Approfondimenti

La Lombardia metterà la salute prima del Pil, via le Grandi Navi da Venezia e le altre notizie della giornata

Lega, Moratti Fontana Richiami Lombardia ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 1° aprile 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La Lombardia si allinea alle priorità nazionali sui vaccini, mentre la Regione Lazio rischia lo stop temporaneo a causa di ritardi nell’arrivo delle dosi. Lo statuto dei lavoratori modificato dalla legge Fornero è incostituzionale perchè viola l’articolo tre della Costituzione, il principio di uguaglianza di fronte alla legge. Con un decreto varato dal consiglio dei ministri, il governo ha stabilito che il traffico delle grandi navi si fermerà fuori dalla laguna di Venezia. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

La Lombardia si allinea alle priorità nazionali sui vaccini

(di Claudio Jampaglia)

“Seguiremo tutto quello che ci dirà il commissario”. L’ammissione di Letizia Moratti conferma come il messaggio del governo attraverso il commissario per la campagna vaccinale sia arrivato forte e chiaro in Lombardia. Come un ultimatum alla giunta Fontana: fateci vedere che state recuperando sugli over 80 e che la campagna per i settantenni parte col piede giusto. Altrimenti ci penserà lo Stato, questo il retroscena della visita di Figliuolo e Curcio. Intanto entra in funzione il sistema governativo di prenotazione gestito da Poste Italiane, sopra il quale la Regione metterà il suo logo e un suo indirizzo internet. Almeno per salvare la faccia. Ed è già un sollievo visto che i cittadini potranno registrarsi e avere subito una prenotazione come succede in altre Regioni da tempo, invece di aspettare sms che non arrivano ancora oggi a migliaia di over 80. Si comincerà piano solo con la fascia 75-79 anni per vedere se la Regione è in grado poi di garantire la logistica e la priorità per età. Il protocollo firmato con Confindustria deve attendere e le aziende che vorranno vaccinare i loro dipendenti, ha spiegato Bertolaso, lo faranno negli hub pubblici aspettando il loro turno. I privati che avevano allestito protocolli, offerte e propri hub per le aziende devono aspettare. Era già tutto pronto, con l’inaugurazione pochi giorni fa, a Brescia, con tanto di ministra Gelmini del hub della locale associazione d’imprese. Moratti si è premurata di far sapere che porterà il protocollo in conferenza stato regioni per essere implementato. Poi. Intanto la priorità è vaccinare i settantenni per ridurre la vergognosa mortalità che ancora colpisce i nostri padri, madri e nonni. Un principio semplice: prima la salute del Pil. È stata una nostra e vostra battaglia di questi tre mesi di inizio campagna vaccinale. Adesso vedremo se funziona.

Ritardo nelle consegne di AstraZeneca, la Regione Lazio rischia lo stop

Le somministrazioni del vaccino AstraZeneca nel Lazio rischiano di essere sospese. Le dosi rimaste stanno per finire e quelle previste sono in ritardo. L’allarme lo ha lanciato questa mattina l’assessore regionale alla Sanità D’Amato: “Se entro 24 ore non verranno consegnate, saremo costretti a fermarci”. Nel pomeriggio il commissario Figliuolo ha garantito che tra oggi e domani saranno distribuite oltre 1 milione di dosi in tutta Italia. Ma secondo D’Amato la fornitura per il Lazio arriverà solo sabato. Un ritardo che rischia di rallentare la campagna vaccinale nella Regione. Giuseppe Quintavalle è il direttore degenerale della Asl del policlinico Tor Vergata di Roma:


 

Il governo caccia le grandi navi da Venezia

Le Grandi Navi fuori da Venezia. Con un decreto varato dal consiglio dei ministri, il governo ha stabilito che il traffico delle crociere si fermerà fuori dalla laguna e dal suo fragile ecosistema. Una buona notizia, commenta Gianni Berengo Gardin, il fotografo che tra i primi ha denunciato il pericolo per la città delle gigantesche navi da crociera. Tiziana Ricci lo ha intervistato:


 

L’Articolo 18 modificato dalla legge Fornero è incostituzionale

Lo statuto dei lavoratori modificato dalla legge Fornero è incostituzionale perchè viola l’articolo tre della Costituzione, il principio di uguaglianza di fronte alla legge. È quanto si legge nelle motivazioni della sentenza con cui la Consulta, un mese fa, dichiarava illegittimo l’articolo dello statuto dei lavoratori: in particolare la Consulta ha giudicato “lesivo del principio di eguaglianza” il carattere facoltativo della reintegrazione per i soli licenziamenti economici.
A proposito di licenziamenti. Air Italy ha confermato questo pomeriggio che la procedura di licenziamento collettivo di 1.500 lavoratori va avanti. Fino al 30 giugno c’è la copertura della cassa integrazione. La procedura lascia 75 giorni di trattativa prima di rendere effettivi i licenziamenti. I sindacati chiedono che intervenga il Mise per trovare una soluzione che metta in sicurezza i 500 lavoratori di Olbia e i 1.000 di Malpensa.
Un’altra storia di lavoro, qui parliamo di delocalizzazioni. Questa mattina i lavoratori di Elica, che ha tre stabilimenti nelle Marche, hanno organizzato un presidio contro la decisione della multinazionale di licenziare 400 dei suoi 600 addetti e trasferire il 70% della produzione in Polonia.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oltre 23mila nuovi casi oggi e ancora un numero molto alto di morti: sono stati 501 nelle ultime 24 ore. I dati di oggi sono però buoni dal punto di vista dell’occupazione degli ospedali: il numero complessivo di ricoverati è calato e così quello dei malati in terapia intensiva.
Ma come procede l’epidemia in Italia, al di là del giorno per giorno? Oggi, come ogni giovedì dalla scorsa primavera, è stato pubblicato il monitoraggio settimanale della fondazione Gimbe: il numero dei nuovi casi positivi settimanali è calato tra il 24 e il 30 marzo. La fondazione registra una sostanziale stabilità dei casi attualmente positivi e, di contro, un aumento della pressione su ospedali e terapie intensive. Secondo la responsabile dei sistemi sanitari del Gimbe, questi dati, nel bene e nel male, sono ancora frutto delle restrizioni di queste settimane e non già riflesso della campagna vaccinale.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 30/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 30/09/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Alessandro Baricco, La via della narrazione

    ALESSANDRO BARICCO – LA VIA DELLA NARRAZIONE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 30/09/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/09/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 30/09/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 30/09/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 30/09/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/09/2022

  • PlayStop

    Serve & Volley di giovedì 29/09/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 30/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 29/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/09/2022

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 29/09/2022

    Dal 15 settembre, ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare torna ad ospitare concerti, presentazioni di libri,…

    Live Pop - 30/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di giovedì 29/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 30/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 29/09/2022

    1-Domani Putin certificherà l’annessione del Donbass. L’ Onu ribadisce che non ha valore legale e merita di essere condannata. 2-Francia.…

    Esteri - 30/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 29/09/2022

    (13 - 204) Dove si commenta con Luca Paladini, dei Sentinelli, la sentenza del Tribunale di Trieste che ha condannato…

    Muoviti muoviti - 30/09/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 29/09/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 30/09/2022

  • PlayStop

    Madeleines di giovedì 29/09/2022

    Un ricordo può arrivare inaspettato, portandosi dietro la nostalgia di un mondo. Basta un accordo, una canzone, un suono. In…

    Madeleines - 30/09/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 29/09/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 30/09/2022

Adesso in diretta