malapena recuperato i livelli pre-covid, e le sue politiche non c’entrano nulla. La presidente del consiglio non a caso ha dovuto giurare in ogni modo di mettere a terra il PNRR, principale cruccio del mondo produttivo insieme allo scenario economico che sta per cambiare. Sullo sfondo una Confindustria divisa verso la successione di Bonomi di novembre, che proprio in Lombardia vede enormi divisioni. Da qui, ad esempio, le parole differenti sul salario minimo, da una parte la non ostilità di Bonomi e la chiusura di Spada, e appunto la diversa accoglienza di Meloni. Con un elettorato che vota a metà, e dove la parte che vota è proporzionalmente quella di reddito più alto, l’appoggio del mondo produttivo a nord pesa non poco. Tradizionalmente filo governativo, Meloni se lo è coccolata in questi mesi, dandogli tutto forse persino troppo in fretta. Meloni lo sa, non a caso nonostante gli impegni oggi è voluta correre a Milano. Ma ora, con le difficoltà presenti e previste per i prossimi mesi, la musica potrebbe cambiare.

L’addio alla Rai di Bianca Berlinguer

(di Anna Bredice)
Da un lato c’è la terra bruciata che le era stata fatta intorno e che l’ha quasi accompagnata alla porta, dall’altro la concorrenza con Piersilvio Berlusconi che non vede l’ora di far entrare a Mediaset, nelle tv che il padre ha utilizzato per anni per scagliarsi contro i comunisti, il volto simbolo della televisione di sinistra, con un cognome pesante, Bianca Berlinguer. L’amministratore delegato della Rai non ha dovuto attendere molto, dopo il comunicato di questa mattina, mellifluo nei toni ma chiaro nella sostanza nel quale diceva che Bianca Berlinguer non era nei palinsesti. L’ex direttrice del Tg3 lascia la Rai dopo oltre 30 anni e passa alle tv di Mediaset, è una questione solo di ore l’ufficialità del passaggio, avrà la stessa trasmissione e forse la stessa serata, però da un’altra parte. La trasformazione della Rai in servizio pubblico appaltato alla destra è quasi fatta, con Bianca Berlinguer sono 4 i giornalisti di primo piano che hanno lasciato la Rai, il primo è stato Fabio Fazio, poi Lucia Annunziata, poi ancora Massimo Gramellini, oltre poi ai conduttori come Flavio Insinna, malvisto dalla destra, che lascia il posto a Pino Insegno. L’amministratore delegato non si è dovuto scomodare a licenziare i giornalisti, è bastato capire che l’aria era proprio cambiata e che non sarebbe stato possibile fare le stesse cose, le pressioni forse sarebbero state troppo forti. Con Bianca Berlinguer il passaggio è concluso, ex direttrice del Tg3, espressione di un’area progressista alla Rai, e cognome simbolo della sinistra. Tra epurazioni e abbandoni volontari la virata a destra è fatta, ora c’è la battaglia di ascolti e di pubblicità, con i nuovi volti espressione di quell’egemonia culturale di destra che si è vista in un altro settore pochi giorni fa, al Maxxi di Roma diretto dal giornalista voluto dalla destra Giuli, con quel confronto volgare e triviale con il sottosegretario Sgarbi.

La lenta controffensiva dell’esercito ucraino

(di Emanuele Valenti)
Questa fase della guerra – caratterizzata dalla contro-offensiva ucraina – sarà probabilmente molto lunga. A Kiev lo avevano detto anche prima, ma nell’immaginario collettivo, soprattutto europeo, la tanto attesa e tanto anticipata contro-offensiva veniva vista come qualcosa di rapido e risolutivo. Non sarà così.
La vice-ministra della difesa, Hanna Maliar, ha fatto sapere che nell’ultima settimana sono stati riconquistati 37 chilometri quadrati di territorio.
In questo momento la pressione maggiore è intorno a Bakhmut e nel sud.
Intorno alla città di Donetsk, invece, gli stessi vertici militari ucraini ammettono una forte pressione russa.
I motivi sono diversi: per mesi i russi hanno costruito protezioni, si sono preparati a questo momento; le forze addestrate nei paesi NATO non sono ancora state utilizzate tutte, anzi una buona parte è ancora in attesa di essere impiegata; le forze armate ucraine non hanno ancora la necessaria superiorità in termini di armamenti. Lo ha detto molto chiaramente, nei giorni scorsi, il comandante delle forze armate, Valery Zaluzhny: ci manca la superiorità aerea e abbiamo bisogno costantemente di nuove munizioni di artiglieria.
Dopo mesi di tira e molla i paesi NATO hanno acconsentito al rifornimento di aerei da guerra, ma non sarà nell’immediato. Gli ucraini stanno avanzando molto lentamente, ma appunto lo stanno facendo senza la necessaria superiorità. Per questo lo stesso Zaluzhny ha detto che gli analisti militari dovrebbero valutare con attenzione e non pronunciare nemmeno la parola “lentamente”.
La guerra sarà lunga, ma proprio per la continua necessità di armi e armamenti, per Kiev e per l’Occidente sarebbe meglio che i tempi non si dilatassero troppo.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 22/05 6:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 21/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 21/05/2024 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    PoPolaroid di mercoledì 22/05/2024

    Ho amato tanto la Polaroid. Vedere stampare sotto i miei occhi la foto è sempre stata una sorpresa divertente ed emozionante. Ho amato anche la bellezza dello spazio bianco intorno all’immagine, che mi permetteva di scrivere la data e dare un titolo alla foto; spesso era ispirato da una canzone. Se ci pensate bene le canzoni, come le fotografie, sono la nostra memoria nel tempo, sono il clic che fa catturare ricordi meravigliosi. A PoPolaroid accompagno la musica con istantanee sonore; sono scatti personali, sociali e soprattutto sentimentali. Con PoPolaroid ascolta e vedrai. Basil Baz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 21-05-2024

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 21/05/2024

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest e anche quella prodotta in giro per il mondo: il Brasile musicale di ieri, di oggi e qualche volta di domani... Ogni martedì dalle 23.00 alle 24.00, a cura di Monica Paes Potrete anche, come sempre, scaricare i podcast e sentirla quando e quante volte volete... https://www.facebook.com/groups/avenidabrasil.radio/ https://www.facebook.com/avenidabrasil.radio/

    Avenida Brasil - 21-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 21/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21-05-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 21/05/2024

    Dal 19 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantatreesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare torna in onda con le voci dei protagonisti della movimento omotransgender. Conduzione e regia di Eleonora Dall’Ovo Musiche scelte da Lucy Van Pelt Si partirà con la rassegna stampa nostrana ed estera, per poi intervistare i\le protagonisti\e del movimento lgbt+ e concludere con gli eventi culturali che ruotano intorno alla realtà arcobaleno da non perdere.

    L’Altro Martedì - 21-05-2024

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 21/05/2024

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle nuove tecnologie. Ogni settimana approfondiamo le notizie più importanti, le curiosità e i retroscena di tutto ciò che succede sul Web e non solo. A cura di Marco Schiaffino.

    Doppio Click - 21-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 21/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 21-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di martedì 21/05/2024

    1- Spagna – Argentina ai ferri corti. Il premier Pedro Sanchez ritira definitivamente l’ambasciatore da Buenos Aires dopo i nuovi insulti di Milei. 2-Taipei, il giorno dopo l’insediamento dl Lai Ching-te. Pechino lo accusa esplicitamente il presidente taiwanese di separatismo. 3- Diario americano. Tra una settimana il verdetto del processo Trump. 4-Francia. Macron in missione Nuova Caledonia ma senza un piano politico per uscire dalla gravissima crisi. 5- Fondi Ue destinati alla deportazioni di migranti nel deserto nord africano. La denuncia pubblicata da Lighthouse Reports in collaborazione con le principali testate europee 7-Rubrica sportiva. La lezione di Jurgen Klopp al mondo del calcio.

    Esteri - 21-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 21/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 21-05-2024

  • PlayStop

    Playground di martedì 21/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 21-05-2024

  • PlayStop

    Express - Ep. 30 - 21/05/2024

    Partenza dal Mediterraneo con i Nu Genea, poi in Svizzera con Ele A, a Milano con Mace e Venerus, in Basilicata con Chiello, in Sicilia con Colapesce, Dimartino e Joan Thiele, in Sardegna con Daniela Pes, da Abbiategrasso al Nepal con Marta Del Grandi e infine a Manchester con gli Smiths.

    Express - 21-05-2024

  • PlayStop

    Jack di martedì 21/05/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 21-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 21/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi per la serie #ancheglianimalivotano ha ospitato Francesca Flati di @Animal Equality Italia e Simone Montuschi di @Essere Animali per parlare dei 3 punti sul Benessere Animale della piattaforma, ma anche del Film Festival La Ninna del @centro Recupero Ricci La Ninna

    Considera l’armadillo - 21-05-2024

  • PlayStop

    Cercasi McGyver

    quando testiamo l'abilità degli ascoltatori nel fai da te, eseguiamo una regalia di biglietti dell'Operazione Primavera attraverso un nuovo fiammante rebus sonoro e infine arriva la prima parte di una nuova puntata di Voeia de Laurà, dedicata all'oreficeria

    Poveri ma belli - 21-05-2024

Adesso in diretta