Approfondimenti

La visita di Mattarella a Crotone e il silenzio del governo, gli indagati per epidemia colposa e le altre notizie della giornata

Mattarella Crotone

Il racconto della giornata di giovedì 2 marzo 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La Procura di Bergamo ha chiuso le indagini sulla diffusione del COVID tra Alzano e Nembro all’inizio della pandemia: 17 le persone indagate per epidemia colposa, da Giuseppe Conte a Roberto Speranza, da Attilio Fontana all’ex assessore Gallera. Le parole che Mattarella ha pronunciato ai familiari dei migranti morti a Crotone sono un gesto di umanità nei loro confronti e un atto di accusa nei confronti del governo, da giorni in silenzio se si esclude l’uscita del Ministro Piantedosi. Le aziende hanno alzato i prezzi ben al di sopra della crescita delle materie prime, aumentando i profitti mentre i consumatori pagano il conto: lo dicono documenti riservati della BCE citati dalla Reuters. Il summit del G20 di New Delhi si è concluso senza una dichiarazione comune sulla guerra in Ucraina, con Russia e Cina che si sono rifiutate di firmare.

Conte, Speranza e Fontana tra gli indagati per epidemia colposa

“Ritengo di aver agito col massimo di responsabilità, ben vengano le verifiche giudiziarie”: Giuseppe Conte ha parlato così nel tardo pomeriggio al consiglio nazionale del Movimento 5 Stelle, a 24 ore dalla notizia delle indagini su di lui e su altre 18 persone per la gestione del COVID nella prima fase della pandemia.

(di Roberto Maggioni)

Le conclusioni a cui arriva la Procura di Bergamo sono un atto d’accusa pesantissimo: gli indagati con le loro omissioni e sottovalutazioni causarono la diffusione del virus tra Alzano e Nembro e la non attuazione dei piani pandemici e la mancata zona rossa in Valseriana causarono 4 mila morti in più. Ora un giudice per le indagini preliminari dovrà valutare queste accuse senza precedenti e decidere se aprire il processo oppure no. È la prima volta che il reato di epidemia colposa viene contestato in questi termini, del resto non era mai successo che una pandemia finisse sotto indagine.
In cima alla catena di comando in quei giorni c’era Giuseppe Conte, il presidente del consiglio che secondo i magistrati bergamaschi avrebbe frenato la zona rossa in Valseriana. Quando? Il 5 marzo 2020 l’ex ministro della Salute Speranza firmava la bozza del decreto per chiudere Alzano e Nembro, Conte però non lo rese esecutivo e gli agenti già inviati nella valle bergamasca per chiuderla come fatto in provincia di Lodi tornarono indietro. La Lombardia venne messa in lockdown, tra le attività produttive, l’8 marzo, l’Italia il 9. A favore di Conte potrebbero giocare due mail inviate dal presidente lombardo Attilio Fontana il 27 e 28 febbraio. Fontana chiedeva il mantenimento delle misure attuate fino a quel momento senza alcun cenno alla zona rossa. In quelle mail indirizzate al governo Fontana non segnalava alcuna criticità relativa alla diffusione del contagio nella Valseriana.
Il presidente lombardo però allegava una tabella con i dati sul contagio che dicevano che l’indice Ro era sopra a 2, quindi epidemia fuori controllo. Quindi sarebbero servite misure severe come la zona rossa, scrivono i pm bergamaschi. 
”La nostra scelta – ha detto il procuratore di Bergamo Antonio Chiappani – è stata quella di offrire tutto il materiale raccolto ad altri occhi, che saranno quelli di un giudice, di un contraddittorio con i difensori perché è giusto che la ricostruzione la diano gli interessati e da tutto questo ricavare l’esperienza non solo di carattere giudiziario, ma anche scientifico e amministrativo”.

Cosa è successo nelle settimane al centro dell’inchiesta di Bergamo

Cosa furono le settimane al centro dell’inchiesta, qual era il clima, quali dichiarazioni e considerazioni si facevano a livello pubblico sull’opportunità di limitare le attività economiche e sociali?

(di Andrea Monti)

L’Italia scopre di avere il COVID il 21 febbraio, coi primi casi accertati a partire da Codogno. Subito dopo arriva notizia di contagi in Veneto e vengono presi i primi provvedimenti, come la chiusura delle scuole in alcune regioni. Allarme quindi, ma anche vita che va avanti più o meno normalmente. Il 23 febbraio, quando il pronto soccorso di Alzano chiude e riapre in poche ore, a Venezia per esempio è una domenica di gente in strada per il carnevale, che sarà bloccato solo dal lunedì. Nei giorni successivi continuano a emergere infezioni e aumentano le vittime, ma anche le pressioni perché le attività proseguano, con una sensazione che tutto sommato la cosa possa essere contenuta senza grossi problemi. “Milano non si ferma”, “Bergamo non si ferma”, dicono gli slogan diffusi da gruppi di ristoratori e commercianti, ma anche dai sindaci delle due città. Il 27 febbraio il segretario Pd Zingaretti va a fare l’aperitivo sui Navigli in nome della lotta al panico e Salvini chiede di riaprire tutto il riapribile. Lo stesso giorno organizzazioni delle aziende e sindacati confederali firmano un comunicato comune che invita a “procedere a una rapida normalizzazione”. Particolarmente insistente in questo senso è Confindustria: “Il contagio economico può fare più danni di quello virale”, dice il presidente Boccia. Pochi giorni dopo la situazione precipita e diventa chiaro che il virus non sarà una questione passeggera, ma le spinte a non chiudere continuano. Sia il governo sia la regione Lombardia – che rispetto alla politica nel complesso, a imprese, sindacati, stampa e semplici cittadini hanno più informazioni sulla gravità di quello che sta succedendo – scelgono di provare a tenere una linea soft. Non durerà molto: il 9 marzo arriva il lockdown, ma nei giorni precedenti il covid circola e causa morti ed è su questo, sugli effetti delle difficili decisioni politico-sanitarie di quelle settimane, che si sono concentrate le indagini.

La visita di Sergio Mattarella a Crotone

(di Luigi Ambrosio)

Le parole che Mattarella ha pronunciato ai familiari dei migranti morti a Crotone sono un gesto di umanità nei loro confronti e un atto di accusa nei confronti del governo. “Gli afghani sono richiedenti asilo e la loro situazione è prioritaria” ha detto il Capo dello Stato.
La maggior parte delle persone che erano su quel barcone fuggiva dall’Afganistan. Il messaggio che era arrivato dal governo dopo la strage era stato agghiacciante: partendo, se la sono cercata. L’umanità e il senso delle istituzioni da una parte, la disumanità e il disprezzo per il ruolo che si ricopre, dall’altra.
Mattarella consolava i bambini portando giocattoli in ospedale, Meloni se ne stava in India in visita ufficiale e non diceva una parola su quanto accaduto. Mattarella sostava di fronte alle bare allineate al palasport, Meloni usava metafore di mare in tempesta e navi in difficoltà per parlare della crisi economica mondiale.
Quel cordoglio di fronte alle bare, quei giocattoli ai bambini, quelle parole ai familiari, sono un riscatto per lo Stato, di fronte alla disumanità di Piantedosi, ai silenzi e agli scaricabarile di tutti gli altri.

(di Luca Parena)
Mohamed ha perso la suocera e il cognato è ancora disperso. Aladdin non ha più la zia e tre cugini, il più piccolo di 5 anni per il momento non è stato ritrovato. Sono queste le persone, sempre più provate, esauste, che il presidente Sergio Mattarella ha incontrato questa mattina alla camera ardente nel palasport di Crotone. Un minuto, poco più, in piedi davanti ai feretri delle oltre 60 vittime (68 quelle accertate da oggi pomeriggio, con il recupero di un ragazzo di 20 anni, originario del Pakistan), poi Mattarella ha appunto avvicinato i parenti, arrivati qui dopo la strage di domenica. Il presidente ha stretto le loro mani, ha cercato di infondergli la vicinanza dello Stato italiano, soprattutto ha dato ascolto alle loro richieste: rendere più semplici i ricongiungimenti dei sopravvissuti con le loro famiglie, da anni immigrate in Europa, soprattutto in Germania ma anche nel nord Italia, e poi fare il possibile per favorire il rimpatrio delle salme nei loro Paesi. Un’operazione particolarmente complessa per le famiglie, in maggioranza afghane, che chiedono che i corpi delle persone care vengano riportati nel loro paese d’origine. Il presidente, nel lasciare Crotone, ha promesso che non le lascerà sole.
La visita silenziosa di Mattarella è stata accompagnata all’ingresso e all’uscita dalla camera ardente dalle parole della folla di crotonesi che si è radunata per l’arrivo del presidente. È risuonata chiara, ripetuta più volte, la richiesta di “giustizia”: senza gesti eclatanti, con compostezza, ma pronunciata a voce alta da chi è convinto che ci siano delle responsabilità per quel che non ha funzionato con i soccorsi, che la strage potesse essere evitata se la salvezza di quelle vite in mare fosse stato il primo pensiero.
La partecipazione di chi vive a Crotone continua a essere forte, lo testimoniano il passaggio senza sosta degli abitanti e la distesa di fiori e messaggi che si allarga davanti all’ingresso della camera ardente.

Il lungo silenzio del governo sulla tragedia di Cutro

(di Anna Bredice)

Di fronte alla potenza dell’immagine di Mattarella, solo davanti alle bare delle vittime del naufragio, risalta l’assenza del governo e soprattutto di Giorgia Meloni, che non va oltre la lettera inviata all’Unione Europea nel tentativo di allargare a tutta l’Europa la responsabilità della strage in mare. Ancora oggi, dopo tanti giorni, non ha detto una parola. Anzi, un po’ raggelante è stato leggere una dichiarazione, scritta sicuramente tempo fa e che ha letto in India, dove si trova in missione: in una conferenza dal titolo “trovare un faro nella tempesta”, ha parlato metaforicamente di navi in tempesta e di porti sicuri dove attraccare per salvare il pianeta dai problemi del clima e dell’economia. Sulla tragedia che sta scuotendo molte coscienze, Giorgia Meloni non ha detto nulla. Dopo l’India, nelle prossime ore andrà negli Emirati Arabi, ma non è prevista nessuna conferenza stampa. Tantomeno da Palazzo Chigi si ipotizza una visita a Crotone nei prossimi giorni, lei che il giorno dopo l’arresto di Messina Denaro andò a Palermo, oppure in Ucraina a visitare i luoghi simbolo della guerra.
Del governo è andato solo Piantedosi e sarebbe stato meglio che non ci fosse andato, viste le parole dure che trasmettevano un senso di indifferenza e distacco dalla tragedia. Ma nel governo il problema Piantedosi è ben presente, le voci subito smentite di un rimpasto mettendo al suo posto il fidato Lollobrigida danno l’idea di un caso Viminale. Toglierlo da quel ministero, però, vorrebbe dire sconfessare Salvini e la linea politica dell’intero governo sulla gestione dell’immigrazione. È un punto centrale del programma di Giorgia Meloni, la linea dura sugli sbarchi le ha fatto guadagnare voti, ma ora deve gestire il reale e le tragedie e una opposizione che per la prima volta è unita e compatta nel chiedere le dimissioni di Piantedosi, e magari dopo anche di Salvini.

La “cresta” delle imprese sull’inflazione

(di Massimo Alberti)

La “cresta” delle imprese sull’inflazione. Le aziende hanno alzato i prezzi ben al di sopra della crescita delle materie prime, aumentando i profitti mentre i consumatori pagano il conto. Lo dicono documenti riservati della BCE citati dalla Reuters. Il dato smentisce la base teorica della politica di aumento dei tassi della BCE, che però annuncia un nuovo rialzo e non commenta.
Intanto l’inflazione in Italia rallenta, ma cresce invece per i beni ad alto consumo.

La stima preliminare Istat conferma il rallentamento dell’inflazione in Italia: 9,2% rispetto al 10% di gennaio. Ma con un grosso problema: al netto dei beni energetici, il cosiddetto “carrello della spesa“, cioè i beni alimentari, per la cura della casa e della persona, addirittura aumenta, 13% contro il 12% di gennaio. Sono i beni ad alta frequenza di acquisto che più pesano sulle fasce di reddito più basse. [CONTINUA A LEGGERE]

Il G20 in India si conclude senza dichiarazione congiunta

Il summit del G20 di New Delhi si è concluso senza una dichiarazione comune sulla guerra in Ucraina. Il ministro degli esteri indiano, che presiedeva il meeting, ha detto che le divergenze tra i vari paesi hanno reso impossibile conciliare le varie parti. Anche la Cina, infatti, oltre ovviamente alla Russia, si è rifiutata di firmare il documento finale che chiedeva a Mosca di cessare le ostilità e il ritiro completo e incondizionato dal territorio dell’Ucraina.
A margine del meeting, il ministro degli esteri russo Lavrov ha incontrato l’omologo cinese Qin Gang e insieme hanno comunicato di respingere i tentativi occidentali di interferire negli affari interni di altri paesi e di “imporre approcci unilaterali attraverso il ricatto e le minacce”.
A sorpresa, però, Lavrov ha avuto anche un breve colloquio con il ministro degli esteri Usa Anthony Blinken. Il primo faccia a faccia tra i due dall’inizio della guerra.

Sul campo intanto mentre continua la battaglia per Bakhmut, che ormai è totalmente circondata dall’esercito russo e sembra essere prossima alla capitolazione, Mosca continua a denunciare attacchi alla sua sicurezza provenienti da Kiev. Dopo le incursioni con i droni dei giorni scorsi, oggi ha accusato l’ucraina di aver condotto un “attacco terroristico” nel territorio russo di Bryansk, parlando di due vittime e un bambino ferito. Secondo il consigliere presidenziale ucraino, Podolyak, si tratto solo di “una classica provocazione” di Mosca, atta a giustificare ulteriori azioni in Ucraina. Il vice ministro degli Esteri russo, ha dichiarato che azioni del genere non sarebbero stati possibili senza una seria assistenza da parte degli Stati Uniti.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 28/05 19:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/05/2024 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 28/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 28-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di martedì 28/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 28-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 28/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 28-05-2024

  • PlayStop

    Playground di martedì 28/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 28-05-2024

  • PlayStop

    Express - Ep. 31 - 28/05/2024

    Partenza dal New Jersey con Bruce Springsteen, poi in Sardegna con Bluem, a Napoli con i Fuera, nel villaggio degli I Hate My Village, nel deserto del Sahara con i Tinariwen, a Seattle con La Luz, dagli Stati Uniti al Pakistan con Arooj Aftab e infine di nuovo in New Jersey con Sharon Van Etten.

    Express - 28-05-2024

  • PlayStop

    Jack di martedì 28/05/2024

    Ospite della puntata Irbis per raccontarci il suo disco Lacrime e Cemento

    Jack - 28-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 28/05/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 28-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di martedì 28/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 28-05-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 28/05/2024 - ore 10:37

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 28-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 28/05/2024

    Nel 50esimo della strage di Piazza della Loggia, Massimo Alberti intervista Manlio Milani, la memoria storica della lotta per la verità e giustizia, già presidente dei familiari delle vittime. Radio Popolare trasmette in diretta da Brescia le celebrazioni con la manifestazione, le voci, i familiari delle vittime, il presidente Mattarella (in piazza Lorenza Ghidini, Massimo Alberti, Alessandro Braga e Michele Migone). Negli approfondimenti di Giorni Migliori, Lorenzo Venini, avvocato, ci racconta cosa sta proponendo la Lega in Parlamento ovvero 25 anni di carcere per chi protesta contro le grandi opere in maniera violenta o minacciosa.

    Giorni Migliori – Intro - 28-05-2024

Adesso in diretta