Approfondimenti

Il governo nel caos sul Pnrr, la battaglia per il controllo di Bakhmut e le altre notizie della giornata

Ucraina Kiev ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 3 aprile 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dopo i ritardi sul PNRR ammessi da Fitto, la Lega vorrebbe cambiare la destinazione dei fondi o valutare se rinunciare a una parte dei finanziamenti. I 209 miliardi del PNRR sono un fiume da mille rivoli di mille capitoli di spesa, alcuni più imponenti di altri, ma ciascuno con proprie specifiche criticità che causano non tanto e solo lentezze, quanto l’incapacità di spendere i soldi che arrivano. Questa mattina a Milano la sottosegretaria all’istruzione Paola Frassinetti, di Fratelli d’Italia, ha reso omaggio a Fausto Tinelli. Kyiv nega che i russi abbiano preso il controllo del centro di Bakhmut; intanto in città si continua a combattere strada per strada.

La Lega propone di alzare bandiera bianca sul Pnrr

(di Michele Migone)
“Forse sarebbe meglio rinunciare a una parte dei fondi a debito” – ha detto il capogruppo alla Camera Riccardo Molinari.  “Il problema sono i vincoli di spesa e occorre chiedersi se serva veramente impiegare così tanti fondi su certe partite”. La sua uscita è stata l’ennesima dimostrazione delle difficoltà, del caos in cui si trovano il governo e la maggioranza nella gestione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Basta seguire la cronologia della giornata. Mezz’ora dopo che le agenzie avevano rilanciato le parole di Molinari, a Verona, a Vinoitaly, Giorgia Meloni rilasciava invece una dichiarazione rassicurante ai giornalisti presenti: “Non sono preoccupata per i ritardi. Non facciamo allarmismo. Non voglio rinunciare ai fondi”. Una pezza, ma insufficiente. Perché il fuoco di fila delle opposizioni è partito subito. Il PD, Azione, i 5Stelle hanno chiesto subito a Meloni di andare in Parlamento a spiegare a che punto siamo con i ritardi e cosa intende fare il governo per evitare di perdere i miliardi europei della terza tranche. Per smorzare le polemiche, allora Palazzo Chigi ha fatto uscire una nota in cui ha ribadito che il governo non vuole rinunciare ai fondi, ma che “il piano deve essere rimodulato eliminando i progetti che non possono essere portati a termine nel 2026”.  Dietro l’atteggiamento del governo si intravvede non solo l’incapacità dell’esecutivo di gestire i ritardi ma alcune scelte sbagliate che hanno a loro volta provocato una dilatazione dei tempi, come lo spostamento della cabina di regia dal ministero dell’economia alla presidenza del consiglio, e il il braccio di ferro tra i partiti della maggioranza per spostare le risorse su altri progetti. Osvaldo Napoli, deputato di lungo corso, ha poi una sua chiave di lettura per spiegare l’uscita di Molinari: la Lega fa pressioni sulla Meloni sul Pnrr per costringerla a cedere sulle nomine delle partecipate e dare a Salvini le poltrone che vuole.

Perché non riusciamo a spendere i soldi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

(di Massimo Alberti)
I 209 miliardi del PNRR sono un fiume da mille rivoli di mille capitoli di spesa, alcuni più imponenti di altri, ma ciascuno con proprie specifiche criticità che causano non tanto e solo lentezze, quanto l’incapacità di spendere anche i soldi che arrivano: finora solo il 6%, secondo quanto puntualizzato dalla Corte dei Conti. Con i soldi delle rate su cui l’Italia è in ritardo, resterebbe la difficoltà di spenderli. Di due temi si è parlato molto: la carenza di personale nel pubblico, per cui comuni, ma pure ministeri, vedi alla voce ambiente, non riescon a far progetti per i miliardi a loro destinati. Il piano prevedeva assunzioni a tempo, avviate dal governo Draghi, ma per nulla attrattive sul mercato del lavoro. Ciò causa l’altro problema, gli appalti lenti. Anziché investire in personale i governi Conte e Draghi hanno introdotto deroghe diventate strutturali con Meloni. Salvini prova così a salvarsi dai forti ritardi sulle infrastrutture sotto il suo ministero, colpito anche dall’aumento generale dei costi dovuto all’inflazione. Poi ci sono problemi specifici su alcuni punti, come la sanità. Il piano non mette nulla sulla carenza di decine di migliaia di medici e infermieri. E così le case di comunità, le aggregazioni territoriali di medicina di base, sono un flop. Perché non ci sono i medici a riempirle. In questo quadro il governo gioca alle tre carte: rimandare alcuni progetti, posticiparne altri, rinunciare ad alcuni anche se non si può dire, nel contesto di un negoziato con l’Europa che magari permetterebbe anche piccolo cabotaggio su qualche centinaia di milioni, tra gli stretti paletti europei, da spostare su progetti di clientele dei partiti e ritenuti fattibili. Mentre le imprese, non paghe di 38 miliardi di incentivi già previsti, ne vorrebbero gestire direttamente altri. Senza che nessuno metta mano al problema di fondo, e non nuovo, di un paese che si trova privato della struttura per funzionare anche quando i soldi ci sarebbero.

La destra in doppiopetto cerca la “pacificazione”

(di Lorenza Ghidini)

Questa mattina a Milano la sottosegretaria all’istruzione Paola Frassinetti, di Fratelli d’Italia, ha reso omaggio a Fausto Tinelli, ucciso nel marzo 78 insieme a Lorenzo Iaio Iannucci. Una iniziativa che si iscrive nel filone inaugurato da Ignazio La Russa col suo discorso di insediamento alla Presidenza del Senato, quando nominò proprio Fausto e Iaio, insieme a Sergio Ramelli, per dire che è ora di lasciarsi alle spalle gli anni 70 e la violenza politica.

“Negli anni 70 c’è stata una guerra tra giovani, oggi sono qui per portare un messaggio di pacificazione”.
Paola Frassinetti arriva al Brera a bordo di una utilitaria, con un mazzo di fiori da deporre sotto la lapide che ricorda Fausto Tinelli, allora alunno di quel Liceo [CONTINUA A LEGGERE]

A Bakhmut si continua a combattere strada per strada

(di Emanuele Valenti)

A Kyiv negano che i russi abbiano messo la loro bandiera sul municipio della città, come aveva detto ieri il capo dei mercenari di Wagner, Prigozhin.

Entrambe le dichiarazioni sono difficilissime da verificare. La zona è off limits per i giornalisti e proprio in questi giorni il ministero della difesa ucraino ha stretto molto sulle dichiarazioni, ufficiali e non ufficiali, alla stampa, soprattutto da alcune zone. La prima è proprio Bakhmut.

Sappiamo però alcune cose: il municipio è nella parte più orientale del centro città, alla quale i russi si sono avvicinati da tempo. Così come da nord e da sud. E gli stessi ucraini, come abbiamo detto, ammettono che si combatta nelle strade, metro per metro. Ma sappiamo anche che in passato altre dichiarazioni di Progozhin sono state smentite dal corso degli eventi.

Probabilmente la zona del municipio è contesa e potrebbe anche essere che  a un certo punto le truppe di Kyiv decidano di tenere e difendere i quartieri occidentali. In questo momento il loro obiettivo a Bakhmut è infliggere il maggior numero possibile di perdite al nemico in attesa di una contro-offensiva.

Anche secondo gli americani la resistenza degli ucraini nella città del Donbas va avanti.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 23/06 12:59

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 23/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 21/06/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 23/06/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 23-06-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 23/06/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 23-06-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 23/06/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 23-06-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 23/06/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 23-06-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 23/06/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 23-06-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 23/06/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 23-06-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 22/06/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 22-06-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 22/06/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 22-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 22/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-06-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 22/06/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 22-06-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 22/06/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 22-06-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 22/06/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 22-06-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 22/06/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 22-06-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 22/06/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 22-06-2024

Adesso in diretta