Approfondimenti

La società civile si muove per portare gli aiuti a Gaza, i malumori tra la sinistra e il centro e le altre notizie della giornata

Open Arms Gaza ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 14 marzo 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dovrebbe arrivare domani a Gaza la nave di Open Arms che trasporta 200 tonnellate di aiuti; a Cipro si sta preparando a salpare una seconda nave della società civile, mentre la linea di Netanyahu non cambia nonostante le pressioni crescenti. Le regionali stanno diventando il campo dove le due coalizioni mettono in evidenza i loro limiti e le loro divisioni. L’Italia del 2024 è ancora un paese talmente razzista che basta avere la pelle nera per essere un sospettato: la storia di Idrissa Diallo, picchiato dai carabinieri a Modena mentre stava aspettando l’autobus. La Ocean Viking è diretta verso Ancona: le autorità italiane hanno assegnato un porto che dista oltre 1.400 km alla nave umanitaria della Ong SOS Méditerranée, che dopo diverse operazioni di salvataggio, al momento trasporta 224 migranti.

Le pressioni degli USA su Israele non smuovono Netanyahu

Sono oltre 31.300 le vittime palestinesi a Gaza dall’inizio del conflitto, più di 5 mesi fa; il dato è stato diffuso oggi dalle autorità sanitarie locali. Le operazioni israeliane continuano infatti su tutto il territorio della Striscia; la scorsa notte l’esercito ha aperto il fuoco su una folla di palestinesi in attesa di aiuti umanitari: almeno 6 i morti, oltre 80 i feriti. Dovrebbe arrivare domani a Gaza la nave di Open Arms che trasporta 200 tonnellate di aiuti; a Cipro si sta preparando a salpare una seconda nave della società civile, a bordo si stanno caricano 300 tonnellate di cibo e forniture mediche. “Sono una goccia nel mare”, denunciano decine di Ong.
Di fronte alla crisi umanitaria sempre più grave, gli Stati Uniti oggi sono tornati a fare pressione su Israele: il portavoce del consiglio di sicurezza nazionale John Kirby ha chiesto a Tel Aviv di aprire una indagine sull’attacco militare che ieri ha colpito una struttura Onu per la distribuzione degli aiuti alimentari, e che ha provato la morte di un funzionario delle Nazioni Unite e diversi feriti. Ma contro Netanyahu si è scagliato anche il leader della
maggioranza dem al Senato Chuck Schumer. “La coalizione di Netanyahu non soddisfa più i bisogni di Israele”: ha detto in un duro intervento in aula in cui ha descritto il premier israeliano come “un ostacolo alla pace” chiedendo nuove elezioni e “significative correzioni di rotta” nella guerra a Gaza. Il governo israeliano è messo continuamente sotto pressione anche dal fronte crescente dei famigliari degli ostaggi, che chiedono le sue dimissioni. La linea di Netanyahu però non cambia.
 

I malumori tra sinistra e centro sono buone notizie per la destra

(di Anna Bredice)

Le regionali stanno diventando il campo dove le due coalizioni mettono in evidenza i loro limiti e le loro divisioni. E succede per entrambe le forze, nel Veneto per la destra, in Basilicata per la sinistra e il centro. Domenico Lacerenza, primario di oculistica, è il candidato di Pd, Cinque Stelle, Verdi e Sinistra in Basilicata. Lo ha saputo poche ore prima dei giornalisti e ha raccontato di non aver ancora sentito né Schlein né Conte. Inaspettata per lui questa candidatura e anche per molti altri, Lacerenza è sostenuto dall’ex candidato Chiorazzo e frutto di un accordo soprattutto tra Pd e Cinque Stelle per riuscire a tenere insieme il campo non larghissimo ma limitato ai partiti di sinistra. Se Chiorazzo non andava bene a Conte, Lacerenza è il nome che li ha messi d’accordo. Lasciando fuori, però, Azione di Calenda che per i Cinque Stelle è la causa della perdita dei voti in Abruzzo. Calenda non si è fatto pregare e ha annunciato che il suo partito potrebbe sostenere il candidato di destra, il governatore uscente Bardi. Ma Azione in Basilicata non è un partito di poco conto, ne fa parte Marcello Pittella che è stato il residente della regione in precedenza. Per la destra questi malumori tra centro e sinistra sono buone notizie. Sperano che la Basilicata diventi un nuovo Abruzzo e oggi la scelta dell’Aquila come capitale della cultura ha fatto pensare ad alcuni nell’opposizione che non sia stata casuale come decisione, una sorta di ricompensa per la vittoria di pochi giorni fa. Ma nel Veneto le cose potrebbero non mettersi bene. Salvini ha provato a forzare ieri con il terzo mandato per assicurarsi la ricandidatura di Zaia l’anno prossimo, non se ne è fatto nulla e ora i leghisti della regione dicono, “senza Zaia potremmo andare da soli alle regionali”.

La nave Ocean Viking in viaggio verso Ancona dopo un salvataggio

La Ocean Viking è diretta verso Ancona: le autorità italiane hanno assegnato un porto che dista oltre 1.400 km alla nave umanitaria della Ong SOS Méditerranée, che dopo diverse operazioni di salvataggio, al momento trasporta 224 migranti.
L’arrivo è previsto per lunedì pomeriggio; un tempo troppo lungo e un viaggio inutile, denuncia l’Ong sui suoi social: “Rischia di peggiorare le condizioni mediche dei naufraghi, alcuni sono ancora attaccati all’ossigeno per riprendersi”. Tra le persone a bordo ci sono anche i 25 superstiti di un barcone partito dalle coste libiche e rimasto alla deriva per oltre una settimana, e che all’inizio del viaggio trasportava circa 80 persone.

(di Mattia Guastafierro)

Si sono spenti pian piano, uno dopo l’altro, di fronte agli occhi dei loro compagni. Per la fame e per la sete, con il sale a irritare le ustioni da carburante sui corpi. Sono morte così almeno 50 persone, uomini e donne, partiti dalla Libia circa una settimana fa. Tra loro anche un bambino. I corpi gettati in mare, in quell’enorme cimitero a cielo aperto che è il Mediterraneo.
A raccontarlo è chi è rimasto, i 25 che sono sopravvissuti alla rotta più mortale del mondo. Un inferno che, forse, il racconto mediatico quotidiano delle migrazioni non riesce più a restituire, con ogni storia che sembra così uguale alle altre. Erano salpati dalla città di Zawiya, venerdì scorso. Dopo tre giorni, il motore della loro imbarcazione si è rotto, lasciando il gommone semi-sgonfio alla deriva. Finito il cibo c’è chi ha bevuto l’acqua di mare. Per una settimana hanno vagato così tra le onde, invisibili, finché non li ha avvistati per caso la Ocean Viking, una delle poche navi umanitarie scampate ai fermi delle autorità italiane. Navi bloccate in porto perché si rifiutano di collaborare con i libici, gli stessi che avrebbero ignorato gli Sos del gommone. Al momento del salvataggio, alcuni dei migranti a bordo erano in stato di incoscienza. Molti sono ancora adesso attaccati all’ossigeno. Il viaggio non è però finito. Le autorità italiane hanno assegnato Ancona come porto di sbarco. Altri 1.450 chilometri di tragitto. Ma anche questa è sempre la stessa storia.

Idrissa Diallo, picchiato dai carabinieri a Modena mentre stava aspettando l’autobus

(di Lorenza Ghidini)

L’Italia del 2024 è ancora un paese talmente razzista che basta avere la pelle nera per essere un sospettato. 

Se a Milano salite sull’autobus 90/91 senza biglietto e sale il controllore, potete stare tranquilli che avrete il tempo di scendere prima che vi becchino, perché per prime controlleranno tutte le persone di pelle scura.


Se siete alla fermata e passa una macchina dei carabinieri, non vi guarderà neanche – perché dovrebbe? Cosa state facendo di sospetto? 

Per Idrissa Diallo invece, a Modena, si sono fermati, e pochi minuti dopo

 lo hanno pure preso a pugni. Gli hanno chiesto i documenti. Lui è perfettamente regolare, ma non li aveva con sé. Si è offerto di farsi portare il permesso di soggiorno dall’amico con cui vive, ma i carabinieri evidentemente non avevano voglia di aspettare e hanno deciso di portarlo 

in caserma. A pugni, perché lui, che doveva andare a lavorare al ristorante, e a quel punto si stava davvero spaventando, ha cercato di non salire sulla macchina. 

Hanno detto, i due militari che nel frattempo sono stati già trasferiti, che aveva un atteggiamento sospetto perché sembrava aspettare qualcuno. L’autobus, forse?

Kiev esorta la comunità internazionale a non riconoscere il voto in Russia

Il governo ucraino ha esortato la comunità internazionale a respingere i risultati delle elezioni presidenziali russe che si terranno questo fine settimana, anche nelle zone dell’Ucraina occupate dalle truppe di Mosca. Saranno delle elezioni farsa, ha detto il ministro degli esteri ucraino .
La Procura di Mosca ha messo in guardia dal partecipare a manifestazioni presso i seggi il 17 marzo, ultimo dei tre giorni delle elezioni presidenziali. 
Mosca cita l’iniziativa “Mezzogiorno contro Putin”, promossa prima da Alexei Navalny e, dopo la sua morte, dal suo team, per chiedere ai cittadini di recarsi tutti alle urne domenica alle 12 per mostrare la loro opposizione al presidente. I raduni, avverte la Procura, non sono stati autorizzati. Sul clima pre-elettorale pesa anche la notizia della morte del vicepresidente di Lukoil, la più grande impresa petrolifera russa: oggi Vitaly Robertus, 54 anni, è stato trovato morto impiccato nel bagno del suo ufficio, in quello che sembrerebbe un suicidio. È il terzo alto dirigente del settore petrolifero e del gas a morire in circostanze improvvise in meno di due anni.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 8:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 23/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 23/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-05-2024

Adesso in diretta