Approfondimenti

La guerra torna a Kiev, la cinquantesima Giornata mondiale dell’Ambiente e le altre notizie della giornata

kiev

Il racconto della giornata di domenica 5 giugno 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Almeno 5 missili sparati da un cacciabombardiere russo hanno colpito la capitale ucraina. Sono passati 50 anni dalla prima conferenza dell’Onu sull’ambiente e dal rapporto sui limiti dello sviluppo che fece scoprire al mondo che petrolio, gas e tutte le fonti non rinnovabili sarebbero finite in un orizzonte di tempo vitale. Ancora controlli alla stazione di Peschiera del Garda e sui treni per Milano dopo la denuncia di sei giovanissime di molestie sessuali da parte di gruppi di ragazzi. Ci sono più disoccupati cronici nel Sud Italia che in tutta la Germania. C’è stato un attentato con almeno 50 morti oggi in una chiesa cristiana nel sud ovest della Nigeria. È salito ad almeno 49 il bilancio dei morti causati questa mattina nel Bangladesh da un’esplosione in un deposito di container. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La Russia torna a colpire Kiev

Kiev è di nuovo una città bombardata.
Almeno 5 missili sparati da un cacciabombardiere russo hanno colpito la capitale ucraina, le sirene sono tornate a suonare, le esplosioni, le fiamme e le colonne di fumo nero sono tornate a far parte della vita dei cittadini della capitale.
Ma cosa hanno colpito i missili russi? Il Cremlino afferma che il target sia stato un deposito di carri armati, forniti dalla Polonia. E Mosca avverte che colpirà di nuovo se arriveranno nuove armi dall’Occidente, in particolare i missili a lungo raggio. Kiev invece risponde che a essere colpita sia stata una officina di riparazioni civili e rilancia che sono stati colpiti anche vagoni ferroviari destinati al trasporto dei cereali.

Anche nel Donbass non si hanno notizie certe. Le autorità ucraine affermano di avere riconquistato metà della città di Severodonietsk, mentre le milizie filo russe sostengono di essere alle porte di Lysichans: notizie difficilmente verificabili, spesso del tutto non verificabili.

Anche nell’era dei social che riportano tutto in tempo reale, la guerra dell’Ucraina ha un elemento antico: la guerra di propaganda e la disinformazione.

Sempre sul campo, nel Donbass, oggi si sengalano bombardamenti russi a Kramatorsk mentre anche Donetsk è stata colpita, in questo caso dall’esercito ucraino.
E se Putin afferma che ci saranno altri bombardamenti di siti dove sono depositate le armi occidentali, la Spagna oggi ha annunciato l’invio di carri armati e altre armi. A fine mese a Madrid si terrà il vertice della Nato.

Il paradosso di Putin

I cinquanta anni della Giornata dell’ambiente. Molto abbiamo imparato, forse poco abbiamo fatto come ha ricordato al festival dell’economia di Trento l’economista statunitense Jeffrey Sachs, di sicuro c’è un elefante nella cristalleria europea che proprio la guerra in corso dovrebbe farci finalmente vedere.

(di Claudio Jampaglia)

50 anni dalla prima conferenza dell’Onu sull’ambiente e dal rapporto sui limiti dello sviluppo che fece scoprire al mondo che petrolio, gas e tutte le fonti non rinnovabili sarebbero finite in un orizzonte di tempo vitale. Da allora, il mondo è cambiato, abbiamo studiato, inventato tecnologie e imparato piccoli gesti fondamentali, come riciclare. Sappiamo tanto di quello che dovremmo fare. E sicuramente abbiamo parlato, parlato parlato, lo hanno fatto tutte le istituzioni e anche le imprese che colorano di verde le pagine dei giornali e i loro loghi in una gigantesca operazione di presa di coscienza o di green washing. Mancano ancora i fatti, ma quella che oggi si chiama transizione ecologica appare inevitabile o solo rallentabile dai suoi oppositori. Eppure ancora siamo nel pieno di quello che potremmo chiamare oggi il paradosso di Putin: continuiamo a finanziare dittatori, oligarchi e democrature ovunque nel mondo a qualsiasi costo per garantirci gas, petrolio, ma anche altre materie prime. Senza scrupoli e vergogna nemmeno quando diventa evidente, come ora, chi siano uomini e sistemi di potere che eleggiamo a partner. Putin, da 20 anni, ha messo al servizio del mercato europeo giacimenti e aziende ex-sovietiche e l’Europa è passata sopra tutto: le elezioni truccate, la repressione sociale e politica, le macerie della Cecenia e quelle della Siria. Tutti sappiamo, ora, che avremmo potuto essere più indipendenti e meno ricattabili se avessimo investito nelle rinnovabili quando dovevamo. Guarda caso 20 anni fa. Non lo abbiamo fatto e abbiamo scelto Putin. Questa è la verità. E il paradosso è che con la sua guerra torniamo a estrarre e chiedere aiuto ai fossili. Come criceti nella ruota continuiamo diabolicamente a perseverare

 

A caccia di voti sul corpo delle donne

(di Chiara Ronzani)

Fin da ragazzine le donne imparano quanto il loro corpo sia considerato terreno di conquista e di esercizio del potere da parte degli uomini, quanto il solo trovarsi in uno spazio pubblico sia un rischio, un pericolo intrinseco al loro esistere, e quanto questo venga usato per tentare di limitare la loro libertà.
È una vergogna che il loro dolore venga utilizzato, invece che per parlare della maschilità tossica che origina le violenze, per fare propaganda politica. Che esponenti di partiti in cerca di visibilità usino quelle esperienze che segnano per la vita per scagionare o accusare interi gruppi, a seconda che indossino un cappello con la penna oppure provengano da paesi di una certa area del mondo. Quello che occultano di continuo è l’analisi della cultura dello stupro che impregna il nostro paese, quello che non fanno è mettere in discussione le disparità tra uomini e donne, la normalizzazione e giustificazione della violenza di genere.
Non parlano della logica dell’appartenenza, per cui gli uomini in gruppo si sentono in dovere di dimostrare la propria virilità agli altri attraverso un presunto continuo istinto sessuale predatorio, e in diritto di fare del corpo femminile quello che vogliono, come se invece di persone, le donne fossero cose.
Perché significherebbe mettere in discussione anche se stessi, i propri comportamenti pubblici e privati, le dinamiche di potere su cui si regge l’intera società, quindi anche il loro privilegio.
A chiedere dove sono le femministe oggi è lo stesso Salvini che meno di una settimana fa twittava contro l’educazione sessuale nelle scuole, mentre un altro leghista, Iezzi, si dice soddisfatto che non esista alcuno Ius Scholae, altrimenti gli aggressori del treno potrebbero diventare cittadini italiani dopo aver concluso un ciclo di studi.
Senza rendersi conto che è proprio la scuola, fin dall’infanzia, il luogo in cui è possibile insegnare relazioni sane, scardinare la cultura della sopraffazione, il patriarcato che ha radici quanto profonde tanto tutelate dai custodi delle cosiddette “tradizioni”, dei “valori” a corrente alternata.
A capodanno e sul treno erano adolescenti, all’adunata uomini maturi. Accomunati dalla stessa cultura patriarcale.
Solo iniziando oggi con l’educazione alla affettività si può pensare che le ragazzine del 2040 possano evitare di chiedersi se sia sicuro uscire di casa.

I disoccupati cronici nel Sud Italia sono più di quelli dell’intera Germania

Ci sono più disoccupati cronici nel Sud Italia (oltre mezzo milione) che in tutta la Germania, dice Eurostat: non è ovvio, perché dieci anni fa non era così, solo che i tedeschi hanno investito in contratti a tempo indeterminato e nel salario minimo a 12 euro, mentre noi continuiamo a discutere di liberalizzazioni del mercato del lavoro

Abbiamo chiesto un commento su questo dato a Gianfranco Viesti, economista dell’Università di Bari esperto di politiche economiche territoriali e del Mezzogiorno d’Italia

 

L’attentato in una chiesa cattolica in Nigeria

C’è stato un attentato con almeno 50 morti oggi in una chiesa cristiana nel sud ovest della Nigeria.
Un commando è entrato nell’edificio di culto che si trova nella città di Owo, a nel sud ovest del paese mentre era in corso la celebraizone di Pentecoste e ha iniziato a sparare e a lanciare esplosivi.
Al termine dell’aggressione il commando è fuggito rapendo il sacerdote e alcuni fedeli.
Al momento non ci sono rivendicazioni. Testimoni locali accusano appartenenti all’etnia dei pastori Fulani con cui da tempo sono in corso scontri.
I fulani sono un’etnia nomade dell’Africa occidentale, dedita alla pastorizia e al commercio e sono spesso in sanguinosa lotta con le popolazioni locali, soprattutto cristiane.

L’esplosione in un deposito di container in Bangladesh

È salito ad almeno 49 il bilancio dei morti causati questa mattina nel Bangladesh da un’esplosione in un deposito di container privato vicino al più grande porto del Paese, a Chittagong, nel sud est del paese. Molte delle vittime erano persone accorse per spegnere un incendio che era scoppiato nel deposito, quando all’improvviso un certo numero di container è esploso nel sito di Sitakunda. Nei contenitori erano immagazzinati prodotti chimici.
I feriti sono centinaia, il bilancio delle vittime quindi potrebbe aggravarsi

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 23/06 17:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 23/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 21/06/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 23/06/2024

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle sue trasmissioni, musicali e non. La nostra scelta racconterà molte novità discografiche, ma non soltanto. E ogni domenica, con mezz’ora di speciale, concluderemo i sette giorni proponendo un profilo approfondito del nostro Artista della Settimana.

    L’Artista della settimana - 23-06-2024

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 23/06/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 23-06-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 23/06/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 23-06-2024

  • PlayStop

    Mitologia Popular di domenica 23/06/2024

    Mitologia Popular esplora e racconta il folclore e la cultura popolare brasiliana: da miti e leggende come Saci Pererê, Mula sem cabeça, Cuca alla storia di piatti tipici come la feijoada o la moqueca, passando per la letteratura, il carnevale, la storia delle città più famose e la musica, ovviamente. Conduce Loretta da Costa Perrone, brasiliana nata a Santos che, pur vivendo a Milano da anni, è rimasta molto connessa con le sue origini. È autrice del podcast Lendas con il quale ha vinto gli Italian Podcast Award per il secondo anno consecutivo.

    Mitologia Popular - 23-06-2024

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 23/06/2024

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione di genere, né musicale né letterario. Ci muoveremo seguendo i percorsi segreti che legano le opere l’una all’altra, come a unire una serie di puntini immaginari su una mappa del tesoro. Memoir e saggi, fiction e non fiction, poesia (moltissima poesia), musica classica, folk, pop e r’n’r, mescolati insieme per provare a rimettere a fuoco la centralità dell’esperienza umana e del racconto che siamo in grado di farne.

    Giocare col fuoco - 23-06-2024

  • PlayStop

    Dietro al palco di domenica 23/06/2024

    Un viaggio musicale nella vita “ai piedi del palcoscenico” di artisti/artiste italiani. Una chiacchiera in tre, una sorta di “backstage” in musica degli ascolti consigliati e goduti e che fissa con pochi passaggi sonori sogni, passioni e storia di chi sará ospitato da Chiara Soldi e Andrea Cegna.

    Dietro al palco - 23-06-2024

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 23/06/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 23-06-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 23/06/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 23-06-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 23/06/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 23-06-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 23/06/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 23-06-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 23/06/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 23-06-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 23/06/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 23-06-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 22/06/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 22-06-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 22/06/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 22-06-2024

Adesso in diretta