Approfondimenti

Le prossime mosse della Bce, la guerra in Ucraina, le “dimenticanze” del governo sulla strage di Brescia e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 23 marzo 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dopo la prima frenata della Banca centrale degli Usa sull’aumento dei tassi, si attendono le prossime scelte della Banca Centrale Europea, che per ora dovrebbe continuare ad aumentare il costo del denaro, lasciando però aperta una porta ad una maggiore prudenza dopo le difficoltà del sistema bancario. Il punto sulla guerra in Ucraina e la “dimenticanza” del governo sulla strage di piazza della Loggia a Brescia. Sul tema delle migrazioni, che sarà affrontato dai leader del Condiglio europep dei 27 stasera e domani, abbiamo sentito Maurizio Ambrosini,  sociologo delle migrazioni ed analista dell’Ispi.

La Bce dovrebbe continuare ad aumentare il costo del denaro

(di Massimo Alberti)

Dopo la prima frenata della Banca centrale degli Usa sull’aumento dei tassi, si attendono le prossime scelte della Banca Centrale Europea, che per ora – secondo quanto dichiarato dalla presidente Christine Lagarde – dovrebbe continuare ad aumentare il costo del denaro, lasciando però aperta una porta ad una maggiore prudenza dopo le difficoltà del sistema bancario.
Questo nonostante la Bce abbia reso pubblici i documenti anticipati a inizio marzo dall’agenzia di stampa Reuters, che evidenziano i forti aumenti di profitti delle imprese europee a scapito dei salari, che generano l’alto tasso di inflazione.
Quando Reuters, un mese fa, aveva citato grafici e documenti in mano ai banchieri centrali europei, aveva parlato del timore che facessero arrabbiare i cittadini, perché quei grafici ben noti ai funzionari BCE dicevano una cosa molto semplice: le imprese europee stanno facendo la cresta sull’inflazione, alzando i prezzi ben al di sopra della crescita delle materie prime, aumentando profitti a scapito dei salari,mentre i cittadini pagano il conto con aumenti dei mutui e la stretta sul credito. Ora i dati son visibili a tutti e indicano chiaramente quale sia la causa dell’aumenti dei prezzi e smentendo la strategia della BCE, visto che a generare inflazione è appunto la crescita dei profitti, e non c’entrano i salari, c’entra poco la domanda. Insomma, sappiamo chi ringraziare se stiamo pagando di più il cibo ed i beni essenziali. Dall’inizio del 2022 infatti i profitti sono cresciuti molto più rapidamente dei salari in particolare in agricoltura. Segue la manifattura, ovviamente l’energia, le costruzioni, i servizi. Chi specula sull’inflazione ne è esso stesso causa, colpendo i salari, mentre la banca centrale con la aggressiva politica di aumento dei tassi non intacca i profitti, ma contribuisce a disciplinare le retribuzioni. Questo non solo toglie il velo sulle scelte puramente ideologiche della BCE, ma anche sulle imprese, i cui margini di profitto son saliti anziché calare in fase di aumento dei costi di produzione perché, mentre da una parte gonfiavano i prezzi ben più del semplice recupero di costi, usano questa scusa per bloccare rinnovi di contratti e aumenti salariali. Forse i cittadini farebbero bene ad arrabbiarsi davvero, se e quando il mese prossimo la banca centrale europea non muterà questa politica.

Il coinvolgimento della Slovacchia nella guerra in Ucraina

La guerra in Ucraina. La Slovacchia ha inviato oggi 4 aerei da combattimento a Kiev: è il primo paese ad avere risposto alla pressante richiesta di caccia da parte di Kiev. Si tratta di aerei di fabbricazione sovietica, dunque rapidamente utilizzabili dalle forze ucraine: in cambio Bratislava riceverà dagli stati uniti degli elicotteri dal combattimento, i viper, a compensazione di questo trasferimento. Dal punto di vista militare e del coinvolgimento occidentale la giornata di oggi rappresenta dunque una svolta. La stessa Slovacchia ha fatto sapere che altri aerei verranno inviati nelle prossime settimane. Altri paesi potrebbero presto seguirne l’esempio. Quali conseguenze potrà avere questo nell’attuale fase del conflitto? Francesco Strazzari, docente relazioni internazionali alla scuola superiore Sant’Anna di Pisa

Di Ucraina si è parlato oggi anche al Consiglio europeo. Il presidente ucraino Zelensky è intervenuto in videoconferenza e ha rilanciato, chiedendo all’europa di accelerare sulla fornitura di missili a lungo raggio, sui jet, su un nuovo pacchetto di sanzioni e sull’ingresso di Kiev in europa. La reazione di Mosca non si è fatta attendere: le relazioni tra Russia e Occidente sono arrivate al punto più basso di sempre, la fornitura di aerei è un altro passo verso l’escalation.

L’immigrazione sul tavolo dei leader del Consiglio europeo

L’altro tema sul tavolo del Consiglio, che si conclude domani, è l’immigrazione. Nella sola giornata di oggi la guardia costiera italiana ha salvato quasi 700 persone nel canale di sicilia, mentre ieri sera un naufragio al largo della Tunisia ha provocato, si stima, almeno 35 morti. Solo sette i corpi recuperati, uno era di un neonato.
Il tema delle migrazioni sarà affrontato dai leader dei 27 stasera e domani: nella bozza della risoluzione finale si legge che i 27 si impegnano a controllare i confini esterni, trovare soluzioni con i paesi di partenza e aprire canali di ingresso legali. Giorgia Meloni si è detta soddisfatta di quello che definito un “cambio di passo”. Ma concretamente porta a casa poco. Maurizio Ambrosini, è un sociologo delle migrazioni ed analista dell’Ispi

“Si erano solo dimenticati”. Così il governo sulla strage di piazza della Loggia a Brescia

(di Alessandro Gilioli)

Non è stata una scelta politica, per carità, “si erano solo dimenticati”: così il governo ha spiegato perché non si era costituito parte civile nel processo sulla strage di piazza della Loggia a Brescia.
Si erano dimenticati: come si era dimenticata Meloni di citare le stragi del terrorismo nero quando, nel suo discorso di insediamento ha parlato degli anni di piombo.
Si dimenticano, insomma.
Del resto si sono dimenticati in fretta anche dei morti di Cutro, c’era la festa di compleanno di Salvini dove fare karaoke.
Si sono dimenticati che la fiamma tricolore nel simbolo è la fiaccola del fascismo.
Si sono dimenticati anche della mafia, come ha gridato l’altro giorno don Ciotti a Milano.
Si sono dimenticati della scuola pubblica, dando subito 70 milioni a quelle private.
Si sono dimenticati dell’ambiente.
Si sono dimenticati delle loro stesse promesse sulle pensioni.
Si sono dimenticati di Salvini con la maglietta di Putin.
E neanche a dire quanto si sono dimenticati di Andy Rocchelli e di Giulio Regeni.
E’ che si dimenticano.
Quando Meloni è andata in visita in Vaticano, congedandola papa Francesco le ha detto: “Non si dimentichi degli ultimi”.
Qualcuno aver detto anche a lui che la premier ha scarsa memoria.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 20/05/2024

    Oggi a Cult: Tindaro Granata in "Vorrei una voce" all'Elfo Puccini di Milano; a Milano inziaia la ArchWeek 2024; Marco Malvaldi sul suo libro "Dodici" (Il Mulino);la corrispondenza dal Festival del Cinema di Cannes di Barbara Sorrentini; la rubrica di classica di Giuseppe Califano...

    Cult - 20-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 20/05/2024

    La Cina ha prenotato un posto in prima fila nel futuro ordine mondiale? Il presidente Xi Jinping è l’unico - tra i leader globali - ad essere riuscito ad incontrare, seppur separatamente, le parti in conflitto in Ucraina. La settimana scorsa, nel giro di pochi giorni, Xi ha incontrato Putin, l’invasore dell’Ucraina, e Macron, il presidente francese che vorrebbe mandare i soldati occidentali a combattere contro i russi in Ucraina. Pubblica ha ospitato Filippo Fasulo, ricercatore all’Istituto di Studi di Politica Internazionale (ISPI) e direttore del centro studi della «Fondazione Italia-Cina», e Alessandro Politi, analista politico e strategico internazionale, direttore «Nato Defense College Foundation».

    Pubblica - 20-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 20/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 20-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 20/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 20-05-2024

  • PlayStop

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 20-05-2024

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 20/05/2024

    - La libertà d’informazione a rischio. Oggi Londra decide se estradare Julian Assange verso gli Stati Uniti. Milano attenderà la sentenza in piazza Mercanti con l’istallazione Anything to say? Parla il suo ideatore Davide Dormino. - 10 anni fa in Ucraina l’uccisione del fotoreporter Andy Rocchelli. Insieme a lui venne ucciso l’interprete e attivista dei diritti umani Andrej Mironov. 10 anni senza verità è giustizia. Parla il padre di Andy. - Malala e le sue sorelle. Sono milioni le ragazze a cui è impedito di studiare da regimi autoritari. Sentiamo uno dei podcast realizzati dalle scuole che hanno partecipato al Festival dei Diritti Umani. Oggi ci occupiamo del Premio Sacharov Malala Yousafzai. In collaborazione con l’Ufficio di Milano del Parlamento Europeo.

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 20-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di lunedì 20/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 20-05-2024

Adesso in diretta