Approfondimenti

Il via libera dell’UE al piano Asap, l’inchiesta sulla strage di Cutro e le altre notizie della giornata

Parlamento Europeo

Il racconto della giornata di giovedì 1 giugno 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il Parlamento Europeo ha votato a favore del piano Asap, che punta a incrementare la produzione di munizioni per rafforzare la capacità bellica dell’Unione. Al vertice della Comunità politica europea in Moldavia,  Zelensky è tornato a spingere per l’ingresso dell’Ucraina nella NATO. In Italia, un omicidio su sei è in realtà un femminicidio compiuto da un partner o ex partner. Il governo ha approvato l’emendamento che toglie ai magistrati contabili il controllo sui progetti del PNRR. Oggi la procura di Crotone ha perquisito le sedi di Frontex, della Guardia di finanza e della Guardia costiera.

Per la prima volta dalla sua fondazione, l’Unione Europea utilizzerà il suo bilancio per la produzione di armi

(di Martina Stefanoni)
Un miliardo di euro per accelerare la produzione da parte delle imprese europee delle munizioni da inviare in Ucraina. Questo prevede il piano di Bruxelles approvato oggi dal Parlamento Europeo con 446 voti a favore, 67 contrari e 112 astenuti. Il progetto, denominato Asap, eloquente acronimo per Act in Support of Ammunition Production, prevede che la metà delle risorse arriveranno direttamente dalle casse di Bruxelles, mentre i restanti 500 milioni di euro saranno stanziati dai singoli Stati membri che potranno, se lo vorranno, attingere anche ai soldi del PNRR e del fondo di Coesione.
Quest’ultimo è il punto più discusso sia tra i parlamentari che dall’opinione pubblica ed è stato oggetto degli emendamenti – respinti – presentati dal gruppo dei Socialisti e democratici che puntavano, appunto, all’esclusione dell’uso di questi fondi.
L’approvazione del piano, infatti, rappresenta un altro passo verso l’utilizzo del bilancio dell’UE per scopi di difesa – nonostante i trattati Ue tecnicamente vietino “le spese derivanti da operazioni con implicazioni militari o di difesa”.
Ora i deputati inizieranno i negoziati con il Consiglio, per raggiungere un accordo, e adottare il testo finale durante la sessione Plenaria di luglio.

Il voto di oggi rappresenta una svolta nella gestione delle risorse europee, lontano dai progetti ambientali o digitali per cui fondi come il PNRR o di coesione erano stati creati.
Il voto di oggi, oltre ad essere una prima volta, contraddice anche quanto sancito dall’art. 41 del Trattato sull’Unione Europea che vieta che “le spese derivanti da operazioni aventi implicazioni militari o di difesa” siano a carico del bilancio dell’UE.
Sentiamo Roberto Castaldi, docente universitario e direttore del portale di informazione europea euractiv.it

 

E il PD si rispacca!

(di Luigi Ambrosio)
Il Pd ha una lunga tradizione di contrasti interni, divisioni, spaccature.
Ma sulla guerra, il sostegno all’Ucraina invasa dalla Russia e temi correlati, aveva sempre mantenuto una compattezza. Oggi quell’argine è saltato.
Al Parlamento Europeo, dei 15 deputati del Pd, 8 hanno votato a favore della proposta di regolamento della Commissione Europea per la produzione di munizioni e missili. Uno ha votato contro. Sei si sono astenuti. Poi due di loro, Toia e Moretti, hanno detto di essersi sbagliate. Chissà nel frattempo cosa è successo. Ma errori veri o diplomatici a parte, la frattura non si può nascondere. Seppur indirettamente, si pone un tema in relazione alla linea di politica estera. Il ganglio più delicato, quello con le maggiori implicazioni e conseguenze.
La segretaria Schlein non aveva dato una indicazione di voto, forse perché consapevole delle divisioni. Ora però le viene di nuovo imputata una indecisione che si era già manifestata su altri dossier.
È una delle critiche che deve fronteggiare, dopo che nei giorni scorsi si sono mossi da Orlando a Franceschini a Prodi per dire, con toni e sfumature e accenti molto diversi, che così non va, che serve maggiore collegialità, che inseguire movimenti alieni alla tradizione del PD non è sufficiente.
La segretaria ieri con una diretta social non ha pensato di rasserenare gli animi anzi ha rilanciato.
Ha parafrasato Mao -“il cambiamento non è un pranzo di gala”- e ha buttato lì una frase che si può interpretare come la versione schleiniana dello “stai sereno” renziano: “mettetevi comodi”.
“Abbiamo solo cominciato” ha aggiunto. Una cosa che probabilmente stanno pensando anche i suoi avversari interni.

Zelensky torna a spingere per l’ingresso dell’Ucraina nella NATO

Il presidente ucraino Zelensky oggi ha partecipato alla riunione della Comunità politica europea in Moldavia, che racchiude 47 Paesi.
Zelensky al vertice è tornato a spingere per l’ingresso dell’Ucraina nella NATO. Una possibilità che però, per il momento, è esclusa da gran parte degli alleati. Da Oslo oggi, dove è in corso la riunione informale dei ministri degli Esteri della NATO, la ministra tedesca Annalena Baerbock ha detto che finché l’ucraina sarà in guerra non si potrà parlare del suo ingresso nella NATO. Una posizione condivisa anche da paesi chiave come Stati Uniti e Francia.
Durante un incontro con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, Zelensky è anche tornato sul piano di pace dell’Ucraina. “Abbiamo discusso modi specifici per attuare la formula di pace ucraina e consolidare il sostegno globale alla nostra iniziativa di pace” ha scritto su twitter. Parlando con i giornalisti, infatti, Zelensky ha confermato che Kiev sta organizzando un vertice di pace globale, basato proprio sul piano ucraino, al quale non verrà invitata la Russia. L’obiettivo di Zelensky è quello di coinvolgere più paesi possibili, compresi i leader del sud globale.

In Italia un omicidio su tre ha come vittima una donna

(di Diana Santini)
Da un lato ci sono i numeri. In Italia un omicidio su tre ha come vittima una donna: nei primi cinque mesi di quest’anno sono 45 le donne uccise, la stragrande maggioranza delle quali in ambito familiare o affettivo, la metà, 22 da un compagno o ex compagno. In altre parole, un omicidio su sei in Italia è in realtà un femminicidio compiuto da un partner, o ex partner. I dati sono diffusi settimanalmente dal Viminale, questi sono aggiornati al 28 di maggio, e dunque non includono le due donne uccise negli ultimissimi giorni, Giulia Tramontano e Pierpaola Romana. Prima di loro, alcune conosciute altre magari finite in fondo a una pagina di cronaca perché non tutti i femminicidi sono telegenici: Giulia Donato, Martina Scialdone, Oriana Brunelli, Sigrid Gröber, Giuseppina Traini, e troppe altre. Insomma, in Italia ogni settimana, c’è un uomo che decide di porre fine a una relazione sentimentale nel modo più assurdo, ingiustificato, e, volendo sforzarsi di vederla dal lato del femminicida: difficile, pericoloso, emotivamente complicato e penalmente rilevante. La ragione, se di ragione si può parlare, è nota, poggia sulla disparità tra i generi e su una concezione proprietaria delle relazioni. È una radice difficile da estirpare, soprattutto se gli interventi, ora si parla di codice rosso rafforzato mentre la ministra Roccella ha annunciato puntuale l’ennesimo pacchetto di norme antiviolenza, sono incentrati solo sulla punizione e mai sulla prevenzione: non del femminicidio, ma della cultura in cui matura.

Corte dei Conti e PNRR, il governo tira dritto

(di Anna Bredice)
Interessante la sequenza temporale: in mattinata il presidente della Corte dei conti si era detto nuovamente contrario alle scelte del governo di limitare i poteri della Corte dei conti sul PNRR, poco dopo la commissione alla Camera dei deputati vota proprio quelli emendamenti che tolgono potere all’organo di rilievo costituzionale, il terzo momento poi si svolge a Palazzo Chigi quando il governo chiama la Corte dei conti per promettere un tavolo di lavoro. A cose fatte quindi, quando l’intenzione del governo di prorogare da un lato lo scudo erariale e togliere il controllo della Corte dei conti sull’uso del PNRR era diventato già un voto in parlamento, nonostante le opposizioni chiedessero di sospendere tutto, in attesa anche dell’incontro a Palazzo Chigi. Inserito quindi come emendamento in un decreto legge, quello sulla pubblica amministrazione, Giorgia Meloni procede nel togliere un pezzo di potere all’organo di controllo dei conti su un tema fondamentale di spesa pubblica che riguarderà tutti i ministeri e centinaia di appalti per anni. E la corte dei conti dovrebbe nelle intenzioni di Palazzo Chigi fare solo un controllo ex post, quando invece il presidente questa mattina ha ribadito la necessità che sia concomitante e lo stesso Gentiloni da Bruxelles ha chiarito che la vigilanza sulla spesa pubblica dei fondi europei non può esser delegata solo all’Unione europea. La prossima settimana quindi dovrebbe aprirsi un tavolo di confronto, per Palazzo Chigi nella prospettiva di una revisione per la responsabilità erariale, del controllo concomitante e per scrivere un codice dei controlli. Cosa che il parlamento sta già facendo a maggioranza.

I primi indagati per la strage di Cutro

Ci sarebbero alcuni indagati nell’inchiesta sulla strage di Cutro.
Oggi ci sono state perquisizioni per accertare eventuali responsabilità per il mancato intervento per soccorrere il barcone carico di migranti che il 26 febbraio scorso s’infranse a poche decine di metri dalla riva.
94 morti accertati, oltre a un numero imprecisato di dispersi. Secondo i rapporti ufficiali 34 vittime sono uomini, 26 sono donne e 34 minori, di questi 31 avevano meno di 14 anni. Persone annegate a pochi metri dalla riva.

Le persone iscritte nel registro degli indagati sarebbero componenti del sistema di soccorso che avrebbe dovuto essere attivato in soccorso dei migranti dopo l’individuazione dell’imbarcazione. Da qui l’iniziativa della Procura di disporre la perquisizione delle sedi di Fontex, Guardia di finanza e Guardia costiera.

La domanda chiave è: si sarebbero potuti salvare?
Per rispondere, i magistrati si stanno muovendo per ricostruire con precisione la catena dei soccorsi.

Gianfranco Schiavone, presidente del Consorzio Italiano di Solidarietà

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 25/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/05/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 25-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-05-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 25/05/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/05/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 25-05-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 25/05/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 25-05-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/05/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 25-05-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/05/2024

    Il Festival del Ciclo Mestruale; Bicipace compie quaranta anni continuando a promuovere la pace e il disarmo; Lella Costa sulla nostra Poltrona, il suo consiglio di lettura e Le Parole del Pane Festival; il festival Prog and Frogs all’insegna del grande rock progressivo; Barbara Sorrentini da Cannes, e poi l’arte e il teatro, e la nostra rubrica GialloCrovi.

    Good Times - 25-05-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 25/05/2024

    1- l'Irlanda e LA Palestina. Intervista a Carlos o’ connel chitarrista dei Fontaines DC sulla situazione a Gaza. ( Matteo Villaci) 2- Intervista di Luisa Nannipieri all’artista franco-tunisina Nawel Ben Kraiem che canta Jawaz al safar, Passaporto, del poeta palestinese Mahmoud Darwish. 3-Brasile. Joao Pedro Stedile, il fondatore del movimento dei “sem terra”, parla della riforma agraria, della maggior tutela dell’ambiente e dei giovani dei campus americani per Gaza. ( Sara Milanese) 4- La demolizione l’anno prossimo del Goodison Park , lo stadio dell’Everton costruito nel 1892 , segnerà la fine de luoghi mitici e sacri del calcio. Ne abbiamo parlato con Luca Manes giornalista e saggista , autore di numerosi libri dedicati al calcio inglese e ai tifosi della working class.

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 25/05/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 25-05-2024

Adesso in diretta