Approfondimenti

Il timore dell’allargamento del conflitto in Medioriente, la crisi umanitaria a Gaza e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 21 ottobre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il livello di tensione è altissimo, e c’è il timore che il conflitto esca dai confini di Gaza e coinvolga altri paesi. Oggi per Gaza è stato il sesto giorno di bombardamenti. Come previsto il Cnel di Brunetta boccia il salario minimo. I giovani sono sempre meno e diventano adulti sempre più tardi. Potrebbe allargarsi lo scandalo scommesse nel mondo del calcio italiano.

Medioriente, il timore dell’allargamento del conflitto

Siamo al sesto giorno di guerra tra Hamas ed Israele. Il numero di vittime continua a crescere, la situazione umanitaria a Gaza si aggrava, gli appelli affinché Tel Aviv metta fine all’assedio nella striscia sono finora caduti nel vuoto.
Il livello di tensione è altissimo, e c’è il timore che il conflitto esca dai confini di Gaza e coinvolga altri paesi.
Sono oltre 1400 le vittime, migliaia i feriti a Gaza, dove la situazione è ormai insostenibile: da 36 ore non c’è più energia elettrica, cibo, mentre medicinali e acqua scarseggiano.
Gli ospedali non riescono a far fronte alla drammatica situazione umanitaria
è in questo contesto che oggi Hamas ha lanciato un avvertimento a Tel Aviv: “La battaglia non si limiterà alla Striscia di Gaza. Altri fronti si uniranno presto”.
Questa minaccia arriva poco dopo che il presidente iraniano Raisi ha ribadito, in una telefonata con l’omologo siriano Bashar al-Assad, che l’obiettivo dell’Iran è fermare i crimini di Israele, e che sta già lavorando per trovare una convergenza con tutti i paesi islamici.
A completare il quadro dobbiamo segnalare che oggi Israele ha condotto dei raid aerei sugli aeroporti siriani di Aleppo e Damasco, e che ci sono state scambi a fuoco al confine tra Israele e Libano.
Poco fa è intervenuta anche la Turchia “Invece di abbassare la tensione, gli stati uniti gettano benzina sul fuoco mandando navi da guerra nel Mediterraneo”. Ha detto il presidente turco Erdogan.

Sesto giorno di guerra, crisi umanitaria a Gaza

Oggi per Gaza è stato il sesto giorno di bombardamenti. La Striscia è sotto l’assedio delle forze israeliane che hanno tagliato i rifornimenti di acqua, cibo ed energia.
Karam è un cittadino palestinese che vive a Gaza. Oggi è riuscito a mandarci questa testimonianza.

Sono più di 300mila gli sfollati a Gaza che hanno perso la casa, come accaduto a Karam. Molti vengono aiutati in queste ore dagli operatori umanitari rimasti nell’enclave. Ma le scorte stanno per finire. Tommaso Della Longa è il portavoce della federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa.

L’unica via di fuga per la popolazione civile di Gaza sarebbe il valico di frontiera di Rafah, controllato dall’Egitto.
Oggi Il Cairo ha prima annunciato di essere disponibile ad aprirlo, ma solo se Israele accetta un cessate il fuoco, e ha poi dichiarato che in ogni caso il valico resta chiuso perché è inagibile a causa dei bombardamenti dell’aviazione israeliana.

 

Il Cnel di Brunetta boccia il salario minimo

(di Massimo Alberti)
Il Cnel di Brunetta fa quanto richiesto da Giorgia Meloni e boccia il salario minimo. Una parte dei consiglieri ha votato contro la relazione. La maggioranza ha già chiesto il rinvio della discussione in aula della proposta delle opposizioni.
Tutto era stato apparecchiato per il risultato chiesto dalla committente, la presidente del consiglio Meloni. Il salario minimo non serve, è la sentenza del Cnel. Per il suo presidente, l’ex ministro di Centrodestra Brunetta, contro il lavoro povero la via è la contrattazione, non la supplenza delle leggi, riferendosi anche alla cassazione che negli ultimi giorni ha riscritto le regole sul salario. La commissione del Cnel, affidata da Brunetta a Michele Tiraboschi, economista la cui contrarietà al salario minimo erano note e conclamate, ha parlato della necessità di una pluralità di strumenti. Tra cui però, proprio il salario minimo non trova spazio. Tiraboschi ha riproposto la tesi di Meloni secondo cui il salario minimo livellerebbe in basso i salari. Falsa perché l’esperienza reale, ovunque venga applicato, dimostra esattamente l’opposto. E che fosse un killeraggio “ad propostam” è stato reso chiaro dal fatto che sia stata bocciato l’emendamento di alcune consigliere, per una sperimentazione nei settori dove i contratti nazionali hanno retribuzioni sotto la soglia di povertà, dunque dove la contrattazione palesemente non basta a garantire salari dignitosi, come sancito anche dalla corte costituzionale e dalla cassazione. Unica concessione: una tariffa minima per gli autonomi, da basare però sui contratti collettivi di settore. E si riparte da capo. Dentro il Cnel hanno votato a favore del documento i rappresentati delle imprese, il terzo settore, la CISL. Contro Cgil e Uil. Ora sarà il parlamento a completare l’opera: mercoledì il tema doveva approdare alla camera, la maggioranza ne ha già chiesto il rinvio, tra le proteste dell’opposizione, in vista della bocciatura definitiva.
Le reazioni politiche dall’opposizione: “Sul salario minimo il governo fugge, abbia il coraggio di dire no” la reazione della segretaria PD Schlein, per il capo politico dei 5 stelle Conte “oggi si è+ consumato il delitto perfetto”

Istat, la situazione dei giovani in Italia

I giovani sono sempre meno e diventano adulti sempre più tardi. Sono 3 milioni in meno i ragazzi tra i 18 e i 34 anni rispetto al 2002. Nel 2021 l’Italia era lo Stato dell’Unione Europea con la percentuale più bassa di popolazione in questa fascia d’età: 17,5% contro il 19,6 della media UE. Al Sud il calo raggiunge quasi il 30%. Altro dato fondamentale è lo slittamento del passaggio alla cosiddetta età adulta, evidenziato dall’aumento di giovani che ancora vivono a casa dei genitori: il 71,5% al Sud e il 69,4% in Italia. E se un motivo di questo slittamento può essere anche la crescita di iscritti all’università e laureati, certamente l’alta disoccupazione giovanile non aiuta le persone a costruirsi una vita autonoma. Nel 2022 il 18% dei giovani tra i 15 e i 29 anni era senza lavoro.
Tutto questo si inserisce in un contesto politico in cui i giovani sono sì uno dei target considerati principali nel PNRR, come dice Istat, ma la comunicazione pubblica e politica li ignora o li contrasta. Si pensi alle costanti polemiche estive dei ristoratori sulla mancanza di lavoratori o all’età media del Parlamento supera i 50 anni e al fatto che alla Camera non ci siano under 30. Sarà per questo che la politica parla soprattutto a un elettorato anziano, vero blocco di maggioranza nel Paese, e sarà per questo che il provvedimento più pubblicizzato dell’attuale governo sui giovani ha soltanto aumentato le pene nei confronti dei minori.

Lo scandalo scommesse nel mondo del calcio

Potrebbe allargarsi lo scandalo scommesse nel mondo del calcio italiano, spuntano nuovi nomi dopo quello di Nicolò Fagioli. Il giovane calciatore della Juventus ha confermato volontariamente alla procura di Torino e a quella federale della Fgic le voci che lo coinvolgono, dopo che il suo nome era finito nelle carte giudiziarie per presunte scommesse su piattaforme clandestine, vietate dalla giustizia sportiva. Fagioli era stato nominato anche da Fabrizio Corona, che ora ha fatto anche i nomi di Nicolò Zaniolo e Sandro Tonali. Nel pomeriggio la polizia si è presentata al ritiro della nazionale a Coverciano per un colloquio con i due calciatori.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

Adesso in diretta