Approfondimenti

I vertici straordinari di G7, Consiglio europeo e Nato, il possibile slittamento del voto sull’aumento delle spese militari e le altre notizie della giornata

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, con il presidente Usa, Joe Biden, al vertice NATO a Bruxelles, 24 marzo 2022

Il racconto della giornata di giovedì 24 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. la Nato ha deciso l’invio di 40mila uomini in più nelle sue basi dei paesi dell’Europa orientale e di inviare altre armi, sistemi anti missile, anticarro e droni. Le parole di questa mattina del Papa hanno congelato ancora di più l’ipotesi di votare un ordine del giorno sull’aumento delle spese militari. Domani il movimento ambientalista trainato dagli studenti ritornerà in piazza per chiedere di rimettere al centro della discussione politica il tema della transizione climatica. Secondo una ricerca di Istat e Unar, una persona LGBT su 5 ritiene di essere stata svantaggiata in termini di carriera e di aver vissuto in un clima ostile. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

I vertici di G7, Consiglio europeo e Nato a Bruxelles

Un mese di guerra oggi, e oggi è stata una giornata ricca di riunioni, della Nato, del G7, del Consiglio europeo. C’è stata anche l’assemblea generale dell’Onu, che ha votato una risoluzione presentata dagli occidentali, che chiede la cessazione immediata delle ostilità e degli attacchi conto i civili.
A Bruxelles si sono invece svolti i vertici straordinari di g7, il Consiglio europeo, la Nato. Nello specifico la Nato ha deciso l’invio di 40mila uomini in più nelle sue basi dei paesi dell’Europa orientale e di sostenere di inviare altre armi, sistemi anti missile, anticarro e droni. Non è l’1% dei mezzi militari a disposizione dei paesi occidentali che chiedeva il presidente Ucraino Zelensky, ma le forniture militari continuano. Gianluca Pastori è un docente di relazioni internazionali alla cattolica di Milano.

Altro piano di intervento occidentale è quello delle sanzioni contro la Russia. Gli stati uniti ne hanno annunciate di nuove, con circa duecento membri della Duma. Per il resto il G7 si è detto pronto a inasprire quelle già in vigore, ma una decisione specifica non c’è. Quanto al Consiglio europeo anche qui c’è l’intenzione manifestata di imporre nuove misure economiche, ma la riunione è ancora in corso. Il grande tema è quello di gas e petrolio e delle conseguenze che le sanzioni su materie energetiche potrebbero aere su chi le sanzioni le eleva, e cioè l’Europa. Lucia Taglioli, economista del politecnico di Milano.

 

La situazione in Ucraina a un mese dall’inizio del conflitto

Continuano gli attacchi russi in varie città ucraine, in particolare nella regione di Kharkiv, dove la città di Iziyum sarebbe coinvolta in intensi combattimenti. Il governo regionale di Kharkiv ha detto che è stato bombardato un ufficio postale, che era stato adibito a centro di distribuzione di aiuti umanitari: sei persone sarebbero morte e 15 ferite. In 24 ore, la regione sarebbe stata colpita da 44 attacchi in 24 ore.
Anche Chernihiv, nel nord dell’Ucraina, continua ad essere bersagliata dalle bombe russe e sono almeno 200 i civili uccisi.
Secondo il capo dell’amministrazione militare regionale “La Russia lancia bombe ogni 15 minuti e sono stati colpiti solo edifici residenziali e strutture sociali”. L’ufficiale specifica che la parte settentrionale della regione è completamente inaccessibile ma i russi non sono ancora entrati nel capoluogo.

Dopo un mese di invasione, comunque, sembra che l’esercito russo stia perdendo terreno intorno a Kiev: lo hanno confermato anche i servizi di intelligence americani e britannici, secondo cui a est della capitale i russi sarebbero stati respinti dalle forze ucraine, mentre a nordest si sarebbero fermati. Il ministro della difesa di Kiev ha detto che l’esercito ucraino ha respinto i russi anche per oltre 70km nelle aree intorno alla capire e questa mattina l’esercito ucraino ha detto di aver colpito e distrutto una nave da sbarco russa ormeggiata al porto di Berdyansk, sul mar d’Azov, a sudest.
Oggi, poi, per ordine del presidente Zelensky, ha avuto luogo il primo scambio di prigionieri di guerra. L’Ucraina ha scambiato 10 russi catturati con 10 dei suoi militari.

Il voto sull’aumento delle spese militari potrebbe slittare

(di Anna Bredice)
Al Senato solo Fratelli di Italia ha presentato un ordine del giorno che ricalca quello della Camera dei deputati che chiedeva di incrementare le spese militari arrivando al due per cento del Pil. Si tratta quindi di un gruppo all’opposizione e al momento, se la situazione rimarrà tale, questo ordine del giorno non verrà approvato. È la speranza di molti, il Pd in testa, che non ha nessuna voglia di alimentare una polemica intorno al riarmo in Europa, c’è già quello sull’invio delle armi in Ucraina che divide e fa discutere la sinistra: si è visto già oggi nel primo giorno di congresso dell’Anpi, con i messaggi arrivati da Mattarella a Letta a Conte, fino a Liliana Segre, tutti accomunati nell’appello alla pace il prima possibile, ma sulla necessità di inviare le armi all’Ucraina c’erano sfumature e toni diversi. Il messaggio di questa mattina, fatto a braccio dal Papa durante un discorso, è stato talmente netto nel rifiuto alla corsa ad armarsi che ha ancora di più congelato l’ipotesi di votare un ordine del giorno sull’aumento delle spese militari, tanto più che non si tratta di una legge da approvare con urgenza. Nel Pd, ma anche dentro i Cinque stelle, si augurano che tutto poi slitti al momento della Legge di bilancio, quando si tratterà di far quadrare i conti. Draghi oggi ha ribadito che si tratta di un impegno preso dai governi nei confronti della Nato, “un impegno storico per l’Italia, che continuerà ad osservare”. Nessun passo indietro, ma nemmeno una scadenza urgente da onorare. Se Letta è stato volutamente vago su questo tema oggi, “dobbiamo essere uniti e troveremo una soluzione”, il più contrario è stato Conte. Sempre in un messaggio all’Anpi ha definito ignobile la scelta di dare priorità alle spese militari piuttosto che a quelle sociali ed economiche per i settori più colpiti dalla crisi. Lo fa per ragioni interne al Movimento, anche se tra quelli più esposti sulla guerra c’è proprio il ministro degli esteri Di Maio, e forse per un riflesso antico che porta a non colpire eccessivamente gli interessi russi. In modi diversi un filo torna ad unire Conte e Salvini al destino di Putin.

I Fridays for Future e il Collettivo di fabbrica ex Gkn insieme per il lavoro, l’ambiente e la pace

(di Massimo Alberti)
Il lavoro, l’ambiente, la pace. Domani il settimo sciopero ambientale, sabato a Firenze la manifestazione organizzata dai Fridays for Future e dai lavoratori ex Gkn. “Basta contrapporre giustizia climatica e diritti dei lavoratori. Fanno parte di una stessa visione di società” è il messaggio. E contro la guerra oggi la protesta sotto la sede dell’industria bellica Leonardo.

C’è un filo rosso che collega guerre, pandemie e crisi climatica e si chiama capitalismo. È questo lo slogan degli attivisti di Fridays for Future davanti allo stabilimento ‘Leonardo’ a Pomigliano d’Arco ‘per denunciare il ruolo dell’Italia e dell’azienda leader nel settore delle armi. È stato l’antipasto delle due giornate che in Italia stavolta marciano unite, ed è una piccola ma importante novità.
Domani come in altre città in tutto il mondo, il movimento ambientalista trainato dagli studenti ritornerà in piazza per chiedere di rimettere al centro della discussione politica il tema della transizione climatica.

Sabato a Firenze la manifestazione che da un seguito alla mobilitazione di questi mesi avviata dal collettivo di fabbrica ormai ex Gkn. Un incontro di interessi comuni: “ci dicevano sempre che non facevamo le nostre rivendicazioni rapportandoci con i lavoratori – dice la portavoce italiana dei FFF Martina Comparelli – ora non sarà più così. “Non c’è contrapposizione tra questione sociale e ambientale, sono lotte coerenti con una stessa visione di società” le fa eco Dario Salvetti, della RSU ex Gkn che lotta proprio per la riconversione ecologica dello stabilimento e dare così una prospettiva industriale solida [CONTINUA A LEGGERE]

Istat: una persona LGBT su cinque è vittima di discriminazioni sul posto di lavoro

(di Chiara Ronzani)
Le discriminazioni di persone lesbiche gay e transgender in Italia sono una realtà, soprattutto in ambito lavorativo. Emerge da una ricerca di Istat e Unar su oltre 21mila persone.
Nonostante si tratti in gran parte di lavoratori e lavoratrici con alto livello di studi e alta qualifica, una persona su 5 ritiene di essere stata svantaggiata in termini di carriera e di aver vissuto in un clima ostile, mentre oltre una su quattro è stata sminuita, non apprezzata e non retribuita adeguatamente. Tanto che il 40% tiene nascosto il proprio orientamento sessuale ai colleghi.

Più in generale, episodi di discriminazione in contesti quotidiani hanno toccato il 38% delle persone LGBT, al punto da far decidere il 17% a cambiare città o trasferirsi all’estero.

Come cambiare le cose? Gli intervistati propongono iniziative e corsi nelle scuole, adozione per le persone singole e il riconoscimento di entrambi i genitori per i figli di coppie omogenitoriali.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/02/2024

    con Margherita Buy su "Volare"; Vito Zagarrio parla di "Le seduzioni"; Giovanni Piperno e la storia di "16mm alla rivoluzione"; Velania A. Mesay presenta il documentario "Agape". Tra le uscite: "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer; "Emma e il giaguaro nero" di Gilles de Maistre; "Night Swim" di Bryce Mc Guire.

    Chassis - 24-02-2024

  • PlayStop

    Climitologie S1 - E4

    La rubrica settimanale che smaschera le bufale sul cambiamento climatico a cura di Sara Milanese

    Clip - 24-02-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 24/02/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 24-02-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

Adesso in diretta