Approfondimenti

L’aumento degli investimenti economici per armare l’Ucraina, l’impotenza delle Nazioni Unite e le altre notizie della giornata

Zaporizhzhia ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 28 aprile 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel sessantaquattresimo giorno di guerra, Antonio Guterres si è recato nel Paese ed ha ammesso l’impotenza delle Nazioni Unite: “La guerra finirà quando la Russia deciderà di finirla”. Intanto gli alleati della NATO stanno aumentando il coinvolgimento e l’investimento economico nel fornire supporto all’Ucraina, mentre il rischio di un allargamento del conflitto al di fuori dei confini ucraini si fa sempre più concreto. Oggi, nella giornata mondiale per la salute e sicurezza sul lavoro, l’Istat ha diffuso i dati aggiornati del primo trimestre: le segnalazioni di incidenti sono aumentate del 30%. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

L’impotenza delle Nazioni Unite: “La guerra finirà quando la Russia deciderà di finirla”

“La guerra è un’assurdità, la guerra è il male e non è accettabile nel ventunesimo secolo”. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha concluso oggi la sua prima visita in Ucraina dallo scoppio del conflitto. Con queste parole ha commentato la distruzione in una cittadina occupata e poi abbandonata dall’esercito russo nei dintorni di Kiev, Borodianka.
Ma le notizie, sia sul campo che nelle dichiarazioni, confermano oggi che la guerra non finirà presto. La città di Donetsk, nel Donbass orientale, che è formalmente sotto controllo russo, ha annullato per ragioni di sicurezza la parata prevista per il 9 maggio, segno che entro quella data non si prevede la fine dei combattimenti.
Nel Donbass i bombardamenti sono incessanti, ma l’avanzata russa di terra non è ancora entrata nel vivo. Infine, Mariupol, con l’assedio all’acciaieria e la denuncia, da parte di Kiev, del bombardamento dell’ospedale da campo che si trova dentro il complesso. Anche il segretario dell’ONU Guterres ha ammesso l’impotenza delle Nazioni Unite: “La guerra, ha detto ancora, non finirà con le riunioni, finirà quando la Russia deciderà di finirla”. Guterres ha comunque annunciato l’impegno delle Nazioni Unite per organizzare un’evacuazione di civili dalla città o, non è chiaro, dall’acciaieria di Mariupol. Quali chance di riuscita ha quest’operazione e in generale la mediazione di Guterres? Francesco Strazzari, docente di relazioni internazionali alla scuola superiore Sant’Anna di Pisa:


 

Gli alleati della NATO aumentano gli investimenti economici per armare l’Ucraina

Aumentano intanto il coinvolgimento e l’investimento economico dei paesi alleati della NATO nel conflitto. Stamattina il Bundestag tedesco ha approvato a larga maggioranza l’invio di armi pesanti alla resistenza ucraina. Questo pomeriggio il presidente statunitense Joe Biden ha chiesto al Congresso di approvare un nuovo pacchetto di aiuti da 33 miliardi dollari. “La guerra in Ucraina potrebbe andare avanti ancora mesi o anni”, ha detto di nuovo poco fa un funzionario dell’amministrazione americana.
In questo quadro il rischio di un allargamento del conflitto al di fuori dei confini ucraini si fa sempre più concreto. I tagli alle forniture del gas verso l’Europa e il ricorso alla minaccia nucleare sono elementi di questo allargamento, potenzialmente catastrofico.
Sul campo c’è Odessa, che è città di confine, che è ormai pienamente coinvolta nella guerra. Anche stasera si sono sentiti forti boati in città. Qui l’esercito ucraino ha fatto sapere di avere rafforzato le proprie difese vicino al confine con la Moldova, e in particolare nei pressi della autoproclamata repubblica filorussa della Transinistria. Lì abbiamo raggiunto il nostro collaboratore Sabato Angieri:


 

L’Istat certifica l’aumento degli incidenti e dei decessi sul lavoro

(di Massimo Alberti)

Un operaio è morto sul lavoro al Ministero degli Esteri a Roma. Fabio Paolotti, 39 anni, operaio della ditta esterna che eseguiva lavori di manutenzione è precipitato nel vano ascensore del fabbricato centrale della Farnesina, ed è morto sul colpo. È stata aperta un’inchiesta – per ora per omicidio colposo – che deve appurare diversi aspetti, a partire da quando sia avvenuto l’incidente: si ipotizza che Paolotti possa essere caduto il giorno prima senza che nessuno se ne fosse accorto, e che quindi potesse essere salvato. L’altro elemento da verificare è l’inserimento ed il funzionamento dei dispositivi di sicurezza che impediscono movimenti involontari della cabina.
Oggi nella giornata mondiale per la salute e sicurezza sul lavoro l’Istat ha diffuso i dati aggiornati del primo trimestre: le segnalazioni di incidenti sono aumentate del 30%.
Quasi 200mila comunicazioni di incidenti in 3 mesi e 189 morti, il 2% in più.
E parliamo solo dei dati ufficiali di Inail, che non tengono conto di quei settori non coperti, e ovviamente del sommerso.
Con la ripresa post-COVID sono cresciuti anche gli incidenti sul lavoro, e la crescita ha riguardato in particolare le donne, tra i settori produttivi l’aumento più forte nella logistica, più 166%,. Mentre per quanto riguarda l’età, l’aumento più significativo è avvenuto nei lavoratori sotto i 40 anni. Pochi giorni fa il rapporto della commissione speciale parlamentare sulla sicurezza sul lavoro, che sottolineava come la mancanza delle misure di sicurezza da parte delle imprese nasca soprattutto dal tentativo di risparmiare, mentre allo stato costa il 3% del PIL. Non è un caso che la logistica sia il settore col maggiore aumento: è in questo ambito che – scrive sempre la commissione – cooperative spurie o fasulle, lavoro nero, contratti irregolari trovano cittadinanza. Una situazione analoga in agricoltura. E allora la morte di un operaio in un palazzo delle istituzioni, in un’indifferenza che le indagini dovranno accertare, diventa più di una metafora. Ferma la procura nazionale per la sicurezza sul lavoro, restano pochi gli ispettori e di conseguenza pochi i controlli, che riscontrano tassi di irregolarità tra le imprese spesso superiori all’80%.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Il Ministro della Salute Speranza firmerà un’ordinanza che prolungherà fino al 15 giugno l’obbligo di mascherina al chiuso esclusivamente negli ospedali, le Rsa, mezzi pubblici, cinema, teatri e palazzetti dello sport. 
Nei luoghi di lavoro l’uso della mascherina sarà solo raccomandato.

Dal 1° maggio il Green Pass sarà richiesto solo nei presidi sanitari.
 Secondo il monitoraggio del Gimbe i contagi nell’ultima settimana sono saliti del 22% rispetto alla precedente.
 Quelli registrati oggi sono oltre 69mila. I morti sono stati 131.

Abbiamo chiesto all’epidemiologo dell’università di Milano Carlo La Vecchia un’opinione sulle prospettive della pandemia e sull’obbligo di mascherina:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 17/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 17/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 17/05/2022 delle 7:14

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 17/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Milano ricorda il commissario Luigi Calabresi, ucciso 50 anni fa

    Milano ricorda il commissario Luigi Calabresi, ucciso 50 anni fa, il 17 maggio del 1972. Per quell'omicidio sono stati condannati…

    Clip - 17/05/2022

  • PlayStop

    Milano ricorda il commissario Luigi Calabresi, ucciso 50 anni fa

    Milano ricorda il commissario Luigi Calabresi, ucciso 50 anni fa, il 17 maggio del 1972. Per quell'omicidio sono stati condannati…

    Clip - 17/05/2022

  • PlayStop

    Valeria Parrella, La fortuna

    VALERIA PARRELLA - LA FORTUNA – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 17/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 17/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 17/05/2022

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 17/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 17/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 17/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 17/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 17/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 17/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 17/05/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 17/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 17/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 17/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 17/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 17/05/2022

    Il Caffè Nero Bollente del lunedì con musica, sfoglio dei giornali e l'esercizio del buon Karma con Silvia Bianco.

    Caffè Nero Bollente - 17/05/2022

  • PlayStop

    60 anni fa: Jazz Samba di Stan Getz e Charlie Byrd (2)

    Il succeso di Jazz Samba non è immediatissimo, ma dopo l'estate del '62 l'album comincia a decollare in classifica, trainato…

    Jazz Anthology - 16/05/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 17/05/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 17/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 16/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17/05/2022

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 16/05/2022

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 16 anni e può uscire da sola la…

    Il Suggeritore Night Live - 16/05/2022

Adesso in diretta