Approfondimenti

L’accordo per una tregua di 4 ore al giorno a Gaza, la recrudescenza di gesti antisemiti e le altre notizie della giornata

bombardamenti Gaza ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 9 novembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Una tregua di 4 ore ogni giorno e due corridoi umanitari per l’evacuazione dei civili dal nord al sud della Striscia: questi sono i punti di un accordo che Israele avrebbe accettato, ma l’ufficialità non è ancora arrivata. La guerra in Medio Oriente, intanto, sta provocando in tutta Europa, e anche in Italia, una recrudescenza di atti e gesti antisemiti. Il confronto fra governo e sindacati sull’ex Ilva si è concluso con la proclamazione di otto ore di sciopero in tutti gli stabilimenti.

Verso una tregua umanitaria di 4 ore al giorno a Gaza?

La guerra a Gaza. Una tregua di 4 ore ogni giorno e due corridoi umanitari per l’evacuazione dei civili dal nord al sud della Striscia: questi sono i punti di un accordo che Israele avrebbe accettato. Ad annunciarlo è stato oggi il portavoce del Consiglio per la Sicurezza Nazionale americana, John Kirby. La Casa Bianca poco dopo però ha precisato: non si parla di un cessate il fuoco. Da Tel aviv per ora non c’è una conferma ufficiale.

(di Sara Milanese)

Da giorni l’esercito israeliano annuncia l’apertura di corridoi umanitari da Gaza City e verso il sud della striscia; ora, alla luce di quanto dichiarato da John Kirby, sembra che questa tregua quotidiana dei bombardamenti rientri nelle richieste fatte da Washington a Tel Aviv.
Israele ora avrebbe concordato l’apertura di un secondo corridoio, che sarà attivato lungo la costa. Kirby ha parlato di “un passo nella giusta direzione”. Washington spinge anche per un aumento dei convogli umanitari che entrano nella striscia dal valico di Rafah: “L’obiettivo è di far entrare 150 camion al giorno”, ha detto Kirby.
Dalla Casa Bianca però il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden è intervenuto per precisare che “Non esiste nessuna possibilità” di un cessate il fuoco tra Israele e Hamas nella Striscia di Gaza. Un concetto ribadito dallo stesso Netanyhau, che non ha formalmente confermato gli annunci americani, ma ha dichiarato nuovamente che il cessate il fuoco con Hamas è escluso.

Hamas intanto oggi ha diffuso i video di due degli oltre 240 ostaggi rapiti lo scorso 7 ottobre. Si tratta di Hannah Katzir, di 77 anni, e Yagil Yaakov, 13 anni, entrambi rapiti dal kibbutz Nir Oz. I miliziani hanno dichiarato che intendono liberarli. Entrambi hanno infatti bisogno di cure mediche, la donna è anziana e il ragazzo soffre di allergie alimentari.
I video e l’annuncio della loro possibile liberazione arrivano mentre a Doha intanto sono in corso i negoziati per la liberazione di tutti gli ostaggi. Tra i presenti il capo della Cia, Bill Burns, e quello del Mossad, David Barnea. Il leader di Hamas Ismail Haniyeh ha invece incontrato oggi al Cairo il capo dell’intelligence egiziana.

La preoccupante recrudescenza di gesti antisemiti

La guerra in Medio Oriente ha provocato, in tutta Europa e anche in Italia, una recrudescenza di atti e gesti antisemiti. A Roma sui muri del quartiere ebraico e di Trastevere sono comparse questo pomeriggio alcune scritte antisemite: stella di David uguale svastica, vi si legge. Al ghetto, sempre nella capitale, nei giorni scorsi erano state bruciate alcune pietre d’inciampo poste a ricordo di deportati nei lager nazisti. Oggi si è svolta in parlamento una seduta della commissione per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio. In apertura dei lavori è intervenuta la presidente, Liliana Segre:

La questione dell’antisemitismo è tema di preoccupazione e dibattito anche in altri Paesi. La polizia di New York ha detto oggi che in città nell’ultimo mese gli attacchi di matrice religiosa sono più che raddoppiati rispetto allo stesso periodo dell’anno passato. In Canada nella notte sono stati esplosi colpi d’arma da fuoco contro due scuole ebraiche. In Francia sono oltre mille gli episodi antisemiti registrati dal 7 ottobre in poi. Della questione ha parlato oggi in Germania il cancelliere Scholz, in un discorso in occasione dell’anniversario della notte dei Cristalli. Da Berlino, Alessandro Ricci:


 

Nulla di fatto dal governo Meloni per l’ex Ilva: i sindacati proclamano lo sciopero

(di Massimo Alberti)

Ex ilva, il governo continua a lavarsene le mani e ad aspettare le scelte di Arcelor Mittal. Nulla di fatto nell’incontro di oggi con i sindacati che proclamano un nuovo sciopero. Mentre l’ex acciaieria più importante d’Europa continua il suo declino.
Non che ci fossero grandi aspettative, ma nell’incontro di oggi con i sindacati il governo ha confermato il proprio vuoto su qualsiasi idea di politica industriale ed ambientale. Non solo i ministri non si sono fatti vedere, ma i loro capi di gabinetto si son limitati a ribadire che si attende cosa deciderà Arcelor Mittal, cioè il socio privato di maggioranza cui, sciaguratamente, Calenda da ministro affidò l’acciaieria. Da lì il declino accelerato: migliaia di lavoratori costantemente in cassa integrazione, e non solo denunciano i sindacati, la carenza di manutenzione che mette a rischio chi lavora ed amplifica l’inquinamento che devasta Taranto, in un declino strutturale oltre che economico con la produzione di quella che dovrebbe essere la più grande acciaieria d’Europa scesa sotto i 3 milioni di tonnellate, mentre lo stato continuava a pompare soldi pubblici di fatto finiti a finanziare il socio privato.
Oggi il governo ha ribadito in sostanza che l’ipotesi di diventare maggioranza è lettera morta e che serve aspettare il 23 novembre prossimo con l’assemblea dei soci, in cui si auspica che Arcelor Mittal faccia chiarezza sulle sue reali intenzioni, dopo l’incredibile firma dell’accordo l’11 settembre scorso all’insaputa del socio pubblico, Invitalia.
I sindacati hanno definito l’incontro di oggi disastroso, e proprio per il 23 tutti hanno indetto un nuovo sciopero di 8 ore. Col colosso franco-indiano che non ha dato garanzie sul nuovo aumento di capitale, necessari non solo per rilanciare la produzione e intervenire sugli impianti, ma per proseguire l’attività stessa. Sempre che abbia un senso, proseguendo l’agonia di una fabbrica lasciata a sé stessa tanto dal socio privato quanto da quello di stato, a riprova che politiche industriali pubbliche non sono una priorità, ma lontani ricordi.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 18:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 23/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 23/02/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 23/02/2024

    Ospite della puntata Lepre che presenta il suo disco Eremo con un'intervista e tre brani live

    Jack - 23-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 23/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle che oggi ha ospitato Sara D'Angelo di @porcikomodi, @Vitadacani, @rete dei Santuari degli Animali liberi per parlare della nuova iniziativa per sollecitare il @ministero della salute, ma anche di aste di asini

    Considera l’armadillo - 23-02-2024

  • PlayStop

    Open to meraviglia nata vota

    quando facciamo un corso di inglese basato sulle peripezie poliglottologiche di Rutelli e Renzi, poi voliamo a Tenerife per scoprire che non è tutto oro quel che luccica, infine gestiamo un grosso carico di lenzuola nella puntata settimanale del Capibaratto

    Poveri ma belli - 23-02-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 23/02/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-02-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 23/02/2024

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi della sanità, dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle storie di vita reale ai suggerimenti su come sopravvivere nei meandri della burocrazia. Conducono Vittorio Agnoletto e Elena Mordiglia.

    37 e 2 - 23-02-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    Dopo la strage di Firenze il governo batterà delle norme noi proponiamo un sondaggio ad ascoltatori e ascoltatrici: soluzione economica o penale? Ovvero ci vuole il ripristino delle medesime condizioni di salario e direttori c tutti i lavoratori sullo stesso sito o cantiere o ci vuole l’omicidio sul lavoro?

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    DUE ANNI DI GUERRA IN UCRAINA commenti di Sergio Romano ambasciatore, editorialista del Corriere della Sera, Mara Morini docente di politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova e Irma Gjinaj capomissione dell'ong Cesvi in Ucraina INCENDIO PALAZZO A VALENCIA aggiornamenti con Giulio Maria Piantadosi LA RESISTENZA AL LAVORO. UNA SERATA A MILANO IN RICORDO DEGLI SCIOPERI DEL MARZO 1944 ce ne parla Carlo Ghezzi vicepresidente Nazionale Anpi CLIMITOLOGIE, TUTTE LE BUFALE CHE CI RACCONTANO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO la rubrica di Sara Milanese DOMANI A MILANO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA PALESTINA a Prisma parla Khader Tamimi presidente della comunità palestinese di Milano In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

Adesso in diretta