Approfondimenti

L’ambizioso obiettivo del G20 della Salute, la battaglia persa di Salvini sul Green Pass e le altre notizie della giornata

G20 Salute

Il racconto della giornata di domenica 5 settembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Si è conclusa a Roma la prima giornata dei lavori del G20 della Salute: l’obbiettivo del ministro Speranza è quello di far firmare ai suoi partner “il patto di Roma per vaccinare tutti gli abitanti del mondo”. Il governo intanto lavora all’allargamento del Green Pass e il partito di Matteo Salvini rischia di trovarsi ad un bivio. Le Paralimpiadi di Tokyo hanno dato voce a un miliardo e duecento milioni di persone nel mondo con disabilità: com’è la situazione in Italia? In Brasile, intanto, Popoli Indigeni si stanno mobilitando da giorni a difesa della Foresta Amazzonica. Il secondo film italiano in concorso a Venezia 78 è “Il Buco” di Michelangelo Frammartino. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

G20 della Salute. Come portare i vaccini in tutto il Mondo

Si è conclusa a Roma la prima giornata dei lavori del G20 della Salute. L’obbiettivo del ministro Speranza è quello di far firmare ai suoi partner “il patto di Roma per vaccinare tutti gli abitanti del mondo”.

Il nodo da sciogliere è “come portare i vaccini in tutto il mondo”. All’interno dello stesso G20 ci sono visioni diverse e nessuna sembra contemplare la sospensione temporanea dei brevetti come chiesto da India e Sudafrica.
Nicoletta Dentico è una giornalista scientifica, ha letto le ultime bozze disponibili del “patto di Roma”:

Nei paesi più poveri solo l’1% della popolazione è vaccinato, con rischi enormi per la salute di quelle popolazioni e per la possibile nascita di nuove varianti. Il successo di questo vertice si misurerà non solo sulla firma condivisa del patto di Roma, ma su come i paesi del G20 hanno intenzione di raggiungere l’obbiettivo “vaccini per tutti”. È su questo che i paesi sono divisi. Sentiamo ancora la giornalista scientifica Nicoletta Dentico:

Molti paesi occidentali avvieranno a breve la somministrazione della terza dose nonostante l’indicazione contraria dell’OMS. Vittorio Agnoletto, medico e autore della trasmissione 37e2:


 

L’allargamento del Green Pass e le difficoltà di Salvini

Il governo intanto lavora all’allargamento del Green Pass. Domani il testo del decreto del 6 agosto che impone il pass al personale della scuola e ai trasporti a lunga percorrenza arriverà alla Camera e inizierà la discussione prima del voto finale. Draghi potrebbe chiedere di mettere la fiducia al voto e per la Lega, unica forza di maggioranza contraria all’estensione del Green Pass, sarebbe un grosso problema. Il partito di Salvini si troverebbe a un bivio. Per questa i leghisti stanno lavorando per scongiurare il voto di fiducia, dando per persa la battaglia contro il Green Pass. Sentite quanto ci ha detto il deputato più battagliero della Lega sul pass, Claudio Borghi:

Salvini in difficoltà sul Green Pass oggi ha cambiato oggetto delle sue dichiarazioni passando al Reddito di Cittadinanza. Lo ha fatto insieme a Giorgia Meloni, a Cernobbio, al Forum Economico Ambrosetti. Un modo anche per accreditarsi davanti a industriali e finanza.

(di Roberto Maggioni)

Prima il selfie per i follower, poi un mini vertice appartati: Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Giancarlo Giorgetti. “Siamo promessi sposi” ha detto Meloni citando il manzoniano ramo del lago di Como. Perché “tra un anno e mezzo governeremo insieme ed giusto iniziare a coordinarsi” ha chiuso il ragionamento Salvini. E davanti al mondo economico, finanziario e industriale italiano i due hanno scelto di accreditarsi cannoneggiando il reddito di cittadinanza e il sistema di welfare e sussidi, temi cari soprattutto a Confindustria.
Meloni ha definito il reddito di cittadinanza “metadone di Stato”, una “paghetta per il consenso”. Salvini, che il reddito di cittadinanza lo aveva votato ai tempi del governo Conte 1 annuncia un emendamento alla manovra per cancellarlo. “Si è rivelato sbagliato. Quei soldi vanno destinati alle imprese”. A chiudere il cerchio il ministro leghista dello sviluppo economico Giorgetti: “bisogna rifare il sistema di incentivi e sussidi”. Una revisione del reddito di cittadinanza è tema di cui si parla da tempo. Il Pd è favorevole, mantenendolo come provvedimento contro la povertà slegato dall’occupazione. Anche il segretario generale della Cgil Landini oggi ha aperto a modifiche, “va migliorato non cancellato”. Il ministro del lavoro ha detto che chi parla di metadone “non sa cosa è la povertà'”. “Ci sono delle modifiche da fare” ha detto Orlando “ma sarebbe un passo indietro tornare ad essere tra i pochi paesi che non hanno uno strumento di contrasto alla povertà”. Per Meloni e Salvini la campagna elettorale comincia da qui.

La mobilitazione degli indigeni brasiliani a difesa della Foresta Amazzonica

In Brasile c’è una mobilitazione dei popoli indigeni a difesa della Foresta Amazzonica, di cui oggi ricorre la Giornata mondiale. Oltre seimila partecipanti appartenenti a 176 diversi Popoli Indigeni del Brasile sono riuniti dalla scorsa settimana a Brasilia. Attendono il giudizio della Corte suprema sul futuro delle terre indigene protette, e in particolare su una norma chiamata “Marco Temporal”. Questa norma permetterebbe alle lobby dell’agribusiness e delle attività estrattive di intensificare l’accaparramento delle terre, sottraendole alla foresta e a chi la abita e difende da generazioni. Le foreste hanno anche un ruolo importante nella regolazione del clima. Martina Borghi, responsabile campagna Foreste di Greenpeace:


 

Diritti delle persone con disabilità. A che punto è l’Italia?

Si sono chiuse le Paralimpiadi di Tokyo. È stata un’edizione eccezionale per la squadra Azzurra, con 69 medaglie, suggellata dallo storico tris di ieri nei 100 metri femminili.
Sono state le Paralimpiadi con più copertura mediatica della storia, e con un’eredità che mira ad arrivare sempre più alla pari dignità tra atleti olimpici e paralimpici. “Abbiamo dato voce a un miliardo e duecento milioni di persone nel mondo con disabilità: ora serve la svolta”, è stato il messaggio finale.
Spenti i riflettori sui giochi, però, resta la condizione delle persone con disabilità. In ogni ambito della vita: il lavoro, la famiglia, la scuola, i semplici spostamenti in città.
Com’è la situazione in Italia? Ne abbiamo parlato con Giovanni Merlo, direttore della Lega per i diritti delle persone con disabilità:


 

Venezia 78, presentato il film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino

(di Barbara Sorrentini)

Il secondo film italiano in concorso è “Il Buco” di Michelangelo Frammartino. Impegnativo e faticoso per la sua realizzazione. Girato nell’Abisso del Bifurto, una delle grotte più profonde del mondo e che si trova in Calabria, “Il Buco” ripercorre un’impresa del 1961, da parte di un gruppo di speleologi arrivati da nord Italia. Il film ricrea quell’impresa, con un’equipe di speleologi appesi per tutta la durata delle riprese in quella gola di 700 metri. 
In concorso anche lo spagnolo “Competencia oficial”, una commedia sul lavoro degli attori e il dietro le quinte del cinema, con Penelope Cruz, Antonio Banderas e Oscar Martinez. Oggi un altro film italiano fuori concorso. È “Ariaferma” di Leonardo Di Costanzo, girato in un carcere in Sardegna con Toni Servillo e Silvio Orlando.


L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1434543690316406786

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di venerdì 23/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 23/02/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 23/02/2024

    Ospite della puntata Lepre che presenta il suo disco Eremo con un'intervista e tre brani live

    Jack - 23-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 23/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle che oggi ha ospitato Sara D'Angelo di @porcikomodi, @Vitadacani, @rete dei Santuari degli Animali liberi per parlare della nuova iniziativa per sollecitare il @ministero della salute, ma anche di aste di asini

    Considera l’armadillo - 23-02-2024

  • PlayStop

    Open to meraviglia nata vota

    quando facciamo un corso di inglese basato sulle peripezie poliglottologiche di Rutelli e Renzi, poi voliamo a Tenerife per scoprire che non è tutto oro quel che luccica, infine gestiamo un grosso carico di lenzuola nella puntata settimanale del Capibaratto

    Poveri ma belli - 23-02-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 23/02/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-02-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 23/02/2024

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi della sanità, dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle storie di vita reale ai suggerimenti su come sopravvivere nei meandri della burocrazia. Conducono Vittorio Agnoletto e Elena Mordiglia.

    37 e 2 - 23-02-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    Dopo la strage di Firenze il governo batterà delle norme noi proponiamo un sondaggio ad ascoltatori e ascoltatrici: soluzione economica o penale? Ovvero ci vuole il ripristino delle medesime condizioni di salario e direttori c tutti i lavoratori sullo stesso sito o cantiere o ci vuole l’omicidio sul lavoro?

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    DUE ANNI DI GUERRA IN UCRAINA commenti di Sergio Romano ambasciatore, editorialista del Corriere della Sera, Mara Morini docente di politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova e Irma Gjinaj capomissione dell'ong Cesvi in Ucraina INCENDIO PALAZZO A VALENCIA aggiornamenti con Giulio Maria Piantadosi LA RESISTENZA AL LAVORO. UNA SERATA A MILANO IN RICORDO DEGLI SCIOPERI DEL MARZO 1944 ce ne parla Carlo Ghezzi vicepresidente Nazionale Anpi CLIMITOLOGIE, TUTTE LE BUFALE CHE CI RACCONTANO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO la rubrica di Sara Milanese DOMANI A MILANO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA PALESTINA a Prisma parla Khader Tamimi presidente della comunità palestinese di Milano In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

Adesso in diretta