Approfondimenti

Lo scontro tra Italia e Francia sui migranti, lo scambio di accuse dopo gli attacchi al Cremlino e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 4 maggio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il governo francese e quello italiano tornano a scontrarsi, dopo le polemiche legate alla nave umanitaria Ocean Viking nelle prime settimane di Giorgia Meloni da presidente del Consiglio. A proposito di immigrazione, oggi Meloni ha ricevuto a Palazzo Chigi il generale Khalifa Haftar, che controlla la parte orientale della Libia. In Parlamento c’è stata l’approvazione definitiva del cosiddetto decreto Cutro.
Il giorno dopo l’attacco al Cremlino, continuano gli scambi di accuse sulle responsabilità. Oggi il portavoce del Cremlino Dimitry Peskov ha accusato gli Stati Uniti di essere il mandante dell’attentato. Su quali potrebbero essere le prospettive future dopo questo attacco, sentiamo Mara Morini docente di Politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova.

“La premier italiana è incapace di gestire l’immigrazione”

Il governo francese e quello italiano tornano a scontrarsi, dopo le polemiche legate alla nave umanitaria Ocean viking nelle prime settimane di Giorgia Meloni da presidente del Consiglio. Oggi il ministro dell’Interno di Parigi l’ha accusata di essere incapace di gestire l’immigrazione. “Parole inaccettabili” per il ministro degli Esteri Antonio Tajani, che ha annullato una missione nel Paese prevista per oggi.

(di Luigi Ambrosio)

Il ministro dell’Interno francese ha ottime ragioni di politica interna, è anche di politica personale, per attaccare l’Italia sull’immigrazione. Le forze di Polizia che comanda le ha schierate in massa nelle città per arginare le manifestazioni contro la riforma delle pensioni e i confini sono meno presidiati.
Vorrebbe, Gérald Darmanin, che il governo italiano blindasse le frontiere in uscita verso la Francia. Cosa che Roma non è evidentemente interessata a fare. Ma Darmanin ha anche ambizioni personali come dicevamo perché incarnando la linea dura del governo di Parigi sta cercando di costruire una sua ipotesi di candidatura all’Eliseo quando scadrà il mandato del presidente Macron. Nei giorni scorsi ha minacciato di togliere i finanziamementi pubblici alla Lega dei Diritti Umani per sue le denunce delle repressioni violente dei manifestanti da parte della Polizia.
L’uscita di Darmanin ha creato un problema diplomatico, l’ennesimo, tra Italia e Francia. La ministra degli esteri di Parigi Catherine Colonna ha cercato di smorzare i toni dopo che il suo collega di Roma Tajani ha annullato per protesta il viaggio in Francia che era previsto proprio per oggi.
Un viaggio importante, perché i rapporti italo francesi sono tesi da quando è insediato il governo Meloni. Il caso più noto è il conflitto scoppiato lo scorso mese di novembre quando Roma negò un porto alla nave Ocean Viking carica di migranti e la nave della Ong alla fine approdò a Tolone, in Francia. “Il comportamento di Roma è inaccettabile” attaccò Parigi, e dovette intervenire il Presidente Mattarella per fare rientrare la crisi diplomatica, con una telefonata a Macron. Mattarella è il garante dei patti del Quirinale tra Italia e Francia, che segnarono un punto alto dei rapporti tra i due paesi. Oggi quel momento, col governo Meloni in Italia e le pulsioni anti immigrati in Francia, appare lontano.

Meloni ha ricevuto a Palazzo Chigi il generale libico Khalifa Haftar

A proposito di immigrazione, oggi Meloni ha ricevuto a Palazzo Chigi il generale Khalifa Haftar, che controlla la parte orientale della Libia. Claudia Gazzini è un’analista esperta del paese africano per la ong International Crisis Group

Il Parlamento ha approvato il decreto Cutro

In Parlamento oggi c’è stata l’approvazione definitiva del cosiddetto decreto Cutro. Durante la seduta sono stati esaminati diversi ordini del giorno presentati dai partiti, tra cui uno del Pd per cancellare la parola “razza” dai documenti della pubblica amministrazione in cui è ancora presente. La proposta è stata bocciata dal governo e dalla maggioranza nell’aula della camera, poi lo stesso Partito democratico si è diviso su un altro ordine del giorno, in questo caso contro gli accordi con la Libia firmati quando Marco Minniti era ministro dell’interno. Elly Schlein ha dato indicazione ai membri del Pd di votare a favore, ma alcuni si sono opposti. Nelle ultime ore nel partito si è discusso non solo su questo tema.

(di Anna Bredice)

E’ stata necessaria una nota ufficiale dal Nazareno per smentire che la segretaria del partito stia pensando di cambiare nome del gruppo in Europa, come sta invece decidendo di fare la Spagna. Quindi niente gruppo dei Socialisti, il nome rimane Socialisti&Democratici. Non è una questione solo lessicale, quella parola “democratici” è diventata oggi la bandiera di chi nel Pd fa fatica a seguire la svolta a sinistra della segretaria. Per alcune ore nel pomeriggio non si è parlato che di questo, l’ala moderata del partito ha difeso quell’aggettivo per contrastare una svolta troppo rapida, la stessa cosa è accaduta con l’ordine del giorno sulla Libia, che è parso a chi ha votato contro una sconfessione delle scelte del passato in materia di immigrazione. Ma Elly Schlein delle conferme fatte in campagna elettorale alle primarie sembra farne la cifra della guida del partito in questo momento. Lunedì sarà in Campania, a Salerno, feudo di De Luca, ma non lo incontrerà, quando parlava di cacicchi era a lui che si riferiva, così come ha già detto di essere contraria al terzo mandato. A parte alcuni malumori per ora non c’è un grande freno, anche perché in questa situazione il Pd non ha grandi competitori a sinistra, nel contrasto al decreto sul lavoro. Sabato sarà a Bologna insieme ai sindacati, Conte manderà solo una delegazione, l’area più a sinistra del partito la sostiene, anche chi l’ha appoggiata solo nelle ultime settimane prima del voto, come l’ex ministro del Lavoro Orlando, che appoggia Schlein in tutte le scelte di contrasto al decreto.

Continuano gli scambi di accuse dopo gli attacchi al Cremlino

Il giorno dopo l’attacco al Cremlino, continuano gli scambi di accuse sulle responsabilità. Oggi il portavoce del Cremlino Dimitry Peskov ha accusato gli Stati Uniti di essere il mandante dell’attentato. “Le decisioni sugli attacchi in territorio russo non sono prese a Kiev ma a Washington” ha detto Peskov, aggiungendo che questo rappresenta un coinvolgimento diretto degli Usa nel conflitto.
Gli Stati Uniti hanno immediatamente negato le accuse e il portavoce del consiglio di sicurezza nazionale John Kirby ha detto che “Gli Usa non incoraggiano, non sostengono e non forniscono supporto ad attacchi contro singoli leader”. Mentre crescono i timori per una rappresaglia russa su vasta scala, Peskov ha specificato che Mosca sta ancora valutando come muoversi, ma ha assicurato che un’azione arriverà. Su quali potrebbero essere le prospettive future dopo questo attacco, sentiamo Mara Morini docente di Politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova

Poco fa intanto, l’amministrazione regionale della Crimea ha detto che un drone era stato abbattuto nei pressi di una base russa, mentre questa notte Mosca ha colpito diverse città in tutto il paese, comprese Kiev e Odessa. Noi abbiamo raggiunto Natalia Onipko della Ong Soleterre a Kiev e Ugo Poletti, direttore dell’Odessa Journal e autore del libro “Nel cuore di Odessa”

La base sociale colpita dalla destra è anche quella meno rappresentata

(di Massimo Alberti)

Le due fasce sociali più colpite dal decreto lavoro del governo sono i giovani precari, e i più poveri. Quest’ultimi privati del reddito di cittadinanza, i primi condannati al circolo vizioso dei contratti a tempo, e di conseguenza dei bassi salari. Sono anche due gruppi sociali che non di rado si sovrappongono, e i più privi di rappresentanza sociale. Sindacale, perché il sindacato, in particolare quello confederale, oltre ai pensionati rappresenta la parte di lavoro più tutelata e solo in modo molto marginale quelli che una volta si definivano atipici, e ancor meno la marginalità sociale tra gli utenti del reddito di cittadinanza. Anche in quella parte di lavoro rappresentata dal sindacato, ha fatto breccia la narrazione falsa e tossica della disoccupazione come colpa del singolo, creando una contrapposizione che il sindacato stesso non ha contrastato adeguatamente. Il problema si riflette anche, forte, nella politica. Precari e poveri hanno per un po’ trovato una via nel voto ai 5stelle. Che però, in assenza di una struttura partitica e ideologica solida, non li ha mai trasformati in blocco sociale. Ormai lontani dai tradizionali partiti di sinistra o presunta tale, ingrossano ora quell’ astensione “per censo”, più alta all’abbassarsi del reddito, che ha raggiunto ormai dimensioni preoccupanti. La base sociale più colpita dalla destra è dunque anche quella più frammentata e meno rappresentata. E ormai distante dai lavoratori più tutelati, che pure i provvedimenti del governo non aiutano, visto che il cuneo fiscale – e qui sta anche il grosso errore del sindacato – lo ripagheranno gli stessi lavoratori, come è successo in oltre 20 anni di tagli al cuneo che non hanno impedito ai salari italiani di diminuire, unico caso in Europa, a vantaggio dei profitti. E’ tema che chi vuol ricostruire un’opposizione, politica, sindacale, nelle piazze, non può più eludere.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/07 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 20/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 20/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 20-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 20/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 20-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 20/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 20-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 20/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 20-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 20/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 20-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 20/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 20-07-2024

  • PlayStop

    Un bacio a te proprio d’amore - Seconda parte

    La storia di Giacomo Matteotti non è solo la storia del più efferato omicidio politico avvenuto in Italia. È anche una storia d’amore. Una storia di lettere d’amore. Le lettere che Matteotti e Velia Titta si sono scambiati per più di dieci anni. Perché, come diceva Antonio Gramsci, non ci si può dire socialisti se non si è stati innamorati almeno una volta.

    Un bacio a te proprio d’amore - 20-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 20/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 20-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 20/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 20-07-2024

Adesso in diretta