Approfondimenti

Slitta l’accordo sui migranti in Europa, la legge di bilancio tra spread e deficit e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 28 settembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Slitta l’accordo sui migranti in Europa. L’Inps ha inviato un sms a diciassettemila nuclei familiari per avvisarli che non riceveranno più il reddito di cittadinanza. Manovra di bilancio: il problema non è tanto la spesa in deficit, il problema è come usare quei soldi. Strage di Brandizzo, i funerali di tre delle cinque vittime. Sono ancora migliaia le persone del Nagorno Karabakh che cercano in queste ora di lasciare la regione verso l’Armenia dopo che l’Azerbaigian.

L’Italia fa slittare l’accordo sui migranti in Europa

L’Italia ha bloccato l’accordo in Europa sul nuovo patto per l’asilo e l’immigrazione. Senza rilasciare dichiarazioni, il ministro Piantedosi ha lasciato il vertice europeo agli affari interni, per incontrare a Palermo i ministri dell’Interno di Libia e Tunisia.
La ragione della mancata intesa sarebbe lo scontro con la Germania sul ruolo delle ong. Oggi a Bruxelles i ministri degli interni europei contavano di trovare l’accordo sull’ultima parte del regolamento, quella che prevede in caso di emergenza migratoria un meccanismo di solidarietà obbligatoria, con la redistribuzione dei migranti fra gli Stati membri o, in alternativa, contributi finanziari ai paesi più esposti.
L’Italia avrebbe chiesto tempo per esaminare la proposta di compromesso, avanzata dalla presidenza spagnola, per ottenere il via libera della Germania. La clausola in questione riguarda l’aiuto umanitario e nello specifico il ruolo delle ong durante queste crisi.
Come ci ha spiegato Fulvio Vassallo Paleologo, avvocato, esperto di immigrazione, che sta seguendo il dossier.

Il ruolo delle ong è stato, dunque, il punto di rottura tra Italia e Germania. Una differenza di opinioni che si è vista plasticamente anche nel corso del bilaterale tra il ministro Tajani e la sua omologa tedesca Baerbock che c’è stato oggi a Berlino. Baerbock ha ringraziato le ong e le autorità italiane per le vite salvate in mare e poi ha fatto sapere che sono imminenti i finanziamenti del governo tedesco alle organizzazioni umanitarie che operano in Italia. Tajani, invece, ha ribadito la linea del governo, secondo cui le ong sarebbero un fattore di attrazione per migranti irregolari.
A testimonianza della tensione tra i due paesi, poco fa fonti del governo hanno diffuso una nota, dicendosi sorprese per la presenza di 7 navi delle ong battenti bandiera tedesca che navigavano tra Libia, Tunisia e Italia proprio mentre era in corso il vertice europeo.

L’Inps avvisa per sms chi non riceverà più il reddito di cittadinanza

(di Massimo Alberti)
L’Inps ha inviato un sms a 17mila nuclei familiari per avvisarli che non riceveranno più il reddito di cittadinanza.
Per avere il nuovo sostegno temporaneo dovrebbero iscriversi a corsi di formazione che però non sono ancora partiti. E così decine di migliaia di famiglie, da luglio, sono senza un reddito e si rivolgono ad associazioni ed enti di carità. Ma per la ministra del lavoro calderone “non ci sono difficoltà”.
Il governo che sostiene la famiglia a luglio a tolto il reddito di cittadinanza a 159mila famiglie, ad agosto a 33 mila. Ora ad altre 17mila, da qui a dicembre saranno altre 23mila. Si tratta percettori la cui cosiddetta occupabilità è stabilita unicamente dal fatto di non aver minori,disabili o over60.Da gennaio arriverà l’assegno di inclusione. Ora potrebbero chiedere il supporto formazione lavoro,350euro al mese per un anno. Il primo problema è che, come facilmente prevedibile, finora sono circa 40mila su 180mila ad essersi iscritti nell’apposita piattaforma. Perchè nella platea cui è stato tolto un reddito,la quasi totalità sono casi di marginalità o mancanza delle conoscenze essenziali anche su semplici tecnologie. Ma soprattutto, i corsi che darebbero accesso al sostegno non ci sono. Il fatto ha raccolto diverse storie da nord a sud: gli operatori raccontano proprio i ritardi delle regioni che bloccano le agenzie di formazione, che spesso, senza un sufficiente numero di iscritti, non erogano i corsi. Non è solo un problema del sud: in Lombardia ad esempio sono meno di uno su dieci. Nonna Roma, associazione che con pacchi spesa aiuta chi è in difficoltà, racconta di tante persone, tra i 55 e i 60 anni, incollocabili sul lavoro e che rischiano letteralmente la strada. L’aiuto è anche per sbrigare le pratiche. Ma nel frattempo, senza soldi non si mangia a meno appunto dei pacchi spesa. Per il governo, però va tutto bene. La ministra del lavoro Elvira Calderone, parlando mercoledì ad un convegno della Cisl, dove nessuno ha obiettato,ha usato questa parole “non vedo una situazione di particolare difficoltà”. Ignorando il disagio sociale creato dal suo stesso governo, e che si sta scaricando su associazioni ed enti caritatevoli, che facilmente lo avevano previsto.

Il nodo del deficit per la legge di bilancio

(di Massimo Alberti)
Oggi in borsa lo spread è salito a 200 punti, prima di scendere e chiudere la seduta a 193, uno in meno rispetto al livello finale di ieri. La differenza di rendimento tra i titoli italiani e quelli tedeschi è un sintomo del livello di fiducia che gli operatori finanziari hanno nel nostro paese, e già nei giorni scorsi gli aumenti dello spread erano stati letti come segnali negativi per il governo, che ieri ha deciso di far salire il deficit pubblico per finanziare la legge di bilancio da approvare a fine anno. Il servizio di Massimo Alberti
Anche se nella legge di bilancio sono attesi degli interventi su questioni come le tasse sul lavoro, un tema su cui insistono i sindacati confederali, dalla Cgil oggi il segretario generale Maurizio Landini ha rilanciato l’ipotesi di uno sciopero generale. Pino Gesmundo è segretario confederale del sindacato.

Oggi intanto la presidente del consiglio Meloni ha presentato il cosiddetto patto anti-inflazione che entrerà in vigore domenica. Il servizio di Andrea Monti:
A tre giorni dal debutto il patto promosso dal governo presenta ancora diversi punti da chiarire. Al momento si sa che durerà almeno fine a fine anno, che hanno aderito alcune decine di associazioni imprenditoriali – a partire da quelle della grande distribuzione – e che i prezzi di una serie di prodotti di prima necessità (come pasta, latte, sale, sapone e pannolini) potranno essere bloccati ai livelli attuali o scontati fino a un massimo del 10%. Potranno, perché in questo patto non c’è niente di vincolante, quindi quanto e come sarà applicato è tutto da vedere. Sulla carta hanno aderito tutte le maggiori catene di supermercati, che però – ed è uno degli aspetti della questione – fanno già promozioni in modo autonomo e hanno già delle linee di prodotti a basso costo. Gli sconti legati al patto saranno più convenienti di quelli offerti finora? Ogni prezzo che scende (o quantomeno non sale) è una buona notizia per chi fa la spesa, ma il rischio è che nel complesso il risparmio effettivo sia poca cosa, anche per chi ha un reddito basso, e che la mossa del governo si riveli per quello che sembrava già mesi fa, quando è stata annunciata: un’operazione di facciata, simboleggiata dal bollino tricolore che comparirà sui prodotti toccati dall’iniziativa.

Strage ferroviaria di Brandizzo, i funerali di Giuseppe Lombardo

(di Alessandro Braga)
È un quartiere popolare a salutare Giuseppe Lombardo, il più vecchio delle cinque vittime della strage di Brandizzo. Non aveva ancora compiuto i 53 anni. Le persone arrivano alla spicciolata, si abbracciano, piangono. Ci sono i colleghi, con gli occhi lucidi. La barista del bar vicino alla chiesa dice che nel pomeriggio andrà ai funerali di un’altra delle vittime, Michael Zanera, in Duomo, sempre a Vercelli, perché lo conosceva. Si conoscono tutti, in quelle vie periferiche della città, dove una volta c’erano anche capannoni industriali, ora dismessi. Nessuno ha voglia di parlare. Confabulano tra loro, non si capacitano dell’assurdità dell’evento. Ci sono i gonfaloni della Regione Piemonte, quelli del Comune di Vercelli. C’è il sindaco che alla fine della cerimonia rilascia qualche dichiarazione. A mezzogiorno c’è stato un minuto di silenzio, le bandiere sui palazzi pubblici sono rimaste a mezz’asta. Sulla facciata della chiesa, un immagine di Giuseppe, sorridente. Dimostra più dei 52 anni che ha, aveva. La musica di Marco Mengoni, Guerriero, accoglie la bara, insieme a un lungo, commosso applauso. All’uscita della chiesa, dopo la messa, sarà lo stesso applauso a dargli l’addio. Qualcuno indossa una maglietta con l’immagine di Kevin Laganà, il più giovane delle vittime, appena 22 anni. Il suo funerale sarà sabato. Domani, a Brandizzo, quello di un altro operaio morto nell’incidente, Giuseppe Sorvillo. A una sessantina di chilometri di distanza, a Chivasso, quasi in contemporanea col funerale di Lombardo, le esequie di un’altra vittima, Giuseppe Aversa. Sulla sua bara un cartello con scritto: non si può morire così nel 2023. Eppure succede. E pure troppo di frequente.

Ancora migliaia le persone che cercano di lasciare il Nagorno Karabakh

Sono ancora migliaia le persone del Nagorno Karabakh che cercano in queste ora di lasciare la regione verso l’Armenia dopo che l’Azerbaigian – ormai più di una settimana fa – ne ha preso il controllo con una rapida offensiva militare. Il numero delle persone che hanno attraversato il confine aggiornato ad oggi è di 74mila, più della metà dell’intera popolazione. Oggi intanto l’autoproclamata repubblica separatista del Nagorno Karabakh ha annunciato che scioglierà tutte le sue istituzioni a partire dall’1 gennaio 2024 e che, quindi, cesserà di esistere.
Il premier armeno, Pashinyan ha definito l’esodo degli armeni una pulizia etnica, mentre tra la popolazione in fuga cresce sempre più la sensazione di essere stati abbandonati.
Sentiamo il nostro collaboratore Sabato Angieri, che si trova al confine tra Armenia e Azerbaijan.

Ucraina: la visita a sorpresa di Stoltenberg a Zelensky

“E’ solo questione di tempo prima che l’ucraina entri nella nato”. Così il presidente Zelensky dopo la visita a sorpresa a Kiev del segretario generale dell’alleanza atlantica. Stoltenberg ha promesso all’ucraina nuovi aiuti militari, ma ha ribadito la posizione che l’alleanza ha tenuto al vertice di Vilnius, parlando di un’ucraina molto vicina alla Nato, ma senza fissare una road map per il suo ingresso. La posizione della Nato, in questi mesi, è sempre stata che finché l’Ucraina sarà in guerra non sarà possibile ragionare sul suo ingresso nell’alleanza altantica.
Sul campo, intanto, un gruppo di soldati russi che combattono accanto all’ucraina, i combattenti della Legione Libertà della Russia, hanno annunciato di essere entrati dall’Ucraina nel territorio russo della regione di Belgorod dove sarebbe in corso una battaglia. Kiev ha invece denunciato diversi bombardamenti russi che, in particolare hanno colpito infrastrutture energetiche: un impianto di gas nel Donetsk e una centrale termoelettrica nel Sud del paese.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 19/07 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 19-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 19/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 19-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 19/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 19/07/2024 delle 21:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 19-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di venerdì 19/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 19-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di venerdì 19/07/2024

    Quando arriva finalmente il weekend e possiamo fare mille pisolini ma anche mille balli in Balera. Puntata ricca di ospiti con i fondi di coesione europei che oggi ci portano all’interno delle scuole, la missione Manda un clown a quel paese e la super rubrica Cegna, Cegna edition.

    Poveri ma belli - 19-07-2024

  • PlayStop

    Parla con lei di venerdì 19/07/2024

    Ospite della puntata di oggi Elena Liverani , professoressa di lingua e cultura spagnola nonché traduttrice ufficiale di Isabelle Allende. Con lei abbiamo parlato del mestiere del traduttore e del rapporto con libri e autori.

    Parla con lei - 19-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 19/07/2024 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 19-07-2024

  • PlayStop

    La rotta atlantica: la traversata mortale verso l'Europa

    La rotta delle Canarie è tornata a essere una delle più mortali al mondo, con un aumento del 167% di migranti quest'anno, arrivando a circa 19.000 persone. Partendo dal Senegal o dalla Mauritania, questi migranti cercano di raggiungere le isole spagnole e successivamente l'Europa continentale. Secondo un report della ONG Caminando Fronteras, oltre 4.000 persone hanno perso la vita tentando questa traversata. La scelta di questa rotta pericolosa è dovuta alla crescente militarizzazione del Mediterraneo. Sara Dell’Acqua ha intervistato Edurne Gautxori, traduttrice della Croce Rossa a El Hierro, l'isola dell'arcipelago delle Canarie più lontana dalle coste africane.

    Clip - 19-07-2024

  • PlayStop

    Il Filo della Storia - Attivismo & bigodini

    Attivismo & bigodini: come le parrucchiere afroamericane trasformarono i loro saloni in un luogo di potere e lotte civili. A cura di Alba Solaro

    Il Filo della Storia - 19-07-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 19/07/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 11.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 19-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 19/07/2024

    Oggi abbiamo parlato del discorso di Trump alla convention repubblicana e del possibile ritiro di Biden dalla corsa presidenziale con Roberto Festa. Dell’elezione di Ursula Von der Leyen grazie al voto determinante dei Vardi con Monica Frassoni. Un ricordo del G8 di Genova 23 anni dopo con Lorenzo Guadagnucci e della situazione migratoria nelle Canarie con un’intervista a una traduttrice della Croce Rossa che lavora lì

    Giorni Migliori – Intro - 19-07-2024

Adesso in diretta