Approfondimenti

La linea dura del governo sul caso di Alfredo Cospito, il programma di Bonaccini per il nuovo PD e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di domenica 29 gennaio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il governo ha deciso di imporre la linea dura sul caso di Alfredo Cospito, l’anarchico detenuto al 41 bis che sta rischiando di morire perché è in sciopero della fame per chiedere l’abolizione del regime di carcere duro. Due giorni di convention a Milano per Stefano Bonaccini, che ha presentato oggi il suo programma per un Pd più vicino ai territori, riformista, maggioritario. Israele ha effettuato un attacco con i droni contro il complesso della difesa in Iran: lo scrive in esclusiva il Wall Street Journal. Il campione di tennis serbo Novak Djokovic ha vinto per la decima volta gli Open d’Australia. Ha battuto il greco Stefanos Tsitsipas in tre set 6 a 3, 7 a 6, e ancora 7 a 6.

Il muro contro muro di Palazzo Chigi sul caso di Alfredo Cospito

Il governo ha deciso di imporre la linea dura sul caso di Alfredo Cospito, l’anarchico detenuto al 41 bis che sta rischiando di morire perché è in sciopero della fame per chiedere l’abolizione del regime di carcere duro, il 41 bis appunto. Reagendo alle azioni anarchiche di questi giorni Palazzo Chigi ha opposto il muro contro muro:
“Lo Stato non scende a patti con chi minaccia” ha scritto in una nota Palazzo Chigi.
“Lo Stato non si lascerà mai intimidire e condizionare da queste azioni del tutto inaccettabili, nella convinzione che nessuna rivendicazione o proposta possa essere presa in considerazione se viene portata avanti col ricorso a questi metodi, ancor più se rivolti contro le forze dell’ordine” ha rincarato il Ministro dell’Interno Piantedosi.
Oggi una busta con un proiettile e delle minacce contro i giudici è stata recapitata al quotidiano Il Tirreno, mentre a Sassari si è tenuta una manifestazione di protesta. Ieri a Roma ci sono stati scontri con la Polizia e molotov erano state tirate contro il portone di un commissariato a Prenestino.
“Il governo sembra fermo al 1978” ha protestato l’avvocato di Alfredo Cospito con un chiaro riferimento al caso Moro e alla risposta alle Brigate Rosse che lo rapirono. Mentre il medico di Cospito ha di nuovo lanciato l’allarme sulle sue condizioni di salute, che sono di nuovo peggiorate, e ne ha chiesto ancora il trasferimento in una struttura che possa garantirgli assistenza. Stefano Anastasia dell’associazione Antigone:


 

Il programma di Bonaccini per un PD più vicino ai territori

Due giorni di convention a Milano per Stefano Bonaccini che ha presentato oggi il suo programma per un Pd più vicino ai territori, riformista, maggioritario dove saranno gli amministratori locali a dover guidare la rifondazione. Tra quattro settimane la sfida delle primarie, ma il Presidente dell’Emilia Romagna si rivolge già come il leader al governo, ai 5Stelle e al Terzo Polo.

(di Claudio Jampaglia)

Parla da leader, come se avesse già vinto. Non una parola per i suoi contendenti ma nemmeno per le primarie, Stefano Bonaccini chiude la sua convention milanese come il segretario del Pd, rivolgendosi direttamente a Conte Renzi e Calenda a cui propone di fare finalmente un’opposizione unita sui tagli alla sanità del governo, sfidando Giorgia Meloni su quelle che definisce responsabilità e priorità: rigassificatori, immigrazione come risorsa, Pnrr da utilizzare al meglio. E poi dice: “Siamo più patrioti noi di loro, lo facciamo per il Paese, loro vogliono impedirlo”. Solido e concreto si definisce Bonaccini che due volte si scaglia contro la la sinistra massimalista e parolaia, quelli della decrescita che non aiuta gli ultimi, ma rivendica la parola laburista, tradotto in: sempre con le imprese. Propone di abbassare le tasse sul lavoro perché l’assunzione diventi più conveniente del precariato, ma mai le gabbie salariali. Gli avvertimenti al governo: giù le mani da scuola e sanità a vocazione pubblica. Insomma un vasto programma di stampo emiliano che evita alla platea di qualche centinaio di persone solo la dimensione internazionale (ci pensi l’Europa). Bonaccini sembra voler incarnare la sintesi impossibile tra Renzi e Bersani, pur di trovare la strada del riformismo, ma forse la sua si potrebbe chiamare più semplicemente rifondazione Pd, con lo sbarco annunciato a Roma di un squadra di amministratori locali che lo affiancheranno, la promessa che d’ora in poi i candidati saranno scelti localmente. Un partito più popolare nel senso di più vicino ai territori, comunque a vocazione maggioritaria. Mai più dibattiti lunghi cinque mesi e soprattuto basta con la lagna: “Da oggi vi prego basta autoflagellazione, da oggi riparte la rimonta del partito democratico, ci vorranno umiltà e pazienza, ma la prossima volta vinciamo noi, ve lo prometto”. La sfida è lanciata, tantissimi amministratori locali sono venuti a sostenerlo, dei big del partito in sala, oggi, nemmeno uno.

Giarrusso entra nel PD e diventa un motivo di imbarazzo

(di Luigi Ambrosio)

Un campione del populismo, del peronismo all’italiana in salsa grillina. Uno che ha fatto carriera politica arrivando al Parlamento Europeo grazie a tutto l’armamentario retorico anti-casta e anti-sistema del grillismo più radicale. E con nel mirino un partito in particolare: il PD. Stiamo parlando del nuovo acquisto del… Pd, Dino Giarrusso.

Famoso per essere stato una delle “Iene” del programma Mediaset, poi pasdaràn grillino e infine alleato per una brevissima stagione nientemeno che del populista siciliano nonché sindaco di Messina Cateno De Luca col quale ha fondato un movimento meridionalista, Sud Chiama Nord, prima di litigarci contendendogli il marchio, Giarrusso ce lo si aspetterebbe ovunque tranne che nel PD. [CONTINUA A LEGGERE]

La Germania contro la fornitura di aerei da combattimento a Kyiv

A Kherson, in Ucraina, oggi i bombardamenti russi hanno colpito un ospedale. Tre i morti secondo fonti di Kiev. I bombardamenti da parte russa sono stati intensi anche oggi.
Combattimenti ci sono stati nel Donbass vicino a Blahodatne, nell’est del Donbass. L’esercito ucraino afferma di avere respinto attacchi nella località e in 13 insediamenti vicini.
Zelensky, il presidente ucraino, durante una riunione dello Stato Maggiore è tornato a parlare di fornitura di armi al suo esercito. E mentre in Gran Bretagna sono arrivate le unità ucraine che saranno addestrate all’uso dei carri armati britannici Challenger 2 forniti a Kiev, in Germania il cancelliere Scholz, dopo avere dato il via libera alla fornitura dei carri armati Leopard 2, ha escluso che si possano fornire gli aerei da combattimento: “Non inizieremo una guerra Nato-Russia” ha detto Scholz. Il cancelliere ha anche detto che intende continuare a tenere i contatti con Putin, per cercare una soluzione al conflitto.

Il WSJ: “Droni di Israele hanno attaccato un complesso in Iran”

(di Farian Sabahi)

Israele ha effettuato un attacco con i droni contro il complesso della difesa in Iran, mentre gli Stati Uniti e Israele cercano nuovi modi per contenere le ambizioni nucleari e militari di Teheran: lo scrive in esclusiva il Wall Street Journal, citando dirigenti statunitensi e fonti a conoscenza dell’operazione. Il blitz ha colpito una fabbrica di munizioni nella città di Isfahan, proprio accanto a un sito appartenente all’Iran Space Research Center, sanzionato dagli Usa per la sua attività legata al programma di missili balistici dell’Iran.
“Questo attacco vile è parte dei tentativi portati avanti negli ultimi mesi dai nostri nemici per destabilizzare l’Iran. Ma non avrà alcun effetto sulla volontà e le intenzioni dei nostri specialisti per lo sviluppo di un nucleare pacifico”: così ha dichiarato il ministro iraniano degli Esteri Abdollahian.
Secondo fonti iraniane, il drone avrebbe colpito un impianto per la fabbricazione di munizioni del ministero della Difesa, e non ci sarebbero vittime. Fonti statunitensi hanno invece dichiarato al canale arabo Al-Arabiya che l’attacco ha preso di mira le scorte di missili balistici, osservando che all’Iran sono stati trasmessi messaggi secondo cui i siti di produzione di missili balistici non sarebbero stati consentiti. La città di Isfahan è a circa 300 km a sud di Teheran. Qui, i pasdaran hanno un centro di ricerca e produzione di combustibile nucleare.
Ma nei pressi di Isfahan c’è anche una grande base aerea che custodisce gli aerei da
combattimento F-14 di fabbricazione americana, consegnati da Washington allo scià poco prima della Rivoluzione del 1979 e usati all’inizio della guerra Iran-Iraq, nei primi anni 80.

Djokovic vince il suo decimo Open d’Australia

Il campione di tennis serbo Novak Djokovic ha vinto per la decima volta gli Open d’Australia. Ha battuto il greco Stefanos Tsitsipas in tre set 6 a 3, 7 a 6, e ancora 7 a 6. Con la vittoria di oggi ha eguagliato con 22 vittorie nei tornei più importanti il rivale spagnolo Rafa Nadal, e per effetto di questo tornerà, da domani, al primo posto della classifica dei giocatori professionisti di tennis.
Durante la premiazione Djokovic ha detto che si è trattato nella vittoria più bella.
Il riferimento è stato allo scorso anno, quando fu espulso dall’Australia per non essersi vaccinato contro il Covid, ma anche alle polemiche dei giorni scorsi. Il padre al termine della semifinale è andato a ringraziare alcuni alcuni tifosi del figlio filo russi.
Per questo motivo oggi il genitore è rimasto a guardare la finale in albergo. Secondo il giocatore serbo, il padre sarebbe andato a salutare e fare alcune foto con i fan alla fine della partita come fa abitualmente.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 01/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 01-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 01-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/03/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 01-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 01/03/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 01-03-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/03/2024

    1-Gaza, il giorno dopo la strage del cibo. Numerosi governi occidentali chiedono un’ indagine indipendente. 2-Russia. Migliaia di persone ai funerali di Navalny. Gesto di apertura o debolezza del regime? ( Intervista a Gian Piero Piretto ) 3-Stati Uniti. Il confine con il Messico teatro della sfida elettorale tra Joe Biden e Donald Trump. ( Roberto Festa) 4-Effetto bloqueo. Peggiora la carenza del cibo, Cuba chiedo aiuto alle agenzia umanitarie dell’Onu. ( Sara Milanese) 5-L’inclusione che non contempla i dannati della terra. Il dorato mondo delle imprese woke. ( Alfredo Somoza)

    Esteri - 01-03-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/03/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 01-03-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 01/03/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 01-03-2024

  • PlayStop

    Meraviglie di venerdì 01/03/2024

    Canzoni per le quali vale la pena stupirsi, tra passato, presente e prossimo futuro. Un compendio di canzoni per cui stupirsi ogni mese in compagnia di Tommaso Toma, pescando dal presente e dal passato tra nuove scoperte, ristampe di catalogo e composizioni che possono dare indizi sul prossimo futuro.

    Meraviglie - 01-03-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/03/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 01-03-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 01/03/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Carlotta di assemblea antispecista per parlare del punto su Trento, gli orsi e i lupi e Sabrina Giannini per le anticipazioni sulla nuova puntata di Indovina Chi Viene A Cena su Rai Tre

    Considera l’armadillo - 01-03-2024

  • PlayStop

    Ode al carciofo

    quando ci arricchiamo culturalmente insieme alla professoressa Roberta, che ci illustra la poetica di Neruda e poi mettiamo in scena il consueto appuntamento con il Capibaratto, mercatino onair all'insegna del gratis

    Poveri ma belli - 01-03-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/03/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 01-03-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/03/2024

    Le sorprese che abbiamo a volte quando dobbiamo pagare le visite ed esami; torniamo sulla Campagna regionale La Lombardia SiCura; le risorse destinate alle misure di assistenza indiretta; l'aria di Milano; andiamo in Romania per una nuova puntata della nostra rubrica Sanità nel mondo.

    37 e 2 - 01-03-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 01/03/2024

    La trasmissione in collaborazione con la Camera del Lavoro di Milano che racconta e approfondisce con il vostro aiuto le condizioni di pericolo per la salute e la sicurezza che si vivono quotidianamente nei luoghi di lavoro. Perché quando succede un incidente è sempre troppo tardi, bisognava prevedere e prevenire prima. Una questione di cultura e di responsabilità di tutte e tutti, noi compresi. con Stefano Ruberto, responsabile salute e sicurezza della Camera del Lavoro di Milano conduce Claudio Jampaglia

    Uscita di Sicurezza - 01-03-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/03/2024

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 8.35 alle 10.00. Un lungo spazio di approfondimento tra storie vicine e lontane, con i fatti del giorno e i reportage. Nell’epoca delle verità uniche saremo "Prisma". In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 01-03-2024

Adesso in diretta