Approfondimenti

Lo stop al superbonus, il caso Delmastro, gli sforzi per la pace in Ucraina e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 16 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Sul caso dei documenti riservati rivelati in Parlamento interviene la magistratura, lo stop del governo al superbonus edilizio scontenta tutti, le Nazioni Unite ritrovano l’iniziativa sulla guerra in Ucraina, non ci sono più speranze di trovare persone vive sotto le macerie del terremoto in Turchia e Siria, l’atteggiamento dell’Italia nei confronti dei migranti preoccupa l’ONU.

Delmastro indagato per rivelazione di segreto d’ufficio

(di Mattia Guastafierro)

Nelle sue informative in Aula Carlo Nordio ha sempre assolto gli uomini di Meloni, Donzelli e Delmastro, affermando che le relazioni su Cospito da loro usate per attaccare il Pd non erano coperte da segreto di Stato. “Erano a limitata divulgazione,” ha detto di nuovo ieri il ministro della Giustizia: una dicitura che nella spiegazione del Guardasigilli non caratterizzerebbe i documenti come classificati.

Eppure, l’ipotesi di reato per cui indaga la procura di Roma è quella di rivelazione di segreto d’ufficio. Una fattispecie completamente diversa da quella di cui ha sempre parlato Nordio. Sta in questa sostanziale differenza il cuore dell’esposto presentato da Angelo Bonelli che ha spinto la magistratura a indagare.

Oltre ad aver avvertito la procura, nei giorni immediatamente successivi all’attacco di FdI in parlamento, il co-portavoce di Europa Verde ha fatto richiesta al ministero della Giustizia, tramite un accesso agli atti, di avere una copia delle relazioni sui colloqui in carcere tra Cospito e alcuni esponenti della criminalità organizzata. La stessa documentazione del DAP in cui è contenuto il passaggio pronunciato in Aula da Donzelli. Il 7 febbraio Via Arenula ha negato gli atti a Bonelli ai sensi di due norme che disciplinano proprio il segreto d’ufficio. “Ma allora perché Donzelli e Delmastro hanno ottenuto quei documenti”, si chiede il deputato. “E perché il ministero confonde segreto di Stato e segreto d’ufficio?” Domande a cui risponderanno i magistrati che domani interrogheranno Delmastro, ufficialmente iscritto nel registro degli indagati.

Quel pasticciaccio brutto del superbonus edilizio

(di Massimo Alberti)

Il superbonus edilizio rischia di concludersi in un clamoroso pasticcio. Il governo poco fa in consiglio dei ministri ha approvato il decreto sulla cessione dei crediti. Secondo la bozza che sta circolando, si cancella il meccanismo dello sconto in fattura e della cessione del credito, decretandone la fine di fatto: sarebbero i proprietari a dover anticipare i soldi, per avere poi la detrazione in dichiarazione dei redditi. Il decreto bloccherebbe anche l’acquisto dei crediti arretrati da parte degli enti locali, in nome della tutela del debito pubblico. Così migliaia di cantieri rischiano però di fermarsi, e migliaia di imprese senza liquidità, molte nate grazie alla bolla generata dal bonus, di andare verso il fallimento.

Furibonde le associazioni dei costruttori, ma anche i partiti, in modo trasversale. Contrarie le opposizioni, in particolare i 5stelle, i padri del provvedimento, dubbi anche da Forza Italia.

Per il solo superbonus edilizio, secondo le associazioni di settore, ci sarebbe un buco tra i 5 e i 15 miliardi di crediti fiscali bloccati. Ovvero: l’impresa Rossi fa i lavori per l’utente Bianchi per 100mila euro, che non li paga grazie allo sconto in fattura. L’impresa rossi acquisisce un credito fiscale, che può decidere di vendere a un soggetto finanziario. Che a sua volta può rivenderlo, fino a 5 passaggi. Qui si crea il primo problema generato da un meccanismo, più volte modificato, anche da limiti giustamente introdotti per frenare truffe e speculazioni. Perché da un lato le banche hanno smesso di acquistare crediti perché ne erano sature, la domanda si è abbassata, e l’impresa Rossi non ha più liquidità per finire i lavori dell’utente Bianchi. 30mila cantieri a rischio blocco, 25mila imprese a rischio, secondo le associazioni, con la metà che rischia di fallire. E i proprietari temono di dover ripagare i costi di lavori incompleti. Gli enti locali hanno individuato una possibile soluzione acquistando dalle banche i crediti, salvando così le imprese. Il governo però intende bloccare questo meccanismo, da una parte per tutelare enti finanziariamente a rischio, ma soprattutto per una linea di politica economica che impone di non creare nuovo debito pubblico, anche per i moniti dell’unione Europea. Solo che così tra lavori incompleti, e quindi mancato aumento di classe energetica, il requisito per accedere all’incentivo, l’agenzia potrebbe chiedere indietro i soldi già erogati per l’inizio dei lavori. Aprendo così a cause delle imprese, o dagli utenti verso le imprese. Così se il superbonus ha sostenuto l’economia nel post covid, arrivano al pettine i nodi della sua impostazione e della successiva gestione, in un pasticcio di cui non si intravede una via d’uscita. La fine dello sconto in fattura e della cessione del credito, ne decreta la fine di fatto.

L’ONU lavora a una bozza di risoluzione per la pace in Ucraina

L’Assemblea Generale dell’Onu voterà la prossima settimana una risoluzione per la pace, sottolineando “la necessità di raggiungere il prima possibile una pace globale, giusta e duratura in linea con la Carta delle Nazioni Unite”. Nella bozza diffusa ai paesi membri si chiede nuovamente alla Russia di “ritirare immediatamente” le sue truppe”. Il presidente Ucraino, da parte sua, ha ribadito oggi durante un’intervista con la bbc che non sarà disposto a cedere nessun territorio ucraino per un accordo di pace con la Russia. 

Questa notte intanto la Russia ha condotto il 15esimo attacco su vasca scala contro l’Ucraina del nord e dell’ovest, colpendo infrastrutture importanti soprattutto nella regione di Leopoli. 

In contemporanea, prosegue la battaglia nell’est per la conquista del Donbass. 

Qui abbiamo raggiunto il nostro collaboratore Sabato Angieri che si trova a Kramatorsk. 

Sulla situazione in Ucraina – ma non solo – è incentrato anche il viaggio in Europa del ministro degli esteri cinese Wang Yi, che è stato in Francia, oggi in Italia e domani parteciperà alla conferenza di monaco sulla sicurezza. Durante il colloquio con il presidente francese Macron, Wang Yi ha ribadito di voler contribuire “al raggiungimento della pace” in Ucraina.

Sentiamo il nostro collaboratore Gabriele Battaglia 

Sempre più difficile trovare superstiti del terremoto in Turchia e Siria

Sono sempre più rari in Turchia e in Siria i salvataggi di persone sopravvissute al terremoto rimaste bloccate sotto le macerie. Oggi una ragazza di 17 anni è stata soccorsa dopo 248 ore, ma man mano che passa il tempo è sempre più difficile. Poco fa, in Turchia, è stato trovato morto l’italiano Angelo Zen, che si trovava in Turchia per lavoro al momento del sisma.

Ad Aleppo le ricerche si sono fermate, mentre continuano più a nord, nelle aree più colpite e secondo il coordinatore umanitario regionale delle Nazioni Unite per la crisi siriana il numero delle vittime rischia di aumentare ulteriormente. I morti sia in Siria che in Turchia  hanno già superato quota 45mila, ma i numeri in Siria sono fortemente sottostimati.  

Oggi le Nazioni Unite hanno lanciato un appello umanitario per 1 miliardo di dollari di aiuti per la popolazione della Turchia. Lo ha annunciato il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, spiegando che il finanziamento coprirà un periodo di tre mesi e consentirà alle organizzazioni umanitarie di aumentare rapidamente il loro sostegno alla popolazione. 

Due giorni fa, l’Onu aveva lanciato un appello simile da 397 milioni di dollari per la Siria. 

Il decreto “anti-ong” di Piantedosi preoccupa l’UNHCHR

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani esprime preoccupazione per il decreto anti ong voluto dal ministro Piantedosi e approvato ieri alla Camera. “La proposta potrebbe ostacolare la fornitura di assistenza salvavita nel Mediterraneo centrale, con conseguenti più morti in mare”, ha detto l’alto commissario per i diritti umani Volker Türk.

Fanno intanto rotta verso nord le due navi umanitarie protagoniste di alcuni salvataggi nei giorni scorsi al largo della Libia. La Geo Barents arriverà domani, dopo 4 giorni di navigazione, ad Ancona, mentre la Ocean Viking potrebbe impiegare ancora tutto il weekend a raggiungere il porto assegnato, Ravenna.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 29/02 18:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 29-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 29/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 29-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 29/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 29-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 29/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 29-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 29/02/2024

    (107 - 489) Dove c'è un problema di portieri per la nazionale di calcio di San Marino. Poi c'è un ministro del'Interno Piantedosi che racconta, a suo modo, quello che è successo a Firenze e Pisa con le cariche della polizia sugli studenti. Chiudiamo con il 29 febbraio che è una scadenza importante. Quale? Ascolta il podcast e lo scoprirai.

    Muoviti muoviti - 29-02-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 29/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 29-02-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 29/02/2024

    Ospiti della puntata gli Action Shelley per presentare il loro disco omonimo con intervista e mini live

    Jack - 29-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 29/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Luca Palazzolo, ricercatore università degli Studi di Milano e Michele Salvan, dottorando in biologia università di Torino per parlare del progetto Biogro, con il parco delle Groane, 3Bee sulla biodiversità e gli impollinatori, di Lipu Cesano Maderno, ma anche di CAI e di condanna del Laricidio per la pista da bob a Cortina d'Ampezzo e scopriamo che Luca voleva essere un Proteo e Michele un Capibara

    Considera l’armadillo - 29-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 29/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 29-02-2024

  • PlayStop

    Scuole occupate, parlano gli studenti

    In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    ABNE ep.7 - Le basi della coesione

    Qual è la situazione dell'Italia nel processo di transizione verso la neutralità climatica? Parliamo delle sfide che il nostro paese deve affrontare soprattutto nel territorio sardo del Sulcis e di quali mezzi l'Europa mette a disposizione tramite il fondo per una transizione giusta facente parte delle politiche di coesione dell'Unione Europea nell'intervento di Matteo Scannavini di Slow News.

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 29/02/2024

    Oggi a Cult: Nicola Lagioia, autore del romanzo, Michele Altamura e Gabriele Paolocà, parlano di "La ferocia", divenuto uno spettacolo e in scena al Teatro Fontana; la mostra "Spazio allo spazio" a cura dei dipartimenti di Architettura e Aerospaziale del Politecnico di Milano; il compositore Filippo Del Corno su "Allegro", composizione eseguita dal giovane quartetto EOS nell'ambito della rassegna "Giovine Italia" a Villa Necchi Campiglio; la rubrica di lirica con Giovanni Chiodi...

    Cult - 29-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 29/02/2024

    Che cos'è il greenwashing? E’ una “presa in giro” da parte delle aziende che lo praticano nei confronti di tutti gli interlocutori delle aziende stesse, i cosiddetti stakeholder (fornitori, clienti, dipendenti, amministratori pubblici, comunità locali). In pratica il greenwashing è un’attività elusiva degli obblighi normativi o etici in materia di sostenibilità ambientale. Chi lo pratica si dà una riverniciata “green”, ci racconta quanto è “sostenibile” la propria attività, ma nei fatti continua a compiere azioni inquinanti come sempre. Elena Gerebizza, esperta di energia, tra le fondatrici dell’associazione ReCommon, ci racconta il caso Snam (https://www.recommon.org/il-greenwashing-di-snam-il-caso-arbolia/). Ospite della puntata di Pubblica anche il presidente di Adiconsum Carlo De Masi per una denuncia ad Arera che riguarda il caro bollette.

    Pubblica - 29-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 29/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 29/02/2024

    GUERRA A GAZA, AGGIORNAMENTI, ANALISI E COMMENTI con Anna Momigliano corrispondente dall’Italia di Haaretz e Paolo Pezzati portavoce per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia: allarme catastrofe a Gaza. Intervista di Sara Milanese - FRANCIA-GERMANIA, RAPPORTI TESI A CAUSA DELLA GUERRA IN UCRAINA da Parigi Francesco Giorgini e da Berlino Walter Rahue - LA MAGGIORANZA “MINACCIA” TEST PSICOATTITUDINALI PER I MAGISTRATI il commento di Giuseppe Santalucia presidente dell’ ANM. Intervista di Mattia Guastafierro - SCUOLE OCCUPATE, PARLANO GLI STUDENTI In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 29-02-2024

  • PlayStop

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI - presentato da Barbara Sorrentini

    Note dell’autore - 29-02-2024

Adesso in diretta