Approfondimenti

Il settore privato in piazza per la sicurezza sul lavoro, Kiev sempre più in difficoltà e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 11 aprile 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A Suviana intanto sono salite a 5 le vittime accertate della strage nella centrale idroelettrica sull’Appennino bolognese. Kiev, sempre più in difficoltà sul campo, si prepara a reclutare 500mila soldati nel corso del 2024. Nelle ultime 24 ore gli attacchi israeliani hanno causato 63 vittime tra i civili, dal nord al sud della striscia di Gaza. L’ultima tornata di arresti, quelli dei fratelli Pisicchio, uno dei quali è stato assessore di Michele Emiliano, ha fatto precipitare la fragilissima impalcatura che ancora resisteva intorno all’alleanza che sosteneva il governatore pugliese. C’è un bambino di 6 mesi tra le 9 vittime accertate del naufragio di migranti avvenuto poche ore fa in acque di competenza maltese.

In migliaia in piazza in tutta Italia per la sicurezza sul lavoro

Oggi in Italia due uomini sono morti sul lavoro. A Milazzo, nel messinese, un 72enne è caduto da un’impalcatura mentre era impegnato nella ristrutturazione di un palazzo. A Piacenza, in un cantiere, è morto un operaio di circa 60 anni, non è chiaro se per un crollo o se è stato colpito da un pannello che stava posizionando. A Suviana intanto sono salite a 5 le vittime accertate della strage nella centrale idroelettrica sull’Appennino bolognese: stamattina sono stati recuperati 2 corpi, ma restano da trovare ancora 2 persone. Tra le vittime accertate e le persone ancora disperse solo una era dipendente di Enel Green Power. Tutte le altre erano lì per conto di aziende esterne e in due casi si tratta di lavoratori già in pensione. Vittorio Rubini è un delegato della Filctem Cgil Bologna che si occupa da anni delle centrali idroelettriche:

La sicurezza sul lavoro è stata il tema in primo piano nello sciopero generale del settore privato proclamato per oggi da Cgil e Uil, con manifestazioni da nord a sud. Le voci di alcune persone scese in piazza a Bologna, dal nostro inviato Luigi Ambrosio:


 

Kiev verso il reclutamento di reclutamento di 500mila soldati

L’Ucraina ha finito i missili per i sistemi di difesa aerea Patriot: lo afferma un giornalista del quotidiano tedesco Bild che segue gli scontri sul campo. L’esercito ucraino avrebbe esaurito anche la maggior parte delle altre scorte di difesa aerea, aggiunge il reporter. Da tempo Kiev ammette di essere in difficoltà per la carenza di armi, e sollecita gli alleati affinché aumentare l’afflusso di aiuti.
La notte scorsa l’Ucraina è stata attaccata dall’esercito russo per oltre cinque ore, impianti di produzione elettrica sono stati colpiti nelle regioni di Kharkiv, Zaporizhzhia, Leopoli e Kiev; a Kharkiv 200mila utenti sono senza luce.
Proprio oggi il Parlamento ucraino ha approvato la nuova legge sulla mobilitazione che prevede il reclutamento di 500mila soldati nel corso del 2024; il testo deve essere ora firmato dal presidente ucraino.
Il via libera è arrivato dopo che il generale ucraino Yury Sodol, comandante delle truppe ucraine nelle regioni di Kharkiv, Donetsk e Lugansk, ha dichiarato che nelle regioni orientali le forze russe sono più numerose delle truppe ucraine da sette a dieci volte. Proprio ieri Mosca ha rivendicato un avanzamento nel Donetsk.

Israele continua a bombardare Gaza da nord a sud

Nelle ultime 24 ore gli attacchi israeliani hanno causato 63 vittime tra i civili, dal nord al sud della striscia: almeno 8 le vittime a Rafah; un’altra decina a Gaza City, dove è stato colpito anche un mercato; violenti combattimenti sarebbero in corso nel centro dell’enclave, attorno al campo profughi di Nuseirat.
Nel nord di Gaza, invece, gli israeliani hanno sparato contro un convoglio dell’Unicef, lo denuncia la stessa agenzia sui social. Tess Ingram, portavoce dell’agenzia ONU per l’infanzia, era a bordo di una delle auto colpite. Il suo racconto di quanto avvenuto raccolto da al Al Jazeera:

Ero all’interno di una delle 3 auto del nostro convoglio dell’Unicef, la nostra missione era consegnare forniture salvavita, medicinali e cibo nel nord della striscia di Gaza. Siamo partiti da Rafah e siamo arrivati al checkpoint di Wadi Gaza.
La nostra missione era stata autorizzata e noi eravamo fermi solo perché in attesa dei controlli da parte dei soldati israeliani, quando sono esplosi degli spari nelle vicinanze. I colpi provenivano dal checkpoint , i civili che erano nelle vicinanze sono scappati. I proiettili hanno colpito le nostre auto, siamo stati davvero fortunati a non essere direttamente colpiti, un proiettile ha colpito l’auto vicinissimo a dov’ero seduta. Siamo tornati a Rafah, le nostre forniture non sono mai arrivate ai bambini nel nord di Gaza. Questo è solo l’ennesimo esempio di come sia pericoloso ed ormai impossibile compiere missioni umanitarie a Gaza.

Non solo Gaza: le operazioni militari israeliane continuano anche nel sud del Libano, dove Tel Aviv dichiara di aver colpito un “complesso militare di Hezbollah”. Resta alta la preoccupazione per una risposta iraniana dopo gli attacchi di Israele a Damasco: oggi in Israele è arrivato il capo del Comando centrale degli Stati Uniti Michael Kurilla, proprio per discutere le minacce dell’Iran di un possibile attacco diretto o indiretto contro Israele. Difficilmente però Teheran risponderà con un’azione forte.

M5S si sfila dalla giunta di Michele Emiliano

(di Anna Bredice)

L’ultima tornata di arresti, quelli dei fratelli Pisicchio, uno dei quali è stato assessore di Michele Emiliano, ha fatto precipitare la fragilissima impalcatura che ancora resisteva intorno all’alleanza che sosteneva il governatore pugliese. I Cinque Stelle escono dalla giunta e Giuseppe Conte si erge ancora di più a difensore della legalità, portando, dopo l’annuncio delle dimissioni dei Cinque stelle, un patto sulla legalità direttamente alla scrivania di Emiliano chiedendogli di firmarlo. Indirettamente si potrebbe considerare questa una richiesta di azzerare la giunta e di rifarne un’altra seguendo quei principi scritti nel patto, azzerare tutto lo chiede anche Sinistra italiana di Nicola Fratoianni, come per iniziare l’ultima fase del governo Emiliano in regione con i cinque stelle sul podio. In Puglia si vota l’anno prossimo. Ma forse è solo lo schema che ha in mente Conte, mentre intorno tutto sembra franare, perché il consigliere del Pd indagato si è dimesso, già l’ultima inchiesta aveva dato un colpo alla giunta e ora Emiliano sicuramente non può rimanere in silenzio, anche perché ora tocca al Pd dire cosa vuole fare e come reagire agli attacchi del leader dei Cinquestelle di oggi. Conte è stato molto duro, ha parlato di una necessaria “disinfestazione e di una pulizia del mondo politico a Bari”. Detta le condizioni per creare una coalizione nazionale, non basata dice sui sondaggi ma sulla legalità, alcuni del Pd sembrano offendersi, ma in realtà ora il partito di Elly Schlein si trova in difficoltà. Una prova di questa fase difficile in Puglia è nella divisione che c’è nel partito sul possibile sostegno al candidato a sindaco di Bari Laforgia, la parte del Pd più vicina a Vendola, alla sinistra apre ad un sostegno al candidato cinque stelle, l’altra dice di no e continua a sostenere il proprio candidato.

Naufragio in area Sar di Malta, 9 vittime e almeno 15 dispersi

C’è un bambino di 6 mesi tra le 9 vittime accertate del naufragio di migranti avvenuto poche ore fa in acque di competenza maltese. Lo ha fatto sapere questo pomeriggio l’Unhcr, confermando che 15 o 16 persone sono disperse. Altre 23 sono state portate a Lampedusa, insieme ai corpi recuperati in mare. Sull’isola abbiamo sentito Emma Conti, operatrice di Mediterranean Hope, progetto della Federazione delle chiese evangeliche in Italia:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

Adesso in diretta