Approfondimenti

Il discorso d’insediamento di Sergio Mattarella, il rapporto “Mal’aria” di Legambiente e le altre notizie della giornata

Inquinamento milano

Il racconto della giornata di giovedì 3 febbraio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel suo discorso d’insediamento Mattarella ha richiamato la politica ai suoi doveri fondamentali: non solo tirare fuori il paese dalla crisi post-pandemica, ma rappresentare la volontà popolare, garantire la dignità di ogni persona, superare le disuguaglianze. Domani gli studenti torneranno a manifestare in diverse città tra cui Torino e Roma, dove la scorsa settimana ci sono state le violente cariche della polizia. La Procura di Modena ha chiuso le indagini sulla morte dell’operaia morta il 3 agosto scorso, in un macchinario che secondo l’accusa era stato volutamente manomesso. Su 102 capoluoghi di provincia in Italia, nessuno rispetta i valori limite dell’inquinamento atmosferico suggeriti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Mattarella, la lezione di democrazia del Capo dello Stato ai partiti e al Parlamento

(di Anna Bredice)

“Sono stati giorni travagliati, ma non ho mai pensato di sottrarmi.” Sergio Mattarella spiega il suo stato d’animo in questi giorni, ma qui in Parlamento davanti a mille grandi elettori non ha per nulla il tono di chi accetta controvoglia il nuovo mandato. Rilancia anzi, presentando un programma di valori, che è una lezione di democrazia a un Parlamento, ai partiti e a un governo a cui sembra tirare le orecchie. Lo fa subito ricordando che se ha accettato è stato per non allungare una fase di stallo che non avrebbe fatto bene a chi sta soffrendo in questo momento, come dire voi che state applaudendo avete perso di vista quello che accade fuori. [CONTINUA A LEGGERE]

Gli ipocriti applausi del Parlamento a Mattarella

(di Luigi Ambrosio)

Trovare qualcuno critico in Parlamento è difficile. Qualche increspatura si può solo dedurre da alcuni volti, dalle parti di Fratelli d’Italia, certi leghisti che si aggirano per il cortile della Camera.
Ma le dichiarazioni sono tutte positive, entusiaste. Come gli applausi ossessivi, anche quando Mattarella ricorda tutto quello che i partiti non hanno fatto. Anche quando dice “mai più Lorenzo Parelli”, il diciottenne morto sul lavoro durante l’alternanza scuola lavoro. Lì arriva l’ovazione da un’aula che nei giorni in cui Lorenzo moriva e le manifestazioni di protesta venivano represse in piazza, non si accorgeva di quanto accadeva fuori dal Palazzo. Impegnata a non riuscire a trovare un Presidente della Repubblica.
L’altro ritornello del pomeriggio è stato:
“lo abbiamo voluto eleggere noi, Mattarella”.
È la trincea del Parlamento, la linea del Piave per scongiurare la delegittimazione: Mattarella presidente scelto dall’aula, a litigare e fallire sono stati i leader, non noi. E allora, applausi ancora più forti al Capo dello Stato.
Intanto però nei corridoi appena Mattarella se ne va riprendono le schermaglie già viste in questi giorni. contiani contro dimaiani nel Movimento 5 Stelle, i primi a dire “serve un chiarimento”, i secondi a insinuare “Conte vuole lasciare il governo”.
Leghisti che confabulano sull’incontro tra Giorgetti e Di Maio dopo che stamattina dicevano “il governo ci fa male”.
Pd e Forza Italia che si intestano tutto, qualsiasi risultato positivo.
Renzi che si piazza in mezzo al Transatlantico a parlare fitto fitto con Gasparri.
E il nuovo discorso che emerge: la riforma presidenzialista. O semi presidenzialista. Insomma Presidente eletto dal Popolo. Lo chiede Giorgia Meloni, lo aveva chiesto Renzi, lo chiedono nel Movimento 5 Stelle.
La popolarità di Mattarella è altissima. Legarsi al carro del presidenzialismo può essere utile, per i partiti la cui popolarità è invece bassissima.

Gli studenti tornano in piazza contro la scuola-azienda

Domani tornano in piazza gli studenti con cortei in diverse città tra cui Torino e Roma, dove la scorsa settimana ci sono state le violente cariche della polizia contro le manifestazioni che ricordavano il loro coetaneo Lorenzo Parrelli. Alle proteste per chiedere di ribaltare la subalternità delle scuole alle aziende, si aggiunge anche quella contro gli scritti agli esami di maturità, come annunciato dal ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi. “Si vuole fingere normalità dopo due anni che di normale non hanno avuto nulla”, è la contestazione degli studenti. La nostra collaboratrice da Torino Rita Rapisardi ha intervistato Giulia, una delle ragazze ferite durante le manifestazioni di una settimana fa.

 

Modena, sarebbe stata manomessa la fustellatrice che uccise Laila El Harim

(di Massimo Alberti)

La Procura di Modena ha chiuso le indagini sulla morte dell’operaia morta il 3 agosto scorso, in un macchinario che secondo l’accusa era stato volutamente manomesso.
Laila El Harim aveva 40 anni. Il 3 agosto era entrata nella fustellatrice, macchinario per tagliare il materiale per creare scatole e confezioni di un’azienda del modenese.
La macchina era in funzione. Laila doveva regolare il dispositivo che modificava il taglio del materiale. Solo che, secondo le indagini, quel dispositivo non era previsto nel manuale della macchina. A cui invece era stato tolto il dispositivo fisso di sicurezza che impediva di maneggiare il macchinari mentre era funzionante. Dalle indagini è emerso che la donna non era neppure stata adeguatamente formata ad usare la macchina in sicurezza. Per questo il titolare dell’azienda e il delegato alla sicurezza sono accusati di omicidio colposo in concorso, aggravato dalla violazione delle norme antinfortuni. Secondo l’accusa, l’obbiettivo era risparmiare soldi ed aumentare i ritmi di lavoro. Sindacati, associazioni, ma anche magistrati chiedono di inasprire le norme. Ma il governo e la maggioranza sono andati nella direzione opposta. Proprio di recente l’ex procuratore Guariniello aveva ricordato che nel decreto fiscale appena chiuso si è addirittura ridotta la sanzione penale per violazione delle leggi anti-infortunistiche, invece di inasprire le pene. Una proposta di legge per introdurre la specifica di reato di “omicidio sul lavoro” è ferma da 5 anni in parlamento. “Come a Modena succede nel 99% dei casi, servono più controlli” secondo l’ex magistrato del lavoro Carlo Sorgi. Per il magistrato Felice Casson, che da senatore presentò la legge “sarebbe un forte messaggio sociale” ma la legge è ferma, continua Casson “per le pressioni di Confindustria, che quando veninvano presentate norme di questo tipo marcava stretta i parlamentari perché seguissero le loro indicazioni”.

Rapporto Mal’aria 2022, nessun capoluogo italiano rispetta i limiti di smog stabiliti dall’Oms

(di Vittorio Longhi)

Su 102 capoluoghi di provincia in Italia, nessuno rispetta i valori limite dell’inquinamento atmosferico suggeriti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, rispetto alla quantità di PM10, PM 2.5 e biossido di azoto presente nell’aria. E’ quanto emerge dal rapporto annuale di Legambiente “Mal’aria”, che riporta i dati registrati nel 2021.
Il PM10 vede 17 città superare i valori dell’OMS per più del doppio, con Alessandria che ha registrato una media annuale di 33 microgrammi per metro cubo, rispetto al limite OMS di 15. In seconda posizione troviamo Milano, seguita poi da Torino e da molti altri capoluoghi di provincia della Pianura Padana. Per quanto riguarda il PM 2.5, sono 11 città le che superano di oltre 4 volte i parametri dell’OMS. Sono Cremona e Venezia che registrano le maggiori criticità, con 24
microgrammi per metro cubo rispetto al limite di 5. Sono infine 13 le città che oltrepassano il limite di biossido di azoto per più di tre volte, con Milano e Torino che registrano i dati peggiori, rispettivamente 39 e 37 microgrammi per metro cubo contro al valore OMS di 10.

Abbiamo intervistato sull’argomento Andrea Minutolo, responsabile scientifico di
Legambiente, che ha anche fornito dei suggerimenti da adottare per migliorare la
situazione.

 

Il film dedicato a Open Arms e alla sua opera di salvataggio dei migranti nel Mediterraneo

(di Barbara Sorrentini)

Si intitola “Open arms – La legge del mare” ed è basato sulla storia vera di Oscar Camps, fondatore dell’omonima ONG, da quando decise di lasciare tutto per andare in mare a salvare i migranti. Diretto dallo spagnolo Marcel Barrena, il film ricostruisce i salvataggi in mare al largo di Lesbo, a partire dal ritrovamento sulla spiaggia del corpo esanime del piccolo Alan Kurdi, con quell’immagine drammatica che ha fatto il giro del mondo. Era il 2015, data in cui Camps, già esperto di salvataggi in mare decide di lasciare Barcellona, di formare una squadra di volontari e andare sulle coste del Mediterraneo per accogliere sulla sua barca i migranti che stavano annegando in mare. Oscar Camps, che ha collaborato alla realizzazione del film anche aiutando l’attore che lo interpreta Eduard Fernandez, sta accompagnando il film per discuterne con il pubblico. Dopo il festival di Roma ieri ha incontrato anche gli spettatori di Milano. “Salvare vite umane è diventato un reato, la politica ha strumentalizzato l’azione dei soccorsi” ha dichiarato Camps, spiegando che all’inizio il film in Spagna era stato boicottato dall’estrema destra. Ora vedremo come andrà in Italia.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi l’Organizzazione mondiale della sanità ha parlato di “tregua” a proposito della fase attuale della pandemia, delineando il possibile scenario dei prossimi mesi.

(di Andrea Monti)
La parola tregua è stata usata dal direttore della sezione europea dell’Oms Hans Kluge, secondo cui questo periodo può portare a una pace duratura, quindi alla fine della pandemia. Una delle ragioni, ha sottolineato, è l’alto tasso di vaccinazioni, poi ha aggiunto che bisogna continuare a farle. Sempre oggi l’agenzia europea del farmaco ha detto che al momento non ci sono dati sufficienti per raccomandare una quarta dose a tutta la popolazione. Nelle stesse ore in Germania la commissione incaricata di occuparsi dei vaccini consigliava un nuovo booster per alcune categorie, come le persone che hanno un sistema immunitario particolarmente debole. In Italia oggi sono stati comunicati 113mila contagi con 414 morti. I tamponi positivi sono il 12,3%, stabili rispetto a ieri. In calo le persone ricoverate. Il miglioramento della situazione nel nostro paese oggi è confermato dal rapporto periodico della fondazione Gimbe: i contagi individuati nell’ultima settimana sono il 25% in meno di quelli dei sette giorni precedenti. I pazienti in rianimazione diminuiscono dell’8,4%. Stabile il numero di morti, circa 370 al giorno. Nonostante l’obbligo vaccinale per chi ha 50 anni o più, rallenta l’aumento di nuovi vaccinati in questa fascia d’età: 81mila in sette giorni, il 17% in meno della settimana prima. Oggi il coordinatore del comitato tecnico-scientifico che affi7anca il governo, Franco Locatelli, ha detto che ci avviamo verso una situazione “marcatamente più favorevole” e che a inizio primavera il vaccino potrebbe essere autorizzato e disponibile anche per i bambini sotto i 5 anni. Infine il commissario all’emergenza, il generale Figliuolo, ha annunciato che domani inizia la distribuzione alle regioni della prima fornitura di Paxlovid, la pillola anticovid di Pfizer, uno dei farmaci contro il coronavirus approvati nelle scorse settimane.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 17/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 17/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 17/05/2022 delle 7:14

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 17/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di martedì 17/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 17/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 17/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 17/05/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 17/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 17/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 17/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 17/05/2022

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 16/05/2022

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai…

    Jazz Anthology - 16/05/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 17/05/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 17/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 16/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17/05/2022

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 16/05/2022

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 16 anni e può uscire da sola la…

    Il Suggeritore Night Live - 16/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 16/05/2022

    1- Guerra in Ucraina. Dopo la Finlandia anche la Svezia chiederà di fare parte della Nato. Putin afferma che la…

    Esteri - 16/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 16/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 17/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 16/05/2022

    1) L’Europa rallenta la sua crescita, la Commissione rivede al ribasso tutte le sue previsioni economiche. Per il 2022 un…

    The Game - 17/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 16/05/2022

    Dove si scopre che una signora a Mandello del Lario ha trovato una bomba a mano sgomberando il box e…

    Muoviti muoviti - 17/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lunedì 16/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 17/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 16/05/2022

    Si parla con Tommaso Lisa del suo ultimo libro Insetti delle tenebre, coleotteri troglobi e specie relitte, Exorma edizioni, ma…

    Considera l’armadillo - 17/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 16/05/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 17/05/2022

  • PlayStop

    Bidoni raccogli acqua

    quando ci ergiamo a campioni del risparmio energetico, elargiamo biglietti capibara, disquisiamo di biciclette e infine impariamo la lezione orwelliana…

    Poveri ma belli - 17/05/2022

Adesso in diretta