Approfondimenti

L’Ucraina sarà ufficialmente candidata a entrare nell’Ue, la superfice del Mediterraneo è sempre più calda e le altre notizie della giornata

Partecipanti al vertice dei leader Ue - Balcani occidentali posano per una family photo, a Bruxelles, 23 giugno 2022.

Il racconto della giornata di giovedì 23 giugno 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Tra poche ore l’Ucraina e la Moldavia otterranno ufficialmente lo status di paesi candidati a entrare nell’Unione europea. Dal 10 maggio il Mediterraneo è colpito da un’ondata di calore che ha aumentato la temperatura della superficie di circa 4 gradi rispetto alla media del periodo 1985-2005. La Corte Suprema americana ha bocciato delle restrizioni al porto d’armi che erano in vigore a New York dal 1911. In Italia quasi un occupato su quattro trova lavoro tramite amici o parenti. L’intervento degli esponenti di un sito dalla profonda ideologia maschilista in Senato. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

L’Ucraina otterrà lo status di paese candidato a entrare nell’Unione europea

Ancora poche ore e l’Ucraina otterrà ufficialmente lo status di paese candidato a entrare nell’Unione europea. A Bruxelles è in corso il vertice dei capi di stato e di governo che dovrebbe dare all’unanimità il via libera. “Una giornata storica, mostreremo la nostra solidarietà”, ha detto il cancelliere tedesco Scholz. Oltre all’Ucraina, anche la Moldavia otterrà lo status di candidato.
Si tratta di un passo politico dal forte valore simbolico, motivato dall’invasione russa. Per l’adesione vera e propria dell’Ucraina, infatti, ci vorrà del tempo. Prima Kiev dovrà attuare una serie di riforme interne sullo stato di diritto, sulla magistratura e sulla corruzione. Una raccomandazione più volte ribadita dalla Francia, presidente di turno dell’Unione europea.
Al Consiglio europeo si sta discutendo anche di energia. Spagna, Grecia e Italia spingono per l’introduzione di un tetto al prezzo del gas, ma sulla questione non c’è unanimità tra i paesi membri. Draghi avrebbe chiesto di convocare nelle prossime settimane una riunione straordinaria sul tema.

Mentre a Bruxelles si tiene il Consiglio europeo, a Pechino si è aperto in videoconferenza il vertice dei cosiddetti paesi Brics, composto dalle 5 economi emergenti del pianeta: Russia, Brasile, India, Cina e Sudafrica. Al summit Putin ha provato a fare fronte comune, chiedendo maggiore cooperazione contro le sanzioni occidentali. “Basta alla mentalità da guerra fredda e alle sanzioni unilaterali”, ha detto il presidente cinese Xi Jinping.

In Ucraina oggi è il 120esimo giorno di guerra. Oltre che nel Donbass, si combatte anche sul fronte sud. Oggi la città di Mykolaiv è stata di nuovo attaccata da tre missili da crociera partiti dalla regione di Kherson, occupata dai russi. È stata colpita un’infrastruttura industriale e ferito un civile.
Gli Stati Uniti dovrebbero annunciare oggi un nuovo invio di aiuti militari a Kiev. Lo ha detto la Cnn, secondo cui il pacchetto comprenderebbe altri sistemi missilistici di artiglieria e munizioni. Intanto, oggi il ministro della Difesa ucraino, Reznikov, ha fatto sapere che sono arrivati nel Paese i primi lanciarazzi americani Himars, in grado di colpire fino a 80 chilometri di distanza.

Un’ondata di calore sta riscaldando il Mediterraneo

In queste ore è in vigore un’allerta meteo gialla per piogge su nordest, parte della Val d’Aosta e alcune zone della Lombardia: Valchiavenna, Laghi e prealpi varesine, Lario e prealpi occidentali. L’allerta sarà valida anche domani, quando si estenderà a tutta la Lombardia e a parte del Piemonte. Resta comunque il problema della siccità di questi mesi. Oggi la protezione civile e i ministeri di agricoltura, transizione ecologica, affari regionali, economia e mobilità sostenibile hanno annunciato un coordinamento su questo tema. Tra i provvedimenti possibili ci sono lo stato d’emergenza e quello di “eccezionale avversità atmosferica”, che scatterebbe se il danno causato alle coltivazioni supera il 30% della produzione vendibile. Secondo un progetto finanziato dall’agenzia spaziale europea dal 10 maggio il Mediterraneo è colpito da un’ondata di calore che ha aumentato la temperatura della superficie di circa 4 gradi rispetto alla media del periodo 1985-2005. Antonello Pasini è un climatologo del Cnr

 

La Corte Suprema americana ha bocciato le restrizioni sul porto d’armi in vigore a New York

Negli Stati uniti la Corte Suprema ha bocciato delle restrizioni al porto d’armi che erano in vigore a New York dal 1911. Secondo sei dei nove giudici del tribunale la necessità di una licenza per portare con sé un’arma fuori dalla propria casa viola la costituzione. La sentenza è stata festeggiata dalla Nra, la potente lobby di chi produce armi: “Vittoria”, ha scritto l’organizzazione su Twitter. La governatrice di New York ha definito “vergognoso” il verdetto, che arriva mentre in parlamento si tratta su una legge che limiti l’uso delle armi, dopo le ennesime stragi avvenute nelle scorse settimane. Il presidente Biden ha commentato la sentenza di oggi dicendosi “profondamente deluso” e rinnovando il suo impegno a fare tutto il possibile per ridurre la violenza legata alle armi da fuoco.

Chi trova un amico trova un lavoro

(di Chiara Ronzani)

Chi trova un amico trova un lavoro. Lo teorizzava pochi anni fa il ministro del lavoro del governo Renzi, Poletti, quando ai giovani in cerca di impiego ricordava che è più importante giocare a calcetto che mandare in giro curricola. Ovvero, conta più chi conosci che quanta formazione ed esperienza hai maturato.
In Italia, è sempre più così. L’ultimo rapporto Inapp ha analizzato i canali di impiego dal 2011 al 2021, rilevando che quasi un occupato su quattro trova lavoro tramite amici o parenti. I canali informali di ricerca, che comprendono anche contatti stabiliti sul lavoro, autocandidature, e altre attività autonome, rappresentano il 56% dell’occupazione, circa 4,8 milioni di posti di lavoro.
Un altro segnale che l’ascensore sociale è inceppato. Chi impiega grazie a segnalazioni e raccomandazioni di fatto restringe il campo a una piccola platea di candidati, tagliando fuori tutti quelli che potrebbero essere più titolati e motivati. Tutto si restringe alle stesse classi sociali, difficile entrare a far parte dei circoli giusti. E chi a calcetto non viene chiamato a giocare? Le donne, per esempio?
Tutta la retorica sul merito cade davanti a questi numeri: l’unico canale in cui chi si candida può pensare di avere un trattamento equo è il concorso. Il cui peso si è andato assottigliando negli ultimi 10 anni, a causa del blocco delle assunzioni e del ricorso sempre più massiccio degli enti pubblici ad affidare parte del lavoro a cooperative.

L’intervento dei blogger maschilisti in Commissione di Giustizia al Senato

(di Rita Rapisardi)

“La violenza sulle donne non è un’emergenza”, “il 95% delle denunce che le donne fanno sono strumentali”, “le istituzioni vogliono sovvertire la realtà”. Queste frasi sono state pronunciate in Commissione di Giustizia al Senato durante le audizioni su sei disegni di legge contro la violenza di genere e domestica. A portare i contributi sono stati due esponenti del sito La Fionda, un sito dalla profonda ideologia maschilista. Davide Stasi e Fabio Nestola, probabilmente invitati dal senatore Simone Pillon, sono stati sentiti in veste di analisti. I due hanno sostenuto che il pacchetto di misure per prevenire la violenza maschile sulle donne sarebbe un pretesto per esigere “il maggior numero possibile di uomini in carcere, un’istigazione giudiziaria alla persecuzione di ogni cittadino di sesso maschile”, norme che se approvate innescherebbero “una caccia all’uomo sistematica, in un’ottica manettara che andrebbe fermata non alimentata”. Parlare di violenza sulle donne sarebbe quindi discriminatorio e sessista verso gli uomini. Ma la violenza sulle donne è realtà e la leggenda sulle false denunce dura a morire, il sommerso è enorme – anche l’80% degli stupri – e le violenze domestiche sono spesso taciute per paura di perdere i figli o per disparità di potere ed economiche. E quando le donne denunciano, per lo più si archivia, circa il 95% dei provvedimenti, proprio per questo l’Italia è stata più volte condannata dalla Corte europea di Strasburgo. Sul caso, l’unica ad esprimersi è stata la senatrice Valeria Valente, presidente della Commissione Femminicidi: “Dare loro parola in una sede pubblica, proprio su questi Ddl, è inaccettabile, inneggiano alla violenza e all’odio contro le donne, chiederemo spiegazioni al presidente della Commissione, Andrea Ostellari”.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi in Italia sono stati comunicati circa 56mila casi di covid con 75 morti. In aumento il tasso di tamponi positivi, salito al 22,6%. Sempre oggi la fondazione sanitaria Gimbe ha sottolineato che nell’ultima settimana sono cresciuti sia i contagi individuati (+59%) sia le persone ricoverate (+12,6% in terapia intensiva, +14,4 negli altri reparti). Dati che la fondazione ha commentato chiedendo alle istituzioni di potenziare la campagna vaccinale per le terze e quarte dosi e invitando a usare la mascherina al chiuso e in caso di assembramento anche all’aperto.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 23/07 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 23/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 22/07/2024 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 23/07/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 23-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di martedì 23/07/2024

    a cura di Barbara Sorrentini. Kamala Harris, accoglienza e reazioni alla sua possibile candidatura. Le misure di sicurezza per Parigi 2024. L'addio al regista Salvatore Piscicelli. 45 anni fa nasceva il primo walkman: i ricordi degli ascoltatori di Radio Popolare.

    Apertura musicale - 23-07-2024

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 23/07/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 22-07-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 22/07/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 22-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 22/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di lunedì 22/07/2024 delle 20:32

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 22-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di lunedì 22/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 22-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di lunedì 22/07/2024

    Quando gli emisferi di Al1 si alternano e quindi la puntata diventa metà serietà e metà faceta. Ci facciamo accompagnare dalle cover da ricopioni mentre parliamo di vacanze, medicine e il grande ritorno del fai da te che divide gli ascoltatori in team acido citrico ed od aceto.

    Poveri ma belli - 22-07-2024

Adesso in diretta