Approfondimenti

L’assalto israeliano all’ospedale Nasser, le tensioni nella maggioranza e le altre notizie della giornata

Rafah Gaza ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 15 febbraio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A Khan Yunis i militari israeliani hanno fatto irruzione nell’ospedale Nasser, il più grande di tutta la parte meridionale della Striscia di Gaza. In Italia se prima si imponeva il fair play, ora il partito di Giorgia Meloni non le manda proprio a dire a Matteo Salvini. Sulla carta d’identità elettronica di un minore non si può usare la dicitura madre e padre, se il minore è figlio di una coppia omosessuale: la Corte d’Appello di Roma oggi ha di fatto smontato un decreto firmato da Matteo Salvini quando era ministro dell’Interno. Comincerà il 25 marzo a New York il processo a Donald Trump per l’accusa di aver pagato illegalmente la pornostar Stormy Daniels.

Israele attacca l’ospedale Nasser

A Khan Yunis i militari israeliani hanno fatto irruzione nell’ospedale Nasser, il più grande di tutta la parte meridionale della Striscia di Gaza; lo denunciano i medici della struttura e l’ong Medici Senza Frontiere che opera nell’ospedale, lo confermano anche le Forze di Difesa israeliane. 
Già stamattina, dopo giorni di assedio, la struttura era stata di nuovo bombardata; l’attacco ha causato un numero imprecisato di morti e feriti. Nel pomeriggio poi l’irruzione dei carri armati che hanno sfondato i muri esteri, con i militari che sono entrati nei reparti e hanno costretto tutti alla fuga.
Da parte sua l’esercito di Tel Aviv dichiara che quello in corso all’ospedale Nasser è un raid “preciso e limitato”, e afferma di avere prove che dentro la struttura si trovano miliziani di Hamas e ostaggi.
Intanto in Israele è arrivato il direttore della CIA William Burns, ha visto il primo ministro Benjamin Netanyahu e il capo del Mossad; al centro del colloquio la possibile tregua temporanea in cambio del rilascio degli ostaggi. La visita è considerata un segnale che la trattativa, nonostante le difficoltà, va ancora avanti. Da Tel Aviv arriva però un segno di chiusura invece sulla proposta elaborata da Washington e dai paesi arabi per la creazione di uno stato palestinese alla fine del conflitto: “Non è il momento di fare regali al popolo palestinese”.

Le tensioni della maggioranza sono sempre più evidenti

(di Anna Bredice)

Se prima si imponeva il fair play, ora il partito di Giorgia Meloni non le manda proprio a dire a Matteo Salvini. Oggi tocca al tema del terzo mandato per i presidenti delle Regioni, ma l’insofferenza inizia a percepirsi per il continuo controcanto del capo della Lega su tanti temi. Questa mattina il ministro Ciriani ha ricordato a al presidente del Veneto Zaia di non essere eterno, che in Veneto è necessaria l’alternanza e senza mezzi termini ha puntato sulle due caselle, Piemonte e Veneto, alle prossime elezioni devono essere di Fratelli d’Italia che è il partito che ha ottenuto più voti. Quindi al di là delle schermaglie – cioè di voler posticipare la discussione sul terzo mandato ad un altro momento, senza la fretta che Salvini vorrebbe dare ora inserendo un emendamento al decreto elezioni – da parte di Giorgia Meloni c’è l’ordine di tenere la porta chiusa ad una ricandidatura della Lega in una regione che fa gola alla Presidente del Consiglio. Lollobrigida ha anche avvisato Salvini, in sostanza gli ha detto che potrebbe fare la fine di Gianfranco Fini dopo gli attacchi a Berlusconi. Il tema del terzo mandato, per Zaia sarebbe il quarto se si ricandidasse, è materia di tensione dentro al governo. L’opposizione per ora sta a guardare anche piuttosto interessata, perché in ballo c’è la volontà di De Luca di continuare a guidare la Campania, c’è l’Emilia Romagna di Bonaccini. Nella diatriba tra Meloni e Salvini ormai non si contano i temi di contrasto, ci sono gli agricoltori con i trattori in strada, ma la giornata di manifestazioni a Roma si è rivelata poco incisiva per permettere a Salvini di continuare a cavalcare la protesta, c’è stata poi la mozione sul Medio Oriente, l’intesa tra Schlein e Meloni che ha portato alla mozione passata alla Camera dei deputati ha lasciato in secondo piano Salvini da un lato e Conte dall’altro.

Famiglie arcobaleno, la Corte d’Appello di Roma smonta il decreto firmato da Salvini

Sulla carta d’identità elettronica di un minore non si può usare la dicitura madre e padre, se il minore è figlio di una coppia omosessuale. La Corte d’Appello di Roma oggi ha di fatto smontato un decreto firmato da Matteo Salvini quando era ministro dell’Interno. Si tratta del provvedimento che obbliga ad utilizzare in ogni caso il termine madre-padre sui documenti dei figli. Per il tribunale invece va indicato il termine di “genitore” o – dice la sentenza – una “dizione corrispondente ai dati personali che risultano nei registri dello stato civile”. Secondo i giudici, il decreto del Viminale può configurare il reato di falso ideologico.
Il verdetto riguardava un caso specifico di due madri che nel 2019 avevano fatto ricorso, vincendo la loro battaglia in primo grado e ora anche in appello. Adesso le famiglie arcobaleno chiedono di cancellare quel provvedimento.

Trump a processo a New York dal 25 marzo

Comincerà il 25 marzo a New York il processo a Donald Trump per l’accusa di aver pagato illegalmente la pornostar Stormy Daniels e l’ex coniglietta di Playboy Karen McDougal affinché non rivelassero, durante la sua campagna elettorale del 2020, le relazioni che aveva avuto con loro. 
Lo ha deciso oggi il giudice incaricato, respingendo la richiesta di rinvio presentata dai legali dell’ex presidente.
È il primo processo penale a carico di Trump che ha una data certa d’inizio, e che si terrà in piena campagna elettorale per le presidenziali di novembre. 
Su Trump pendono altri 3 processi; quello sui suoi tentativi di ribaltare il voto in Georgia potrebbe però essere rinviato: oggi in un’udienza ad Atlanta la procuratrice che ha seguito l’inchiesta è stata accusata di essere coinvolta in una relazione sentimentale con il procuratore speciale. Il giudice potrebbe decidere di escluderla o anche di far saltare il processo.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 22/04 18:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 22/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 22-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 22/04/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di lunedì 22/04/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 22-04-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 22/04/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 22-04-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 22/04/2024

    Ospite della puntata Alain Johannes per una bella intervista con tre brani live.

    Jack - 22-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 22/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi Giornata della Terra ha ospitato Ed Winters, autore del libro Questa è propaganda Vegan, @edizioni Sonda, @Essere Animali per parlare del suo libro, ma anche di Mulazzano e del CLA Club Lettori Accaniti della scuola secondaria e della presentazione di Me l'ha detto l'armadillo, @Altreconomia editore e scopriamo che Ed voleva essere scoiattolo

    Considera l’armadillo - 22-04-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 22/04/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 22-04-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 22/04/2024

    Oggi a Cult: Massimiliano Tarantino introduce il ciclo di incontri "Democrazia a rischio" presso la Fondazione Feltrinelli, fra cui quello del 23 aprile con Antonio Scurati, recentemente censurato dalla RAi per il suo monologo antifascista; Giacomo Papi su "A cena con Kafka", appuntamento del Laboratorio Formentini; Martina Bagnoli, la nuova direttrice dell'Accademia Carrara; Mario Pianta di Sbilanciamoci.it sul convegno e la serata dedicati a Rossana Rossanda a Roma; la rubrica di classica a cura di Giuseppe Califano...

    Cult - 22-04-2024

  • PlayStop

    Un 25 aprile Popolare - E13

    Milano capitale della Resistenza ospiterà un museo nazionale della Resistenza per capire cosa sarà e soprattutto come vuole raccontare il movimento di Liberazione, la lotta, la storia c'è un sito già al lavoro, ricco di proposte: www.museodellaresistenza.it. Mattia Guastafierro ci parla della Resistenza nel sud ovest milanese con voci, testimonianze e progetti.

    Clip - 22-04-2024

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 22/04/2024

    Il caso Scurati e la destra al potere. Per i meloniani l’antifascismo è un nemico, non un valore. Lo spiega il ministro Lollobrigida, di Fratelli d’Italia, che replica così al monologo censurato: «la parola antifascista è troppo generica...purtroppo ha portato in tanti anni a morti». Il partito di Meloni non rinuncia alla fiamma nel simbolo, presentato anche alle europee. Una conferma del legame ideologico di FdI con la storia del neofascismo in Italia. Ospiti a Pubblica lo storico Luca Alessandrini e lo scrittore Sandro Veronesi.

    Pubblica - 22-04-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 22/04/2024

    Con o senza nome? Il PD discute se inserire il nome della Segretaria nel simbolo elettorale delle prossime europee. Questione di lana caprina, di adeguamento all'oggi o di rinuncia a una tradizione? Conduce Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 22-04-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 22/04/2024

    Angelo Miotto, ci racconta il successo storico della sinistra nelle elezioni nei Paesi Baschi; Sabato Angeri, analizza le conseguenze dello sblocco degli aiuti militari statunitensi all'Ucraina; Mattia Guastafierro ci parla della Resistenza nel sud ovest milanese nella rubrica "un 25 aprile popolare"; Anna Bredice ci spiega i dibattito nel Pd sul simbolo con il nome di Elly Schlein per le Europee; Lucia Ercoli (intervistata da Massimo Alberti) mette in relazione la rinuncia alla cure con l'impoverimento delle famiglie; Valentino Segato della Cgil annuncia le iniziative sulla filiera della raccolta e trattamento dei rifiuti dopo l'incidente mortale in un impianto di Cusago di venerdì notte.

    Giorni Migliori – Intro - 22-04-2024

  • PlayStop

    STEFANO BUCCI - L'ARCHITETTURA HA TANTE ANIME

    STEFANO BUCCI - L'ARCHITETTURA HA TANTE ANIME - presentato da Tizian Ricci

    Note dell’autore - 22-04-2024

Adesso in diretta