Approfondimenti

L’incontro tra Mattarella e Meloni, l’inchiesta della Bbc sul naufragio di Pylos, le condanne per il caso Scieri e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 13 luglio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il fronte antimafia alza gli scudi contro il ministro della Giustizia Nordio, che vuole cancellare il concorso esterno in associazione mafiosa. Il braccio destro di Giorgia Meloni a Palazzo Chigi, Alfredo Mantovano,  frena il Guardasigilli: “Non è un tema in discussione”. Mattarella e la presidente del Consiglio Meloni subito dopo la fine del Consiglio supremo di difesa si sono trattenuti a colloquio nella prima occasione dopo lo scontro aperto tra il governo e i magistrati. La guerra in Ucraina e l’inchiesta della Bbc sul naufragio di Pylos. Berlino separa economia e politica: il governo Scholz ha pubblicato il suo primo e atteso documento strategico sui rapporti con Pechino. Ci sono dei colpevoli per il caso di Emanuele Scieri, il parà di leva trovato morto nella caserma Gamerra di Pisa il 16 agosto 1999.

L’alzata di scudi del fronte antimafia per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa

Si è svolto oggi il consiglio supremo di difesa tra Mattarella e Meloni. Ufficialmente, il presidente della Repubblica e la premier hanno discusso del summit della Nato a Vilnius, ma la riunione è stata la prima occasione in cui i due si sono visti dopo i conflitti aperti dal governo con la magistratura.
L’ultimo scontro è stato quello innescato dal ministro Nordio che ieri ha lanciato l’idea di rimodulare il reato di concorso esterno in associazione mafiosa. Un’idea che ha acceso le forti proteste del fronte antimafia. Dopo le sue parole, il sottosegretario del governo Mantovano ha provato a ridimensionare Nordio. Al Fatto Quotidiano il braccio destro di Meloni ha detto che la modifica del reato non è in discussione.
Una dichiarazione che però non rassicura Salvatore Borsellino, secondo cui la proposta di Nordio è un attentato al lavoro svolto da Falcone e da suo fratello Paolo Borsellino

Intanto, oggi si è saputo che gli investigatori antimafia di Firenze e Milano hanno perquisito l’abitazione e gli uffici di Marcello Dell’Utri nell’ambito dell’inchiesta sulle stragi del 93. I magistrati di Firenze il prossimo 18 luglio interrogheranno Dell’Utri che – ricordiamo – è stato già condannato in passato per concorso esterno in associazione mafiosa. Stando a quanto riporta Repubblica, nel decreto di perquisizione la procura di Firenze dice che Dell’Utri avrebbe sollecitato il boss Graviano “ad attuare la campagna stragista per indebolire il governo Ciampi e creare le condizioni per l’affermazione di Forza Italia di Berlusconi”. Enrico De Aglio, giornalista e scrittore.

Zelensky voleva un calendario preciso sull’ingresso alla Nato

(di Emanuele Valenti)

Ufficialmente gli ucraini volevano un calendario preciso per il loro ingresso nella Nato. Avevano accettato il fatto che sarebbe stato impossibile entrare a guerra in corso, ma volevano un percorso, nel limite del possibile, definito. Questo non lo hanno ottenuto. Ma alla fine del vertice di Vilnius, soprattutto dopo l’incontro con Biden, Zelensky ha ammorbidito la sua posizione.
È vero che l’invasione del febbraio 2022 ha proiettato l’Ucraina in una dimensione completamente nuova. Ma se allarghiamo la prospettiva, e analizziamo questo passaggio con un orizzonte più ampio, gli ultimi dieci anni, ci rendiamo conto di quanto sia cambiata, radicalmente, la posizione geopolitica di Kiev, nel giro di pochi mesi. L’Ucraina è ormai chiaramente nell’orbita Occidentale, Atlantica. A meno che Putin non riesca a mettere le mani su altro territorio – cosa difficile – Kiev è e sarà sempre più ancorata a Europa e Stati Uniti. Prima della guerra, fino a febbraio 2022, era impensabile un ingresso dell’Ucraina nella Nato. Gli stessi ucraini, dichiarazioni ufficiali a parte, lo sapevano molto bene. Non sappiamo se e quando succederà, ma in ogni caso adesso se ne parla in maniera concreta.
Scontato anche il fatto che non ci sia un calendario ufficiale. Sarebbe stato come lasciare a Putin la scelta: “quando finisce la guerra l’Ucraina entrerà ufficialmente nell’Alleanza Atlantica. Decidi tu i tempi”. Da capire poi promesse e garanzie occidentali a Zelensky, se ci sono state, nel caso dovesse cominciare una trattativa con Mosca.

La Germania prende le distanze dalla Cina

Il governo Scholz ha pubblicato il suo primo e atteso documento strategico sui rapporti con Pechino. Il messaggio non è univoco ma sembra esserci un cambiamento importante, che dovrebbe avere conseguenze anche sui rapporti tra Cina ed Europa.

Il servizio da Berlino di Walter Rahue

Le pressioni sui superstiti del naufragio di Pylos per identificare i 9 scafisti

(di Martina Stefanoni)

Poco dopo il naufragio del 14 giugno, 9 uomini egiziani sono stati arrestati e accusati di omicidio colposo e contrabbando di persone. Le autorità greche e una certa opinione pubblica hanno subito puntato il dito contro di loro e in pochi giorni sono diventati gli scafisti. Le persone responsabili di quanto successo, il capro espiatorio di una tragedia che, a ben guardare, ha ben altri colpevoli a ben più alti livelli.
La velocità con cui i 9 uomini sono stati individuati ed arrestati, è stata lodata dai media locali come una prova dell’efficienza dei lavori investigativi. Pian piano, però, pezzo dopo pezzo, emerge un’altra versione, quella di chi su quella nave sovraffollata c’era per davvero e che la morte l’ha sfiorata per un pelo.
Alcuni sopravvissuti, infatti, hanno raccontato alla BBC di come la Guardia Costiera greca abbia fatto pressioni sui superstiti affinché identificassero i 9 uomini come colpevoli. Una pratica già utilizzata in passato nel tentativo di incolpare persone innocenti e spostare l’attenzione dalle proprio responsabilità.
La Bbc ha avuto anche accesso ad alcuni documenti giudiziari. Nelle dichiarazioni iniziali dei sopravvissuti, nessuno menzionava il tentativo della guardia costiera di rimorchiare la nave dei migranti con una corda. Ma giorni dopo, davanti a un giudice, gli stessi testimoni hanno invece denunciato la manovra, che – tra l’altro – in questi giorni è stata ricostruita anche da diverse inchieste giornalistiche che hanno mostrato come quest’operazione sia stata, con ogni probabilità, la causa del naufragio. “State zitti” è stato l’ordine che la guardia costiera avrebbe dato ai sopravvissuti una volta arrivati nel porto di Kalamata, “avete scampato la morte non parlate più dell’incidente”.

Due ex caporali della Folgore condannati per il caso di Emanuele Scieri

Ci sono dei colpevoli per il caso di Emanuele Scieri, il parà di leva trovato morto nella caserma Gamerra di Pisa il 16 agosto 1999. La Corte d’assise della città toscana ha condannato in primo grado per omicidio volontario in concorso gli ex caporali della Folgore, Alessandro Panella a 26 anni, e Luigi Zabara a 18 anni. Entrambi sono stati condannati anche al pagamento delle spese processuali e all’interdizione dai pubblici uffici nonché al risarcimento dei danni. Erano finiti sotto inchiesta nel 2018, con una svolta nelle indagini della procura di Pisa e dopo che già la commissione parlamentare d’inchiesta aveva concluso che Scieri non si era suicidato. Per la procura, infatti, l’ex parà di leva sarebbe rimasto vittima di atti di nonnismo. “Oggi è stata scritta una pagina di verità”, è stato il commento di Francesco Scieri, fratello di Emanuele. Riccardo Chiari, giornalista del Manifesto da Pisa che per anni ha seguito la vicenda

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 22/05 7:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 21/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 22/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 22/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 22-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di mercoledì 22/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 22-05-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di mercoledì 22/05/2024

    Ho amato tanto la Polaroid. Vedere stampare sotto i miei occhi la foto è sempre stata una sorpresa divertente ed emozionante. Ho amato anche la bellezza dello spazio bianco intorno all’immagine, che mi permetteva di scrivere la data e dare un titolo alla foto; spesso era ispirato da una canzone. Se ci pensate bene le canzoni, come le fotografie, sono la nostra memoria nel tempo, sono il clic che fa catturare ricordi meravigliosi. A PoPolaroid accompagno la musica con istantanee sonore; sono scatti personali, sociali e soprattutto sentimentali. Con PoPolaroid ascolta e vedrai. Basil Baz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 21-05-2024

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 21/05/2024

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest e anche quella prodotta in giro per il mondo: il Brasile musicale di ieri, di oggi e qualche volta di domani... Ogni martedì dalle 23.00 alle 24.00, a cura di Monica Paes Potrete anche, come sempre, scaricare i podcast e sentirla quando e quante volte volete... https://www.facebook.com/groups/avenidabrasil.radio/ https://www.facebook.com/avenidabrasil.radio/

    Avenida Brasil - 21-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 21/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21-05-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 21/05/2024

    Dal 19 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantatreesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare torna in onda con le voci dei protagonisti della movimento omotransgender. Conduzione e regia di Eleonora Dall’Ovo Musiche scelte da Lucy Van Pelt Si partirà con la rassegna stampa nostrana ed estera, per poi intervistare i\le protagonisti\e del movimento lgbt+ e concludere con gli eventi culturali che ruotano intorno alla realtà arcobaleno da non perdere.

    L’Altro Martedì - 21-05-2024

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 21/05/2024

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle nuove tecnologie. Ogni settimana approfondiamo le notizie più importanti, le curiosità e i retroscena di tutto ciò che succede sul Web e non solo. A cura di Marco Schiaffino.

    Doppio Click - 21-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 21/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 21-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di martedì 21/05/2024

    1- Spagna – Argentina ai ferri corti. Il premier Pedro Sanchez ritira definitivamente l’ambasciatore da Buenos Aires dopo i nuovi insulti di Milei. 2-Taipei, il giorno dopo l’insediamento dl Lai Ching-te. Pechino lo accusa esplicitamente il presidente taiwanese di separatismo. 3- Diario americano. Tra una settimana il verdetto del processo Trump. 4-Francia. Macron in missione Nuova Caledonia ma senza un piano politico per uscire dalla gravissima crisi. 5- Fondi Ue destinati alla deportazioni di migranti nel deserto nord africano. La denuncia pubblicata da Lighthouse Reports in collaborazione con le principali testate europee 7-Rubrica sportiva. La lezione di Jurgen Klopp al mondo del calcio.

    Esteri - 21-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 21/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 21-05-2024

  • PlayStop

    Playground di martedì 21/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 21-05-2024

  • PlayStop

    Express - Ep. 30 - 21/05/2024

    Partenza dal Mediterraneo con i Nu Genea, poi in Svizzera con Ele A, a Milano con Mace e Venerus, in Basilicata con Chiello, in Sicilia con Colapesce, Dimartino e Joan Thiele, in Sardegna con Daniela Pes, da Abbiategrasso al Nepal con Marta Del Grandi e infine a Manchester con gli Smiths.

    Express - 21-05-2024

Adesso in diretta