Approfondimenti

La situazione umanitaria a Gaza è sempre più grave, lo stop al terzo mandato e le altre notizie della giornata

Salvini Terzo Mandato ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 22 febbraio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Le ultime dichiarazioni a proposito di un possibile cessate il fuoco sembrano più ottimiste e gli Stati Uniti puntano a raggiungere un accordo prima del Ramadan mentre nella striscia di Gaza la situazione umanitaria peggiora di ora in ora. La Commissione Affari costituzionali del Senato ha bocciato l’emendamento sul terzo mandato e questo ha creato una frattura anche all’interno del Partito Democratico. Oggi il governo ha anche ufficialmente accertato il ritardo nell’utilizzo dei fondi del Pnrr.

I tentativi di accordo per un cessate il fuoco continuano

L’inviato della Casa Bianca in Israele, Brett McGurk, ha incontrato oggi il primo ministro israeliano Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, nell’ultimo tentativo di arrivare ad un accordo per un cessate il fuoco. Le ultime dichiarazioni – sia da parte israeliana che da parte palestinese – sembrano più ottimiste, e gli Stati Uniti puntano a raggiungere un accordo prima del Ramadan, che inizierà tra meno di tre settimane. Il ministro della difesa israeliano, incontrato l’inviato statunitense ha detto che verrà ampliato il mandato dato ai negoziatori, ma ha anche annunciato che l’esercito si sta preparando per ampliare la propria operazione di terra e, quindi, ad invadere Rafah. Domani il capo della CIA William Burns sarà a Parigi, dove incontrerà le intelligence egiziane e qatariote. Israele non ha ancora confermato se invierà anche il capo del Mossad, probabilmente dipende da quanto emerso dai colloqui con la delegazione di Hamas al Cairo, che dovrebbero concludersi oggi. Ma si sta effettivamente muovendo qualcosa? Lo abbiamo chiesto a Francesca Borri, giornalista, esperta di Hamas per il quotidiano israeliano Yediot Ahronoth:


 

La situazione umanitaria a Gaza è sempre più grave

Intanto la situazione umanitaria peggiora. L’OMS ha definito la striscia di Gaza una zona di morte. Secondo il World Food Programme, nel nord della striscia 1 bambino ogni 6 sotto i due anni soffre la fame.

(di Martina Stefanoni)

Dal 7 ottobre a Gaza sono entrati circa 10mila camion con aiuti umanitari. Più o meno la quantità che prima della guerra entrava ogni mese. Nelle ultime settimane il numero di convogli che hanno attraversato i valichi di Rafah e Karem Shalom è diminuito. A gennaio è stato negato l’accesso al 56% delle consegne, rispetto al 14% del periodo da ottobre a dicembre.
Da più due settimane dal lato israeliano del valico di Karem Shalom un centinaio di manifestanti si sono accampati con tende e cartelli per impedire che anche quel poco che passa i controlli già molto limitanti dell’esercito israeliano raggiunga la popolazione della striscia di Gaza, che sta già morendo di fame, oltre che per le bombe e le malattie. Un rapporto del World Food Programme stabilisce che nel nord della striscia 1 bambino ogni 6 sotto i due anni è gravemente malnutrito. Questo significa che le famiglie saltano non un pasto o due, ma a volte non mangiano per giorni. L’Unrwa ha dovuto sospendere le consegne di aiuti nel nord il 23 gennaio, due giorni fa lo ha fatto anche il Pam. Perchè distribuire il cibo sotto le bombe è impossibile, perché l’esercito israeliano spara sui convogli e perché la popolazione disperata li prende d’assalto.
Fame significa che anche quando le bombe smetteranno di cadere, e il cibo ricomincerà ad entrare nella striscia, le persone continueranno ad ammalarsi e a morire, perché alcuni danni provocati dalla malnutrizione – soprattutto nei bambini – sono per sempre. La farina è introvabile e le persone hanno iniziato a frullare il mangime per gli animali e mischiarlo con l’erba per fare delle focacce. Anche l’acqua non c’è. Ci sono filmati di persone che scavano nella terra per raggiungere le tubature sotterranee dell’acqua, per bere e lavarsi. Al sud la situazione è leggermente meglio, ma con l’intensificarsi dei combattimenti tra Khan Younis e Rafah, nell’ultima settimana nessun convoglio ha attraversato il valico con l’Egitto. E senza un cessate il fuoco, e ancora di più se Israele invadesse Rafah come annunciato, la situazione rischia di precipitare, fino al punto in cui tornare indietro sarà molto più difficile.

Meloni vince il primo round della partita delle candidature alle regionali

(di Anna Bredice)

Come era prevedibile, la Commissione Affari costituzionali del Senato ha bocciato l’emendamento sul terzo mandato. Matteo Salvini ne era consapevole – ci sono stati solo quattro voti a favore, tre dei suoi e uno di Italia Viva – ma ha voluto arrivare fino alla conta per sfidare Giorgia Meloni. Si tratta di un primo round della partita delle europee che sarà di tutti contro tutti, ogni partito va per sé, compresi quelli di governo con la Lega che rischia di prendere meno voti ancora di Forza Italia. Ci sono poi le regionali dei prossimi due anni e la volontà di Fratelli d’Italia di prendersi quelle regioni che non ha mai potuto conquistare, prima tra tutte il Veneto. Solo Zaia avrebbe garantito la tenuta della Lega e ora, se una legge sul terzo mandato non verrà fatta nei prossimi mesi, la strada per Giorgia Meloni sarà più in discesa. Oltre al Veneto potrà puntare anche sulla Campania. Non c’è infatti solo il Veneto, anche se Salvini il braccio di ferro l’ha intrapreso per Zaia, forse anche per non averlo come competitore interno alla guida del partito. Ci sono governatori come De Luca, Bonaccini ed Emiliano che avrebbero voluto un sì al terzo mandato. Tutti presidenti regionali del Partito Democratico, un partito che ha atteso fino all’ultimo momento per decidere come votare: alle 13 ancora non era stata presa nessuna decisione, se uscire dalla commissione oppure votare no.
Alla fine ha prevalso questa scelta, Pd, Cinque Stelle, Verdi e Sinistra Italiana hanno votato no, insieme a Fratelli d’Italia e Forza Italia. De Luca non sarà affatto contento di questo risultato, Schlein è sempre stata scettica rispetto ad un terzo mandato, ma nulla toglie che nei prossimi mesi possa cambiare la legge. Per ora la partita delle candidature alle regionali gioca un punto a favore di Giorgia Meloni. Dopo il risultato nel fine settimana del voto in Sardegna, se questo sarà negativo per la Lega, Salvini aumenterà e continuerà il suo gioco di contrasto con l’alleata di governo.

Il primo vero strappo tra Elly Schlein e Stefano Bonaccini

(di Michele Migone)

La crepa appare profonda. I senatori del PD in commissione votano contro il terzo mandato e Energia Popolare, la corrente che fa capo a Stefano Bonaccini, il presidente del partito e governatore dell’Emilia Romagna si infuria. Una nota fatta uscire parla di forte disappunto, di mancato rispetto dell’accordo preso in direzione, accusano Elly Schlein di non aver salvaguardato l’unità del partito. Fino alle 13, racconta una fonte vicino a Bonaccini, la posizione del PD era di non partecipare al voto in commissione al Senato. Poi è arrivato a sorpresa un sms che indicava invece di votare contro il terzo mandato. “Lo abbiamo fatto per disciplina di partito, ma il percorso di ricerca di una posizione comune sul tema, iniziato in direzione, è stato così vanificato”, aggiunge. La necessità di mantenere una compattezza con il Movimento 5 Stelle è stata la giustificazione per il no deciso dalla Schlein, ma secondo l’esponente di Energia Popolare il contraccolpo dentro il partito di quello che è considerato una sorta di schiaffo alla minoranza sarà significativo. Fonti vicino a Elly Schlein negano invece che sia stato rotto un patto. Visto la mancanza di un accordo, nella direzione di lunedì scorso era stato deciso di dare vita a una commissione speciale che trovasse una sintesi tra sostenitori e oppositori del terzo mandato per gli amministratori locali. Il risultato prodotto, dicono sempre le fonti vicine alla segreteria, sarebbe stato poi utilizzato in una più ampia proposta di riforma elettorale. Il voto di oggi, affermano queste fonti, non c’entra nulla con quel percorso. La pensa in modo radicalmente diverso l’ala di Bonaccini. E, a un anno dalla vittoria di Elly Schlein su Stefano Bonaccini questo è il primo vero strappo tra i due avversari delle primarie.

L’Italia ha speso circa 45% dei fondi del Pnrr ricevuti dall’UE

Il ritardo nell’utilizzo dei fondi del Pnrr ora è ufficialmente accertato dal governo. Nella sua quarta relazione sull’attuazione del piano, presentata oggi, il ministro Fitto è stato costretto a mettere nero su bianco i numeri che lo provano.

(di Alessandro Principe)

45 su 101. Meno della metà. È quanto l’Italia ha speso dei soldi ricevuti dall’Europa nei primi tre anni del Pnrr. E il risultato peggiore è quello del 2023, il primo anno completo con Giorgia Meloni a Palazzo Chigi e Raffaele Fitto al ministero dedicato. L’anno scorso, infatti, sono stati spesi 21 miliardi di euro, meno rispetto al biennio di partenza, e soprattutto la metà di quanto previsto dallo stesso governo nella Nota di aggiornamento al Def del 2022. Ma non è finita. Nei 45 miliardi spesi fin’ora ci sono anche i crediti di imposta, soprattutto quelli dei bonus edilizi, tra cui il super bonus 110%. E poi altri incentivi che non richiedono azioni attive della pubblica amministrazione. Se togliamo questa categoria – che non mette in gioco la capacità del governo e degli altri enti pubblici – la spesa scende a 31,7 miliardi, il 31% dei soldi arrivati dall’Europa. Il punto non è tanto il giudizio di Bruxelles, almeno per adesso. La Commissione ha dato fin’ora sempre il via libera alle rate. Il punto è che l’Italia rischia di perdere un’occasione storica. Quella di fare un salto in avanti. Di modernizzarsi, di diventare più efficiente, grazie a questa enorme massa di denaro a disposizione. Aveva avvertito la Corte dei Conti, solo qualche giorno fa, ignorata dal governo. Ritardi, irregolarità, poca trasparenza. Come succede con i Fondi europei, quelli ordinari. E’ un vecchio tema mai risolto. L’Italia ha sempre avuto il record dei soldi non spesi, parliamo di miliardi buttati. È la stessa cosa, ma in una dimensione molto, molto più grande.

Mark Rutte raccoglierà il testimone di Stoltenberg alla Nato?

Mark Rutte potrebbe essere il prossimo segretario della Nato. Lo dice la testata Politico, secondo cui il primo ministro olandese, in uscita dal suo ruolo, sarebbe sostenuto dal presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. È probabile – scrive il giornale – che il sostegno di Biden spinga più alleati ad unirsi alla nomina di Rutte.
Perché Rutte sarebbe il profilo giusto per Washington a raccogliere il testimone di Stoltenberg? Jacopo Barigazzi, giornalista di Politico.eu, la testata che oggi ha dato la notizia:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 17/04 19:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 17-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 17/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 17-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 17/04/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 17-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 17/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17-04-2024

  • PlayStop

    Percorsi PerVersi di mercoledì 17/04/2024

    Poesie, liriche, sonetti, slam poetry, rime baciate, versi ermetici, poesie cantate. Ogni settimana Percorsi PerVersi incontra a Radio Popolare i poeti e li fa parlare di poesia. Percorriamo tutte le strade della parola poetica, da quella dei poeti laureati a quella dei poeti di strada e a quella – inedita – dei nostri ascoltatori.

    Percorsi PerVersi - 17-04-2024

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 17/04/2024

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese e Marianna Usuelli.

    Il giusto clima - 17-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 17/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 17-04-2024

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 17/04/2024

    1 - La guerra in Ucraina, capitolo 1. Un bombardamento russo ha fatto 17 morti e oltre 60 feriti nel nord del paese. I missili non sono stati intercettati. Zelensky: con le armi occidentali non sarebbe successo. Nei prossimi giorni il Congresso americano proverà a votare il pacchetto di aiuti (Roberto Festa) 2 - La guerra in Ucraina, capitolo 2. La strategia occidentale per contenere Putin non sembra funzionare. Nonostante le sanzioni l’economia russa sta crescendo più dei paesi ricchi. Lo dice il Fondo Monetario. Pesano le esportazioni verso Cina e India 3 - Peggiorano le relazioni tra Pechino e i paesi del sud-est asiatico. Nei prossimi giorni le Filippine faranno esercitazioni militari con l’alleato americano nel Mare Meridionale Cinese. Per la prima volta in una zona che la Cina rivendica come propria (Gabriele Battaglia) 4 – 10 anni senza Gabriel Garcia Marquez. In Esteri l’impegno politico dell’autore di Cent’anni di solitudine (Alfredo Somoza) 5 - Graphic Novel. La gemella fantasma. Il primo romanzo a fumetti di Lisa Brown (Luisa Nannipieri)

    Esteri - 17-04-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 17/04/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 17-04-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 17/04/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 17-04-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 17/04/2024

    1. “Till The Cows Come Home” – The New Mastersounds 2. “Here To Stay” – Jalen Ngonda 3. “Don’t Give a Friend a Number” – Sharon Jones & The Dap-Kings 4. “Fine Right Here – Live at Portage Lounge” – Kendra Morris 5. “Musta Been A Ghost (OurVinyl Sessions)” – Próxima Parada 6. “Mood Swings” – Marcus King 7. “This Far Gone” – Marcus King 8. “Paper Crown (feat. Beck and Juicy J)” – The Black Keys 9. “Shiver” – The Libertines 10. “Supersonic” – Oasis 11. “Tokyo Night” – Vulfmon, Jacob Jeffries, Evangeline 12. “The Seed” – Krishna Jones 13. “50 Ways to Leave Your Lover” – Paul Simon

    Soulshine - 17-04-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 17/04/2024

    Grace Cummings ci presenta il suo disco Ramona in una bella intervista. Parliamo anche della ricezione del primo disco degli English Teacher, di Saint Levant, il rapper, il rapper che ha portato Gaza sul palco del Coachella. Inoltre ci colleghiamo con Piotta per il suo live al Magnolia.

    Jack - 17-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 17/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda dalla libreria Il Delfino di Pavia che oggi ha ospitato Roberto Manelli di @progetto Cuori Liberi di Sairano per parlarci del Rifugio e dei suoi ospiti, ma anche di @Biennale Tecnologia a Torino e il film Sapiens di @Bruno Bozzetto sulla RAI venerdì

    Considera l’armadillo - 17-04-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 17/04/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 17-04-2024

  • PlayStop

    Radio Popolare Minilive - Erlend Øye e La Comitiva

    La raccolta delle esibizioni dal vivo degli ospiti di Jack, il magazine musicale di Radio Popolare, andate in onda dallo studio 7 di via Ollearo. Nell’episodio di martedì 16 aprile 2024 c'è Erlend Øye e La Comitiva

    Clip - 17-04-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 17/04/2024

    Oggi a Cult, in esterna dalla Libreria Il Delfino di Pavia: il libraio Andrea Grisi e Gino Cervi, scrittore, editore e intellettuale; i maestri Giulio Prandi (Orchestra e Coro Ghislieri) e Maurizio Schiavo (ensemble Il Demetrio); Francesco Nardelli, direttore del Teatro Fraschini; Alessandro Peroni , Giacomo Aricò , Luigi Riganti, autori del libro "Pavia ripresa. 70 anni di cinema a Pavia", con Barbara Sorrentini...

    Cult - 17-04-2024

Adesso in diretta