Approfondimenti

Ilaria Salis resta in carcere in Ungheria, le modifiche alle regole di accesso al superbonus e le altre notizie della giornata

Ilaria Salis ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 28 marzo 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Ilaria Salis resta in carcere in Ungheria. Oggi c’è stata l’udienza a Budapest, il giudice ha respinto la richiesta di arresti domiciliari dei difensori. Sta suscitando un’ondata di proteste il decreto che modifica ulteriormente le regole di accesso al Superbonus per le ristrutturazioni edilizie. Il Tar del Lazio ha dato torto a Salvini e ragione ai sindacati di base per lo sciopero del 15 dicembre scorso. I sindacati del settore della distribuzione hanno proclamato una giornata di sciopero per il 30 marzo, vigilia di Pasqua. Dopo l’Università di Torino altri enti prendono posizione sui bandi di ricerca che possono comportare una collaborazione anche in ambito militare con Israele.

Le responsabilità del governo nel caso di Ilaria Salis

Ilaria Salis resta in carcere in Ungheria. Oggi c’è stata l’udienza a Budapest, il giudice ha respinto la richiesta di arresti domiciliari dei difensori.
Salis è di nuovo stata portata in tribunale in catene, con i ceppi ai polsi e al guinzaglio, com’era già successo due mesi fa, in un clima pesante di violenza e di intimidazione.
L’avvocato Eugenio Losco, uno degli avvocati della difesa di Ilaria Salis, ha detto di aver subito delle minacce prima di entrare in aula da un gruppo di militanti di estrema destra.
Questo è il racconto che ci ha fatto questa mattina, pochi minuti dopo l’accaduto:

A denunciare una situazione di violazione aperta del diritto europeo anche i parlamentari italiani di opposizione presenti oggi in aula a Budapest, che hanno attaccato il governo di non fare abbastanza per avere un cambio di atteggiamento da parte dell’Ungheria di Viktor Orbán, alleato di Giorgia Meloni. Per il padre di Ilaria, Roberto Salis le responsabilità del governo sono evidenti e gravi:

Per tutto il giorno il governo non ha battuto ciglio. Le uniche dichiarazioni sono state quelle del ministro Antonio Tajani. Silenzio invece da Giorgia Meloni, che ha incassato un nuovo schiaffo da Orbán. Luigi Ambrosio:


 

Le proteste dopo le nuove modifiche alle regole di accesso al Superbonus per le ristrutturazioni edilizie

(di Massimo Alberti)

Sta suscitando un’ondata di proteste il decreto che modifica ulteriormente le regole di accesso al Superbonus per le ristrutturazioni edilizie. Il nuovo decreto modifica quello del febbraio scorso, cancellando sostanzialmente tre delle eccezioni che ancora consentivano la cessione del credito: gli enti del terzo settore per le strutture per anziani e disabili, le case popolari, le strutture danneggiate da eventi sismici. A guidare la protesta sono proprio le regioni e i sindaci di queste aree, anche di centrodestra: dalle Marche, all’Umbria, al Lazio, ma anche il forum del terzo settore ha chiesto al governo di ripensarci. Il governo ha giustificato l’intervento con la necessità di controllare i conti pubblici in vista della presentazione ad aprile del documento di economia e finanza, ma così va ancora a colpire le fasce più deboli. Il ministro Giorgetti ha parlato di 40 miliardi di extradeficit, ma non ha chiarito quanti di questi siano generati dal superbonus. Ed è la prima questione. La seconda è una corsa del governo a blindare alcuni provvedimenti come il taglio contributivo, senza cui si giocherebbe un bel pezzo del proprio blocco socio elettorale. Ma per farlo sceglie un provvedimento bandiera attorno all’odiato superbonus.
Facciamo un passo indietro: il superbonus 110% ha un peccato originale: consentiva la cessione del credito, con sconto in fattura, a tutti, e non soltanto a chi non potesse permettersi lavori onerosi. E cosi ne hanno usufruito subito proprietari di villette, e in seguito anche molti condomini di abitanti ad alto reddito, o addirittura di seconde case al mare o montagna. Questa eccezione, contenuta nel decreto del febbraio scorso, non è stata toccata, ed è quella che più dovrebbe preoccupare Giorgetti anche perché i conti su queste strutture non sono ancora chiari. Si sceglie invece di toccare la case popolari, che rappresentano una quota minima del patrimonio edilizio e comportano lavori meno costosi, le strutture per anziani e disabili del no profit, e le vittime dei terremoti. Una scelta apparentemente illogica sul fronte dei conti, se non, appunto, per preservare i propri riferimenti elettorali. Da cui le proteste di sindaci, enti, che di fatto sarebbero del tutto impossibilitati a fare i lavori. E’ chiaro che si tratti di una scelta politica, che comunque sta fecendo discutere anche la stessa maggioranza. Giorgetti ha preso tempo per dare i numeri definitivi, si aspettano i dati di marzo. Poi dovrà scoprire le carte nel primo documento di programmazione economica, che arriva a due mesi dalle elezioni, in una fase di crescita ancora assai traballante. C’è da credere che col voto alle porte tra i partiti di governo non saranno giorni tranquilli.

Il Tar del Lazio dà torto a Salvini per lo sciopero del 15 dicembre

Il Tar del Lazio ha dato torto a Salvini e ragione ai sindacati di base per lo sciopero del 15 dicembre scorso. Il ministro con una ordinanza aveva ridotto lo sciopero nazionale dei trasporti dei sindacati di base a 4 ore. Il Tar ha accolto i ricorsi dei sindacati e annullato l’ordinanza per eccesso di potere.
“Il ministro Salvini con il suo intervento a gamba tesa su uno dei diritti fondamentali – afferma il segretario nazionale Cub Trasporti, Antonio Amoroso – ha scelto di beffare un’intera categoria di lavoratori”.

Il settore della distribuzione in sciopero il 30 marzo

I sindacati del settore della distribuzione hanno proclamato una giornata di sciopero per il 30 marzo, vigilia di Pasqua, dopo la rottura delle trattative con Federdistribuzione. Cgil Cisl e Uil hanno indetto 8 ore di sciopero in tutta Italia a cui si aggiunge la mancata disponibilità al lavoro per il 31 marzo e il 1 aprile, Pasqua e Pasquetta. Ci saranno iniziative in diverse città. Il contratto dei lavoratori e le lavoratrici del settore è scaduto da più di 4 anni. Per i sindacati, Federdistribuzione ha chiesto un ulteriore precarizzazione dei contratti, maggiore flessibilità del lavoro a fronte di un aumento insufficiente.
 

Anche il CNR di Pisa non collaborerà ai bandi “dual use” con Israele

Dopo l’Università di Torino altri enti prendono posizione sui bandi di ricerca che possono comportare una collaborazione anche in ambito militare con Israele. Il senato accademico della Scuola Normale superiore di Pisa ha votato una mozione di indirizzo per riconsiderare la partecipazione ad un bando di cooperazione con Israele. Ma soprattutto, il Consiglio di Amministrazione del CNR, il principale ente di ricerca pubblico italiano, ha approvato nel pomeriggio una delibera che impegna a non collaborare su bandi cosiddetti “dual use”, cioè che possano avere implicazioni anche militari, con paesi in conflitto. La presidente del CNR Carrozza si è impegnata ad una revisione dei bandi esistenti per verificarne le implicazioni. La richiesta era nata dall’appella di oltre duemila accademici italiani. Tra questi il fisico Luca Galantucci, che parla di un atto politico molto rilevante:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 18/04 8:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 18-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 18/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 18-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 18/04/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 18-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 18/04/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 18-04-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di giovedì 18/04/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 18-04-2024

  • PlayStop

    0091 di giovedì 18/04/2024

    Dalla musica classica alle produzioni elettroniche moderne, dai villaggi alla diaspora, l'India raccontata attraverso la sua musica. IG baaz_light_year

    0091 - 17-04-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 17/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17-04-2024

  • PlayStop

    Percorsi PerVersi di mercoledì 17/04/2024

    Poesie, liriche, sonetti, slam poetry, rime baciate, versi ermetici, poesie cantate. Ogni settimana Percorsi PerVersi incontra a Radio Popolare i poeti e li fa parlare di poesia. Percorriamo tutte le strade della parola poetica, da quella dei poeti laureati a quella dei poeti di strada e a quella – inedita – dei nostri ascoltatori.

    Percorsi PerVersi - 17-04-2024

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 17/04/2024

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese e Marianna Usuelli.

    Il giusto clima - 17-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 17/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 17-04-2024

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 17/04/2024

    1 - La guerra in Ucraina, capitolo 1. Un bombardamento russo ha fatto 17 morti e oltre 60 feriti nel nord del paese. I missili non sono stati intercettati. Zelensky: con le armi occidentali non sarebbe successo. Nei prossimi giorni il Congresso americano proverà a votare il pacchetto di aiuti (Roberto Festa) 2 - La guerra in Ucraina, capitolo 2. La strategia occidentale per contenere Putin non sembra funzionare. Nonostante le sanzioni l’economia russa sta crescendo più dei paesi ricchi. Lo dice il Fondo Monetario. Pesano le esportazioni verso Cina e India 3 - Peggiorano le relazioni tra Pechino e i paesi del sud-est asiatico. Nei prossimi giorni le Filippine faranno esercitazioni militari con l’alleato americano nel Mare Meridionale Cinese. Per la prima volta in una zona che la Cina rivendica come propria (Gabriele Battaglia) 4 – 10 anni senza Gabriel Garcia Marquez. In Esteri l’impegno politico dell’autore di Cent’anni di solitudine (Alfredo Somoza) 5 - Graphic Novel. La gemella fantasma. Il primo romanzo a fumetti di Lisa Brown (Luisa Nannipieri)

    Esteri - 17-04-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 17/04/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 17-04-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 17/04/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 17-04-2024

Adesso in diretta