Approfondimenti

L’aggressività della variante Omicron, il referendum sul Green Pass in Svizzera, le molestie in tv e le altre notizie della giornata

walter de benedetto

Il racconto della giornata di domenica 28 novembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il paziente italiano colpito dalla variante Omicron, primo caso in Italia, ha sintomi lievi: probabilmente perché era vaccinato.  Ma cosa dicono gli esperti su contagiosità e pericolosità della variante? Oltre il 60 per cento degli svizzeri ha votato contro l’abrogazione del certificato vaccinale. E’ stata la seconda volta dall’inizio della propagazione del Sars Cov2 che i cittadini elvetici sono stati chiamati a esprimersi sulle norme approvate per affrontare l’emergenza. Il grave caso di molestie nei confronti di una giornalista avvenuto in diretta tv: è successo a Greta Beccaglia di Toscana Tv in diretta per un collegamento post partita. La conclusione della conferenza nazionale sulle dipendenze. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Variante Omicron, che cosa dicono gli esperti

Il paziente italiano colpito dalla variante Omicron, primo caso in Italia, ha sintomi lievi: probabilmente perché era vaccinato. Intanto sono stati attivati i test sui 133 passeggeri sul volo proveniente dal Sudafrica e atterrato a Fiumicino l’11 novembre scorso e sul quale viaggiava l’uomo. I tamponi verranno poi sequenziati all’Istituto Spallanzani per verificare eventuali altri casi di variante. Quello che ancora non si sa è quanto la variante Omicron sia contagiosa, quanto sia aggressiva e se sia in grado di superare la protezione del vaccino. Ci sono però delle valutazioni che gli esperiti stanno già facendo. Noi abbiamo intervistato Massimo Andreoni, primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive. Primo punto: la contagiosità della variante

Seconda questione, ma la Omicron può “bucare” i vaccini?

In altri paesi europei i primi casi della variante Omicron vengono nel frattempo individuati: in Olanda, ad esempio, sono 13 i contagi accertati. In Danimarca sono 2 i casi verificati. Allarme anche negli Stati Uniti. In Sudafrica intanto sono 3.200 i nuovi contagi accertati nelle ultime 24 ore. Un dato in ulteriore salita. Sono concentrati nel Guateng, la regione dove si trovano Johannesburg e Pretoria che registra l’82% del totale delle nuove infezioni. Ne parliamo con Nicoletta Dentico, responsabile del programma Salute Globale, Society for international Devolpment

 

La Svizzera vota sì al Green Pass

(di Fabio Fimiani)

E’ stata respinta al 62% l’iniziativa per abrogare in Svizzera il certificato vaccinale, introdotto nell’ordinamento elvetico da marzo del 2021. La consultazione comprendeva anche l’estensione dei sostegni economici ad alcune categorie, rimaste escluse dai fondi durante le prime due ondate pandemiche, e il potenziamento del tracciamento per contenere la diffusione del coronavirus. E’ stata la seconda volta dall’inizio della propagazione del Sars Cov2 che i cittadini elvetici sono stati chiamati a esprimersi sulle norme approvate per affrontare l’emergenza. A giugno non era stata approvata l’abrogazione di quelle adottate per la prima ondata con un risultato simile. Per questa votazione si è anche registrato un’affluenza di oltre 65% degli aventi diritto, la terza più alta in quarant’anni. Rispetto al voto della scorsa primavera il clima politico in Svizzera è più teso, nei mesi scorsi ci sono state manifestazioni No Pass. Gli obiettivi di eventuale proteste come Consiglio Federale e Parlamento sono stati protetti dalle forze di polizia. Oltre che sul certificato vaccinale nella confederazione si è votato per aumentare ulteriormente il numero di infermieri formati, rispetto al piano di potenziamento da poco approvato dal governo. Il quesito è stato votato al 61%. Entro il 2030 si calcola che ne potrebbero mancare 65.000 in tutta la Svizzera, sono già numerosi gli infermieri frontalieri dai paesi vicini come l’Italia. La terza iniziativa era per riformare il sistema di elezione dei giudici federali. I promotori avrebbero voluto passare al sorteggio dal sistema proporzionale in base alle forze politiche elvetiche presenti in Parlamento. E’ stato respinto al 68%.

Giornalista molestata in diretta, il conduttore commenta: “Non prendertela”

Insulti sessisti e molestie da alcuni tifosi della Fiorentina ieri dopo la partita contro l’Empoli. E’ successo alla giornalista Greta Beccaglia di Toscana Tv: era in diretta per un collegamento post partita. Ma non è finta: il conduttore – da studio – vedendo la reazione della collega non ha trovato di meglio che dirle, sempre in diretta: “Non prendertela!”

Molte le reazioni politiche, tra cui quella del presidente della Camera Fico. “Non è accettabile, non può essere derubricato in alcun modo. È un episodio di violenza vera e propria che va condannato senza esitazioni”. Ne parliamo con la consigliera dell’Ordine dei giornalisti della Toscana Elisabetta Cosci

 

“Il mio diritto alla cura, stabilito dalla Costituzione, è calpestato”

(di Rita Rapisardi)

Secondo e ultimo giorno della Conferenza Nazionale sulle Droghe di Genova, ancora tavoli tecnici e scientifici si sono susseguiti su questo temo, Uno dei momenti più sentiti della giornata è stato però l’intervento di Walter de Benedetto chiamato a parlare di cannabis terapeutica. L’uomo affetto da artrite reumatoide, ha subito un processo per aver coltivato cannabis per alleviare i dolori causati dalla sua condizione. “Il mio diritto alla cura, stabilito dalla Costituzione, è calpestato”, ha detto Walter dalla barella, spiegando come il sistema sanitario non fornisca la quantità di cannabis di cui ha bisogno. la ministra per le politiche giovanili, Fabiana Dadone, dopo le sue parole, si è alzata in piedi commossa insieme a tutta la sala. Lo stabilimento chimico farmaceutico di Firenze, l’unico autorizzato a produrre cannabis medica, riesce a coprire solo il 15% del fabbisogno dell’Italia, lasciando di fatto i pazienti senza una terapia adeguata, costretti ad arrangiarsi o rivolgersi al narcotraffico. Il CNR, il consiglio nazionale delle ricerche, che si è occupato delle conclusioni della conferenza è stato infatti chiaro. Urge una modifica del testo unico: sottrarre all’azione penale la coltivazione di cannabis domestica e la cessione di modeste quantità ed escludere l’arresto in flagranza, sono alcuni dei punti chiave. “Genova ha segnato un momento positivo. Si è scritta una pagina di bella e buona politica”, ha detto Dadone, che ha aggiunto: “abbiamo parlato di persone senza stigmi e pregiudizi. Le conclusioni mettono tutti, a cominciare dal legislatore, di fronte alle proprie responsabilità”.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 12.932 i nuovi casi di Covid registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Il tasso di positività è al 2,5%. In netto calo le vittime: 47 rispetto alle 90 di ieri. Il totale dei casi di positività dall’inizio dell’emergenza ha superato i cinque milioni. Sulla campagna vaccinale in Italia c’è un dato significativo: in una settimana sono cresciute del 40% le somministrazioni di prime dosi. Il dato arriva a pochi giorni dall’annuncio dell’introduzione del super- Green pass da parte del Governo e dell’allarme per la diffusione della variante Omicron.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 28/02/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 28-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 28/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 28-02-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Draghi, candidato regista dell’Europa che verrà. L’ex presidente della Bce – che da Francoforte ha contribuito a dare forma all’Europa di oggi – appare sempre intenzionato a disegnare il profilo dell’Europa del futuro, da posizioni di primissimo piano nell’UE. Si moltiplicano i suoi interventi, l’ultimo ieri durante l’incontro con i presidenti delle commissioni del parlamento di Strasburgo. “Per favore, fate qualcosa. Non si può dire sempre di no”, ha detto Draghi. Secondo l’ex capo del governo italiano il modello di sviluppo dell’Europa degli ultimi decenni (costruito sui prezzi stracciati del gas russo , sulle esportazioni cinesi e sotto l’ombrello militare americano) è andato in crisi. Se l’Europa non vuole perdere la partita della competitività con Stati Uniti e Cina deve prepararsi ad un massiccio piano di investimenti, pubblici e privati. E includere la spesa militare e la difesa comune tra le priorità. Per Draghi l’Europa deve trasformarsi sempre di più in uno stato oppure non avrà futuro. Pubblica oggi ha ospitato l’economista Andrea Roventini, della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e Lucia Tajoli, economista del Politecnico di Milano e collaboratrice dell’Ispi.

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

Adesso in diretta