Approfondimenti

Macron e von der Leyen a Pechino, il piano per la siccità, le ultime sull’ispettorato del lavoro e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 6 aprile 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La doppia missione di Macron e della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen a Pechino: sono arrivati in Cina con obiettivi diversi, ma entrambi hanno cercato di fare pressione su Xi perché assuma un ruolo da mediatore tra Russia e Ucraina. Cresce la tensione in Medio Oriente dopo uno scambio di lanci di missili tra il Libano e Israele. Sulla siccità la parola d’ordine del governo è sveltire, anche se ancora non si sa bene che cosa. quella che ci attende è un’altra estate di conflitti legati alla risorsa acqua, come spiega Massimiliano Pasqui, ricercatore dell’Osservatorio siccità del Cnr. Il governo fa una mezza marcia indietro sullo smantellamento dell’ispettorato nazionale del lavoro. Oggi è stato diffuso il primo bollettino ufficiale che ha chiarito le condizioni di Silvio Berlusconi, ricoverato al San Raffaele.

L’Europa punta sulla Cina per la pace

L’Europa punta sulla Cina per la pace. La doppia missione di Macron e della presidente della Commissione europea Ursula Von der leyen a Pechino mira da un lato a convincere Xi Jinping a lavorare per una risoluzione del conflitto e dall’altro a mantenere e rafforzare i rapporti economici tra Ue e Cina. I due leader europei sono arrivati in Cina con obiettivi diversi, ma entrambi hanno cercato di fare pressione su Xi perché assuma un ruolo da mediatore tra Russia e Ucraina. Senza grandi sorprese, il presidente cinese ha ribadito la sua linea neutrale sul conflitto, ma si è detto aperto ad un colloquio con Kiev “quando sarà il momento”.
Poco dopo le dichiarazioni da Pechino, però, è arrivato il commento da Mosca che ha sostanzialmente chiuso ad ogni possibile mediazione. La Russia riconosce il potenziale di mediazione cinese – fanno sapere dal cremlino – , ma la situazione con Kiev è ancora difficile e non è ancora il momento di dialogare. Mosca oggi aveva anche liquidato come inconsistenti le dichiarazioni arrivate da Kiev secondo le quali un successo ucraino in Crimea rappresenterebbe la base per un negoziato.
Sulle effettive possibilità di Kiev di arrivare alla Crimea, abbiamo sentito Alessandro Marrone, analista militare dell’Ispi

Botta e risposta a colpi d’artiglieria tra il Libano e Israele

Cresce la tensione in Medio Oriente dopo uno scambio di lanci di missili tra il Libano e Israele. Uno scontro che arriva dopo lo scontro avvenuto tra palestinesi e polizia israeliana alla Spianata delle moschee.

(di Martina Stefanoni)

Continua da tutto il giorno il botta e risposta a colpi d’artiglieria tra il Libano e Israele. Un nuovo attacco è stato riferito proprio pochi minuti fa dal portavoce militare israeliano che ha detto che colpi di mortaio sono stati lanciati verso Metulla, località israeliana dell’Alta Galilea. Non si ha notizia di vittime né danni, ma la popolazione di Metulla ha avuto ordine di entrare nei rifugi o nelle stanze protette delle loro abitazioni.
In totale oggi Israele ha parlato di decine si missili, la maggior parte dei quali intercettati dal sistema anti missilistico. Secondo il Libano, Israele ha a sua volta risposto con colpi di mortaio che hanno colpito il sud del libano. L’esercito, però, sostiene di non aver risposto ai missili e l’esercito starebbe indagando su un possibile coinvolgimento dell’Iran.
Dietro i razzi lanciati dal sud del Libano verso Israele – secondo fonti della sicurezza israeliane – ci sarebbero “fazioni palestinesi legate a Hamas”. Secondo alcuni analisti però un attacco di tale ampiezza non avrebbe potuto essere realizzato senza un assenso di Hezbollah. Il gruppo, che controlla di fatto il sud del Libano, non hanno commentato quanto sta avvenendo, ma questa mattina avevano espresso solidarietà nei confronti delle organizzazioni armate palestinesi.
Poco fa il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha condannato gli attacchi missilistici e ha chiesto “a tutti gli attori di esercitare la massima moderazione” insistendo anche sulla necessità “di evitare qualsiasi azione unilaterale che possa portare a un’ulteriore escalation della situazione”.

Così il governo si prepara ad affrontare la siccità

Per affrontare la siccità il governo ha deciso di istituire un tavolo di regia e di affidare a un commissario straordinario l’esecuzione delle opere: parola d’ordine sveltire, anche se ancora non si sa bene che cosa. L’istituzione della figura del commissario alla siccità è il piatto forte del decreto che il Consiglio dei ministri di questa sera è chiamato ad approvare. Di concreto, secondo le bozze circolate in queste ore, per ora non c’è molto altro, fatta eccezione per l’autorizzazione all’uso agricolo delle acque reflue depurate. Stamattina il ministro Salvini ha detto che ha pronto un milione di euro per riparare la rete idrica, che in Italia disperde quasi la metà dell’acqua che trasporta. Una cifra irrisoria secondo le associazioni ambientaliste. Infine, Salvini ha ammesso: “spero che questa primavera piova tanto”.
Secondo i meterologi è possibile che le precipitazioni nei prossimi due mesi si riportino su quanto atteso per la stagione. Il problema è il pregresso: dopo due anni di siccità le falde sono vuote e quella che ci attende è un’altra estate di conflitti legati alla risorsa acqua, come spiega Massimiliano Pasqui, ricercatore dell’Osservatorio siccità del Cnr

La mezza marcia indietro del governo sull’ispettorato del lavoro

(di Massimo Alberti)

Il governo fa una mezza marcia indietro sullo smantellamento dell’ispettorato nazionale del lavoro: la norma che ne avrebbe tolto l’autonomia portandolo sotto il controllo del Ministero è stata stralciata. Ma restano gli accordi con il consiglio nazionale dei consulenti del lavoro, presieduto dal marito della ministra Calderone, per certificare le imprese “buone”. Una certificazione che presto potrebbe sostituire del tutto gli attestati di inps e inail, in un clamoroso conflitto di interessi.
Sindacati, ispettori, associazioni per ora brindano. Il piano di portare l’ispettorato nazionale del lavoro sotto controllo del ministero, togliendogli autonomia operativa, per ora è stata stralciata dal decreto sul riordino dei ministeri. Ma è una vittoria a metà. Non è chiaro se rispunterà in altre forma, e sul motivo ci sono solo ipotesi. La prima è molto politica: l’internalizzazione avrebbe dato troppo peso al ministero del lavoro, che avrebbe acquisito poteri ora di altri ministeri. Cosa che in maggioranza non sarebbe piaciuta a tutti. L’altra spiegazione ha a che fare con le proteste politiche e sindacali dopo la firma dei protocolli tra il consiglio nazionale dei consulenti delle imprese, di cui è presidente Rosario De Luca, marito della ministra Marina Calderone, a sua volta ex presidente dei consulenti, e l’ispettorato nazionale, il cui nuovo capo Paolo Pennesi è a sua volta ex direttore generale dei consulenti. In base ai protocolli, pagando i consulenti, le imprese possono ottenere un certificato, l’ Asse.co, che consente loro di finire in coda alla lista dei controlli, dando pure ai consulenti il potere di affiancarli nelle ispezioni. Non solo: l’Asse.co, ripetiamo, un certificato privata ottenuta pagando, potrà essere usato come attestato di regolarità negli appalti pubblici, a discrezione della stazione appaltante. E si ipotizza che in futuro possa del tutto sostituire il Durc, l’attestato di regolarità che le imprese devono ottenere da Inail e Inps. Ipotesi sostenuta da Calderone consulente, portata avanti oggi da Calderone ministra, a vantaggio dei consulenti di Calderone marito, in accordo col nuovo capo degli ispettori, ex direttore dei consulenti. Forse si è pensato che il controllo formale dell’ispettorato dalla ministra fosse troppo, visto che di fatto già c’è, in un clamoroso conflitto di interessi a scapito della sicurezza e della regolarità delle imprese.

Berlusconi soffre di una forma di leucemia cronica

La situazione di Silvio Berlusconi viene definita stabile. “Siamo più sollevati, c’è un miglioramento. Siamo fiduciosi”. Così Paolo, il fratello uscendo dall’ospedale San Raffaele. Al San Raffaele anche Fedele Conflaonieri che ha detto: “C’è preoccupazione, ma siamo più ottimisti. L’ho visto molto meglio”. Oggi è stato diffuso il primo bollettino ufficiale che ha chiarito le condizioni del leader di Forza Italia. Berlusconi soffre di una forma di leucemia cronica che si chiama leucemia mielomonocitica. Ne soffre da tempo – hanno spiegato i suoi medici – e questo ne indebolisce il fisico. Si tratta di una forma di leucemia che compare di solito in età avanzata e causa l’aumento di globuli bianchi nel sangue. Di per sé non è mortale ma indebolisce molto il fisico. In questa situazione, Berlusconi è stato colpito da un’infezione ai polmoni che ne ha causato il ricovero per difficoltà respiratorie.
Le cure a cui viene sottoposto sono quindi due: una cura antibiotica per combattere nell’immediato l’infezione polmonare. E’ la necessità più immediata, più urgente. Ci vorranno circa 48 per vederne gli effetti. La seconda cura è la chemioterapia per frenare lo sviluppo della leucemia che è cronica ma evidentemente si è aggravata nell’ultimo periodo, con una forte crescita di globuli bianchi e un forte impatto sul paziente. L’obiettivo della chemio è riportare la patologia a livelli stabili. Questo è il quadro, definito dai medici “serio ma stabile”. Bisogna tenere presente i problemi di cui Berlusconi ha sofferto in passato: ha avuto un tumore alla prostata, disturbi cardiaci e il Covid che lo ha molto indebolito. Oltre naturalmente l’età: Berlusconi ha 86 anni.

Foto | L’isola di Sirmione in secca, lago di Garda, Brescia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 16/04 9:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 16-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 16/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 16-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 16/04/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 16-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    EUROPAMENTE - Al voto con l'Europa in testa - E2

    La povertà e le disuguaglianze: può l'Europa essere più giusta? Perché la povertà e l'esclusione sociale sembrano non essere mai le vere priorità? Eppure qualcosa è stato fatto. E, soprattutto, può essere fatto adesso. Alessandro Principe ne ha parlato con Elena Granaglia del Forum Disuguaglianze e Diversità, docente di Scienza delle finanze all'Università di Roma 3.

    Clip - 16-04-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 16/04/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 16-04-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di martedì 16/04/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 16-04-2024

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Nando Benigno e Nando dalla Chiesa

    Settima e ultima lezione dell’ottavo ciclo di incontri ideati dalla Scuola di formazione “Antonino Caponnetto” e realizzati insieme a Radio Popolare. Il 5 aprile 2024, nella Sala del Grechetto alla biblioteca Sormani di Milano hanno discusso di educazione alla legalità Nando Benigno, è stato insegnante e fondatore del «Coordinamento insegnanti e presidi contro la mafia», all’inizio degli anni ‘80 a Milano; e Nando dalla Chiesa, presidente della Scuola di formazione “Antonino Caponnetto”, presidente onorario di Libera e docente di sociologia della criminalità organizzata all’università Statale di Milano, autore di «La legalità è un sentimento. Manuale controcorrente di educazione civica». La lezione è stata introdotta da Giuseppe Teri, vicepresidente della Scuola Caponnetto.

    Lezioni di antimafia - 16-04-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 16/04/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 16-04-2024

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 16/04/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 15-04-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 15/04/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 15-04-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 15/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 15-04-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 15/04/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 15-04-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 15/04/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 15-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 15/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 15-04-2024

Adesso in diretta