Approfondimenti

L’aereo precipitato a San Donato, il voto di Berlusconi, l’anniversario di Lampedusa e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di domenica 3 ottobre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Incidente aereo a Milano: si è schiantato un aereo turistico su un edificio vuoto a pochi metri dalla metropolitana di San Donato. Sono morte tutte e otto le persone a bordo. Berlusconi torna alle urne e con una frase seppellisce il candidato del centrodestra a Milano Luca Bernardo: “Candidati scelti male”. Le urne restano aperte fino alle 23, e si vota anche domani. A Lampedusa le commemorazioni per la strage in cui annegarono 386 persone. Pandora Papers: migliaia di conti offshore sono stati smascherati da una nuova inchiesta globale del consorzio Icij. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Le testimonianze: “L’aereo è caduto in picchiata, era in fiamme”

Lo schianto è avvenuto attorno alle 13.10, pochi minuti dopo il decollo dall’aeroporto di Linate, che dista una manciata di chilometri da San Donato. L’impatto contro la palazzina è stato violentissimo. I testimoni, li sentiremo, raccontano di un aereo in caduta libera, qualcuno dice di aver visto uscire del fuoco del velivolo prima dello schianto. La palazzina su cui è caduto l’aereo è il nuovo deposito degli autobus di San Donato, in ristrutturazione. “Non c’era dentro nessuno, ma domani mattina ci sarebbero stati gli operai” ha spiegato il direttore dei lavori. Questo edificio si trova a lato del piazzale dove girano gli autobus, sopra la fermata della metropolitana e di fianco a due grossi parcheggi multipiano. Una zona molto affollata in settimana. Sul posto è arrivata la procuratrice aggiunta di Milano Tiziana Siciliano che ha detto che verrà aperto un fascicolo per disastro colposo. Dall’aereo non sarebbe arrivato alcun segnale di allarme ma la torre di controllo aveva registrato un’anomalia. Sentiamo la procuratrice Tiziana Siciliano

Di impatto violentissimo hanno parlato anche i vigili del fuoco che hanno prestato anche il primo soccorso nella speranza, vana, di trovare superstiti

Cosa potrebbe essere successo, quali le cause della caduta. Troppo presto per dirlo al momento. Avete sentito la cautela della procuratrici Tiziana Siciliano.
Noi vi facciamo sentire due testimonianze. La prima di un signore, fermo alla fermata dell’autobus, che dice di aver visto del fuoco uscire dall’aereo prima dello schianto

Questa la seconda testimonianza, un ragazzo anche lui fermo ad aspettare l’autobus, che racconta proprio della rapidità dello schianto, l’aereo in picchiata

Le vittime sono tutte straniere, c’era anche un bambino. Il proprietario del velivolo è considerato uno degli uomini più ricchi della Romania, si chiama Dan Petrescu. Era uno dei principali investitori nel settore immobiliare del suo paese. Tra le vittime suo figlio di 30 anni e sua moglie. Con loro altre 5 persone ancora da identificare. A Olbia vive la madre dell’immobiliarista. L’aereo era un monoplano Polatus Pc-12 acquistato nel 2015.

Berlusconi vota e seppellisce Bernardo

(di Alessandro Braga)

A urne aperte, appena dopo aver votato, Silvio Berlusconi la butta lì, quasi per caso, rompendo il silenzio elettorale: “I candidati sindaci sono quelli che vengono fuori dalle scelte di questo o quel leader di partito, invece che da scelte democratiche, quindi forse la prossima volta bisognerà cambiare sistema”. Una frase, due colpi andati a segno, a Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Il leader di Forza Italia rivendica il suo ruolo, presente, ma soprattutto futuro nel centrodestra. E se finge di non essere interessato al Quirinale, nascondendosi dietro un istituzionalissimo “fino a quando c’è un presidente della Repubblica che onora il suo ruolo è meglio non parlarne”, parla, eccome, del suo ruolo politico all’interno della coalizione di centrodestra. Già dalla prossima settimana tornerà a Roma, e si riprenderà il suo ruolo. Perché, dice, il centrodestra lo ha creato lui, e quindi Forza Italia dovrà essere cuore e la mente della futura federazione. Che, sostiene, dovrà tener dentro anche Fratelli d’Italia, per essere la più larga possibile. Ma sempre con un afflato moderato. Stoppando quindi qualsiasi tentazione populista. Salvini e Meloni sono avvisati, anche se le urne non saranno sicuramente benevole per Berlusconi, ma nemmeno per gli altri due molto probabilmente.

Il tramonto di Raggi e dei Cinque Stelle a Roma

(di Luigi Ambrosio)

Oggi Virginia Raggi ci ha messo un po’ a uscire dalla cabina elettorale dopo aver votato perché non riusciva a piegare la scheda elettorale. Poi ha commentato:
“scusate ma non è facilissimo”. Quasi un lapsus. Non è stato facilissimo per Raggi e il Movimento 5 Stelle amministrare Roma in questi cinque anni. Roma verrà ricordata come la grande occasione perduta del Movimento. Quando la conquistarono 5 anni fa, a sorpresa e con percentuali altissime nelle borgate, dopo il suicidio del Pd con il caso Ignazio Marino che fu destituito dal notaio dagli stessi consiglieri del suo partito, dopo l’inchiesta Mafia Capitale, Roma avrebbe potuto essere un formidabile volano per i grillini. E’ finita con la città invasa dai cinghiali e dai rifiuti. Ora le cose per Raggi sono davvero difficili, venerdi scorso alla festa di chiusura della campagna elettorale c’erano poche centinaia di persone, ad applaudire perplesse un cantante che cantava “Roma Capoccia” con un accento che ha fatto aggrottare qualche sopracciglio, con un ex comico del Bagaglino che per far ridere si è esibito nella solita battuta sul prenderlo in quel posto che ha suscitato applausi perplessi, con Pecoraro Scanio che cercava di rilanciare la sua carriera, e con Beppe Grillo al telefono che ha detto “Virginia non ti preoccupare se perdi, la tua carriera politica continua nel direttivo”. E lei a protestare inutilmente.Il sogno grillino a Roma sembra tramontato. Conte si è fatto vedere con Raggi ma il neo leader in giacca cravatta e fazzoletto nel taschino fa come se queste elezioni siano perse, a Roma e ovunque tranne dove è alleato col Pd. E il progetto è quello, l’alleanza col Partito Democratico. Progetto che non piace a tutti, né nel Movimento né nel Pd. Per questo lui sta cercando di dare ai 5 Stelle l’immagine di partito moderato, incentrato su di lui, rinunciando ai più radicali ma cercando così di poter costruire una alleanza di centrosinistra di fatto normalizzata. In uno scenario del genere, le anomalie come la Roma che elesse Virginia Raggi non hanno più molto spazio. Nel bene e nel male.

Lampedusa in prima linea, oggi come otto anni fa

Il 3 ottobre sono 8 anni dalla strage di migranti a Lampedusa. 386 persone annegarono a poche miglia dalle costo dell’isola siciliana. Oggi è la giornata della memoria e dell’accoglienza, istituita per ricordare quella tragedia, una delle più gravi di sempre. Ci sono state le commemorazioni sull’isola, con il lancio di una corona di gior nel Mediterraneo e la messa. Ma in queste ore, in questi giorni, continuano gli sbarchi e anche i naufragi: l’ultimo di cui si ha notizia – perché spesso non si sa nemmeno – è avvenuto ieri sera davanti alle coste della Libia: 40 persone sono considerate disperse. Allora, nel 2013, si disse: mai più. Ma oggi purtoppo possiamo dire che le cose non sono cambiate. A Lampedusa abbiamo raggiunto la portavoce dell’Agenzia dell’Onu per i rifugiati, Unhcr, Carlotta Sami

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 2.968 nuovi casi e 33 morti a causa del coronavirus. Si legge nel bollettino quotidiano sulla diffusione del virus emanato dal ministero della Salute. I tamponi eseguiti sono stati 285.960, il tasso di positività è all’1,03%. Ieri i nuovi contagi erano 3.312, 25 i decessi.Sono 431 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, in calo di uno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 21 (ieri erano 27). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 2.991, ovvero 66 meno di ieri.Gli attualmente positivi al Covid sono 92.967, con un calo di 218 nelle ultime 24 ore. Dall’inizio della pandemia i casi sono 4.682.034, i morti 131.031. I dimessi e i guariti sono invece 4.458.036, con un incremento di 2.716 rispetto a ieri.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 26/05 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/05/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 26-05-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/05/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 26-05-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/05/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 26-05-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/05/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 26-05-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 26/05/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 26-05-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/05/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 25-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-05-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 25/05/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

Adesso in diretta