Approfondimenti

Il passo indietro di Boris Johnson, la pesante offensiva russa nel Donetsk e le altre notizie della giornata

Boris Johnson ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 7 luglio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Boris Johnson si è dimesso nel primo pomeriggio da leader di conservatori dopo il diluvio di passi indietro e di sfiducia all’interno del partito. In Ucraina è in corso una pesante offensiva russa sulla regione di Donetsk, nell’est dell’Ucraina. Il governatore della regione ha detto che intensi raid aerei hanno colpito le città di Sloviansk e Kramatorsk. Passa la fiducia alla Camera dei deputati, il provvedimento finale verrà votato lunedì, ma in ogni caso il voto di fiducia c’è stato anche con il sì dei Cinque Stelle. Il prezzo del gas continua a salire: se tre settimane fa ci volevano 90 euro per un megawattora di gas, oggi ce ne vogliano 186 euro. Assolto perché la vittima, con il suo comportamento avrebbe indotto l’imputato a “osare”: è la sentenza della Corte di Appello di Torino in un caso di stupro in cui – si legge – la vittima, non chiudendo il bagno, avrebbe fatto “insorgere nell’uomo l’idea che fosse l’occasione propizia”. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia. 

Boris Johnson si è dimesso da leader dei Conservatori

Boris Johnson si è dimesso nel primo pomeriggio da leader di conservatori dopo il diluvio di passi indietro e di sfiducia all’interno del partito. Si apre ora uno scenario inedito nella politica britannica visto che Johnson, il premier della Brexit e degli scandali duranti il COVID, vorrebbe rimanere a capo del governo fino almeno in autunno e per questo oggi ha sostituito alcuni dei ministri dimissionari. Una folla di oppositori ha festeggiato a Whitehall dopo l’annuncio, mentre Johnson si scambiava auguri e attestati di stima col presidente ucraino Zelensky.

La pesante offensiva russa nella regione di Donetsk

È in corso una pesante offensiva russa sulla regione di Donetsk, nell’est dell’Ucraina. Il governatore della regione ha detto che intensi raid aerei hanno colpito le città di Sloviansk e Kramatorsk. Ai civili rimasti è stato chiesto di lasciare le città e cercare rifugio il prima possibile.
A Kramatorsk un missile russo ha colpito una zona residenziale uccidendo almeno una persona e ferendone altre 6.
Nella notte missili russi hanno colpito anche il sud del paese, compresa l’isola dei serpenti – dove i militari ucraini stavano issando la loro bandiera – e Odessa. Qui, secondo l’esercito ucraino, i russi avrebbero distrutto 2 hangar che contenevano almeno 25 tonnellate di grano.

La guerra in Ucraina sarà al centro anche del G20, aperto oggi a Bali. Per la prima volta dall’invasione russa sarà presente anche il Ministro degli Esteri russo Lavrov, che ha già incontrato il suo corrispettivo cinese Wang. “Russia e Cina continuano a rafforzare la loro cooperazione strategica” si legge nel comunicato congiunto, dove si fa riferimento anche ad una condanna delle sanzioni ala Russia. Wang incontrerà anche il segretario di stato Usa Anthony Blinken, mentre non ci sarà nessun bilaterale Lavrov-Blinken.

Il prezzo del gas è raddoppiato in 20 giorni

(di Raffaele Liguori)

È una corsa al rialzo spinta da diverse ragioni che finiscono per essere aggravate dal contesto bellico in Ucraina.
La prima. La prossima settimana verrà chiuso il gasdotto Nord Stream 1 che porta il gas russo in Germania. Da Mosca si spiega che è per manutenzione, ma in Europa – a partire dalla cancelleria di Berlino – sembrano non esserne convinti.
La seconda ragione dei rincari dell’energia. Dagli Stati Uniti le consegne di gas liquido sono scese ai minimi da 4 mesi. È la conseguenza dell’incendio nel porto di Freeport, in Texas, da dove partono le navi cariche di GNL dirette in Europa.
I rialzi del prezzo del gas, la tensione sui mercati delle materie prime, con il petrolio tornato oggi sopra i 100 dollari (+6% rispetto a ieri), stanno mettendo in allarme i governi europei. A Parigi e Berlino, Macron e Scholz hanno già preso alcune misure difensive dei propri colossi energetici.
Ieri la prima ministra francese Borne ha annunciato che la quota di azioni detenuta dallo stato in EDF (società che gestisce il nucleare francese) salirà fino al 100% (oggi è all’84%).
Il parlamento tedesco dovrebbe approvare domani un decreto del governo Scholz che servirà al salvataggio di Uniper, la società che distribuisce il gas in Germania, e fortemente indebitata. Costo dell’operazione: 9 miliardi di euro.

Il governo incassa la fiducia alla Camera sul Dl Aiuti, ma non è finita qui

(di Anna Bredice)

Passa la fiducia alla Camera dei deputati, il provvedimento finale verrà votato lunedì, ma in ogni caso il voto di fiducia c’è stato anche con il sì dei Cinque Stelle. Da lunedì il testo del decreto aiuti va al Senato e lì si aprirà di nuovo il balletto del sì o del no alla fiducia, perché al Senato il voto è unico e deve svolgersi entro il 16 luglio.
Conte oggi ha annunciato che alla Camera si sarebbe votato sì, ma per Palazzo Madama ancora non sa dirlo, perché attende risposte sulle questioni importanti portate a ieri a Draghi: il superbonus verrà cambiato o no già nel decreto al Senato? La parte contestata è la responsabilità unica dei controlli ai cessionari del credito, un punto sollevato comunque anche da altri partiti. Poi c’è il termovalorizzatore di Roma e la conferma del reddito di cittadinanza senza modifiche legate ai 200 euro di una tantum. Quindi la discussione del Decreto Aiuti non è finita qui. Sugli altri temi c’è una volontà da parte del PD di arrivare presto ad un accordo sul salario minimo, è un tema condiviso da Letta e da Conte e potrebbe segnare una strada di conciliazione all’interno del governo.
Le tensioni quindi dentro ai Cinque stelle continueranno. Per tenere sotto controllo quell’area di parlamentari che vuole uscire dal governo e contesta una linea troppo ondivaga, Conte avrà bisogno di mantenere sempre alta la polemica con draghi sui punti da cui si attende risposte entro fine luglio.

Assolto perché la vittima avrebbe indotto l’imputato a “osare”

(di Rita Rapisardi)

Assolto perché la vittima, con il suo comportamento avrebbe indotto l’imputato a “osare”. È la sentenza della Corte di Appello di Torino in un caso di stupro in cui – si legge – la vittima, non chiudendo il bagno, avrebbe fatto “insorgere nell’uomo l’idea che fosse l’occasione propizia”.
I fatti risalgono a tre anni fa, i protagonisti, che si conoscevano da tempo, stavano passando insieme la serata in un locale del centro di Torino, nel cui bagno si sarebbe consumata la violenza. Un sentenza che lascia sgomenti nelle sue giustificazioni e che appare come un caso di vittimizzazione secondaria e che sembra non escludere la violenza. L’uomo, infatti, non ha negato di aver aperto i pantaloni della giovane, ma scrivono i giudici: “L’unico dato indicativo del presunto abuso potrebbe essere considerato la cerniera rotta, ragione per cui nulla può escludere che sull’esaltazione del momento, la cerniera, di modesta qualità, si sia deteriorata sotto forzatura”. Non preso in considerazione invece il principio del consenso, motivo per cui la sentenza è stata impugnata in Cassazione, contestata dalla vittima e dalla sostituto procuratore, proprio sulla base delle parole della ragazza, la quale disse chiaramente “Non voglio”, opponendosi al rapporto. Secondo la pm il giovane sarebbe entrato nel bagno, sorprendendo la vittima, “girandola di spalle con forza e mettendole una mano sopra la bocca”. Un gesto che aveva lasciato sotto shock la ragazza che aveva avuto un attacco di panico e aveva vomitato prima di essere trasportata in ospedale dove era stata medicata. Diversa la ricostruzione della sentenza, che conclude: “Subito dopo i fatti l’imputato era parso “gentile” ai presenti, mostrando un atteggiamento molto lontano da quello dello stupratore”.

10 ergastoli ai torturatori di Campo de Mayo in Argentina

(di Alfredo Somoza)

Campo de Mayo, nella provincia di Buenos Aires, è la sede della Scuola Militare dell’esercito argentino. Durante la dittatura, al suo interno funzionarono 4 centri di detenzione e una maternità clandestini. Il maxi-processo, nel quale sono state ascoltati 765 testimoni, si è concluso con 10 ergastoli e 9 condanne tra 4 a 22 anni confermando reati vari e omicidi nei confronti di 347 persone tra i 6.000 detenuti illegali che si calcola siano passati da quel luogo dell’orrore. Questo è l’ultimo dei grandi processi ai militari per i crimini degli anni ’70, grazie alla riapertura dei procedimenti sancita durante il Governo di Nestor Kirchner, perché, in quanto crimini contro l’Umanità, erano imprescrittibili.
I militari condannati sono tutte persone anziane, e in base alla legge argentina non sconteranno la condanna in carcere, ma questo ultimo grande processo contro i militari golpisti resterà nella storia giudiziaria dell’America Latina a sigillo della memoria storica, chiarendo, al di fuori di ogni polemica, chi siano state le vittime e chi i carnefici in quella tormentata stagione politica.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

In una settimana i casi di COVID-19 sono aumentati del 55%. In crescita anche le terapie intensive e i ricoveri ordinari. Lo scrive il Gimbe nel suo rapporto settimanale. Il Ministero della Salute ha chiesto alle Regioni di adeguare l’ampliamento dei posti letto di Area Medica e in Terapia Intensiva. L’EMA, l’Agenzia Europea del Farmaco consiglia una seconda dose booster anche per le persone fragili over 60, e annuncia per settembre i vaccini adattati contro le nuove varianti COVID.

Ha senso ancora il booster o quarta dose? E cosa dobbiamo aspettarci? Lo abbiamo chiesto a Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’Istituto Galeazzi di Milano:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 26/02 8:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 26/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 26/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 26-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Non Vedo l'ora di lunedì 26/02/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con v

    Non vedo l’ora - 26-02-2024

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 26/02/2024

    Cancellare i diritti con il consenso popolare: la tripla crisi epocale - guerra, clima, pandemia - lo rende possibile. Rights now, la trasmissione su Radio Popolare a cura della Fondazione Diritti Umani vuole contrastare questo pericolo, facendo conoscere l’importanza dei diritti e delle lotte per affermarli. Ovunque succeda. Con le testimonianze di chi concretizza i diritti umani e dando parola alle nuove generazioni che ci credono. A cura di Danilo De Biasio e Elisa Gianni

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 26-02-2024

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 25/02/2024

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music e sicuramente contribuisce non poco alla diffusione della musica e della cultura reggae nel nostro paese. Ogni domenica dalle 23.45 fino alle 5.30 del lunedì mattina, conduce Vito War.

    Reggae Radio Station - 25-02-2024

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 25/02/2024

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non pensando al genere come concetto limitativo, Prospettive musicali vuole suggerire percorsi di ascolto eterogenei. Prospettive musicali potrà accostare musiche medioevali e avanguardie elettroniche, free jazz e musiche per ambiente, danze etniche e partiture contemporanee, improvvisazione e composizione, avant rock e canzone, silenzio e rumore, invitando il proprio pubblico a condividere esperienze di ascolto coraggiose e «di confine». Alessandro Achilli collabora con Radio Popolare dal 17 marzo 1991 con i cicli Sciabadà (1991), Est (1992), Le vacanze di monsieur Hulot (1991, con Giovanni Venosta, e 1992), L’Orchestra (1996), Concerti da Babele (2001, 2002, 2003), Township Beat, musiche dal Sudafrica (2010) e corrispondenze dai festival Mimi (Provenza), Ring Ring (Belgrado), London Jazz Festival; ha inoltre curato la regia e l’adattamento di un ciclo condotto da Robert Wyatt, interviste in diretta a Shelley Hirsch, Arto Lindsay, Peter Blegvad e Robert Wyatt, e puntate monografiche di Cantaloop, In genere, Zona disco, Replicanti, Yuppi do, Il giardino degli dei, 5 giri, Jazz Anthology, Happy Together e Notturnover estate. Clicca qui per notizie sulle sue attività con Musica Jazz, Musiche, Radio3 Rai e come fotografo non professionista e traduttore. Fabio Barbieri collabora con Radio Popolare dal 1997. È stato ideatore e conduttore di Tropici e meridiani e ha realizzato collegamenti e interviste per Notturnover,Candid, Sidecar, Zoe, Alaska e per il gr in network. Ha collaborato con la redazione musicale del quotidiano Il Manifesto. Suoi articoli e recensioni sono apparsi su Rockerilla, Lost Trails e nel volume Bassa fedeltà (Bollati Boringhieri). Nella stagione 2003-2004 ha curato per Patchanka una serie di corrispondenze settimanali da Londra, intitolata London Calling. Da quell’esperienza è nato un blog: http://www.fabiocalling.blogspot.co.uk/ Gigi Longo collabora con Radio Popolare dal 1987. Ha condotto Jazz Anthology, Music Mag, Onda su onda e Cibo per psiconauti. In veste di inviato, ha recensito decine di concerti jazz, rock e world music per Notturnover. Ha realizzato trasmissioni speciali su Charles Mingus, Gil Evans, Duke Ellington e Miles Davis. È stato collaboratore dell’Associazione Jazz Capolinea, del mensile Il Buscadero e dela rivista Alp Grandi Montagne.

    Prospettive Musicali - 25-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di domenica 25/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-02-2024

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 25/02/2024

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi e dai popoli del mondo, prodotto e condotto in studio dal vostro bacicin…” Comincia così, praticamente da quando esiste Radio Popolare, la trasmissione di Giancarlo Nostrini. Ascoltare per credere. Ogni domenica dalle 21.30 alle 22.30.

    La sacca del diavolo - 25-02-2024

  • PlayStop

    Agitanti di domenica 25/02/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettate come “diversi”. Ogni domenica alle 21 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 25-02-2024

  • PlayStop

    Bohmenica In di domenica 25/02/2024

    Bohmenica In del 25/2/24 In regia: Clarice Trombella In co-conduzione: Astrid Serughetti Per #gaiasuimezzi intervista a Davide Maggi, founder e Ceo di Cesarine.com, piattaforma di cooking class e home restaurant. L’English tutor Samuele Brusca analizza alcune strofe di “All along the watchtower” nella versione di Jimi Hendrix. Zeina torna a parlare di chakra e ci introduce il quinto, mentre Paola Capitaneo racconta della community nata spontaneamente tra gli abitanti di via Padova – una delle zone considerate più “calde” di Milano – per aiutarsi facendo rete, per esempio con gli affacci solidali. Infine, il nostro Scienziatissimo Andrea Bellati parla di chirurgia spaziale, ossia della prima simulazione di un intervento chirurgico sulla ISS Stazione Spaziale Internazionale.

    Bohmenica In! - 25-02-2024

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 25/02/2024

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle sue trasmissioni, musicali e non. La nostra scelta racconterà molte novità discografiche, ma non soltanto. E ogni domenica, con mezz’ora di speciale, concluderemo i sette giorni proponendo un profilo approfondito del nostro Artista della Settimana.

    L’Artista della settimana - 25-02-2024

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 25/02/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 25-02-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 25/02/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 25-02-2024

  • PlayStop

    Mitologia Popular di domenica 25/02/2024

    Mitologia Popular esplora e racconta il folclore e la cultura popolare brasiliana: da miti e leggende come Saci Pererê, Mula sem cabeça, Cuca alla storia di piatti tipici come la feijoada o la moqueca, passando per la letteratura, il carnevale, la storia delle città più famose e la musica, ovviamente. Conduce Loretta da Costa Perrone, brasiliana nata a Santos che, pur vivendo a Milano da anni, è rimasta molto connessa con le sue origini. È autrice del podcast Lendas con il quale ha vinto gli Italian Podcast Award per il secondo anno consecutivo.

    Mitologia Popular - 25-02-2024

Adesso in diretta