Approfondimenti

La prima giornata del G7 in Puglia, le tensioni in Parlamento e le altre notizie della giornata

G7 Puglia ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 13 giugno 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Al via in Puglia il G7 sotto la presidenza italiana, mentre in Parlamento anche oggi c’è stata tensione sia al Senato sia alla Camera, con le votazioni sul premierato e sulla legge sull’autonomia. Il reddito di cittadinanza ha salvato dalla povertà oltre un milione di persone all’anno. Gli occupabili? Solo il 2% dei percettori. Stavolta lo dice il governo Meloni, con la commissione tecnica istituita per valutare la misura. Che la destra però ha cancellato. Sono ore di tensione tra Israele e gli Hezbollah libanesi: per il secondo giorno consecutivo dal Libano sono state lanciate decine di missili verso Israele.

La prima giornata di G7 e il passo indietro sull’aborto

Al via in Puglia il G7 sotto la presidenza italiana. Oggi la prima giornata, Africa e cambiamenti climatici e la guerra a Gaza i temi delle sessioni del mattino. Nel pomeriggio con l’arrivo di Zelensky si è parlato del conflitto in Ucraina. Il presidente ucraino ha annunciato che firmerà accordi sulla sicurezza con Stati Uniti e Giappone.
Zelensky incassa anche l’intesa sull’uso degli asset russi congelati per 50 miliardi di dollari a sostegno di Kiev.

I lavori del G7 continueranno fino a sabato. Domani è atteso anche Papa Francesco, che parlerà di intelligenza artificiale e avrà una decina di incontri bilaterali. Ci sono anche le prime indiscrezioni sul documento finale: nella bozza per ora i paesi del G7 avvertono Israele di non lanciare un’operazione di larga scala su Rafah. Tel Aviv viene invitata a rispettare i suoi obblighi ai sensi del diritto internazionale”, si legge nel testo. Sul documento finale il tema di dibattito è soprattutto un altro: quello dell’aborto, nella bozza, per ora, il termine non figura, soprattutto per le pressioni della delegazione italiana.

(di Luigi Ambrosio)

In un G7 che prende decisioni importanti su Gaza e sull’Ucraina, la presidenza italiana ha fatto perdere tempo e energie tentando di far fare un grande passo indietro sul diritto all’aborto.

 La Francia chiedeva che nella dichiarazione finale ci fosse una sottolineatura del diritto all’aborto più forte rispetto alla dichiarazione finale del summit di Hiroshima dell’anno scorso. Il governo italiano per tutta risposta ha provato a cancellare del tutto il tema. Dopo l’incontro di Meloni con Biden, fonti di Forza Italia smentivano, scaricavano sui giornalisti, dicevano “nessun passo indietro”. Solo poche ore prima però il ministro Lollobrigida affermava: “C’è il Papa, come facciamo a parlare di aborto”. 

Ora le ultime dicono che nella dichiarazione finale la parola aborto non ci sarà, ma ci sarà la conferma degli impegni presi a Hiroshima appunto. Compreso quindi la difesa del diritto all’aborto.

 Meloni e il suo governo giocano con le parole. Per non fare arrabbiare il Papa, come dice Lollobrigida. Per digerire un tema su cui ideologicamente sono divisi. Per portare a casa una bandierina.

La guerra a Gaza, la guerra in Ucraina, il rischio di una guerra commerciale con la Cina. Meloni si allinea su tutto. E alza la cortina fumogena sull’aborto. Per parlare d’altro.

Nuove tensioni in Parlamento dopo la rissa di ieri alla Camera

Bandiere italiane e cori antifascisti dalle opposizioni, inno di Mameli e un nuovo richiamo alla Decima Mas dalla maggioranza. In Parlamento anche oggi c’è stata tensione sia al Senato sia alla Camera, con le votazioni sul premierato e sulla legge sull’autonomia, contro cui c’è stata una manifestazione di piazza.

(di Anna Bredice)

Nel pomeriggio davanti a Montecitorio i deputati dell’opposizione hanno raggiunto il presidio di giuristi, associazioni e studenti contro l’autonomia differenziata. C’erano bandiere dell’Anpi, persone anziane con il tricolore, quello che Calderoli non ha voluto prendere ieri in aula, e la lettura di brani di Calamandrei. Solo un anticipo della manifestazione unitaria che avverrà martedì pomeriggio. È la prima volta da mesi che tutta l’opposizione, ad eccezione di Azione e Italia Viva a cui è stato allargato l’invito, si ritroveranno per una battaglia comune, fatta dentro al Parlamento e fuori nella piazza. Soprattutto il Partito Democratico e i Cinque Stelle che da due giorni, dopo il voto delle europee e una campagna elettorale anche competitiva, condividono ora un ostruzionismo contro le due riforme del governo di destra, rispondendo in maniera compatta anche all’aggressione avvenuta ieri, parlando di squadrismo, di un clima sempre più pesante, con uno sdoganamento di gesti e azioni fasciste, come quello della Decima Mas. La discussione sull’Autonomia differenziata oggi alla Camera è stata sospesa, il Presidente Fontana poco fa ha comunicato le sanzioni contro gli aggressori ma anche contro l’aggredito, perché sono stati sanzionati i deputati che si sono scagliati contro Donno dei Cinque Stelle, innanzitutto Igor Iezzi, che ha ricevuto il divieto di partecipare ai lavori del Parlamento per 15 giorni. Punito anche Mollicone di Fratelli d’Italia. Sanzionato con 4 giorni, però, il deputato che ha ricevuto calci e pugni, per essersi avvicinato troppo a Calderoli con la bandiera. C’è stata tensione oggi anche al Senato, con una seduta che è andata avanti con molte interruzioni e mancanza di numero legale, l’approvazione del Premierato è prevista per martedì pomeriggio, l’opposizione protesta e tenta un ostruzionismo che si scontra con tempi ormai chiusi, tricolore sventolati anche al Senato.

L’ammissione del governo sul reddito di cittadinanza

(di Massimo Alberti)

Il reddito di cittadinanza ha salvato dalla povertà oltre un milione di persone all’anno. Gli occupabili? Solo il 2% dei percettori. Stavolta lo dice il governo Meloni, con la commissione tecnica istituita per valutare la misura. Che la destra però ha cancellato.
Quello che associazioni, studiosi ripetono da mesi sul reddito Di Cittadinanza. Ora lo dice anche lo stesso governo, che per ferocia sociale e odio per i poveri, ha cancellato la misura. Lo fa attraverso la commissione tecnica guidata da Natale Forlani, diretta emanazione della ministra del lavoro, una delle più accanite oppositrici della riforma.
Che smentisce tutte le balle raccontate in questi anni. La prima: divanisti, fannulloni, alimentata invero anche da pezzi di sinistra. Secondo il rapporto i cosidetti occupabili sono solo il 2,3% dei percettori. Il 30% già lavorava e aveva il sussidio per integrare stipendi troppo bassi, il restante è ad elevata difficoltà di inserimento o reinserimento.
Insomma, inoccupabili o quasi. E’ l’architrave su cui si è scelto di cancellarlo, ed è evidentemente assai grave, visto che la misura ha tolto dalla povertà assoluta ogni anno quasi mezzo milione di famiglie, oltre un milione di persone, dato che coincide con quello di istat e altri rapporti. Insomma, per ragioni ideologiche si è cancellata la più efficace misura contro la povertà del dopoguerra. che ha contribuito a ridurre dello 0,8% l’indice delle disuguaglianze e dell’1,8% il rischio di povertà. Lo studio conferma che semmai, il problema del sussidio era un altro: ha raggiunto solo il 38% di chi ne avrebbe avuto bisogno. Perché i paletti su reddito e patrimonio erano troppo stretti, penalizzando anziani, famiglie numerose, stranieri, lavoratori poveri. Dalla relazione mancano però i dati sull’efficacia delle misure di inserimento al lavoro.
All’epoca l’Anppal stimava nel 27% i percettori che avevano trovato un’occupazione, un tasso triplo che tra i disoccupati totali. Soprattutto, la relazione “dimentica” di dire
se e come stiano funzionando le misure sostitutive introdotte dal governo. Non è difficile dedurlo, visto che i paletti sono ancora più stretti. Infatti Istat nell’ultimo rapporto sulla povertà, indicava una risalita con la fine del sussidio, la cui cancellazione resta una delle pagine più vergognose e crudeli della politica italiana.

Il rischio di un’escalation tra Israele e gli Hezbollah libanesi

Sono ore di tensione tra Israele e gli Hezbollah libanesi. Per il secondo giorno consecutivo dal Libano sono state lanciate decine di missili verso Israele. Questa sera si riunirà il gabinetto di guerra Israeliano per discutere l’escalation delle ostilità nel nord di Israele.
Hezbollah ha promesso di aumentare ulteriormente l’intensità dei suoi attacchi contro Israele dopo che due giorni fa l’esercito israeliano ha ucciso uno dei suoi comandanti più importanti.
Gli Stati Uniti si sono detti preoccupati per la situazione e fonti americane hanno fatto sapere che Washington sta lavorando dietro le quinte per impedire lo scoppio di una guerra totale tra Hezbollah e Israele.

A Gaza intanto non si fermano i bombardamenti. Nelle ultime ore sono state colpite ancora Rafah e il centro della striscia. I combattimenti nel sud impediscono anche l’arrivo di aiuti umanitari e l’Unrwa ha accusato Israele di impedirne la distribuzione. L’OMS ha detto che la fame nella striscia è catastrofica.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 21/07 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 21/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 21/07/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 21-07-2024

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 21/07/2024

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro beat, latin, r&b, ma anche, perchè no?, un po’ di sano rock’n’roll. L’obiettivo di Soulshine è ispirarvi ad ascoltare nuova musica, di qualsiasi decennio: scrivetemi i vostri suggerimenti e le vostre scoperte all’indirizzo e-mail cecilia.paesante@gmail.com oppure su Instagram (cecilia_paesante) o Facebook (Cecilia Paesante).

    Soulshine - 21-07-2024

  • PlayStop

    Supertele di domenica 21/07/2024

    I momenti più dorati nei nostri ricordi sono spesso legati ai caldi mesi di giugno, luglio e agosto. Supertele sa di malinconia, di nostalgia ma anche di divertimento, di spensieratezza. Supertele sa di estate. Musica e racconti di Elisa Graci. La Domenica alle 15.35 su Radio Popolare.

    Supertele - 21-07-2024

  • PlayStop

    Fatty Furba La Radio di domenica 21/07/2024

    Fatty Furba La Radio è la versione radiofonica e tutta dedicata al mondo della musica, senza filtry, genery ed età, del Podcast, che potete trovare su tutte le piattaforme di streaming. Margherita Devalle (Fatty Furba), attraverso interviste con artiste, addette ai lavori e tanta musica fresh vi porterà alla scoperta del dietro le quinte della musica contemporanea. Ah dimenticavo, Fatty Furba con la Y Aiuto redazione: Chiara Narciso Video: Margherita Mazzera Sigla: Francesco Sacco

    Fatty Furba La Radio - 21-07-2024

  • PlayStop

    Dieci città di domenica 21/07/2024

    "Dieci Città - 10 voci x 10 storie" è una trasmissione che esplora il fascino e l'influenza di dieci città attraverso gli occhi di dieci diversi conduttori di RP. Ogni episodio offre un viaggio unico, rivelando come l'atmosfera, la cultura e l'energia di ogni città plasmano la vita e le esperienze di chi le abita o le visita. Un racconto coinvolgente che intreccia storie personali e scoperte urbane.

    Dieci Città - 21-07-2024

  • PlayStop

    Camera a sud di domenica 21/07/2024

    Un'ora di radio per anime volatili

    Camera a sud - 21-07-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 21/07/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 21-07-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 21/07/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 21-07-2024

  • PlayStop

    Microfono aperto di domenica 21/07/2024

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento alla vita di tutti i giorni: si parla di tutto e c’è spazio per tutti. Basta telefonare e argomentare. Il Microfono Aperto è nato insieme a Radio Popolare e ne resta un cardine. Negli anni ha cambiato conduttori, forma, orari, durata, non la sostanza: la voce alle ascoltatrici e agli ascoltatori, la loro opinione, il loro punto di vista sulle cose.

    Microfono aperto del sabato - 21-07-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 21/07/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 21-07-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

Adesso in diretta