Approfondimenti

La strage della farina a Gaza, gli aggrediti diventano aggressori secondo il governo e le altre notizie della giornata

Piantedosi Viminale ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 29 febbraio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Oltre 100 persone sono morte oggi a Gaza e chissà quanti altri, tra gli oltre 700 feriti, moriranno nei prossimi giorni, in quella che sui social i palestinesi chiamano già “La Strage della farina”. Come capovolgere la realtà, facendo passare gli aggrediti come aggressori. Questo è ciò che ha fatto oggi il ministro Piantedosi, sposando in pieno la linea di Giorgia Meloni. A Mosca è stato fermato e multato il direttore di Novaya Gazeta, la testata indipendente per cui scriveva Anna Politkovskaja, la giornalista uccisa nel 2006. Il parlamento francese si riunirà in Congresso domenica a Versailles, alla presenza del presidente Macron per la votazione definitiva sull’inserimento del diritto all’aborto nella costituzione.

La strage della farina a Gaza, oltre 100 morti e centinaia di feriti

Almeno 112 morti, oltre 700 feriti, e i dati non sono ancora definitivi: questa la dimensione della strage che si è consumata questa mattina all’alba a sud di Gaza City, quando una folla di palestinesi si è radunata attorno ad un convoglio di aiuti umanitari scortato dall’esercito israeliano.
Quando i civili hanno iniziato ad accalcarsi attorno ai camion, nel tentativo di recuperare un pacco di farina, i militari hanno aperto il fuoco.
Morti e feriti sono stati portati nel vicino ospedale di Al Shifa, solo parzialmente funzionante e non in grado di gestire adeguatamente i pazienti; è probabile che il numero delle vittime aumenti.
“Un massacro spregevole” l’ha definito il presidente Abu Mazen da Ramallah; in un comunicato Hamas afferma che i negoziati per la tregua e per la liberazione degli ostaggi sono a rischio e che in caso di fallimento la colpa sarà di Israele.
Per Israele ha parlato un portavoce del governo, ha detto che quanto avvenuto è una tragedia, non è però andato oltre, perché, ha aggiunto, si stanno ancora verificando i dettagli. Per l’esercito ha parlato il portavoce militare Peter Lerner, che ha ammesso la responsabilità solo di un decimo delle vittime, quelle causate direttamente dagli spari; “gli altri sono morti nella calca”, e quindi non sono da attribuire all’esercito israeliano.
L’esercito afferma che sono due gli incidenti avvenuti: nel primo la folla accorsa attorno ad un camion di aiuti sarebbe stata travolta dal mezzo o dalla calca. I soldati avrebbero aperto il fuoco solo nel secondo episodio, perché si sarebbero sentiti minacciati dai civili.
Le reazioni diplomatiche per il momento restano timide: solo Egitto e Giordania hanno condannato apertamente l’attacco israeliano.
Tentennano anche gli Stati Uniti: “Stiamo esaminando le varie versioni contraddittorie”, ha detto il presidente Joe Biden. Proprio oggi però il Pentagono per la prima volta, ha fornito le sue stime sul numero di vittime a gaza: 25mila tra donne e bambini, ha detto Lioyd Austin; un dato in linea con quelli forniti dal ministro della Salute di Hamas, secondo il quale i morti sono oltre 30mila.
Infine ci sono degli elementi che dobbiamo sottolineare: il massacro è avvenuto nella zona nord di gaza, che per settimane non è stata raggiunta da convogli, e che solo negli ultimi giorni sono ripresi gli arrivi di aiuti, dopo decine di appelli dell’Onu e delle ONG per la grave crisi alimentare in corso.

(di Martina Stefanoni)

“Mio figlio è morto affamato” ha detto oggi un uomo parlando dall’ospedale Al Shifa di Gaza City. “Non volevo portarlo con me ad aspettare gli aiuti, ma a casa non c’è niente da mangiare e quindi ho detto “andiamo, prendiamo qualche sacco di farina”. Ma ora mio figlio è morto affamato. E come lui, decine di altri figli, padri, madri, sorelle. E chissà quanti altri, tra gli oltre 700 feriti, moriranno nei prossimi giorni, perché il sistema sanitario a Gaza – lo sappiamo – non esiste.
Sono morti in mezzo alla farina, mentre aspettavano il pane. Anzi, sono stati uccisi. “Una tragedia” l’ha definita il governo israeliano, spiegando che si è vero, “abbiamo sparato, ma in aria, la maggior parte delle vittime è morta calpestata dalla calca. Ma i feriti, che ora affollano gli ospedali di Gaza City, e i morti hanno colpi alla testa, alle gambe, alla schiena. Proiettili. E la calca, perché? Perché le persone assaltano i camion con gli aiuti quando arrivano nel nord, o si calpestano l’un l’altro buttandosi in mare nel sud, quando dall’alto qualche aereo paracaduta gli aiuti? Queste persone devono scegliere tra morire di fame o morire perché un cecchino gli spara in testa, o perché spara a quello in fila accanto a lui e migliaia di corpi disperati fuggono alla ricerca di un riparo.
Sui social i palestinesi già la chiamano “La Strage della farina”. Da 5 mesi a Gaza i diritti umani più basilari vengono calpestati. I civili vengono uccisi dalle bombe mentre sono nelle loro case, o in una tenda perché la casa già l’hanno persa, mentre si rifugiano in un ospedale, o mentre sono in coda per il pane. Vengono affamati fino alla morte, costretti a bere acqua sporca, privati delle cure mediche necessarie. A Gaza un palestinese ogni 80 è stato ucciso e il ritmo non diminuisce. Trent’anni fa, la strage del mercato di Markale, nel centro storico di Sarajevo e fece cadere il velo dell’indifferenza. A Gaza il punto di rottura è stato raggiunto da tempo, ma il velo dell’occidente è ancora lì. Sarà la strage della farina a farlo finalmente cadere?

Studenti manganellati: da aggrediti ad aggressori

Oggi il ministro dell’interno Piantedosi è andato alla Camera e al Senato a parlare delle manganellate alla protesta studentesca di Pisa, dopo la condanna della violenza degli agenti da parte del presidente Mattarella e la risposta di Giorgia Meloni, arrivata ieri sera: “Pericoloso togliere il sostegno delle istituzioni alle forze dell’ordine”.

(di Anna Bredice)

Come capovolgere la realtà, facendo passare gli aggrediti come aggressori, responsabili delle manganellate prese. Questo è ciò che ha fatto oggi il ministro Piantedosi prima alla Camera dei Deputati e poi al Senato, sposando in pieno la linea di Giorgia Meloni, la quale non ha detto mai una parola sulle manganellate agli studenti, ma si è solo schierata a favore delle forze di polizia sempre e comunque, contraddicendo quindi l’intervento di Mattarella di qualche giorno fa. L’informativa di oggi del Ministro dell’Interno aveva uno scopo solo politico, non di chiarimento e nemmeno di scuse nei confronti di minori finiti in un reparto di pediatria perché picchiati dalla polizia. “Avevano violato la legge”, dice Piantedosi a proposito di quel centinaio di studenti; ma non solo, l’obiettivo del Ministro dell’Interno che si è subito adeguato alla linea del resto del governo è di far passare l’opposizione come un insieme di partiti che accusano la polizia a prescindere. “Le forze di polizia non devono subire processi sommari, dice Piantedosi, non devono essere coinvolte in polemiche politiche”, allontanandosi quindi dal fatto in questione, quel caso di Pisa le cui immagini tutti hanno visto e che si somma ad altri casi avvenuti nelle ultime settimane sui quali Piantedosi non ha dato spiegazioni. Ad oggi c’è solo una dirigente della questura di Firenze spostata ad altro incarico. Far passare gli altri come colpevoli del clima di repressione del dissenso, questo ha fatto il ministro, che solo qualche giorno fa aveva subito ringraziato Mattarella per quella nota così dura dopo l’uso dei manganelli a Pisa, ma oggi, rimettendosi alla linea di Meloni, lo ha ringraziato solo per le ultime parole a difesa della polizia, quella nota di pochi giorni fa è passata del tutto in secondo piano.

Fermato e multato a Mosca il direttore di Novaya Gazeta

A Mosca è stato fermato e multato il direttore di Novaya Gazeta, la testata indipendente per cui scriveva Anna Politkovskaja, la giornalista uccisa nel 2006. Serghei Sokolov è accusato per un articolo in cui avrebbe screditato l’esercito. Nella capitale russa domani ci saranno i funerali di Aleksej Navalny e oggi la portavoce del dissidente ha invitato la popolazione a partecipare. In parlamento c’è stato il discorso annuale di Putin, che ha accusato l’occidente di avvicinare una guerra nucleare. “Anche noi abbiamo armi capaci di raggiungere i vostri territori” ha detto negando di voler attaccare altri paesi europei, ma rispondendo in modo minaccioso all’ipotesi dell’invio di truppe di paesi Nato in Ucraina. Abbiamo chiesto un commento a Giovanni Savino, storico ed esperto di Russia.

 

In Francia l’aborto potrebbe entrare in Costituzione

Il parlamento francese si riunirà in Congresso domenica a Versailles, alla presenza del presidente Macron per la votazione definitiva sull’inserimento del diritto all’aborto nella costituzione. Si tratta dell’ultimo (e solenne) passaggio di una provvedimento che ha suscitato grande dibattito in Francia. Sull’opportunità di aprire un dibattito in Italia su questo tema, sulla possibilità di introdurre anche nella nostra costituzione il riconoscimento del diritto all’interruzione volontaria di gravidanza, abbiamo chiesto un’opinione a Livia Turco.

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 17/04 19:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 17-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 17/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 17-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 17/04/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 17-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 17/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17-04-2024

  • PlayStop

    Percorsi PerVersi di mercoledì 17/04/2024

    Poesie, liriche, sonetti, slam poetry, rime baciate, versi ermetici, poesie cantate. Ogni settimana Percorsi PerVersi incontra a Radio Popolare i poeti e li fa parlare di poesia. Percorriamo tutte le strade della parola poetica, da quella dei poeti laureati a quella dei poeti di strada e a quella – inedita – dei nostri ascoltatori.

    Percorsi PerVersi - 17-04-2024

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 17/04/2024

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese e Marianna Usuelli.

    Il giusto clima - 17-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 17/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 17-04-2024

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 17/04/2024

    1 - La guerra in Ucraina, capitolo 1. Un bombardamento russo ha fatto 17 morti e oltre 60 feriti nel nord del paese. I missili non sono stati intercettati. Zelensky: con le armi occidentali non sarebbe successo. Nei prossimi giorni il Congresso americano proverà a votare il pacchetto di aiuti (Roberto Festa) 2 - La guerra in Ucraina, capitolo 2. La strategia occidentale per contenere Putin non sembra funzionare. Nonostante le sanzioni l’economia russa sta crescendo più dei paesi ricchi. Lo dice il Fondo Monetario. Pesano le esportazioni verso Cina e India 3 - Peggiorano le relazioni tra Pechino e i paesi del sud-est asiatico. Nei prossimi giorni le Filippine faranno esercitazioni militari con l’alleato americano nel Mare Meridionale Cinese. Per la prima volta in una zona che la Cina rivendica come propria (Gabriele Battaglia) 4 – 10 anni senza Gabriel Garcia Marquez. In Esteri l’impegno politico dell’autore di Cent’anni di solitudine (Alfredo Somoza) 5 - Graphic Novel. La gemella fantasma. Il primo romanzo a fumetti di Lisa Brown (Luisa Nannipieri)

    Esteri - 17-04-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 17/04/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 17-04-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 17/04/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 17-04-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 17/04/2024

    1. “Till The Cows Come Home” – The New Mastersounds 2. “Here To Stay” – Jalen Ngonda 3. “Don’t Give a Friend a Number” – Sharon Jones & The Dap-Kings 4. “Fine Right Here – Live at Portage Lounge” – Kendra Morris 5. “Musta Been A Ghost (OurVinyl Sessions)” – Próxima Parada 6. “Mood Swings” – Marcus King 7. “This Far Gone” – Marcus King 8. “Paper Crown (feat. Beck and Juicy J)” – The Black Keys 9. “Shiver” – The Libertines 10. “Supersonic” – Oasis 11. “Tokyo Night” – Vulfmon, Jacob Jeffries, Evangeline 12. “The Seed” – Krishna Jones 13. “50 Ways to Leave Your Lover” – Paul Simon

    Soulshine - 17-04-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 17/04/2024

    Grace Cummings ci presenta il suo disco Ramona in una bella intervista. Parliamo anche della ricezione del primo disco degli English Teacher, di Saint Levant, il rapper, il rapper che ha portato Gaza sul palco del Coachella. Inoltre ci colleghiamo con Piotta per il suo live al Magnolia.

    Jack - 17-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 17/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda dalla libreria Il Delfino di Pavia che oggi ha ospitato Roberto Manelli di @progetto Cuori Liberi di Sairano per parlarci del Rifugio e dei suoi ospiti, ma anche di @Biennale Tecnologia a Torino e il film Sapiens di @Bruno Bozzetto sulla RAI venerdì

    Considera l’armadillo - 17-04-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 17/04/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 17-04-2024

  • PlayStop

    Radio Popolare Minilive - Erlend Øye e La Comitiva

    La raccolta delle esibizioni dal vivo degli ospiti di Jack, il magazine musicale di Radio Popolare, andate in onda dallo studio 7 di via Ollearo. Nell’episodio di martedì 16 aprile 2024 c'è Erlend Øye e La Comitiva

    Clip - 17-04-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 17/04/2024

    Oggi a Cult, in esterna dalla Libreria Il Delfino di Pavia: il libraio Andrea Grisi e Gino Cervi, scrittore, editore e intellettuale; i maestri Giulio Prandi (Orchestra e Coro Ghislieri) e Maurizio Schiavo (ensemble Il Demetrio); Francesco Nardelli, direttore del Teatro Fraschini; Alessandro Peroni , Giacomo Aricò , Luigi Riganti, autori del libro "Pavia ripresa. 70 anni di cinema a Pavia", con Barbara Sorrentini...

    Cult - 17-04-2024

Adesso in diretta