Approfondimenti

Le ultime sul Qatargate, la strategia anti-inflazione della Bce e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 15 dicembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Violento attacco del ministro dell’Interno Piantedosi contro le Ong: “A breve sanzioni più efficaci contro le navi umanitarie”. E poi le definisce “armi di immigrazione di massa”. Qatargate, la magistratura belga sta indagando su altri europarlamentari e spunta il coinvolgimento del Marocco. La Bce continua la sua strategia anti-inflazione e aumenta i tassi d’interesse di un altro mezzo punto. La presidente della Bce Lagarde avvisa: si andrà avanti così ancora a lungo. La maggioranza di Governo pensa una nuova stretta sul reddito di cittadinanza. Oggi centinaia di medici hanno manifestato contro la carenza di fondi per la sanità pubblica. Kherson è completamente al buio dopo i pesanti bombardamenti russi delle ultime ore. Si continua a combattere intanto nel Donbass, dove nella notte forze ucraine hanno bombardato le zone occupate dai russi.

I nuovi sviluppi dell’inchiesta Quatargate

Stamattina il Parlamento europeo ha votato quasi all’unanimità un testo che chiede la sospensione immediata di tutti i lavori legislativi legati al Qatar. Il documento è una prima risposta dell’istituzione di Strasburgo allo scandalo di corruzione che sta coinvolgendo anche il Marocco. Nonostante ciò l’assemblea ha respinto un emendamento che riguardava le relazioni col paese africano. Sempre oggi il Parlamento si è spaccato durante un voto su un difensore dei diritti umani incarcerato in Bahrein. Il gruppo popolare e quello di destra Identità e Democrazia si sono astenuti, sostenendo che al momento non è possibile “votare questioni di politica estera con procedure d’urgenza”. Tutto ciò mentre continuano a uscire notizie sull’inchiesta.

(di Andrea Monti)

Stamattina la presidente del parlamento Roberta Metsola ha detto che i servizi dell’assemblea hanno indagato insieme alla magistratura belga e che lei è stata informata il 9 dicembre, giorno degli arresti che hanno fatto scoppiare lo scandalo. Al centro dell’attenzione restano l’ormai ex vicepresidente Eva Kaili, l’ex eurodeputato Antonio Panzeri e il suo ex assistente Francesco Giorgi, oltre a Qatar e Marocco, da cui sarebbero partiti i soldi usati per difendere illecitamente gli interessi dei due stati. Oggi si è saputo che Panzeri e l’ambasciatore marocchino a Varsavia, citato nelle carte dell’inchiesta, lavoravano insieme nel 2017: il primo da presidente di una commissione del parlamento europeo, il secondo da co-presidente di una commissione che mette insieme rappresentanti della Ue e del paese africano. Nel decreto della procura di Milano legato alle perquisizioni nelle case di Panzeri e Giorgi si dice che la magistratura belga avrebbe individuato un gruppo “indeterminato e molto ampio” che avrebbe ruotato attorno alla corruzione. Secondo indiscrezioni diffuse dalla stampa greca gli europarlamentari “nel mirino” dell’inchiesta sarebbero oltre 60 e apparterrebbero a diversi gruppi, tra cui socialisti e popolari. A proposito di Grecia, oggi la procura europea ha chiesto la revoca dell’immunità parlamentare per Kaili e per l’eurodeputata Maria Spyraki. In questo caso si sospetta una frode a danno del bilancio dell’Unione, legata alla gestione delle indennità e alla retribuzione degli assistenti parlamentari.

Secondo “Le soir” e “Repubblica”, Giorgi dopo aver confessato di aver gestito gli affari illeciti di Panzeri avrebbe detto agli inquirenti di sospettare che altri due eurodeputati del gruppo socialista fossero a “libro paga” dell’ex sindacalista: il belga Marc Tarabella e l’italiano Andrea Cozzolino, che oggi si è difeso dicendosi estraneo alle indagini. I loro nomi ricorrono in posti chiave dell’europarlamento.

(di Michele Migone)

Da Antonio Panzeri, Andrea Cozzolino (Pd) non aveva ereditato solo l’assistente, Francesco Giorgi. Aveva preso il suo posto anche in due delle commissioni dell’Europarlamento: quella che si occupa dei diritti umani e in quella per i rapporti con i paesi del Maghreb. Sono due luoghi chiave nelle relazioni da una parte con il Marocco e dall’altra con il Qatar, i paesi protagonisti dello scandalo. Sul sito dell’Europarlamento si può vedere il video di un intervento di Cozzolino in occasione di una seduta della commissione sui diritti umani sulla Coppa del Mondo in Qatar durante il quale il deputato napoletano esprime un prudente, ma inequivocabile appoggio alla politica di riforme del Qatar. La maggior parte degli interventi degli altri deputati sono invece molto critici. Marc Tarabella invece fa parte della commissione agricoltura e della delegazione per i rapporti con la penisola arabica. La prima è importante anche per i rapporti commerciali con paesi come il Marocco. In occasione della seduta plenaria del 21 novembre dedicata dall’Europarlamento alla questione Qatar diritti umani ci sono stati due interventi favorevoli all’emirato. Il secondo è stato quello di Eva Kaili, il primo, invece, era di Marc Tarabella. In quella seduta ci fu un intervento molto duro di Maria Arena, deputata socialista belga. Il suo nome è stato scritto sui giornali come uno di quelli su cui si sarebbero concentrati gli inquirenti. In realtà l’Arena sembra aver sempre avuto un atteggiamento di grande critica nei confronti del Qatar. Probabilmente l’attenzione deriva dal fatto che ex collaboratori di Panzeri lavorano per lei. Altro nome uscito sui giornali: Alessandra Moretti. La parlamentare – che fa parte della commissione diritti umani – ha detto che non c’entra con lo scandalo e che il suo viaggio dello scorso anno in Qatar era per aiutare le profughe afghane.

Il filone di indagine che coinvolge il Marocco

A proposito delle indagini che coinvolgono il Marocco, sono i servizi segreti belgi a far capire l’importanza di questo lato dell’inchiesta quando fanno il nome di Yassine Mansouri, numero due dell’intelligence del paese africano.

(di Claudio Jampaglia)

I servizi in Marocco rispondono al palazzo reale tramite il ministero degli interni, fedele servitore della monarchia alaouita. Dal Palazzo dipende anche quella rete di interessi pubblici e privati, il sistema che tutto prova a controllare che si chiama Makhzen, con intermediari, emissari, reti di relazioni in doppiopetto molto solide e strutturate. Chiunque faccia affari col Marocco lo sa. Il potere qua abbraccia il liberismo, temperato dal palazzo, è ciò che tiene le élite in competizione e il resto del paese sotto un tallone di ferro. Il primo dossier per il Marocco è da sempre il Sahara Occidentale occupato dalla metà dei ‘70, dovrebbe autodeterminarsi secondo l’Onu ma il referendum è ormai finito nell’oblio come il suo popolo. Quella che i sahraoui chiamano guerra sporca del Marocco si traduce in Europa col via libera alla commercializzazione di prodotti dai territori occupati, vietata poi dalla corte di giustizia europea. Il Marocco ha litigato per tutti gli anni 90 con l’Europa per la pesca di cui si occupò anche la commissaria ad hoc Emma Bonino quando i pescherecci francesi e spagnoli scioperavano e Rabat spiava la delegazione europea. Il dossier immigrazione dagli stessi anni vale centinaia di milioni all’anno per la repressione e miliardi in cooperazione che poi tornano in parte in lavori per le grandi imprese europee. Prime quelle francesi, anche se le relazioni ufficiali tra i due paesi sono pessime, ultimamente per il caso Pegasus dal nome del software israeliano con cui sarebbero stati spiati i telefoni di un migliaio di funzionari francesi e pare lo stesso presidente Macron. Il Marocco ha portato in tribunale per diffamazione 17 media francesi e Amnesty International ma ha perso. Poi c’è il capo assoluto dei servizi Abdellatif Hammouchi indagato in Francia dal 2014 per torture su cittadini franco-marocchini, da allora Rabat non collabora più con la Francia sull’antiterrorismo, ma ciò non ha impedito nel 2021 di consegnare a Rabat allo stesso Ammouchi una legion d’onore repubblicana. Il ritratto della contraddittoria relazione con il più stabile e affidabile partner maghrebino per l’Europa.

Ora il tasso principale è al 2,5%

La Banca centrale europea non fa passi indietro sulla strategia anti-inflazione e continua con la politica monetaria fortemente restrittiva: il board della Bce ha aumentato i tassi di un altro mezzo portando il tasso principale al 2,5%. Prima, sempre di mezzo punto, avevano aumentato i tassi la banca centrale statunitense e quella britannica. La presidente della Bce Lagarde ha confermato che si andrà avanti così a lungo. Gli effetti positivi sui prezzi, però, non si vedono: la stessa Bce ha infatti rivisto al rialzo le previsioni sull’inflazione.
E per quanto minore di quanto ipotizzato, il nuovo rialzo ha subito avuto conseguenze sulle borse europee, in calo tra il 3 e il 4%. Sul medio termine una delle conseguenze più immediate sarà un ulteriore rincaro dei mutui, un calo dei finanziamenti alle imprese, meno investimenti, meno crescita e quindi recessione. Ed aumenta anche il rendimento dei titoli di stato, accrescendo di conseguenza il debito.

Gender Queer, un memoir di Maia Kobabe

Cosa significa essere una persona non binaria e asessuale? Come si arriva a definire la propria identità di genere, per sé stessi ma anche per e nei rapporti con gli altri?
Il graphic novel Gender Queer, un memoir scritto da Maia Kobabe (cobebǝ) esplora la questione attraverso una toccante autobiografia che è anche un viaggio alla ricerca della propria identità. E che può essere letto come una piccola guida sull’identità di genere, scritta da chi certi interrogativi li ha vissuti in prima persona e ha cercato di darsi le proprie risposte. CONTINUA A LEGGERE

Foto | Ansa, la manifestazione dei medici a Roma

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 13/06 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 13-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 13/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 13-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 13/06/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 13-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 13/06/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 13-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 13/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 13-06-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 13/06/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 13-06-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 13/06/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 13-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 13/06/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 13-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 13/06/2024

    1- Il silenzio è calato su Kabul. Oggi sono mille giorni che alle ragazze afghane è vietata la scuola secondaria. Negli ultimi tre anni la condizione femminile nel paese è peggiorata ma il governo dei Talebani continua rapporti diplomatici sempre più favorevoli. ( Martina Stefanoni) 2-Caos globale. I leader del G7, indeboliti politicamente, tentano di trovare una posizione credibile sul finanziamento delle forniture di armi all’Ucraina e sui dazi sulle macchine elettriche cinesi. ( Alfredo Somoza) 3-Striscia di Gaza. Nuovo flop diplomatico degli Stati uniti. I Il Segretario di Stato Anthony Blinken, al suo ottavo viaggio nella regione, non è riuscito ad imporre il piano di Joe Biden. ( Roberto Festa) 4- Consiglio Onu per i Diritti Umani. Tra un mese esatto il voto sul rapporto della commissione che accusa Israele di aver compiuto uno sterminio. ( Intervista a Riccardo Noury – Amnesty Italia) 5. World Music. Dalla Costa d’avorio “ Zuzu” il nuovo album della cantante Dobet Gnahoré. (Marcello Lorrai)

    Esteri - 13-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 13/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 13-06-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 13/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 13-06-2024

  • PlayStop

    Intervista al regista Enrico Maria Artale e all'attore Edoardo Pesce sul film "El Paraiso"

    Il Sudamerica come luogo idealizzato, in un contesto di narcotraffico e sfruttamento degli esseri umani una madre e un figlio cercano di salvarsi a vicenda. Artale e Pesce hanno scritto insieme il soggetto del film, premiato alla Mostra del Cinema di Venezia, e lo hanno raccontato a Radio Popolare nella trasmissione Chassis.

    Clip - 13-06-2024

  • PlayStop

    Sapore Indie 35 - 13/06/2024

    1. Everything and Nothing - Soft Play 2. DITEDIME - Whitemary 3. If I’m Gonna Go Anywhere - Eels 4. Le soleil brille toujours - K-rip, Reki, Napoleon Da Legend 5. Dark Drones - Jasper Byrne, Sonic 6. Take Me to the River - Lorde 7. In the Making - Ellie Cottino, Avex 8. At the Jubilee - Yune 9. Do it Like a Maniac Part 1&2 - Boulevards 10. Two of Me - Flowers For The Dead

    Sapore Indie - 13-06-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 13/06/2024

    Ospite della puntata Damien McFly per un'intervista con due brani live

    Jack - 13-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 13/06/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che ha parlato con Elisa Berti del @centro Tutela e ricerca fauna Esotica e Selvatica Monte Adone, Clara Corbelli di @Cras di Rimini e Fabiana Ferrari di @Piacenza Wildlife Rescue Center del Progetto @la giusta distanza, ma anche del libro di Elisa Berti Come il respiro del vento, una storia vera, @sonzogno editore.

    Considera l’armadillo - 13-06-2024

  • PlayStop

    Ilaria Salis: "La solidarietà è una forza collettiva che può migliorare le cose"

    Dopo i risultati delle elezioni europee, Lorenza Ghidini ha intervistato Ilaria Salis, neo-eurodeputata con Alleanza Verdi e Sinistra

    Clip - 13-06-2024

  • PlayStop

    Pugni, sudore e virilità

    Quando proclamiamo il nuovo codice morale del macismo, regaliamo biglietti dell'operazione primavera e ci colleghiamo con Dindini della Cedola dal tempio del lusso sardo

    Poveri ma belli - 13-06-2024

Adesso in diretta