Approfondimenti

Lo stallo nei colloqui di pace, la mediazione sulle concessioni balneari e le altre notizie della giornata

Vladimir Putin

Il racconto della giornata di giovedì 26 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A 92 giorni dall’invasione dall’Ucraina Mario Draghi, dopo una telefonata con Putin, afferma che non c’è nessuno spiraglio per la ripresa dei colloqui di pace. Intanto sul campo proseguono i combattimenti e inizia a preoccupare anche il confine bielorusso. Grande cordoglio e tanti omaggi in queste ore per Ciriaco De Mita. L’ex segretario della Democrazia Cristiana è morto oggi all’età di 94 anni. Dopo aver trovato l’intesa sul ddl Concorrenza è stata trovata una mediazione anche sulle concessioni balneari. La procura di Barcellona Pozzo di Gotto ha aperto un’inchiesta sull’incendio scoppiato nella tarda mattinata di ieri a Stromboli. Oggi negli Stati Uniti sono stati diffusi i dati sul Pil, che si è contratto più del previsto. Qual è lo stato di salute dell’economia americana? Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Nessuno spiraglio per la ripresa dei colloqui di pace: la telefonata Draghi-Putin

“Nessuno spiraglio per la ripresa dei colloqui di pace”. Lo afferma Mario Draghi dopo la telefonata con il presidente russo Putin. Draghi conferma che Mosca ha garantito all’Italia una fornitura ininterrotta di gas. Il Cremlino ha anche ribadito la disponibilità a superare la crisi alimentare in cambio della revoca delle sanzioni, e ha accusato Kiev di non voler riprendere i colloqui.

Se la telefonata tra Draghi e Putin si è mantenuta su toni diplomatici, la Russia attraverso il suo Ministro degli Esteri ha bocciato oggi il piano di pace italiano. “Una proposta non seria” l’ha definita Lavrov, che ha accusato il ministro italiano Di Maio di essere interessato solo al proprio tornaconto elettorale.
A far infuriare i russi è soprattutto l’ipotesi di mantenere “Donbass e Crimea sotto la sovranità ucraina con uno status autonomo”; segno che il piano di pace italiano ha toccato un nervo scoperto.

Bombardata Kharkiv, si temono attacchi missilistici sul sud del paese

I combattimenti intanto proseguono. Oggi è stata ripetutamente bombardata Kharkiv, nel nord-est; 
preoccupa anche il confine bielorusso: il presidente Alexander Lukashenko, stretto alleato di Putin, ha ordinato la creazione di un nuovo comando militare vicino alla frontiera con l’Ucraina. Cresce anche il timore di attacchi missilistici russi sul sud del paese, in particolare dal mare.

È però nel Donbass che il conflitto si inasprisce; i vertici militari ucraini oggi hanno ammesso di essere in difficoltà: “È in corso un’escalation dell’offensiva, si prospetta un periodo difficile; i soldati russi stanno guadagnando terreno” hanno dichiarato.

È morto l’ex segretario della Democrazia Cristiana Ciriaco De Mita

Grande cordoglio e tanti omaggi in queste ore per Ciriaco De Mita. L’ex segretario della Democrazia Cristiana è morto oggi all’età di 94 anni. Domani saranno celebrati i funerali a Nusco, in provincia di Avellino, cittadina di cui era ancora sindaco. Ci sarà anche Sergio Mattarella.
Ex presidente del Consiglio, esponente della sinistra della DC, De Mita è stato uno degli uomini simbolo della Prima Repubblica, con le luci e le ombre che quel periodo storico evoca ancora oggi.
Abbiamo chiesto un giudizio dell’uomo e del politico De Mita a Marco Damilano:


 

Concessioni balneari: trovata una mediazione

Dopo aver trovato l’intesa sul ddl Concorrenza, Palazzo Chigi ha convocato per questa sera i rappresentanti della maggioranza per chiudere sulla delega fiscale. Il ddl concorrenza, richiesto dall’Europa per lo sblocco dei fondi del PNRR, sarà invece votato al Senato lunedì. L’ultimo emendamento che rimaneva in sospeso era quello sulle concessioni balneari, su cui alla fine è stata trovata una mediazione. Gli stabilimenti verranno messi a gara entro il 31 dicembre 2023, ma spetterà al governo, attraverso i decreti attuativi, definire gli indennizzi per gli imprenditori a cui non sarà rinnovata la concessione. Per quanto riguarda i bandi di gara, invece, sarà sempre il governo a definire i criteri con cui assegnare le spiagge italiane. Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente:


 

Aperta un’inchiesta sull’incendio scoppiata a Stromboli

La procura di Barcellona Pozzo di Gotto ha aperto un’inchiesta sull’incendio scoppiato nella tarda mattinata di ieri a Stromboli, incendio divampato per tutta la notte. Il rogo è stato messo sotto controllo solo stamattina e questo pomeriggio si è reso necessario l’intervento dei Canadair poiché il forte vento di scirocco riaccende i focolai non completamente spenti. Le fiamme si sono propagate sul set cinematografico di una fiction Rai sulla protezione civile. La Rai ha respinto ogni responsabilità, argomentando che le riprese sono appaltate a una ditta esterna. Quest’ultima scrive in una nota che l’incidente è da addebitarsi al caso e all’imprevedibile. Nell’incendio è andata distrutta una grande parte della macchia mediterranea dell’isola.

Timori di recessione per l’economia americana

Timori di recessione per l’economia americana. Oggi negli Stati Uniti sono stati diffusi i dati sul Pil, che si è contratto più del previsto. Nel primo trimestre è calato dell’1,5%, più di quelle che erano le stime degli analisti. Nel paese corre anche l’inflazione. Lo stesso Joe Biden alcuni giorni fa ha ammesso che si deve fare il possibile per evitare una recessione. Qual è lo stato di salute dell’economia americana? 

Il nostro collaboratore Andrea Di Stefano:


 

Con Elvis sono arrivati a Cannes anche i Maneskin

(di Barbara Sorrentini)

Una giornata monopolizzata dal passaggio di “Elvis” di Baz Luhrmann. Molto atteso e in arrivo oggi nelle sale, il film sul Re del rock ‘n rool non poteva passare inosservato. Il regista canadese, già presente a Cannes nel 2001 con “Moulin Rouge”, esalta ancora una volta il pubblico con una regia vorticosa dedicata alla biografia di Elvis Presley interpretato da Austin Butler. Nel cast c’è anche Tom Hanks nei panni del manager Colonel Tom Parker e nella colonna sonora i Maneskin, con una cover di “If I can dream” e che hanno sfilato sul red carpet del festival di Cannes.
In concorso si è visto “The Stars at Noon” della regista francese Claire Denis. Ambientato in Nicaragua ai giorni nostri durante la pandemia, diversamente dal romanzo di Danis Johnson che è ambientato durante la rivoluzione degli anni ‘80, il film segue l’incontro e la relazione amorosa tra una giornalista americana (Margaret Qualley) e un imprenditore inglese (Joe Alwyn). Intorno a loro misteri, crimini, servizi segreti e poliziotti inquietanti.
I poliziotti violenti e assassini sono anche quelli del film di Rachid Bouchareb, regista franco algerino già consacrato a Cannes con “Indigenes” e che in “Nos frangines” riprende due episodi di metà anni ‘80 in cui i poliziotti hanno assassinato due ragazzi magrebini durante una manifestazione. Il film segue le famiglie, i fratelli del titolo, che indagano sull’accaduto e parallelamente riporta alla luce immagini d’archivio sulla morte di Malik Oussekine, un fatto di sangue che in Francia durante il Governo Chirac, scosse una generazione portando in piazza migliaia di giovani a protestare contro la Polizia e l’allora Ministro degli interni Charles Pasqua.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono circa 20mila i nuovi contagi da COVID registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del Ministero della Salute. Le vittime sono 94. Un tampone su dieci è risultato positivo. Calano ricoveri e terapie intensive. Il dato di oggi è in linea con quelli dell’ultima settimana: come rilevato dal monitoraggio del Gimbe, rispetto a quella precedente, i casi rilevati sono calati di quasi il 30%, i decessi del 17%.

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1529843062326927367

https://twitter.com/RegLombardia/status/1529852370074718209

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 26/05 10:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/05/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 26-05-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/05/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 26-05-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/05/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 26-05-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/05/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 26-05-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 26/05/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 26-05-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/05/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 25-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-05-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 25/05/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

Adesso in diretta