Approfondimenti

I vertici straordinari di G7, Consiglio europeo e Nato, il possibile slittamento del voto sull’aumento delle spese militari e le altre notizie della giornata

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, con il presidente Usa, Joe Biden, al vertice NATO a Bruxelles, 24 marzo 2022

Il racconto della giornata di giovedì 24 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. la Nato ha deciso l’invio di 40mila uomini in più nelle sue basi dei paesi dell’Europa orientale e di inviare altre armi, sistemi anti missile, anticarro e droni. Le parole di questa mattina del Papa hanno congelato ancora di più l’ipotesi di votare un ordine del giorno sull’aumento delle spese militari. Domani il movimento ambientalista trainato dagli studenti ritornerà in piazza per chiedere di rimettere al centro della discussione politica il tema della transizione climatica. Secondo una ricerca di Istat e Unar, una persona LGBT su 5 ritiene di essere stata svantaggiata in termini di carriera e di aver vissuto in un clima ostile. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

I vertici di G7, Consiglio europeo e Nato a Bruxelles

Un mese di guerra oggi, e oggi è stata una giornata ricca di riunioni, della Nato, del G7, del Consiglio europeo. C’è stata anche l’assemblea generale dell’Onu, che ha votato una risoluzione presentata dagli occidentali, che chiede la cessazione immediata delle ostilità e degli attacchi conto i civili.
A Bruxelles si sono invece svolti i vertici straordinari di g7, il Consiglio europeo, la Nato. Nello specifico la Nato ha deciso l’invio di 40mila uomini in più nelle sue basi dei paesi dell’Europa orientale e di sostenere di inviare altre armi, sistemi anti missile, anticarro e droni. Non è l’1% dei mezzi militari a disposizione dei paesi occidentali che chiedeva il presidente Ucraino Zelensky, ma le forniture militari continuano. Gianluca Pastori è un docente di relazioni internazionali alla cattolica di Milano.

Altro piano di intervento occidentale è quello delle sanzioni contro la Russia. Gli stati uniti ne hanno annunciate di nuove, con circa duecento membri della Duma. Per il resto il G7 si è detto pronto a inasprire quelle già in vigore, ma una decisione specifica non c’è. Quanto al Consiglio europeo anche qui c’è l’intenzione manifestata di imporre nuove misure economiche, ma la riunione è ancora in corso. Il grande tema è quello di gas e petrolio e delle conseguenze che le sanzioni su materie energetiche potrebbero aere su chi le sanzioni le eleva, e cioè l’Europa. Lucia Taglioli, economista del politecnico di Milano.

 

La situazione in Ucraina a un mese dall’inizio del conflitto

Continuano gli attacchi russi in varie città ucraine, in particolare nella regione di Kharkiv, dove la città di Iziyum sarebbe coinvolta in intensi combattimenti. Il governo regionale di Kharkiv ha detto che è stato bombardato un ufficio postale, che era stato adibito a centro di distribuzione di aiuti umanitari: sei persone sarebbero morte e 15 ferite. In 24 ore, la regione sarebbe stata colpita da 44 attacchi in 24 ore.
Anche Chernihiv, nel nord dell’Ucraina, continua ad essere bersagliata dalle bombe russe e sono almeno 200 i civili uccisi.
Secondo il capo dell’amministrazione militare regionale “La Russia lancia bombe ogni 15 minuti e sono stati colpiti solo edifici residenziali e strutture sociali”. L’ufficiale specifica che la parte settentrionale della regione è completamente inaccessibile ma i russi non sono ancora entrati nel capoluogo.

Dopo un mese di invasione, comunque, sembra che l’esercito russo stia perdendo terreno intorno a Kiev: lo hanno confermato anche i servizi di intelligence americani e britannici, secondo cui a est della capitale i russi sarebbero stati respinti dalle forze ucraine, mentre a nordest si sarebbero fermati. Il ministro della difesa di Kiev ha detto che l’esercito ucraino ha respinto i russi anche per oltre 70km nelle aree intorno alla capire e questa mattina l’esercito ucraino ha detto di aver colpito e distrutto una nave da sbarco russa ormeggiata al porto di Berdyansk, sul mar d’Azov, a sudest.
Oggi, poi, per ordine del presidente Zelensky, ha avuto luogo il primo scambio di prigionieri di guerra. L’Ucraina ha scambiato 10 russi catturati con 10 dei suoi militari.

Il voto sull’aumento delle spese militari potrebbe slittare

(di Anna Bredice)
Al Senato solo Fratelli di Italia ha presentato un ordine del giorno che ricalca quello della Camera dei deputati che chiedeva di incrementare le spese militari arrivando al due per cento del Pil. Si tratta quindi di un gruppo all’opposizione e al momento, se la situazione rimarrà tale, questo ordine del giorno non verrà approvato. È la speranza di molti, il Pd in testa, che non ha nessuna voglia di alimentare una polemica intorno al riarmo in Europa, c’è già quello sull’invio delle armi in Ucraina che divide e fa discutere la sinistra: si è visto già oggi nel primo giorno di congresso dell’Anpi, con i messaggi arrivati da Mattarella a Letta a Conte, fino a Liliana Segre, tutti accomunati nell’appello alla pace il prima possibile, ma sulla necessità di inviare le armi all’Ucraina c’erano sfumature e toni diversi. Il messaggio di questa mattina, fatto a braccio dal Papa durante un discorso, è stato talmente netto nel rifiuto alla corsa ad armarsi che ha ancora di più congelato l’ipotesi di votare un ordine del giorno sull’aumento delle spese militari, tanto più che non si tratta di una legge da approvare con urgenza. Nel Pd, ma anche dentro i Cinque stelle, si augurano che tutto poi slitti al momento della Legge di bilancio, quando si tratterà di far quadrare i conti. Draghi oggi ha ribadito che si tratta di un impegno preso dai governi nei confronti della Nato, “un impegno storico per l’Italia, che continuerà ad osservare”. Nessun passo indietro, ma nemmeno una scadenza urgente da onorare. Se Letta è stato volutamente vago su questo tema oggi, “dobbiamo essere uniti e troveremo una soluzione”, il più contrario è stato Conte. Sempre in un messaggio all’Anpi ha definito ignobile la scelta di dare priorità alle spese militari piuttosto che a quelle sociali ed economiche per i settori più colpiti dalla crisi. Lo fa per ragioni interne al Movimento, anche se tra quelli più esposti sulla guerra c’è proprio il ministro degli esteri Di Maio, e forse per un riflesso antico che porta a non colpire eccessivamente gli interessi russi. In modi diversi un filo torna ad unire Conte e Salvini al destino di Putin.

I Fridays for Future e il Collettivo di fabbrica ex Gkn insieme per il lavoro, l’ambiente e la pace

(di Massimo Alberti)
Il lavoro, l’ambiente, la pace. Domani il settimo sciopero ambientale, sabato a Firenze la manifestazione organizzata dai Fridays for Future e dai lavoratori ex Gkn. “Basta contrapporre giustizia climatica e diritti dei lavoratori. Fanno parte di una stessa visione di società” è il messaggio. E contro la guerra oggi la protesta sotto la sede dell’industria bellica Leonardo.

C’è un filo rosso che collega guerre, pandemie e crisi climatica e si chiama capitalismo. È questo lo slogan degli attivisti di Fridays for Future davanti allo stabilimento ‘Leonardo’ a Pomigliano d’Arco ‘per denunciare il ruolo dell’Italia e dell’azienda leader nel settore delle armi. È stato l’antipasto delle due giornate che in Italia stavolta marciano unite, ed è una piccola ma importante novità.
Domani come in altre città in tutto il mondo, il movimento ambientalista trainato dagli studenti ritornerà in piazza per chiedere di rimettere al centro della discussione politica il tema della transizione climatica.

Sabato a Firenze la manifestazione che da un seguito alla mobilitazione di questi mesi avviata dal collettivo di fabbrica ormai ex Gkn. Un incontro di interessi comuni: “ci dicevano sempre che non facevamo le nostre rivendicazioni rapportandoci con i lavoratori – dice la portavoce italiana dei FFF Martina Comparelli – ora non sarà più così. “Non c’è contrapposizione tra questione sociale e ambientale, sono lotte coerenti con una stessa visione di società” le fa eco Dario Salvetti, della RSU ex Gkn che lotta proprio per la riconversione ecologica dello stabilimento e dare così una prospettiva industriale solida [CONTINUA A LEGGERE]

Istat: una persona LGBT su cinque è vittima di discriminazioni sul posto di lavoro

(di Chiara Ronzani)
Le discriminazioni di persone lesbiche gay e transgender in Italia sono una realtà, soprattutto in ambito lavorativo. Emerge da una ricerca di Istat e Unar su oltre 21mila persone.
Nonostante si tratti in gran parte di lavoratori e lavoratrici con alto livello di studi e alta qualifica, una persona su 5 ritiene di essere stata svantaggiata in termini di carriera e di aver vissuto in un clima ostile, mentre oltre una su quattro è stata sminuita, non apprezzata e non retribuita adeguatamente. Tanto che il 40% tiene nascosto il proprio orientamento sessuale ai colleghi.

Più in generale, episodi di discriminazione in contesti quotidiani hanno toccato il 38% delle persone LGBT, al punto da far decidere il 17% a cambiare città o trasferirsi all’estero.

Come cambiare le cose? Gli intervistati propongono iniziative e corsi nelle scuole, adozione per le persone singole e il riconoscimento di entrambi i genitori per i figli di coppie omogenitoriali.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 25/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 25/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: torniamo al Festival di Cannes, l’artista Patrizio…

    Cult - 25/05/2022

  • PlayStop

    Oleksij Cherepanov, Il custode del bosco

    ANDREINA SPECIALE - IL CUSTODE DEL BOSCO - presentato da SARA MILANESE

    Note dell’autore - 25/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 25/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 25/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 25/05/2022

    La strage in una scuola elementare in Texas riapre il dibattito sulle armi negli Usa? Con Roberto Festa. GUERRA IN…

    Prisma - 25/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 25/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 25/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 25/05/2022

    ....Il Caffè Nero Bollente del mercoledì con musica, sfoglio dei giornali e la serie tv della settimana consigliata da Paolo…

    Caffè Nero Bollente - 25/05/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 25/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    A Milano, per la prima volta in Italia, sarà istituito un Registro per il riconoscimento del genere di elezione dedicato…

    Jailhouse Rock - 24/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 24/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 24/05/2022

    A Milano, per la prima volta in Italia, sarà istituito un Registro per il riconoscimento del genere di elezione dedicato…

    L’Altro Martedì - 24/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 24/05/2022

    eccola qui: La formidabile e improbabile app ucraina che sta distruggendo l’esercito russo, gli attacchi ransomware della settimana e i…

    Doppio Click - 24/05/2022

  • PlayStop

    What's going on? 24/05/2022

    a cura di Luigi Ambrosio

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    - Guerra In Ucraina. La Russia comincia ad ammettere in modo implicito le sue difficoltà sul campo. - Cina. ”'sparare…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 24/05/2022

    1) “La pandemia ha avuto effetti di rilevanza storica, che vanno al di là di quelli sanitari, ovviamente importanti”. Parla…

    The Game - 25/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 24/05/2022

    Dove ci si getta sull'attualità raccontando, con ascoltatori e ascoltatrici, la grandinata che sta colpendo il nord di Milano. Poi…

    Muoviti muoviti - 25/05/2022

Adesso in diretta