Approfondimenti

Il primo giorno ai domiciliari per Ilaria Salis, l’interrogatorio a Giovanni Toti e le altre notizie della giornata

Ilaria Salis ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 23 maggio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Ilaria Salis è stata rilasciata dopo quasi sedici mesi di detenzione. L’interrogatorio di Giovanni Toti è stato un vero fiume, con oltre 8 ore di durata e più di 180 domande. La maggior parte dei denunciati per falsa dichiarazione nel reddito di cittadinanza è stata assolta, poiché i tribunali non hanno riconosciuto un’intenzione di ingannare lo Stato. La decima giornata della 77esima edizione del Festival di Cannes.

 Ilaria Salis ai domiciliari dopo quindici mesi di carcere

Ilaria Salis è fuori dal carcere. Dopo quasi 16 mesi, l’attivista italiana questa mattina è uscita dalla prigione di massima sicurezza di Budapest, in cui per un anno è stata detenuta in condizioni inumane e degradanti. Oggi per lei è stato il primo giorno agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico in una casa della capitale ungherese, dopo che i giudici qualche settimana fa hanno accolto a sorpresa il suo ricorso. La sua famiglia ha tenuto poco fa un punto stampa a Budapest. “E’ come un figlio che è nato per la seconda volta”, ha detto, emozionato, il padre Roberto Salis.

Domani ci sarà la terza udienza del processo a suo carico. Le opposizioni chiedono che il governo ora si impegni per il suo ritorno in Italia. Ricordiamo: Ilaria Salis è candidata da Verdi e Sinistra alle elezioni europee. Sulla giornata di oggi, invece, dalla destra non è arrivato nessun commento.

(di Anna Bredice)
Nessuna reazione da parte del governo ai domiciliari di Ilaria Salis. Davanti al carcere di Budapest le immagini hanno ripreso solo il padre ad attendere la figlia, non si è visto nessuno dell’ambasciata italiana accanto a lui. Silenzio da parte di Giorgia Meloni, che solo pochi giorni fa sorridente era andata ad accogliere Chico forti a Pratica di mare, come se la questione Salis non la riguardasse. Del resto, il silenzio era quello che l’Italia aveva chiesto ai partiti di sinistra per risolvere il caso Salis e oggi chi l’ha candidata, ma anche molti altri, osservano che se avessero seguito il consiglio del ministro degli Esteri Tajani, di far lavorare il governo senza fare clamore, Ilaria Salis domani sarebbe arrivata di nuovo in udienza con le catene ai piedi. Per Verdi e Sinistra italiana che l’hanno candidata come capolista nel Nord Ovest la battaglia non è finita, perché continueranno a lottare per farla venire in Italia e soprattutto per farla eleggere a Strasburgo. Nelle tre settimane che restano il candidato di Avs Smeriglio ha annunciato una sorta di “staffetta democratica” per Ilaria Salis, perché, spiegano nel partito, solo la candidatura europea ha spinto il governo ungherese a concedere i domiciliari, è la dimostrazione che il governo sbagliava a dire che se il caso diventava politico non avrebbe aiutato la donna ad uscire dal carcere dove era detenuta in condizioni molto dure da mesi. Resta l’atteggiamento così diverso del governo Meloni in due casi che si sono svolti in pochi giorni. L’accoglienza di Chico Forti con la Presidente del Consiglio ad attenderlo all’arrivo e il disinteresse da parte di Roma al destino di Ilaria Salis. Un’evidenza che ha fatto dire oggi a Elly Schlein “temiamo che il governo mostri il volto feroce con alcuni e non con altri, a seconda delle simpatia politiche.”

Israele è pronto a intensificare l’attacco su Rafah

A Rafah sono in corso violenti scontro a fuoco tra miliziani di Hamas e soldati israeliani.
I combattimenti si stanno diffondendo dalla parte orientale a quella occidentale della città.
Proprio oggi il ministro israeliano della difesa Gallant ha confermato che la missione sulla città non si ferma e anzi verrà rafforzata: “L’operazione andrà avanti e aumenterà con altre forze di terra e dall’aria”, ha detto
Parole che arrivano alla vigilia del pronunciamento della Corte internazionale di giustizia dell’Aja, chiamata dal Sudafrica ad ordinare a Israele un cessate il fuoco a Gaza; Pretoria ha presentato la richiesta dopo l’attacco lanciato dall’esercito israeliano su Rafah, lo scorso 7 maggio.
Dopo la richiesta di mandato di cattura per Netanyahu e Gallant, e l’annuncio del riconoscimento della Palestina da parte di 3 stati europei, la decisione che arriverà domani dalla corte è l’ennesimo elemento di pressione diplomatica sul governo di Tel Aviv

Nel mirino dell’esercito israeliano c’è però anche il nord della Striscia, dove i raid aerei solo oggi hanno causato la morte di 38 persone, e dove in queste ore altri due ospedali sono stati chiusi: quello di Al Adwa, vicino a Gaza City, che, dopo un assedio di 4 giorni, è stato evacuato, e quello di Al Aqsa, nella parte centrale dell’enclave, che è rimasto senza carburante e non può più operare.

Si intensificano le operazioni anche in Cisgiordania: a Jenin le truppe israeliane si sono ritirare questa mattina dopo un raid durato 48 ore, durante il quale il campo è stato anche bombardato dall’aviazione. Almeno 12 civili sono morti, tra loro anche un minorenne.

L’interrogatorio fiume a Giovanni Toti

Più di 8 ore. Oltre 180 domande. È stato un interrogatorio fiume quello di Giovanni Toti. Dopotutto, erano tanti i filoni di inchiesta su cui il presidente ligure doveva dare per la prima volta la sua versione dei fatti, dopo giorni di silenzio e lo studio intenso delle carte. Il principale riguarda gli affari attorno al porto, il rinnovo delle concessioni ad Aldo Spinelli. Ma non solo. Toti doveva spiegare la natura di tutti i finanziamenti elargiti dagli imprenditori al suo comitato elettorale, oltre al presunto voto di scambio politico-mafioso con la comunità riesina di Genova. A quanto filtra dall’audizione, Toti ha risposto a tutte le domande. Dal giorno degli arresti, la sua tesi difensiva è rimasta la stessa. “Tutte le spese erano tracciate e tutti i fondi usati per iniziative politiche. L’unico obiettivo agevolare gli investimenti per l’interesse pubblico della Liguria”. Dall’interrogatorio non dipende solo il destino giudiziario di Toti, ma anche quello politico. Il prossimo passo potrebbe essere la richiesta di revoca dei domiciliari. Se dovesse essere ottenuta, il presidente potrebbe a quel punto non dimettersi. In caso contrario la sua strada è segnata. Da Roma finora l’hanno difeso, Salvini in primis. In ballo non ci sono solo le ricadute elettorali a pochi giorni dalle europee, ma anche il più grande progetto finanziato dal Pnrr: la diga foranea del porto di Genova, finita anch’essa sotto la lente degli inquirenti. Per il ministro delle Infrastrutture la priorità è evitare il blocco dei lavori. Domani, a proposito, c’è la posa del primo cassone, senza però la passerella politica prevista non più tardi di un mese fa.

La farsa dei “furbetti” del reddito di cittadinanza smontata dai tribunali

(di Massimo Alberti)
Le presunte frodi sul reddito di cittadinanza, non erano frodi: le decine di migliaia di denunciati per false dichiarazioni per ottenere il sussidio sono stati quasi tutti assolti perché i tribunali, se non in rarissimi casi, non hanno riconosciuto l’intenzione di ingannare lo stato. Quello delle presunte truffe sul reddito di cittadinanza è stato uno dei pretesti per chiederne l’abolizione. Mentre sotto esame della corte costituzionale c’è il requisito dei 10 anni di residenza, che se bocciato costringerebbe l’Inps a rimborsare tutti coloro a cui il sussidio è stato ingiustamente negato.
Da una parte i “fannulloni del divano”, dall’altra i “furbetti del reddito”, due titoli su cui i media hanno sguazzato e parte della violenta campagna anti poveri per portare ad abolire il sussidio, che come ha registrato l’Istat ha provocato un aumento della povertà. Non esistevano i divanisti, non esistevano i furbetti. Su oltre 50000 denunce in 4 anni, le condanne si contano su una mano. In sostanza, i giudici non hanno mai ritenuto dolose quelle richieste, fatte da persone in stato di necessità, in prevalenza straniere, che in caso di condanna avrebbero rischiato fino a 6 anni. I casi sono molto diversi, spiega l’associazione studi giuridici sull’immigrazione a Francesco Floris di La presse. Parliamo di piccole somme, da qualche centinaio ad alcune migliaia di euro. Da Nord a Sud, una caccia alle streghe fomentata dalla politica costata milioni di euro all’amministrazione giudiziaria. Dalle assoluzioni esce un ritratto spietato di cosa sia oggi la povertà estrema. Si va da chi ha restituito le somme appena saputo di non averne diritto o appena trovato un lavoro, a chi ha presentato documenti errati o incompleti, a chi non era in grado di comprendere le norme ed i requisiti, o chi ha mentito su uno dei requisiti fondamentali: la residenza. Ecco: i 10 anni di residenza. Tema su cui, ad esempio per l’assegnazione delle case, il requisito è stato ritenuto anticostituzionale, e anche nel caso del reddito di cittadinanza è sotto esame della consulta. 106mila famiglie a cui è stato negato il sussidio. Se la consulta bocciasse il requisito, l’Inps dovrebbe sborsare oltre 850 milioni se tutti presentassero istanza di riesame. E potrebbe ricadere anche sull’assegno di inclusione, il sussidio che ha ‘sostituito’ il reddito e che prevede un requisito di residenza di 5 anni.

La decima giornata del Festival di Cannes

(di Barbara Sorrentini)
È stata virale in tutto il mondo la foto di Cate Blanchett sul red carpet con il vestito ispirato alla bandiera palestinese disegnato da Jean Paul Gautier. Così come il video in cui la stessa attrice enumera lo squilibrio di premi e presenze tra uomini e donne che c’è stata nella storia di questo festival. Eppure questa è un’edizione che a più riprese si è dichiarata femminista attraverso le voci dei protagonisti invitati. Tra queste anche Valeria Golino con la serie ispirata al romanzo postumo di Goliarda Sapienza “L’arte della gioia”, presentata a Cannes nel centenario della nascita della scrittrice siciliana. La storia della giovane Modesta, cresciuta in orfanotrofio e poi trasferita nella ricca famiglia della madre superiora ha quasi esclusivamente protagoniste femminili. Tecla Insolia, Jasmine Trinca, Valeria Bruni Tedeschi. “L’Arte della Gioia” è ambientato ai primi del novecento ed è sempre stato considerato scandaloso. In questa serie Sky che uscirà al cinema in due parti il 30 maggio e il 13 giugno, Valeria Golino ha voluto mantenere “gli aspetti più ribelli e scabrosi per farne un inno alla disubbidienza”. La sceneggiatura scritta con Francesca Marciano e Valia Santella mette al centro le difficoltà per una giovane donna di vivere senza costrizioni. Una storia già all’avanguardia nel secolo scorso ma che aiuta anche molto a guardare la società attuale.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 15/06 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 15-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 14/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 14-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 14/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 14-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Delorean di sabato 15/06/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 15-06-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 15/06/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 15-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 15/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 15-06-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 15/06/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 15-06-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 15/06/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 15-06-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 15/06/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 15-06-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 15/06/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 15-06-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 15/06/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 15-06-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 15/06/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 15-06-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 15/06/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 15-06-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 15/06/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 15-06-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 15/06/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 15-06-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 15/06/2024

    La terza edizione del Disability Pride di Milano; Circonferenze. Festival di Circo e Teatro di Strada; sulla nostra poltrona, Martina Micciché, scienziata politica, scrittrice e fotoreporter femminista e antispecista; il Premio l'AltroPallone, intervista a Claudio Ranieri; il consiglio della rubrica GialloCrovi, l'arte, il cinema, il teatro; il Back to the future festival; Alice, è questo il paese delle meraviglie? Spettacolo itinerante a Cernusco. E molte segnalazioni.

    Good Times - 15-06-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 15/06/2024

    1)Quando gli artisti non sono disposti a fare compromessi morali. I Massive Attack rinunciano al concerto in Georgia per protestare contro la politica repressiva del governo. 2)Dopo la sentenza storica della Cedu a favore della causa delle anziane per il clima, il parlamento Svizzero vota per ignorare la decisione della corte. (Norma Bargetzi) 3) Il fratello ritrovato. La storia di Miguel Santucho che dopo 47 anni ha ritrovato il fratello mai conosciuto grazie alla nonna e alle Abuelas di Plaza de Mayo 4) Queer, arabi e arrabbiati. Gli attivisti LGBTQ+ in medio oriente raccontati dal progetto fotografico I hear your silence. (Daniela Sala - Fada Collective) A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 15-06-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 15/06/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 15-06-2024

Adesso in diretta