Approfondimenti

Il caos dello sbarco selettivo dei migranti a Catania, Moratti corre con Renzi e Calenda e le altre notizie della giornata

Catania ANSA

Il racconto della giornata di domenica 6 novembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Sono in corso in questi minuti nel porto di Catania le operazioni di sbarco di una parte dei naufraghi della Geo Barents, ma non tutte le persone potranno scendere a terra dopo le ispezioni delle autorità italiane. La prima candidata in pista per la presidenza della Lombardia è Letizia Moratti: correrà per Azione e Italia Viva che così fanno un passo deciso nella costruzione del Terzo Polo. Dopo 13 anni un altro italiano trionfa in Moto Gp: Francesco Pecco Bagnaia si è laureato campione del mondo.

Il caos dello sbarco selettivo dei migranti a Catania

Sono in corso in questi minuti nel porto di Catania le operazioni di sbarco di una parte dei naufraghi della Geo Barents. Il Viminale ha fatto sapere che finora cento persone sono scese a terra. Si tratta di 56 minori non accompagnati, 3 donne e 41 familiari.
Non tutte le persone potranno scendere a terra, dopo le ispezioni delle autorità italiane. A sbarcare per il momento sono solo le persone considerate “fragili e vulnerabili”, come stabilito da un decreto interministeriale. Tutti gli altri dovranno lasciare le acque italiane.
Stessa cosa è accaduta poche ore prima per la nave Humanity One. Dall’imbarcazione sono stati fatti scendere tutti quelli considerati in condizioni di emergenza: 144 persone, tra cui 102 minori. Sulla nave restano 35 persone, provenienti dall’Asia, non autorizzate a scendere. Le autorità hanno chiesto alla nave di lasciare il porto, ma il capitano per ora si rifiuta. Ha risposto che non può farlo e che rimarrà a Catania assieme ai sopravvissuti finché non saranno sbarcati.
L’ordine arriva sulla base del decreto interministeriale firmato dai Ministri dell’Interno Piantedosi, delle infrastrutture Salvini e della Difesa Crosetto. Un provvedimento che di fatto è un respingimento, come ci spiega Francesco Schiavone dell’associazione studi girudici sull’immigrazione:

E in questo momento altre due navi umanitarie si trovano al largo delle coste siciliane. Si tratta della Ocean Viking e della Rise Above con a bordo centinaia di naufraghi. Secondo Alarm Phone invece, 500 persone sarebbe in difficoltà su una nave al largo delle acque di Malta. La ong ha chiesto alle autorità di intervenire immediatamente. Intanto la Francia si è detta disponibile ad accogliere parte delle persone arrivate in Italia. Martedì il ministero degli Interni francese metterà a punto le modalità per l’accoglienza.
Dure le reazioni delle opposizioni alla linea dura del governo contro le ong. A Catania in questo momento c’è anche il deputato di Sinistra Italia Verdi, Aboubakar Soumahoro. Lo abbiamo raggiunto al telefono dopo essere sceso dalla nave Humanity One.


 

Cosa dobbiamo aspettarci dalla Cop 27?

Gli ultimi 8 anni sono stati i più caldi fra quelli registrati finora, alimentati da concentrazioni sempre crescenti di gas serra e dal calore accumulato nel mare. La temperatura media nel 2022 è di circa 1,15 gradi sopra i livelli pre-industriali. Lo rivela l’ultimo rapporto dell’Organizzazione meteorologica mondiale (Wmo), diffuso in occasione della Cop27 in Egitto. A Sharm el Sheik si è aperta oggi la Conferenza Onu sul clima. Oggi è stata approvata l’agenda dei lavori. C’è anche un capitolo dedicato ai finanziamenti per i danni già causati dai cambiamenti climatici. La richiesta veniva dai paesi poveri, poco responsabili del riscaldamento globale ma molto esposti alle sue conseguenze, e osteggiata finora dai paesi più ricchi.
Sulla Cop27 non sono riposte grandi aspettative. Anche la sede scelta, l’Egitto, ha innescato proteste per il mancato rispetto dei diritti umani. L’attivista egiziano Alaa Abdel Fattah, uno dei più noti detenuti politici del Paese, ha intensificato il suo sciopero della fame e ha iniziato anche quello della sete da oggi, aggravando così le sue già precarie condizioni di salute. Ad annunciarlo è stata la sorella che solleverà il caso a Sharm el-Sheik ai capi di stato e di governo. Dunque cosa aspettarci da questa Cop 27? Maria Grazia Midulla, responsabile clima ed energia del WWF:


 

Moratti corre con Renzi e Calenda, ma invece di unirsi PD e 5Stelle si allontanano

(di Claudio Jampaglia)

Alla fine, la prima candidata in pista per la presidenza della Lombardia è Letizia Moratti; prima di Attilio Fontana che ancora aspetta la conferma della sua ricandidatura da Fratelli d’Italia e prima dell’alleanza centrosinistra-cinquestelle che sembrava cosa fatta prima dell’estate e poi è stata terremotata dalle spaccature nazionali sulle politiche. Moratti correrà con la sua lista civica Lombardia Migliore che raccoglie già una ventina tra sindaci e consiglieri di piccoli e medi comuni lombardi e correrà per Azione e Italia Viva che così fanno un passo deciso nella costruzione del Terzo Polo.
La mossa rende impossibile definitivamente una grande coalizione contro la destra in Lombardia, e al momento è ciò che segnalano, con plauso a destra e con scorno a sinistra (anche se con Renzi e Calenda, mai dire impossibile). Dovrebbe allo stesso tempo spingere tutti gli altri dal PD ai 5Stelle ad allearsi convintamente e rapidamente senza indugi per riprendere il lavoro fatto per gli ultimi due anni in consiglio regionale lombardo, come chiedono da Sinistra Italiana-Verdi. D’altronde, alcune cose dalle parti di Palazzo Lombardia erano già chiare da tempo: Italia Viva non partecipava ai tavoli di programma con i 5Stelle e Azione cercava di sfilarsi. E invece, l’assemblea permanente del PD lombardo che oggi ha dato mandato alla dirigenza di esplorare un ampio fronte che contenesse anche il terzo polo dovrà riformulare la propria strategica; e i 5Stelle sono sempre più diffidenti e distanti, con Come che è tentato di fare ciò che Renzi-Calenda stanno già facendo, mettere in difficoltà il PD smontandone centralità e peso di primo partito d’opposizione. La Lombardia più che contendibile, al momento è sacrificabile.

Francesco Pecco Bagnaia trionfa in Moto GP

Dopo 13 anni un altro italiano trionfa in Moto Gp. Francesco Pecco Bagnaia si è laureato campione del mondo. La certezza del titolo è arrivata a Valencia nell’ultimo Gp, nel quale il pilota italiano della Ducati si è piazzato al nono posto, mentre il rivale per il titolo, il francese Fabio Quartararo, non è andato oltre il quarto posto. Bagnaia riporta il mondiale in Italia dopo l’ultimo trionfo di Valentino Rossi nel 2009. Era invece da 50 anni che un pilota italiano non trionfava in sella a una moto italiana nella classe regina. L’ultimo fu il grande Giacomo Agostini, con la MV Agusta nel 1972. Il commento di Giorgio Terruzzi, giornalista sportiva.


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 15/04 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 15-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 15/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 15-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 15/04/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 15-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di lunedì 15/04/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 15-04-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 15/04/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 15-04-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 15/04/2024

    Ospiti della punatata Michele Boroni, che nella prima parte ci racconta al telefono come è andato il primo Weekend di Coachella, e Ricardo Dias Gomes e Domenico Lancellotti per una lunga intervista

    Jack - 15-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 15/04/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 15-04-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 15/04/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 15-04-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 15/04/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 15-04-2024

  • PlayStop

    Speciale Falla con noi - il tour di primavera di Radio Popolare - Lodi

    Dal 15 Radio Popolare partirà per un tour che attraverserà tutti i capoluoghi lombardi (eccetto Milano). Ogni tappa sarà un’occasione per incontrarci e condividere momenti speciali. Trasmetteremo per tutto il giorno (quasi) ininterrottamente dalle 9:30 alle 19:00 Prima tappa: Lunedì 15: LODI location: Multibiblioteca ‘Tuttoilmondo ODV’ Via Cavour, 73

    Gli speciali - 15-04-2024

  • PlayStop

    VERA GHENO - GRAMMAMANTI

    VERA GHENO - GRAMMAMANTI - a cura di Ira Rubini

    Note dell’autore - 15-04-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 15/04/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 15-04-2024

Adesso in diretta