Approfondimenti

Il ritorno della guerra fredda nelle relazioni internazionali, le votazioni della Camera sul suicidio assistito e le altre notizie della giornata

Vladimir Putin

Il racconto della giornata di giovedì 17 febbraio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dopo un paio di giorni di relativo ottimismo, le dichiarazioni di Russia e Stati Uniti sono tornate a farsi molto aggressive: in queste ore, attorno all’ucraina si sta giocando una partita a scacchi che ha fatto ripiombare l’Europa in un clima da guerra fredda. Hanno appena avuto inizio alla Camera le votazioni sul suicidio assistito. Domani gli studenti torneranno in piazza con cortei in 40 città. I dati dell’osservatorio sul precariato dell’Inps denunciano la tendenza di sostituzione dei contratti a tempo indeterminato con contratti a termine. Ieri si è chiusa la 72esima edizione della Berlinale. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Il mondo è tornato ai tempi della guerra fredda

(di Chawki Senouci)

La popolazione ucraina, già angosciata dalla situazione attuale, vive
giorni di paura perché i media occidentali, citando fonti dell’ intelligenze statunitense, mettono nero su bianco la dato dell’invasione russa
il 15 febbraio e il 16 febbraio. Oggi politico ha avanzato la data del 20 febbraio.
Sul Guardian, le stesse fonti hanno messo le mani avanti: “ se non succede nulla è merito nostro perché stiamo smascherando i piani militari di Mosca”
Il New York Times ha raccontato che nessuno in realtà a Washington è in grado di decifrare le mosse di Putin, ma gli allarmi lanciati da funzionari americani fanno parte della guerra dei nervi, o se vogliamo della seconda guerra fredda dove tutti i colpi sono permessi e dove gli attori principali sono due esperti della materia: in ex agente del Kgb e un Presidente degli Stati Uniti, che fedele al pensiero liberale, divide il mondo in “stati buoni” e “stati cattivi”. Un retaggio del passato, appunto, che in questi anni ha mostrato tutti i suoi limiti. In questo contesto l’ Europa potrebbe giocare un ruolo importante. Grazie alle sue mediazione potrebbe creare un clima di fiducia tra Washington e Mosca. Altrimenti sarà molto difficile tenere sotto controllo la situazione.

Stasera alla Camera iniziano le votazioni sul suicidio assistito

(di Anna Bredice)
Election day. Questa è la soluzione che la Lega e Forza Italia vedono come unica maniera per portare più persone possibili a votare i referendum sulla giustizia: accorparli alle amministrative che in tarda primavera porteranno al voto gli elettori di centinaia di città, tra cui 23 capoluoghi di provincia di cui 4 anche di regione. Appare la soluzione per i promotori, tra cui i radicali, per riuscire a raggiungere il quorum. Gli altri partiti non sentono questa necessità, per ora non chiedono l’election day, che Calderoli della Lega ricorda che dal 2011 consente di accorpare amministrative e referendum nella prima giornata di voto. “Deciderà il governo”, dice Salvini, aggiungendo il risparmio possibile di duecento milioni. Il problema quorum esiste, visto che non sono stati ammessi i due quesiti che avrebbero potuto trainare maggiormente gli elettori, temi che si ritiene più vicini alla vita delle persone e forse quelli sulla giustizia come il Csm ad esempio sono avvertiti come più distanti. Deciderà il governo, dice Salvini e sarà un ulteriore tema di possibile divisione, perché altri partiti della maggioranza questa urgenza del sì ai cinque quesiti non la sentono. Il Pd, ad esempio, – anche se iniziano a farsi sentire gli esponenti di Base riformista che chiedono una posizione più forte e garantista sui temi della giustizia – punta ad approvare al più presto la riforma del Csm in Parlamento, si tratta degli emendamenti presentati dalla ministra Cartabia e approvati dal Consiglio dei ministri pochi giorni fa. Insistono per approvare alle camere le modifiche, una posizione che la Lega e Forza Italia non condividono, anzi Tajani oggi dice: “Non ci sarà per forza un sì ad una brutta legge”. E anche questo è un tema che dividerà la maggioranza e il governo. Draghi che sul referendum non dirà probabilmente nulla, ciò che ha fatto è stato anticipare il più possibile l’approvazione delle proposte della ministra Cartabia, ha capito che il referendum produrrà altre tensioni, oltre a quelle che ci sono già. Ieri notte sono passati gli emendamenti dell’opposizione al decreto mille proroghe, votati quindi anche dalla maggioranza, cosa di cui oggi ha chiesto spiegazioni. E per evitare altri contrasti di questo genere si prepara al Consiglio dei ministri di domani, quello sulle bollette, e per blindare un accordo ha voluto vedere nel tardo pomeriggio di oggi i capi delegazione della maggioranza

Insieme a uno dei referendum sulla giustizia e a quello sull’eutanasia la corte costituzionale ha bocciato quello sulla cannabis legale. Un tema su cui il parlamento ignora da anni le richieste di un intervento, rilanciate nelle ultime ore da organizzazioni come l’Arci e la Cgil. La questione è legata anche allo sfruttamento della cannabis da parte delle mafie. Ai nostri microfoni Leopoldo Grosso, presidente onorario del gruppo Abele, associazione fondata da don Luigi Ciotti.

 

“Basta parole, vogliamo i fatti”. Gli studenti tornano in piazza

(di Massimo Alberti)

Domani tornano in piazza gli studenti con cortei in 40 città. Al centro delle manifestazioni resta la questione dell’esame di maturità e il rapporto tra scuole e aziende.
Basta parole, vogliamo fatti.
Si può riassumere così il senso delle manifestazioni di domani degli studenti, un movimento che si è preso la scena politica dal 21 gennaio, giorno della morte del 18enne Lorenzo Parelli. La prima risposta sono state le cariche della polizia in diverse città, Torino, Milano, Roma, Napoli. Davanti alle richieste di chiarimenti, la ministra dell’interno Lamorgese prima si è giustificata parlando di infiltrati, poi ha parlato di cortocircuito e necessità di dialogo, fino alla circolare allarmista di mercoledì a questure e prefetti.
Le proteste hanno certamente smosso la politica, che ha dovuto esprimersi sui temi posti dagli studenti. Il ministro Bianchi, che da due anni non li aveva mai incontrati nonostante le richieste, li ha ricevuti, ma non ha fatto passi indietro sui due scritti alla maturità, contestati dagli studenti, concedendo solo un diverso punteggio, e delegando agli istituti la decisione sulla materia della seconda prova. Sul rapporto tra scuola e aziende, dopo la seconda morte, a Fermo del 16enne Giuseppe Lenoci, Bianchi ha affermato che “La formazione non può essere un surrogato del lavoro, deve prevalere il rapporto educativo”, la sottosegretaria Floridia che “serve una riflessione sul sistema di alternanza scuola-lavoro e su quello degli stage”. Ma una revisione seria dell’alternanza scuola lavoro e dei meccanismi della formazione professionale non è all’ordine del giorno. Intanto le scuole occupate sono aumentate, insieme alle manifestazioni spontanee. Domani sarà un’altra tappa di quel percorso che ha riportato una generazione a fare politica, e che chiede attenzione e ascolto reali, e di avere un peso nelle scelte che la riguarda, perché parole e risposte burocratiche non le bastano più.

Inps e lavoro 2021, 980mila contratti in più rispetto 2020, ma più dell’80% sono precari

(di Massimo Alberti)

I dati dell’osservatorio sul precariato dell’Inps sul novembre 2021 confermano la tendenza di sostituzione di contratti a tempo indeterminato con contratti a termine, nelle diverse forme. Spiccano due dati: Quello delle cessazioni di contratti a tempo indeterminato, cresciute del 17% negli 11 mesi del 2021 rispetto all’anno prima, e quello delle trasformazioni da tempo determinato a indeterminato, in calo del 4%. Il saldo, al netto delle cessazioni, è di 980mila contratti in più del 2020, in cui però quelli a tempo indeterminato sono solo il 17%. Gli altri sono suddivisi tra contratti stagionali, in somministrazione, di apprendistato, intermittenti, e a termine, con una durata che va da un giorno a pochi mesi. Meno di uno su 100 supera l’anno.

Berlinale 2022, “Alcarras” di Carla Simon ha vinto l’Orso d’Oro

(di Barbara Sorrentini)

Si è conclusa ieri la Berlinale 2022 nel nome delle donne, con i premi più prestigiosi: Orso d’Oro ad “Alcarras” della spagnola Carla Simon in coproduzione con l’Italia e Orso d’Argento a Claire Denis con “Avec amour et achernement”.
“Leonora Addio” di Paolo Taviani, sul trasporto delle ceneri di Pirandello e sul breve racconto “Il chiodo” si aggiudica il Premio Fipresci e da oggi è al cinema.
Esce in Italia anche “Una femmina” il film appena presentato a Berlino di Francesco Costabile. La storia della giovane Rosa, che si ribella alla famiglia appartenente alla ‘ndrangheta è tratta dal libro “Femmine ribelli” di Lirio Abbate, sulle donne che si sono opposte alla ‘ndrangheta. “Una femmina” esce con il divieto ai minori di 14 anni, provvedimento inspiegabile per un film contro la violenza sulle donne e contro la mafia. Come spiega il regista Francesco Costabile al microfono di Radio Popolare

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

In parlamento stamattina è stato bocciato un ordine del giorno di Fratelli d’Italia che chiedeva di eliminare il green pass dal 31 marzo, quando scadrà lo stato d’emergenza. Ha votato contro anche la Lega, nonostante anche oggi a livello di dichiarazioni si sia detta a favore della cancellazione. Sempre oggi il sottosegretario alla sanità Andrea Costa ha annunciato che dal 10 marzo si potrà tornare a bere e mangiare in locali come cinema, teatri e sale da concerto. In generale la direzione resta quella di un allentamento delle restrizioni. Oggi in Italia sono stati comunicati quasi 58mila contagi con 320 morti. Stabile il tasso di tamponi positivi, al 10,7%. Ancora in calo le persone ricoverate. La fondazione Gimbe ha diffuso il suo rapporto settimanale, che sottolinea come dopo infezioni e ricoveri anche i decessi abbiano iniziato a diminuire. Per quanto riguarda i vaccini oggi l’agenzia europea del farmaco ha detto che al momento non ci sono dati per consigliare una quarta dose. Il 25 febbraio l’agenzia italiana del farmaco esaminerà l’ipotesi di un nuovo booster per le persone più fragili dal punto di vista sanitario.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/02/2024

    con Margherita Buy su "Volare"; Vito Zagarrio parla di "Le seduzioni"; Giovanni Piperno e la storia di "16mm alla rivoluzione"; Velania A. Mesay presenta il documentario "Agape". Tra le uscite: "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer; "Emma e il giaguaro nero" di Gilles de Maistre; "Night Swim" di Bryce Mc Guire.

    Chassis - 24-02-2024

  • PlayStop

    Climitologie S1 - E4

    La rubrica settimanale che smaschera le bufale sul cambiamento climatico a cura di Sara Milanese

    Clip - 24-02-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 24/02/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 24-02-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

Adesso in diretta